Vanno all'asta i 4 barconi «sfrattati» dal Naviglio

(...) gennaio, dopo mesi di querelle con i proprietari che avevano perso l'ultimo ricorso al Tar, Palazzo Marino ha rimosso in autonomia i barconi e inviato il conto delle spese - circa centoventimil euro - ai titolari. Che adesso subiranno pure la beffa di non vedere un soldo della vendita. É stato smantellato anche un quinto barcone, ma ricadeva su quel tratto del Naviglio Pavese oltre via Gola che è di competenza della Scarl srl, società che fa capo alla Regione, Palazzo Marino pertanto non ha alcuna voce in capitolo.

Il Comune ha aperto una gara pubblica a offerta libera, senza fissare un'offerta minima come base d'asta. Raccoglierà le manifestazioni di interesse fino alle ore 12 del 9 marzo. I lotti (un privato potrebbe acquistare anche più di un barcone, non ci sono restrizioni in tal senso ) saranno venduti ai concorrenti che avranno offerto il prezzo più alto.

I galleggianti, in ferro e a fondo piatto, sono ora custoditi presso il Parcheggio Atm Trenno in via Novara. Hanno quasi tutti la stessa dimensione: sono circa ventitrè metri e larghi 4,5. Dopo la firma dell'atto di compravendita sarà compito degli assegnatari prelevare i galleggianti e trasportarli a destinazione, tutti i costi economici (ed eventuali problemi lungo il tragitto) saranno a carico dell'acquirente, il Comune sarà sollevato da ogni responsabilità.

ChiCa