Nuovi migranti, arriva anche l’opossum

Se non fosse stato per l’abbaiare insistente dei cani, forse nessuno si sarebbe accorto della sua presenza: invece, per l’ opossum trovato su un albero ad Abbiategrasso la disavventura di una notte si è conclusa con l’intervento dei volontari della Protezione animali, che ora lo tengono sotto osservazione clinica. «Sono stati i proprietari di una cascina della zona a notare l’animale e a chiamarci - spiega Ettore Degli Esposti dell’Enpa -. Fortunatamente siamo intervenuti in tempo, e ora l’opossum sta bene. Ma rischiava di morire di freddo: non è un animale adatto a vivere in questo clima». Il piccolo marsupiale, molto simile a uno scoiattolo, è originario della Nuova Zelanda - esistono anche specie nordamericane ed australiane - ed è abituato a vivere sugli alberi nutrendosi di foglie di eucalipto. «L’unica spiegazione plausibile della sua presenza nell’hinterland milanese - continua Degli Esposti - e che appartenga ad un privato che lo teneva come animale da compagnia. Questi animali infatti si possono reperire su ordinazione presso i negozi di animali». Una scelta di dubbio gusto, secondo Degli Esposti: «Gli opossum sono animali notturni, abituati a dormire tutto il giorno sugli alberi. In casa soffrono la luce e il rumore, e sono del tutto inadatti alla vita dell’animale di compagnia. Tenere in casa un animale del genere è un’assurdità».
Di fatto, il commercio degli opossum è del tutto legale, e il costo di un esemplare si aggira sui 200 euro.
«Purtroppo, tenere animali esotici è una moda stravagante che sta prendendo piede negli ultimi anni anche in Italia. Anche se è la prima volta che mi capita di avere a che fare con un opossum: di solito si tratta di rettili». L’Enpa, che finora ha tenuto in custodia l’opossum, è ora in cerca del legittimo proprietario: «Restiamo in attesa che si faccia avanti - conclude Esposti -. È purtroppo difficile per noi continuare a farcene carico, e per il bene stesso dell’animale speriamo di poterlo restituire». Per ogni comunicazione, L’Enpa risponde allo 02.97064252