Da oggi su tram e metro con carta e bancomat

Si paga appoggiando la tessera ai tornelli e il sistema calcola la tariffa più conveniente: addio ai biglietti cartacei

Da oggi su tram e metro con carta e bancomat

Prima viaggi, poi a fine giornata il sistema calcola la tariffa più conveniente da addebitarti. Il nuovo sistema di pagamento presentato dall'Azienda di trasporti milanese propone un modello completamente diverso per spostarsi con i mezzi pubblici.

«È il primo esempio in Italia e uno dei primi nel mondo - ha detto Luca Bianchi, presidente di Atm - un passaggio verso un trasporto pubblico locale sempre più amico del cittadino». Da ieri è possibile entrare in metro con le carta di credito dotate della nuova tecnologia contactless, cioè senza strisciata, viaggiare e solo a fine giornata vedersi scalare i soldi dal conto. Inoltre il sistema prevede il calcolo automatico della tariffa più conveniente per l'utente: ad esempio se si prende il treno tre volte, in automatico saranno addebitati 4,5 euro invece di 6. Niente file, niente previsioni da elaborare, ma semplice utilizzo del mezzo. Anche i controllori saranno in grado di verificare la validità della carta.

Insomma, si va verso l'addio al biglietto cartaceo, perchè come ha detto Arrigo Giana, direttore generale di Atm «l'intenzione è entro tre anni di ridurre i ticket su supporto fisico al 20 per cento del totale». Un primo passaggio è già avvenuto con gli acquisti via smartphone che a oggi sono circa 10mila al giorno. Ora l'acquisto via carta. «In un mese abbiamo montato 250 tornelli in 113 stazioni ed entro l'anno saranno 500 - ha precisato Giana - inoltre ci stiamo già preparando per quando con il 5G estenderemo il sistema ai mezzi di superficie». Le connessioni super veloci a internet dovrebbero entrare a regime a fine 2019 e, se il garante della privacy lo permetterà, si potrà ampliare questo sistema di calcolo della tariffa più conveniente su periodi di tempo più ampi: i contatti secondo Atm sono già avviati e vorrebbe dire poter arrivare a pagare direttamente a fine anno i mezzi pubblici. Ma con una tariffa calcolata sul singolo utente.

Intanto questo «utilizzo comodo aiuta l'utilizzo del mezzo pubblico» ha sottolineato l'assessore alla Mobilità Marco Granelli. E apre alla possibilità di velocizzare il passaggio a un sistema di tariffazione unica per il territorio della città metropolitana. «Milano dopo essere stata chiamata capitale del fashion e capitale dell'innovazione oggi è capitale dell'innovazione» ha affermato Michele Centemero, country manager Italy Mastercard. «In Italia solo qui era possibile avviare questo progetto e siamo stati anche più veloci che a Londra - ha aggiunto Davide Steffanini, general manager Visa Italia - e sono fatti che riempono di orgoglio come milanese, italiano e manager».