Pensionato ucciso in casa con una bottigliata

Un uomo di 68 anni è stato trovato morto nel suo appartamento di Rozzano: ucciso con un colpo di bottiglia alla testa. Avrebbe aperto la porta al suo aggressore. A scoprire il cadavere il fratello: non aveva notizie da giorni

Milano - Ucciso in casa con una bottigliata in testa. Un pensionato di 68 anni è stato ucciso ieri con un colpo di bottiglia in testa nella sua abitazione di Rozzano. L’uomo, Giovanni D’Angelo, è stato trovato ieri verso le 12 dal fratello, che non lo sentiva da alcuni giorni, disteso sul letto. Sul delitto, che è stato reso noto solo oggi, stanno indagando i carabinieri della compagnia di Rozzano e il pm di turno della procura di Milano, Laura Pedio. L’uomo viveva da solo nella sua casa di via Tevere. L’abitazione è stata trovata in ordine, senza segni di scasso o di rapina. Per questo gli investigatori ipotizzano che ad uccidere il pensionato possa essere stata una persona che lo conosceva.