Abruzzo, crollo clamoroso del M5s. ​L'onda gialla è sbiadita subito

Lo scorso 4 marzo 2018 il Movimento 5 Stelle aveva conquistato l'Abruzzo con il 39,8% e 303.006 voti

"I 5 Stelle non stanno governando nulla, mentre noi stiamo governando e bene, tante Regioni e tanti Comuni da 20 anni. Il treno del cambiamento non passa due volte. La Lega rappresenta il cambiamento, la buona amministrazione, la concretezza". Qualche giorno fa, a margine della conferenza stampa a Pescara con Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, Matteo Salvini ha azzeccato la previsione.

I 5 stelle in Abruzzo continueranno a non governare. I penstallati hanno collezionato un flop clamoroso. Basti pensare che lo scorso 4 marzo 2018, neanche un anno fa, il Movimento 5 Stelle aveva conquistato l'Abruzzo con il 39,8% e 303.006 voti. Insomma, il M5s ha perso oltre venti punti percentuali. Un'onda gialla che in poco tempo è sbiadita. E pensare che il 28 gennaio la candidata M5S alle regionali Sara Marcozzi parlando dei suoi avversari tuonava: "Legnini e Marsilio hanno "zeru tituli" per governare l'Abruzzo. Centrodestra e centrosinistra si ripresentano dopo aver approvato insieme Fornero, pareggio di bilancio, dopo i governi Monti: cioè vogliono risolvere loro i problemi che loro stessi hanno creato. Il futuro è solo il M5S, anche in Abruzzo''. Anche il vicepremier Di Maio viaggiava sulla stessa lunghezza d'onda: "In Abruzzo il M5S è l'unica vera alternativa".

I numeri però raccontano un'altra verità.

Commenti

ex d.c.

Lun, 11/02/2019 - 00:47

Il M5S paga l'alleanza con la Lega. Presto anche gli elettori della Lega puniranno questa unione assurda

Popi46

Lun, 11/02/2019 - 06:08

Staremo a vedere, si dice che il peggio non sia mai morto, ma fare peggio dei grillini sarà molto,molto,molto arduo, servirà una grande dose di incompetenza.....

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 11/02/2019 - 07:03

@ex d.c.: Il cinquestalle paga per le sue proposte demenziali, per il no a tutto, per i voti di scambio ai nullafacenti...e perché sono degli ignoranti.

il corsaro nero

Lun, 11/02/2019 - 07:46

@ex d.c.: sognare non costa nulla, ma attento perchè poi potresti svegliarti tutto sudato!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 11/02/2019 - 07:59

il M5A non paga l'alleanza con la Lega, paga la sua assoluta ignoranza e il suo dilettantismo di certa gente.

timoty martin

Lun, 11/02/2019 - 08:21

M5S come palle ai piedi, difficile gestirli.

polegato

Lun, 11/02/2019 - 08:58

CONTINUATE COSI,SARA ANCORA UN FLOP ALLE EUROPEE,FINCHÉ CI SARA GENTE CHE CONTINUA A DIRE NO QUESTO NO QUELLO,IN TUTTE LE COSE CI SONO DEI COMPROMESSI,NON VOGLIO FARE L'UCCELLO DEL MALAUGURIO,MA SE CONTINUATE COSI SARA UNA DISFATTA TOTALE.CONTENTI VOI POVERI PAGLIACCI

lappola

Lun, 11/02/2019 - 09:15

La politica di Fico ha dato i suoi frutti. Bene così, avanti tutta e pronti per le prossime tornate elettorali; c'è tempo fino a fine anno con il Piemonte che chiuderà le celebrazioni. Auguri Salvini, non mollare.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 11/02/2019 - 09:37

Commento da mesi,che il Movimento 5*,deve fatalmente ridimensionarsi,su base nazionale,con una parte che ritornerà nei ranghi "simil Pd & soci di merende",ed una parte confluirà nella Lega.Quello che rimarrà,sarà un ibrido(che raccoglierà un 20-22% di voti),utilizzabile solo su basi "contrattuali" da una Lega "trainante" forte di un 33-35%,che con l'appoggio un 5% di FdI,potrà dare corpo ad un Governo,coeso sui temi "essenziali"!Tutto il resto non interessa!

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 11/02/2019 - 10:06

Il m5s, un partito fondato da un buffone, non poteva che finire in una buffonata. Finirà addirittura peggio.

Mborsa

Lun, 11/02/2019 - 10:08

Il risultato del M5S non è un tracollo, senza apparentamenti la candidata era destinata a perdere. Gli elettori locali hanno dato un voto utile, spostandosi sulle liste fiancheggiatrici la lista Legnini. E' una lezione per Di Maio e soci: fare un accordo con parte della sx significa mettere assieme un bacino di 40-45% in grado di competere. Sia FI che PD devono ormai accettare il ruolo di comprimari nelle loro coalizioni.

Mborsa

Lun, 11/02/2019 - 10:12

Il titolo richiama la vicenda "uomo qualunque", ma la situazione non è analoga. Le forze tradizionali (DC e PCI) allora erano forti e in ascesa, oggi (FI e PD) sono calanti e in crisi.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 11/02/2019 - 10:48

ALT! Fermiamo i populisti,nassisti,fassisti e leghisti! Mi pare però che ci sia un'ondata di piena che sta travolgendo tutta la sinistra. Ahahahah. Come mai? Non c'è niente da fare,sinistri e katto-komunisti non ne azzeccano una. E si sentono padreterni,infallibili e moralmente superiori. Però,perdono sempre. FANTASTICO.

molesyo

Lun, 11/02/2019 - 21:01

Non seguo più la politica da tanti anni ,nausea,anche grazie al centro deSTRA,MA PERCHè SPACCIARE COME VITTORIA IL RISULTATO SOMMATO di tre partiti,quando i 5 stelle rimangono il 1 partito più votato d' ITALIA,perchè...misteri della pubblica informazione d'ITALIA,misteri