Palloncini e magia per vincere la paura dei bimbi in ospedale

Nel reparto di Chirurgia pediatrica aperti una sala d'attesa e un corridoio speciali

di

Come dice Patch Adams la salute si basa sulla felicità. Infatti le medicine e le terapie sono fondamentali ma a volte non bastano. Ci vogliono emozioni e oltre che curare la malattia bisogna curare lo spirito. In questa ottica ieri presso il reparto di Chirurgia pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia sono stati inaugurati la Sala d'attesa emozionale e il Tunnel magico progettati dall'architetto Agostino Danilo Reale con la collaborazione degli artisti di fama internazionale Gaetano Pesce, Willow e Marco Lodola. La Sala d'attesa emozionale e il Tunnel magico fanno parte del progetto «Ridiamo emozioni ai bambini», ideato da Gloria Pelizzo, direttore della struttura di Chirurgia pediatrica. Il progetto, curato da Stefania Morici, art producer e project manager, e da Agostino Danilo Reale, è tra i più innovativi in Italia.

«In questi anni - spiega Giorgio Girelli, presidente della Fondazione Irccs Policlinico San Matteo - sono state favorite tutte le iniziative tese a rinnovare gli ambienti della struttura e ad adeguare il più possibile i suoi percorsi alle attese dei bambini e dei genitori». «Vanno in questa direzione - aggiunge Nunzio Del Sorbo, direttore generale del San Matteo - anche gli interventi creativi più recenti a cui hanno contribuito un pool di architetti, designer, artisti di fama assoluta e aziende che hanno deciso di donare la propria creatività, la propria opera e i propri materiali». «L'obiettivo - afferma Pelizzo - è rendere meno traumatici e stressanti i momenti che precedono l'ingresso in sala operatoria. Spesso si tratta di bambini con pregressi vissuti chirurgici, cronici, malati di tumore, disabili, portatori di malformazioni».

La Sala d'attesa emozionale e il Tunnel magico, un corridoio di collegamento tra la zona degenza e le sale operatorie, «stimoleranno certamente - racconta Reale - l'immaginazione dei bambini, diminuendone la paura». Sono stati coinvolti l'architetto e designer Gaetano Pesce e l'artista neo pop Willow. «Da sempre impegnato nel proporre una visione aperta, plurale, libera e colorata della realtà - dice Morici - Pesce ha ideato un pavimento emotivo: un cielo in cui viaggiano palloncini colorati che si rincorrono tra loro accompagnando e immergendo i bambini nel mondo del sogno e della fantasia. Il pavimento, realizzato dall'azienda Gobbetto che ha donato la resina utilizzata vuole divertire, abbracciare e accogliere il bimbo degente, cosciente che un ambiente gioioso, comunicativo e colorato non possa che aiutare nell'affrontare la paura e favorire la guarigione». Stesso scopo quello dell'artista milanese Willow che ha realizzato il muro a colori della Sala d'attesa e del Tunnel con i colori donati dall'azienda Maimeri. L'artista «attraverso il suo stile grafico (con ombre e sagome stilizzate) mette i bambini al centro di un sogno ricco di colori e strane forme, con l'unico intento di incuriosirli e farli sentire liberi di leggerci un proprio intimo messaggio». A rendere ancora più suggestivi gli spazi, le coloratissime sedie (donate dall'azienda Colico), gli speciali elementi di luce (donati da Flos) e le sculture luminose del Maestro Marco Lodola.