Da oggi su tram e metro con carta e bancomat

Si paga appoggiando la tessera ai tornelli e il sistema calcola la tariffa più conveniente: addio ai biglietti cartacei

Prima viaggi, poi a fine giornata il sistema calcola la tariffa più conveniente da addebitarti. Il nuovo sistema di pagamento presentato dall'Azienda di trasporti milanese propone un modello completamente diverso per spostarsi con i mezzi pubblici.

«È il primo esempio in Italia e uno dei primi nel mondo - ha detto Luca Bianchi, presidente di Atm - un passaggio verso un trasporto pubblico locale sempre più amico del cittadino». Da ieri è possibile entrare in metro con le carta di credito dotate della nuova tecnologia contactless, cioè senza strisciata, viaggiare e solo a fine giornata vedersi scalare i soldi dal conto. Inoltre il sistema prevede il calcolo automatico della tariffa più conveniente per l'utente: ad esempio se si prende il treno tre volte, in automatico saranno addebitati 4,5 euro invece di 6. Niente file, niente previsioni da elaborare, ma semplice utilizzo del mezzo. Anche i controllori saranno in grado di verificare la validità della carta.

Insomma, si va verso l'addio al biglietto cartaceo, perchè come ha detto Arrigo Giana, direttore generale di Atm «l'intenzione è entro tre anni di ridurre i ticket su supporto fisico al 20 per cento del totale». Un primo passaggio è già avvenuto con gli acquisti via smartphone che a oggi sono circa 10mila al giorno. Ora l'acquisto via carta. «In un mese abbiamo montato 250 tornelli in 113 stazioni ed entro l'anno saranno 500 - ha precisato Giana - inoltre ci stiamo già preparando per quando con il 5G estenderemo il sistema ai mezzi di superficie». Le connessioni super veloci a internet dovrebbero entrare a regime a fine 2019 e, se il garante della privacy lo permetterà, si potrà ampliare questo sistema di calcolo della tariffa più conveniente su periodi di tempo più ampi: i contatti secondo Atm sono già avviati e vorrebbe dire poter arrivare a pagare direttamente a fine anno i mezzi pubblici. Ma con una tariffa calcolata sul singolo utente.

Intanto questo «utilizzo comodo aiuta l'utilizzo del mezzo pubblico» ha sottolineato l'assessore alla Mobilità Marco Granelli. E apre alla possibilità di velocizzare il passaggio a un sistema di tariffazione unica per il territorio della città metropolitana. «Milano dopo essere stata chiamata capitale del fashion e capitale dell'innovazione oggi è capitale dell'innovazione» ha affermato Michele Centemero, country manager Italy Mastercard. «In Italia solo qui era possibile avviare questo progetto e siamo stati anche più veloci che a Londra - ha aggiunto Davide Steffanini, general manager Visa Italia - e sono fatti che riempono di orgoglio come milanese, italiano e manager».

Commenti

fifaus

Ven, 29/06/2018 - 10:59

sviluppo della tecnologia o intensificazione del controllo sulla vita privata degli ex cittadini?

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 29/06/2018 - 11:13

anche rom, africani e islamici usano carta bancomat?

giovaneitalia

Ven, 29/06/2018 - 11:59

Ah...ah...ah...forse primo in Italia ma non certo uno dei primi al mondo. Per esempio, in Finlandia, questo "nuovo" sistema, é in funziona da 20 anni. Capito Azienda di Trasporti Milanesi? Aggiornatevi.

GrifoXV

Ven, 29/06/2018 - 12:39

@ giovaneitalia: Hanno impiegato così tanto per dare la possibilità agli zingari di attrezzarsi con i lettori delle carte

Ritratto di michageo

michageo

Ven, 29/06/2018 - 20:25

….che criticoni nei post dei milanesi al riguardo di questa innovazione: io, che vengo dalla "montagna" apprezzo questa comodità, non devo incaxxarmi più con le macchinette automatiche, fare un corso rapido, per capire quale tariffa applicare per andare da Lampugnano a Crescenzago,rovistare nel portafogli per trovare la solita monetina che manca avendo dietro alle spalle il solito pxxxa sbuffante che ha fretta, neanche dovesse incontrare Trump in banchina, ….Ben venga questa innovazione, specialmente quando si arriva con l'ultimo treno ed il giornalaio è già chiuso ecc.…..