Sala: "Non scordo Salò". È "no" a via Almirante

"Politico capace ma ebbe un ruolo nella Rsi". E Fratelli d'Italia va avanti con la proposta: un omaggio al leader per i 70 anni del Msi

La discussione su via Almirante è aperta. Beppe Sala dice no ma Fratelli d'Italia insiste con la sua proposta: intitolare una strada di Milano al leader del Movimento sociale italiano.

L'idea, lanciata dalla neo responsabile milanese di Fdi, Viviana Beccalossi, ha suscitato reazioni contrastanti, com'era prevedibile. Il sindaco ha mostrato di avere pochi dubbi: «Personalmente non sono molto d'accordo - ha detto Sala - per due motivi: il primo è perché non c'è stato un grande legame tra Almirante e la nostra città; il secondo è che Almirante è stato un politico anche capace, però la sua storia e il suo ruolo politico nella Repubblica di Salò c'è stato. E non so se l'oblio sia già ammissibile». Niente oblio, dunque. Il sindaco di centrosinistra ritiene che non si possa dimenticare la vicenda della Repubblica sociale che segnò il drammatico crepuscolo del fascismo. Una vicenda che il futuro segretario missino, non ancora trentenne, visse in una posizione di responsabilità (fu capo di gabinetto del ministro della Cultura popolare).

Beccalossi, assessore regionale, si dice «dispiaciuta e amareggiata». «Non c'è un legame storico? Dovremmo eliminare metà delle vie di Milano. La vera ragione è stata che Almirante era un ragazzo delle Rsi. Ma io speravo che Sala fosse meno fazioso. La storia deve giudicare, non noi. Vogliamo ancora dividere fra buoni e cattivi? Vogliamo parlare di certi partigiani? La verità è che dopo il fascismo c'è stata una corsa sul carro dei vincitori. I ragazzi della Rsi hanno creduto in qualcosa. Questo avevano in comune i veri partigiani, che rispetto, e i ragazzi che partirono volontari con la Rsi, magari a piedi e di nascosto dei genitori: avevano il sogno di cambiare o difendere l'Italia. Mi piacerebbe che si rispettassero gli uni e gli altri. E pensavo che Sala ci potesse arrivare». La sinistra fa muro. Il consigliere Paolo Limonta, vicino a Giuliano Pisapia, la proposta la vede così: «A mio parere, non deve essere neppure lontanamente presa in considerazione». E citando lo storico dirigente pci Giancarlo Pajetta taglia corto: «Noi con i fascisti abbiamo smesso di confrontarci il 25 aprile 1945». Gli ex msi ricordano che fu proprio Pajetta ad accogliere Almirante a Botteghe Oscure in occasione dei funerali di Enrico Berlinguer. Fdi comunque non si arrende: «Chiederò a Lega e Fdi, o a chi vorrà farlo, di presentare la proposta in Comune. Sicuramente lo faranno i nostri consiglieri municipali».

Un'iniziativa analoga, intanto, parte anche a Sesto San Giovanni, la Stalingrado d'Italia per la sua storia «rossa»: «Renderebbe onore a un politico serio, con la schiena diritta e moralmente inattaccabile» dice Michele Russo, responsabile locale di Fratelli d'Italia. Il partito sostiene le proposte. Il presidente Giorgia Meloni lo ha chiarito ieri: «Condivido e sostengo la richiesta di intitolare ad Almirante una strada a Milano». «Sarebbe anche un modo per avviare finalmente un percorso di pacificazione nazionale - sostiene Meloni - e per costruire in Italia una vera memoria condivisa». In campo anche l'ex ministro Ignazio La Russa, leader storico della destra milanese: «Il fatto che il sindaco, pur dichiarandosi personalmente non molto convinto, dica che, insieme al Consiglio comunale prenderà in esame la richiesta di intitolare una via ad Almirante è già qualcosa di positivo». «Sarebbe oltretutto strano - aggiunge - che la Milano che dedica vie e piazze a Palmiro Togliatti e a Stalingrado e che rende giustamente onore al coerente Enrico Berlinguer e all'ex volontario della Repubblica di Salò Dario Fo, usasse invece per Almirante due pesi e due misure».

Commenti

mariolino50

Gio, 27/10/2016 - 09:39

Il sig. Almirante evitava di venire da queste parti, alta maremma, in quanto firmò per la provincia di Grosseto, il manifesto di condanna a morte dei cosidetti ribelli, che non si assoggettavano ai tedeschi, e alcuni subiorono la fucilazione alla schiena, davvero bravino.

Albius50

Gio, 27/10/2016 - 09:49

GIORGIO BOCCA PRIMA DEL 25 APRILE CHE DIVISA VESTIVA? POI E' DIVENTATO UN SINISTRO DI FERRO, esempi come lui ce ne sono tanti Sig. Sindaco, per lo meno Almirante in DEMOCRAZIA ha creato l'MSI; inoltre noi Italiani siamo proprio famosi X IL SALTO DEL FOSSO, 1°guerra alleati con gli austriaci poi alleati con inglesi francesi; 2° guerra prima alleati con i TEDESCHI poi il re con Badoglio che fugge al SUD in braccio agli americani.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 27/10/2016 - 09:52

in perfetto stile Fo

routier

Gio, 27/10/2016 - 09:52

E io ricordo che nella democrazia del PD, per avere una targa in un'aula del Parlamento, bisogna scaraventare un estintore in faccia ad un carabiniere nell'esercizio delle sue funzioni di ordine pubblico. UNICUIQUE SUUM! (ad ognuno il suo)

Rossana Rossi

Gio, 27/10/2016 - 10:29

Certo la loro 'democrazia' vuol dire intitolare vie a assassini di sinistra ma non a validi politici di destra......e lo schifo continua sempre.......

LP

Gio, 27/10/2016 - 10:39

Non ti preoccupare Giorgio, riposa in pace, resterai per sempre nei nostri cuori, non servono le vie per ricordare i veri Italiani. Questa disgraziata nazione è perduta.

Trinky

Gio, 27/10/2016 - 11:09

beh, i fulgidi esempi sono fo e bocca.... comunque io toglierei tutti i nomi politici dalle vie, compresi i vari gramsci e tpgliatti! ovvio che il nome di quello che tirava gli estintori deve sparire dalle sale della camera.....

avallerosa

Gio, 27/10/2016 - 11:10

SALA = IPOCRITA. VERGOGNATI ALMIRANTE E' UNO DEI POCHI POLITICI CHE FU SEMPRE ONESTO. MERITA UNA GRANDE VIA E ANCHE DI PIU'

conviene

Gio, 27/10/2016 - 11:12

Ma che significato ha oggi intitolare una via ad Almirante? Il problema è ora .Per i sindaci di CDX, della lega no. Quando la polemica è per la polemica che tristezza. I corvi volano sempre bassi

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 27/10/2016 - 11:13

Scusi sindaco Sala e l'appartenenza a Dario Fò alla repubblica di Salò andava bene ? Da Wikipedia " Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, a seguito della chiamata alle armi della neonata Repubblica Sociale Italiana si arruolò giovanissimo volontario[5] nelle file dell'esercito fascista, prima nel ruolo di addetto alla contraerea a Varese e successivamente come paracadutista nelle file del "Battaglione Azzurro" di Tradate." Due pesi due misure , come al solito i sinistri si ditinguono per incoerenza e faccia di bronzo...

Albius50

Gio, 27/10/2016 - 11:30

Verdini, Alfano e Fini quelli + famosi prima culo e camicia con la DESTRA ora schierati a SINISTRA E FORSE UN DOMANI AVRANNO PURE UNA TARGA A RICORDO.

Albius50

Gio, 27/10/2016 - 12:12

CONVIENE è il COMPAGNO di merende di PONTALTI

Ritratto di host8965

host8965

Gio, 27/10/2016 - 12:20

E vabè, sarà il solito komplottone globale per oscurare la destra nel mondo. Ci sono di mezzo quei komunisti dei servizi segreti americani capeggiati dalla lobby ebraica, ve lo dico io.

fenix1655

Gio, 27/10/2016 - 12:28

Allora alla pari,visto che per il signor Sala non è ammissibile l'oblio, si ricordi che il signor Fo è stato un protagonista VOLONTARIO della Repubblica di Salò. Fatto che lo stesso signor Fo ha cercato di negare prima e giustificare puerilmente una volta condannato da un tribunale. In caso ciò non fosse certificheremo ufficialmente il livello di ipocrisia che appartiene al signor Sala.

agosvac

Gio, 27/10/2016 - 12:48

Quando sala sarà morto, nessuno si ricorderà di lui, ma molti continueranno a ricordarsi di Almirante, sia quelli del suo partito sia gli avversari. Questo perché Almirante è stato un grande e vero uomo politico, sala una vera e grande nullità!!! Ovviamente si dovrà vedere se sala riuscirà a farsela franca con tutte le malefatte combinate.

Trinky

Gio, 27/10/2016 - 13:16

@conviene.......ripeto, io leverei tutti i nomi dei politici dalle vie, Togliatti e Gramsci compresi! Però fino a quando esisterà una via Togliatti quelli hanno tutti il diritto di chiedere una via Almirante, tanto costa niente intitolarne una

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 27/10/2016 - 13:30

Ho votato per Almirante, che non era Fini, ma sono d'accordo che non vi sia una "via Almirante", in quanto foriera di scontri che devono cessare. Naturalmente cambierei nome via Lenin e simili denominazioni.

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 27/10/2016 - 14:03

e ricordati pure che fo ha aderito alla repubblica di Salo' come il grande Almirante.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 27/10/2016 - 14:19

stai tranquillo,sala, dopo il mandato che i Milanesi ti hanno dato con tanta facilità, NON SI SCORDERANNO DI TE!!!..forse anche durante il mandato stesso..

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 27/10/2016 - 14:21

conviene,allora riguardati da quei...voli,basta un attimo!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 27/10/2016 - 14:28

@conviene - anche oggi niente scuola? Alle ore 11:12 ancora a casa ad esaltare il comunismo?

Pinozzo

Gio, 27/10/2016 - 16:01

fenix1655, se non riesci capire la differenza tra uno che si e' arruolato nella gnr e uno che ha firmato il "manifesto della razza" e' inutile, non capirai mai. purtroppo sei uno degli svntaggi della democrazia: il tuo voto conta come quello di una persona intelligente.