Via al tunnel che avvicina la Brianza

Imponente, ariosa, presto sormontata da un avveniristico parco urbano, la nuova galleria artificiale di Monza e Brianza ha visto la luce al termine di cinque anni di cantiere. Il tunnel urbano cittadino che arrivando dai Laghi attraversa Monza, Cinisello Balsamo, Sesto San Giovanni, in direzione Milano, stimato tra i più grandi d'Europa, è stato inaugurato ieri alla presenza delle più alte cariche istituzionali provinciali e regionali e, da questa mattina all'alba, è aperto al traffico.
Realizzata nell'ambito dei lavori di connessione tra la strada statale 36 e il sistema autostradale di Milano, attraversa la città di Monza, la nuova galleria è stata celebrata dal caloroso benvenuto della cittadinanza che, usufruendo del servizio bus navetta di Anas, ieri mattina alle 11 ha voluto inaugurare di persona la nuova opera che permetterà alla Brianza di fare un passo avanti per diventare un esempio di eccellenza infrastrutturale. «L'avevamo promesso – ha affermato l'amministratore unico di Anas, Pietro Ciucci –. Il 3 aprile 2013 è una data che rimarrà nella memoria, perché il tunnel di Monza costituisce una rivoluzione nell'intero sistema lombardo. Anas ha potenziato il sistema di connessione tra la viabilità statale e quella autostradale a sud, e a nord verso la Valtellina, la Valchiavenna ed il confine svizzero». Nata al termine di anni di proteste da parte dei residenti dei quartieri periferici di Monza, a cui facevano eco autotrasportatori ed automobilisti quotidianamente imbottigliati nel traffico, la nuova galleria promette una drastica riduzione dell'inquinamento acustico ed ambientale prodotto dai circa 70.000/100.000 veicoli al giorno che percorrono la statale 36. Oltre ai vantaggi alla viabilità regionale, la galleria è stata concepita secondo alti standard di sicurezza, grazie alle due carreggiate separate per 12,40 metri di larghezza, 13 piazzole di sosta alle quali sono collegate le uscite di emergenza, 2 centrali di filtraggio dell'aria, 2 impianti di raccolta e smaltimento dell'acqua e dei liquidi di sversamento.
«Un sogno che si avvera» è stato il commento del presidente della Provincia di Monza e Brianza Dario Allevi, il quale ha sottolineato l'importanza del nuovo tunnel per la viabilità provinciale, unitamente alle future opere che, come la Pedemontana, completeranno le infrastrutture brianzole. «Crescita, competitività ed investimenti utili», sono state le parole utilizzate dal sottosegretario ai Trasporti Guido Improta, nel descrivere la via per la realizzazione delle grandi infrastrutture in Italia. «Controlli di costi e tempi di realizzazione come fondamentale compito delle istituzioni a fronte delle esigenze di imprese e cittadini», è invece l'impegno assunto dal presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, il quale si è augurato il completamento di Pedemontana, Tem e Brebemi, non solo in vista dell'Expo, ma anche per il rilancio dell'economia di tutta la Regione.