Picnic, Comune in imbarazzo. E scatta la «contro-merenda»

Palazzo Marino: «Perso lo spirito». Saviano sul palco Al Giambellino evento Fi per milanesi poveri e anziani

«Era bello lo spirito di questa condivisione del cibo, anche dal punto di vista culturale. Capisco un po' le remore, ci stiamo lavorando». Parola del sindaco Beppe Sala che ieri è intervenuto sulle indicazioni arrivate dal Comitato provinciale per l'Ordine e la sicurezza sulla tavolata planetaria di sabato al parco Sempione. «Porta e condividi il tuo piatto» recitava l'invito, non si potrà fare. Porta e mangia da solo il tuo piatto, piuttosto, per ragioni igienico sanitarie e di pubblica sicurezza. In sostanza l'indicazione del Prefetto Luciana Lamorgese è che «i singoli potranno portare cibo per sé, ognuno potrà portare ciò che vuole, ma quando si tratta di una situazione più ampia ci vogliono delle regole condivise». Non solo, i volontari vigileranno affinché questo avvenga. «Per il cibo che sarà distribuito a tutti ci saranno dei punti di riferimento, ristoranti o altro che porteranno un certo numero di pasti» ha aggiunto Lamorgese. «Lo spirito era un po' il contrario» spiega amareggiato ancora il sindaco che sull'iniziativa ci aveva messo la faccia, rivendicando la natura della «Milano senza muri, che sa e accoglienze nel rispetto delle regole». Ed ecco che sulle regole il Comune è andato a sbattere. «Alla fine penso che sarà più un problema organizzativo - aggiunge - perchè per fortuna abbiamo raccolto un po' di partner, a partire da Spontini, che hanno deciso di contribuire. Sarebbe bello lasciare il segno del cibo diverso a significare appunto la diversità che si vuole mettere insieme». In sostanza gli 8mila milanesi invitati a partecipare - solo ed esclusivamente questi potranno sedersi al desco dei record - potranno gustare i tranci di pizza di Spontini, piatti delle associazioni con i permessi per la somministrazione di cibo e dei ristoranti etnici o non, autorizzati a farlo, come il Refettorio Ambrosiano. «Ho visto che qualcuno cerca di continuare a fomentare polemiche sul 23, offendendo tutti quelli che parteciperanno - polemizza Pierfrancesco Majorino, regista dell'iniziativa -. Sarà un'occasione di festa, positiva, bella, aperta dall'Arcivescovo di Milano Delpini e quini penso che faremo bene ad accoglierla con il significato di incontro che ha». Sarà possibile condividere risate, battute, musica dalle 16 in poi quando al teatro Burri si alterneranno sul palco Roberto Saviano, grande sorpresa del palinsesto, la Treves Blues Band, Frankie Hi Nrg, Ale&Franz, Debora Villa.

Sempre sabato alle 15,30 in via Giambellino 60, nel cortile di uno dei tanti sgarrupati caseggiati popolari, i consiglieri (Fi) Fabrizio de Pasquale e Gianluca Comazzi hanno organizzato una merenda per le famiglie milanesi disagiate e per gli anziani. «Senza gravare sulle casse del Comune - spiega Comazzi - faremo sentire la nostra vicinanza agli abitanti delle periferie abbandonati da una giunta troppo impegnati a regolarizzare i migranti». «L'amministrazione si dimentica dei milanesi poveri e delle periferie», il commento di de Pasquale. Al Gratosoglio (via Baroni) e in piazza Prealpi saranno distribuiti 500 pacchi con generi alimentari non deperibili.

Commenti
Ritratto di nando49

nando49

Gio, 21/06/2018 - 09:04

La giunta di Milano ha ormai abbandonato i cittadini milanesi in difficoltà. Sala ha fatto campagna elettorale dicendo che la priorità sono le periferie. Stiamo ancora aspettando segnali. Intanto le attenzioni sono rivolte agli immigrati e ai rom.

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 21/06/2018 - 09:11

ai milanesi che hanno aderito, alla fine dopo aver mangiato e ballato gli viene consegnato un bella risorsa sboldriniana da portare a casa e mantenere a vita!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 21/06/2018 - 09:26

Come visto in TV il titolo della farsa è veritiero: É TUTTO UN MAGNA MAGNA.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 21/06/2018 - 09:37

i Milanesi possono solo maledire se stessi per aver eletto questi personaggi

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 21/06/2018 - 09:46

pur non avendolo votato, io de magistris non cambierei con 4 sala! ah ah ah!

Ritratto di abate berardino

abate berardino

Gio, 21/06/2018 - 09:50

non molto tempo fa alcune mamme furono multate e si gridò alla sovversione solo per aver spalmato della marmellata sul pane per i bambini ad una festa..servono altre parole?

Duka

Gio, 21/06/2018 - 10:15

Se il sindaco li invitasse tutti nella sua VILLA di Saint Moritz risolverebbe il problema.

oracolodidelfo

Gio, 21/06/2018 - 10:22

Si può dire che Majorino e Yusuf al Salah...hanno fatto un buco nel piatto?

rise

Gio, 21/06/2018 - 11:22

Al gratosoglio la distribuzione dei pacchi se la potevano risparmiare: esiste già l' Opera San francesco. Andranno come al solito alle famiglie di immigrati che già usufruiscono di alloggi popolari e incentivi elargiti dai servizi sociali comunali.