La riduce in sedia a rotelle per la vita, ma è già libero dopo appena 10 mesi di carcere

È la storia di una ragazza picchiata a sangue dall’ex marito, ora scarcerato grazie alla sospensione della pena. Il suo grido d'aiuto rimarrà inascolato?

L’uomo che l’ha ridotta sulla sedia a rotelle è già libero, dopo appena 10 mesi di carcere, grazie alla sospensione della pena. Lei, invece, è condannata a vita a essere invalida – a soli 36 anni – e vivere nella paura di nuove violenze, dopo aver pure perso il lavoro a causa della sua invalidità.

È la storia – raccontata da Il Giorno - di una donna di Milano e del suo carnefice, l’ex che l’ha riempita di botte fino a causarle un handicap fisico: abbassamento dei reni e vertebre rotte, che hanno provocato la perdita dell’uso di una gamba. E così l’uomo, che faceva la guardia giurata – oltre a menarla e a minacciarla numerose volte con la pistola d’ordinanza – è già libero, visto che ha ottenuto dal Tribunale la sospensione condizionale della pena (di 10 mesi appena) e 10mila euro di provvisionale.

Lei in sedia a rotelle, lui libero

"Ti ammazzo tr… prima o poi ti ammazzo, mi hai fatto perdere il lavoro me la paghi", le aveva detto sotto casa l'ultima volta, mentre le rompeva lo sterno a calci. La colpa di Francesca era stata quella di averlo denunciato, grazie al servizio di “Soccorso Violenza Sessuale e Domestica” dell’ospedale Mangiagalli, che aveva curato la donna dopo le (ennesime) violenze subite.

E mentre l’avvocato della difesa affronterà l’appello presentato dall’ex marito chiedendo la piena assoluzione, anche la procura generale ha fatto ricorso contro la pena di 10 mesi, considerata troppo lieve per i danni fisici e psicologici arrecati alla vittima.

Commenti

Silvio B Parodi

Ven, 15/06/2018 - 12:56

certo e' che certi giudici fanno pena, ma dove hanno studiato?? nel bangla desh? o in arabia?????ma il presidente dei giudici Mattarella, sta' sempre zitto?? cosa lo paghiamo a fare???

sbrigati

Ven, 15/06/2018 - 13:50

E' giustizia questa? Direi proprio di no.

ciccio_ne

Ven, 15/06/2018 - 13:56

molte volte trovo difficile l'immedesimazione nei giudici. ma in che mondo vivono?

fra1945

Ven, 15/06/2018 - 14:03

dare un taglio a certi giudici No?

Tip74Tap

Ven, 15/06/2018 - 15:03

Anche questo deve pagarci la pensione?

fedeverità

Ven, 15/06/2018 - 15:18

Ma e voi che lavorate nella Giustizia a queste notizie,non vi vergognate????? Siete il male di questo mondo!

Ritratto di Trasibulo

Trasibulo

Ven, 15/06/2018 - 15:35

Il fatto che ci sia tolleranza e indulgenza nei confronti di esseri di questo genere dimostra a che punto di deterioramento e di delirio sia giunto il nostro sistema giudiziario. Ormai il cittadino comune è in balia di chi è più forte e più prepotente, mentre lo stato non è in grado di arginare né di reprimere in alcun modo la violenza. I violenti non comprendono che una lingua, appunto quella della violenza, perciò personaggi come quello di cui si parla nell'articolo andrebbero trattati con una durezza superiore a quella che connota le loro azioni.

Cheyenne

Ven, 15/06/2018 - 17:11

se non si riforma questa sporca magistratura subito non ci sarà pace per l'italia

Divoll

Ven, 15/06/2018 - 17:45

Ma che razza di giudici abbiamo?!?

Mobius

Ven, 15/06/2018 - 18:47

Mi pare evidente: i giudici vogliono dare al soggetto la possibilità di completare l'opera. Per esempio, spingendo la moglie in carrozzina giù dalle scale. Si vede che tutte queste cosiddette vittime (che parolona...) cominciano un po' a "rompere" anche ai giudici.

colomparo

Ven, 15/06/2018 - 19:31

Queste sono le porcherie di certi magistratelli del nulla...e il CSM dove sta, cosa fa, bisogna riformare urgentemente tutta la giustizia in Italia ! Tanto per aggiungerne una, 1.000 casi/anno di errori giudiziari rimborsati dallo Stato per le nefandezze commesse dagli strapagati magistrati che se ne fregano, tanto loro non pagano mai !!

Massimom

Ven, 15/06/2018 - 20:02

Giustizia cattocomunista.

Ritratto di Bytes

Bytes

Ven, 15/06/2018 - 21:02

Buonasera, se per caso un vicino, un passante od un parente si trova ad assistere ad una situazione del genere e magari, istintivamente, gli viene di rompere il muso sd un bestia del genere od a fargli una bella ripassata rischia una condanna maggiore di questa bestia che non dovrebbe neanche appartenere al genere umano: dovrebbe creare uno spazio in qualche isola sperduta per bestie del genere e lasciare in giro solo le persone e gli animali. Per i giudici che posso dire: io non riuscireai a dormire la notte se svolgessi il lavoro in questo modo: magari se capitasse a loro od ai loro familiari cambierebbero atteggiamento...eh già che ti frega degli altri? Lo stipendio lo percepisci, applichi la legge, sei ammirevole, per il resto non è colpa tua o dei tuoi colleghi !!!!

Ritratto di Bytes

Bytes

Ven, 15/06/2018 - 21:07

E se per caso una persona volesse intervenire, un vicino, un passante od un parente, deve farlo con "diplomazia" altrimenti rischia una pena di gran lunga superiore a quella bestia che andrebbe isolata assieme a tutte le altre bestie in qualche luogo sperduto: il mondo civile è per uomini ed animali.

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Ven, 15/06/2018 - 22:24

Spero che il nuovo governo abolisca subito le leggi immonde sugli sconti di pena. E' ora di FINIRLA!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 15/06/2018 - 22:56

La magistratura deve essere elettiva!.....E se emettono sentenze "non intonate" con chi li ha eletti,dopo 5 anni,a casa!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 16/06/2018 - 09:13

Femministe................ dove siete????????

Ritratto di navajo

navajo

Sab, 16/06/2018 - 09:14

Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM? Dov'è il CSM?

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 16/06/2018 - 09:30

E cosa vuoi, mandalo a lavorare e toglili mezzo stipendio per dare sostegno alla donna. È se non gli basta per vivere, colonia penale. Perché se lo lasci in galera tocca mantenere due persone di cui una a fare un fico secco senza pagare effettivamente i danni provocati alla sua vittima. Il lavoro coatto ripristina l'equità.

macommmestiamo

Sab, 16/06/2018 - 10:44

il giustiziere della notte !!!