Quell'astronauta d'oro in mostra... sulla Luna

C'è un gioiello sulla Luna: è il «Fallen Astronaut» realizzato dall'artista belga Paul Van Hoeydonck. Il maestro di Bruxelles, infatti, è passato alla storia perché è stato l'unico artista al mondo che ha eseguito un'opera raffigurante un piccolo astronauta stilizzato, alto 8 cm, depositata sulla Luna dai membri della missione spaziale Apollo 15. Le sculture di Van Hoeydonck e tanti altri preziosi li ritroveremo oggi in mostra e all'incanto nella nuova sede della casa d'Aste International Art Sale. La casa d'aste, infatti, dopo l'inaugurazione della scorsa settimana nel prestigioso palazzo di Via Giacomo Puccini 3, oggi terrà il primo evento nella «nuova dimora» con una vendita dedicata in particolare ai gioielli e orologi. «Abbiamo scelto l'ex Palazzo Dal Verme perché rappresenta un pezzo di storia di Milano - racconta Gianfranco Saccucci, amministratore unico della società -. Da venerdì abbiamo iniziano l'esposizione e, finalmente oggi iniziamo con la prima asta». Appuntamento quindi per le 15 e le 17, dove verranno battuti circa 300 lotti oltre a una selezione di sculture in oro, uniche nel loro genere sia per la preziosità del metallo che per la particolarità dei soggetti, realizzate da Van Hoeydonck. Il «Fallen Astronaut» del maestro di Bruxelles fu lasciato sulla Luna per commemorare, insieme ad una targa, i quattordici astronauti, americani e russi, deceduti nelle missioni spaziali precedenti, mentre gli 11 Astronauti e Argonauti da oggi potrebbero «fare la storia» in casa del fortunato che riuscirà ad aggiudicarseli: «Ognuno di questi oggetti è firmato e unico nel suo genere» sottolinea Saccucci. Queste opere sono in oro giallo dalle diverse tonalità e oro bianco in posizione stante, ornato da gemme preziose incastonate come zaffiri, smeraldo, diamanti a rosa e rubini di cui uno sintetico. Montate a ciondolo, sono alte circa 13 cm e la loro valutazione supera i 5000 euro.
Inoltre sono in mostra altre opere di Van Hoeydonck come le due «Astro Head», che raffigurano la testa di un astronauta, e due sculture. Oltre alla rarità delle opere del maestro belga, la vendita sarà «illuminata» da un cospicuo numero di diamanti. Tra quelli di caratura più elevata si distinguono: un brillante di 14,21 ct e un altro di 8,2 ct con. Di dimensione più piccola ma non meno preziosi, i due brillanti di 5,37 e 3,53 ct. La Birmania, tra le gemme di colore, è rappresentata anche da due zaffiri, entrambi con certificato SSEF e montati su anello. Infine saranno presenti anche le perle naturali con orecchini, collane, zaffiri e rubini.