Troppi "richiedenti asilo". Per un ricorso 9 giudici e il tribunale è al collasso

L'sos lanciato dal presidente della Corte d'appello: "Sono il 25% dei casi, così la giustizia si inceppa"

Il 2016 è stato per gli uffici giudiziari milanesi un (altro) anno di «flussi straordinari» di ricorsi degli stranieri che fanno richiesta d'asilo. Peggiore del precedente, già considerato emergenziale. La legge prevede che il richiedente possa rivolgersi al Tribunale in caso di rigetto della sua domanda da parte della Commissione territoriale della Prefettura. E che la pratica passi, se il migrante non ottiene subito lo status di rifugiato, per tutti e tre i gradi di giudizio. Con l'impiego di ben nove giudici. L'allarme viene lanciato all'inaugurazione dell'anno giudiziario dal presidente della Corte d'appello Marina Anna Tavassi. «I dati - dice nella propria relazione - sono particolarmente preoccupanti. Dei 1.438 fascicoli sopravvenuti alla Corte nell'anno solare 2016, 136 sono stati iscritti nel primo trimestre, 323 nel secondo, 420 nel terzo, 559 nel quarto con una netta curva ascendente». Numeri che lievitano e le cose non vanno meglio al Tribunale: «Posto - continua Tavassi - che i fascicoli pervenuti al Tribunale di Milano nell'anno solare 2016 sono stati 4.013 (erano 636 nel 2014 e 2.007 nel 2015, ndr) e che mediamente, secondo i rilievi dell'ufficio statistico, il numero dei ricorsi si attesta sul 70 per cento dei procedimenti iscritti in Tribunale, può prevedersi per la Corte un flusso imponente di tali procedimenti, in crescita esponenziale anche per il 2017». La previsione per l'anno appena cominciato quindi è critica.

La Corte corre ai ripari, ma non può bastare. Anche a causa delle carenze di organico sottolineate nella relazione. Il presidente spiega che «per governare questo flusso», non è sufficiente «l'applicazione di magistrati per comporre un collegio straordinario che terrà nel 2017 udienza ogni lunedì per trattare esclusivamente procedimenti in materia di protezione internazionale». Questo provvedimento permetterà solo di «aggredire l'arretrato formatosi nel 2016, ma non basta a far fronte alla mole di lavoro che si prevede in entrata per il 2017».

Tavassi evidenzia poi dove l'ingranaggio minaccia di incepparsi. Il procedimento, dopo il passaggio in sede amministrativa, vede «ben due gradi di giudizio di merito e il terzo grado di legittimità. Così per complessivi quattro passaggi che impegnano, oltre al livello prefettizio, ben nove giudici nei diversi gradi». Un percorso, continua il magistrato, «complesso e necessariamente lungo» che va «a tutto discapito della certezza della posizione di quanti aspirano al riconoscimento dell'asilo, con costi sociali e finanziari eccessivamente gravosi per la collettività e con la ricaduta negativa di sottrarre le risorse disponibili ad altri settori». La giustizia civile è già molto gravata, con un aumento dei fascicoli nel 2016 del 20 per cento. In questo contesto «le procedure per i richiedenti la posizione di rifugiato politico rappresentano da sole il 25 per cento dell'intero contenzioso della Corte d'appello di Milano e circa il 10 per cento delle pendenze del settore civile del Tribunale di Milano». Il presidente della Corte conclude ricordando che «la Lombardia è la regione con la maggiore percentuale di presenze di immigrati sul proprio territorio, 13,7 per cento, a fronte dell'8 per cento di Piemonte, Lazio, Campania e Sicilia e del 7 per cento di Toscana, Emilia Romagna e Puglia». Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, presente alla cerimonia, dal canto suo ha assicurato che Milano sarà sede di una delle dodici sezioni specializzate «in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea» previste da un recente progetto di legge.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 29/01/2017 - 15:16

Se continuano IMPERTERRITI ad andarne a TRAGHETTARE qualche migliaio al giorno e NON eliminano la Turko/Napolitano (forse perche aspettano che non ci sia piu per farlo) i NUMERI potranno SOLO aumentare in maniera ESPONENZIALE e fra un paio di anni ci vorranno 100 giudici solo per quella funzione, che io chiamo DISFUNZIONE!!! AMEN

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 29/01/2017 - 15:28

Poi dicono che sono sotto organico. Servirebbe una commissione, con dei funzionari e/o militari, presieduta da un solo giudice. Il problema sarebbe risolto e sicuramente snellita la pratica. Forse è la volontà (politica) che manca, quella di dire al clandestino, no, ci dispiace ma devi tornare indietro, non è possibile logicamente accettare tutti.

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 29/01/2017 - 15:33

Ahahahahahah e quel fallito del puffo fiorentino che ha depenalizzato alcuni reati per sfoltire le aule dei tribunali. Incapace!!!!!

Archimede37

Dom, 29/01/2017 - 15:37

Altro che ricorsi. Bisognerebbe caricarli su un aereo e buttarli in alto mare senza paracadute questo esercito di sanguisughe alle spalle degli italiani.

petra

Dom, 29/01/2017 - 16:12

Eliminare i ricorsi no? Solo da noi in Italia ci sono.

Una-mattina-mi-...

Dom, 29/01/2017 - 16:18

COSTO INSOSTENIBILE, FERMATE QUESTA ABERRAZIONE DI GOVERNO ANTIPATRIOTA

venco

Dom, 29/01/2017 - 16:43

Sui richiedenti asilo o no, non c'è da perder tempo, essendo tutti senza documenti di riconoscimento non possono essere richiedenti.

VittorioMar

Dom, 29/01/2017 - 17:16

...un tribunale "INUTILE" perché nessuno di questi ha i REQUISITI DI RICHIEDENTI ASILO SONO TUTTI IMMIGRATI CLANDESTINI!!....la confusione nasce dalla QUANTITA' ENORME CREATA AD ARTE PER EVITARE QUALUNQUE PROVVEDIMENTO!!...IMPOSSIBILE sapere : CHI SONO ...DA DOVE PROVENGONO...PARLANO I DIALETTI....PER OGNUNO DI LORO SERVE UN "INTERPRETE"...NIENTE "IMPRONTE DIGITALI" ....NIENTE DOCUMENTI "CIVILI E PENALI"....PERCHE' NON FANNO I "PATRIOTI O I PARTIGIANI"( di boldriniana memoria),NEI LORO PAESI???...molti sono PAESI RICCHI dove non c'è "GUERRA".....!!!

leo_polemico

Dom, 29/01/2017 - 17:30

Visto che hanno anche rifiutato di farsi riconoscere, se i tre livelli di ricorso ripetono la prima sentenza di "NON ACCOGLIMENTO", si ripresenteranno nuovamente, ovviamente con altre generalità, per ricominciare la trafila. Nel frattempo continuano a vivere a nostre spese e ad arrricchire le cooperative che fanno finta di assisterli.

Malacappa

Dom, 29/01/2017 - 17:35

Ma quali richiedenti asilo questi chiedono di essere mantenuti tutta la vita fuori da casa nostra l' Italia e' degli italiani.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 29/01/2017 - 17:41

Presto le "richieste d'asilo" di questi codardi guerrieri "disperati" mediorientali e africani, al 90% uomini in giovane età, diventeranno la maggioranza delle cause trattate. E si arriverà, per disperazione, come già avevo pronosticato più di due anni fa, alla concessione automatica del "rifugio" a questi giganti della savana, direttamente allo sbarco dal barcone. Documenti pronti e tutti in giro a farsi mantenere. Molto presto.

Anonimo (non verificato)

sparviero51

Dom, 29/01/2017 - 18:35

PAESE DI MMMMMMMERXA !!!

piazzapulita52

Dom, 29/01/2017 - 18:52

IL MIO COMMENTO? CHE SCHIFO!!!!! MA AVRA' UNA FINE, PRIMA O POI, QUESTO SCHIFOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 29/01/2017 - 21:52

hanno voluto la bicicletta......? Che non rompano le ba@@le e che lavorino di piú.

riccioliscio

Lun, 30/01/2017 - 01:26

Egitto - Marocco 1-0; Repubblica Democratica del Congo - Ghana 1-2 Sono i risultati delle semifinali Coppa delle Nazioni Africane. Ebbene si: in tutti questi paesi martorizzati dalla guerra (secondo la vulgata del pensiero progressista) si gioca a calcio senza ritegno e si passa così il tempo tra una bomba e l'altra....

seccatissimo

Lun, 30/01/2017 - 04:22

Siamo un popolo ridicolo ! Mai che riesca a risolvere un problema, anche piccolissimo ! Se ci sono delle leggi che danneggiano automaticamente gli italiani, cosa si fa ...... ? Elementare: Si modificano ! Punto e basta ! Non è che ci vuole un genio per capirlo ! Il fatto è che le capacità intellettuali e l'onestà intellettuale dei nostri legislatori sono uguali a zero !

vigpi

Lun, 30/01/2017 - 07:29

la giustizia italiana potrebbe incepparsi???? Ma se da sempre i processi in italia durano anni e anni! Come fa ad incepparsi una macchina ferma!!