Tiziano Ferro e gli sciacalli della minerale

(...)ieri e l'altroieri San Siro è stato invaso da una folla di 100mila fan che si sono messi in fila già dalle prime ore del mattino. In questi due giorni la temperatura a Milano era tale da arroventare la bottiglietta d'acqua (portata da casa) in una manciata di secondi. Ma a venire incontro agli assatanati - ma pure assetati - fan del Ferro nazionale, ecco materializzarsi le suddette facce di bronzo: trattasi di un folto branco di «sciacalli» portatori di bottigliette d'acqua con «regolare» listino-prezzo stampato sul frizer portatile: 2 euro. Che già è una bella cifretta per una 50cl naturale o frizzante. Ma il «bello» gli ammiratori di Tiziano (il cantante, mica il pittore) lo scoprivano al momento di pagare, sentendo raddoppiare la cifra con argomentazioni quantomai cervellotiche. Ma con 30 gradi all'ombra e la lingua cartavetrata c'è poco da contrattare. E così chi già aveva messo mano al portafoglio per il biglietto (40 euro) ha dovuto sborsare il surplus-minerale che, nell'arco dell'intera giornata «tizianoferrona», ha visto reiterare l'acquoso acquisto almeno 4-5 volte, per un salasso pari circa alla metà del prezzo dello show. In occasione del prossimo «concerto-evento dell'anno» speriamo che l'aria rinfreschi un po'.

Nino Materi