Palermo sempre più violenta: giovane colpito da una raffica di calci e pugni

Un'altra aggressione per futili motivi. Stavolta in piazza Nascè. La vittima è un ragazzo di 25 anni colpito da pugni e calci in pieno volto

L'ennesimo caso di violenza e aggressione a Palermo. L'episodio in piazza Nascè. Vittima, un giovane di 25 anni. Per lui, colpito al volto da una raffica di calci e pugni, la prognosi è di 25 giorni. Il giovane, secondo quanto ha raccontato ai carabinieri che sono arrivati sul posto, stava passeggiando con la sua compagna. Da lontano, due uomini, avrebbero fatto commenti "poco gentili" all'indirizzo della ragazza. Il giovane avrebbe così chiesto loro spiegazioni invitandoli a scusarsi per quanto detto. Non immaginava forse la reazione che questa richiesta avrebbe scatenato nei due uomini che sono subito passati alle mani.

Il giovane è stato travolto da una furia di pugni e calci, molti al volto. La vittima dell’aggressione si è accasciata a terra fra le urla della fidanzata che ha cercato di attirare l’attenzione mettendo di fatto in fuga gli aggressori. Per lui è stato necessario il trasporto all'ospedale Buccheri La Ferla dove gli è stato riscontrato un trauma facciale ed è stato dimesso con una prognosi di oltre 25 giorni. I carabinieri stanno tentando di risalire ai due responsabili dell'aggressione visionando le immagini delle telecamere di videosorveglianza che si trovano nei negozi della zona.

Ormai non si contano più gli episodi di violenza in città. Qualche giorno fa vittima una coppia di amici nei pressi del porto, sono stati aggrediti da un branco di sei ragazzi. E la scorsa sera un ragazzo è stato colpito alla testa in via Maqueda senza nessun apparentemotivo. Si trova ricoverato in gravi condizioni nel reparto di neurorianimazione di Villa Sofia a Palermo.