Altro che svolta razzista: mezzi drastici contro la jihad

Il coro buonista lo accusa, ma la stretta sui visti tutela la sicurezza interna e i cristiani perseguitati

Il coro buonista e politicamente corretto ha già deciso. Da ieri Donald Trump non soltanto è populista, ma anche anti-islamico e razzista. Eppure il suo decreto su visti e immigrazione non pretende di bloccare alle frontiere i musulmani, né di discriminare chi crede nel Corano. Quel decreto ha solo due obbiettivi. Punta da una parte a migliorare i controlli su visti e immigrati per evitare l'arrivo di jihadisti e terroristi e dall'altra a garantire corsie preferenziali per i cristiani, gli yazidi e tutte le minoranze vittime della violenza e dell'odio islamista. Ecco gli 8 punti chiave per comprendere l'ipocrisia di chi condanna quel decreto.

1. Il decreto non menziona l'Islam, non fa della religione musulmana un elemento discriminante per l'ammissione negli Usa e durerà solo 4 mesi, il tempo necessario a migliorare le procedure di selezione dei richiedenti asilo. Il testo dell'ordine esecutivo mette al bando solo «coloro che sostengono ideologie violente anziché la legge americana». Nel firmarlo Trump parla della necessità di «tenere islamisti radicali e terroristi fuori dagli Stati Uniti. Non ammetteremo nel paese chi minaccia i nostri soldati che combattono all'estero». Nulla a che vedere con il razzismo e la discriminazione.

2. Lo stop all'arrivo di nuovi rifugiati siriani non è un atto straordinario. Dopo l'11 settembre un decreto assolutamente simile, emesso dal presidente George W. Bush, sospese l'accoglienza dei profughi iracheni. La decisione di Trump revoca un ordine esecutivo, firmato dal presidente Obama, che nel 2016 ha aperto le porte a 15.749 rifugiati siriani determinando un incremento dell'accoglienza del 606%. Un incremento assai discusso perché favoriva soprattutto i rifugiati siriani legati a quei movimenti jihadisti che l'amministrazione Obama ha appoggiato e armato, arrivando al paradosso di sostenere le fazioni di Al Qaida arroccate ad Aleppo Est.

3. Il decreto di Obama a favore dei profughi siriani è stato oggetto di pesanti critiche da parte delle stesse autorità federali chiamate a controllare i richiedenti asilo. Secondo quelle autorità il decreto conteneva «falle» che impedivano di respingere sospetti terroristi o personaggi legati a gruppi estremisti. Secondo alcune «gole profonde» citate dal «Los Angeles Times» ai primi di gennaio grazie a quelle «falle» sono entrati negli Usa un fiancheggiatore dell'Isis ed un sospetto terrorista - legato ad un altro gruppo jihadista - finito poi a lavorare in una base militare americana all'estero.

4. Una statistica condotta a fine novembre - quando gli immigrati siriani accolti negli Usa grazie al decreto Obama erano 14.074 - dimostrava che il 99,1 di loro erano sunniti. Tra gli oltre 14mila rifugiati si contavano solo 83 cristiani, quindi appena lo 0,58 per cento a fronte di una minoranza che in Siria rappresenta oltre il dieci per cento. Gli sciiti, minacciati di morte dai gruppi jihadisti, erano soltanto 27. Il decreto di Trump punta a metter fine a queste discriminazioni e a garantire corsie preferenziali per quelle minoranze, come i cristiani e gli yazidi, che sono il vero obbiettivo delle campagne di persecuzione e sterminio condotte dallo Stato Islamico e da altri gruppi jihadisti.

5.La revoca dei visti non riguarda i «musulmani», ma i cittadini di sette Paesi (Irak, Siria, Iran, Sudan, Libia, Somalia, Yemen) dove la presenza di Al Qaida e dello Stato Islamico è assolutamente documentata. L'unica eccezione riguarda il Sudan. In compenso il suo presidente Omar al Bashir è ricercato dalla Corte internazionale per genocidio e crimini di guerra.

6.La revoca dei visti durerà solo 90 giorni, il tempo ad introdurre verifiche che consentano un migliore controllo sui visti concessi ai cittadini di quei paesi per evitare l'ammissione di sospetti terroristi e di personaggi pericolosi per la sicurezza.

7. Il decreto non è né arbitrario, né inusuale. Per capirlo basta leggere l' «Immigration and Nationality Act» (Legge sull'immigrazione e sulla nazionalità) «Qualora ritenga l'entrata di uno straniero o di una categoria di stranieri nociva per gli interessi degli Stati Uniti il Presidente - recita la legge può decidere la sospensione delle entrate di tutti gli stranieri o di categorie di stranieri per il tempo ritenuto necessario ed imporre qualsiasi restrizione alle loro entrate considerata appropriata».

8. Chi accusa Trump di insensibilità nei confronti dei rifugiati musulmani farebbe bene a verificare quanto fanno per le vittime dei conflitti da loro stessi alimentati paesi di provata fede islamica come l'Arabia Saudita, il Qatar, il Kuwait e il Bahrain. L'Arabia Saudita e il Qatar pur avendo finanziato e armato i gruppi jihadisti che combattono in Siria rifiutano per legge l'ammissione di qualsiasi rifugiato e a tutt'oggi non ne assistono nemmeno uno. E altrettanto fanno Emirati Arabi, Kuwait e Bahrein che però si lavano la coscienza versando generosi contributi all'Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 29/01/2017 - 12:27

Come non dargli ragione. Ricordo ai benpensanti, buonisti e finti democratici, che queste misure sono anche a loro protezione, che, se non lo sapessero, sono anche loro nel mirino del terrorismo, checchè ne pensino e nonostante lo difendano indirettamente senza neppure accorgesene. Sarebbe grave invece se lo facessero di proposito, e non mi stupirei.

agosvac

Dom, 29/01/2017 - 12:29

Populista e razzista solo perché cerca di evitare che entrino degli Usa migliaia di integralisti islamici??? Trump cerca di salvare gli Usa!!! Forse alta finanza e guerrafondai vari lo contrasteranno, ma di sicuro, il Popolo americano lo sta già ringraziando!!! Sta facendo quello che l'Ue avrebbe dovuto fare già da anni.

Una-mattina-mi-...

Dom, 29/01/2017 - 12:31

GRANDISSIMO TRUMP!

adal46

Dom, 29/01/2017 - 12:32

Eh, la cupola mondiale freme e Soros ha il prurito: buon segnale per tutti.

lupo1963

Dom, 29/01/2017 - 12:36

Si adotta la stessa tattica di DISINFORMAZIONE adottata nei confronti di Putin. Quando si defini' omofobo perche' aveva firmato un SACROSANTO provvedimente che vietava la propaganda gender ai minorenni .I media danno l'interpretazione che piu' conviene loro di questi provvedimenti giustissimi.La DISINFORMAZIONE e' alla base di quello che io non chiamo piu' POLITICALLY CORRECT,perche' di politico in questo complotto criminale contro l'umanita' non c'e' piu' niente.Preferisco chiamarlo HYPOCRITICALLY CORRECT. Ipocritamente corretto .

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 29/01/2017 - 12:48

E l'Arabia Saudita perchè no?!?

Renee59

Dom, 29/01/2017 - 12:51

Avete mai sentito questi schifosi buonisti dire una sola parola a favore dei cristiani perseguitati dai musulmani nel mondo? No, vero? Infatti non la sentirete mai, perché, sono in malafede.

ottobrerosso

Dom, 29/01/2017 - 12:52

Giustamente l'Arabia Saudita è considerato uno stato che combatte duramente il terrorismo islamico. Farsi vedere da uno bravo no eh?

angelovf

Dom, 29/01/2017 - 12:52

In Italia e in Europa ci vorrebbero dieci Tramp per aggiustare questa sporca situazione .

Renee59

Dom, 29/01/2017 - 12:54

Viva Trump e viva tutti quelli che sono dalla parte dei cristiani oppressi. Abbasso la sinistra demoniaca che é dalla parte dei propri boia.

angelovf

Dom, 29/01/2017 - 13:00

Bravo Tramp. Ci vorrebbero dieci di te in Italia.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 29/01/2017 - 13:09

BRAVO e CORAGGIOSO TRUMP, tutto ciò che fai È per il bene del Paese e Cittadini! GO AHEAD and make America Great!

moshe

Dom, 29/01/2017 - 13:11

Grande TRUMP !!! prosegui come un bulldozer sulla tua strada, tutte le persone intelligenti del mondo ne hanno bisogno !!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 29/01/2017 - 13:19

Forza Trump dacci dentro e che i tuoi "attributi" siano modello per i nostri flaccidi e corrotti politicanti.

Ritratto di DONCAMILLO7

DONCAMILLO7

Dom, 29/01/2017 - 13:23

e l'arabia saudita da dove venivano tutti gli attentatori no??? a no li il parruccone a troppi interessi.. le solite pagliacciate per i piu scemi che gli vanno dietro..

lambi65

Dom, 29/01/2017 - 13:26

ricordo che il PD prima del referendum insieme a Kyenge ha proposto di rilasciare entro 45 giorni carta d'identità a tutti i clandestini qualunque fosse stato il nome e la nazionalità dichiarati e scaricare i costi sul comune di residenza.

Emilio il pazzo

Dom, 29/01/2017 - 13:27

Si potrebbe avere un presidente cosi anche da noi per cortesia? Grazie

callaghan

Dom, 29/01/2017 - 13:30

FORZA DONALD STAI ANDANDO BENE. L' ISLAM E' INCOMPATIBILE CON LA DEMOCRAZIA E CON LA NOSTRA CULTURA , QUINDI SE NE STIANO DOVE SONO. SOLO I MENTECATTI AMANO L 'ISLAM E NON PER CASO LA SINISTRA MENTECATTA AMA L' ISLAM E ODIA NOI.

Dordolio

Dom, 29/01/2017 - 13:31

Ottimo articolo (soprattutto l'ultimo capoverso). Ma non servirà a nulla visto che la mente dei più è completamente ottenebrata dalla pseudo informazione (leggi propaganda) mainstream. Un sacco di gente è "in fuga" ad esempio, ma nessuno dei migranti che provi ad andare nei ricchissimi Paesi arabi degli sceicchi col petrolio. Si affrontano viaggi costosi e mortali lungo il deserto ma lì (a due passi) non ci va nessuno. E non ci si chiede naturalmente il perchè.... Una domanda che mai viene posta. E sì che ci sarebbe comunanza di lingua, religione e costumi. Veniamo imbrogliati ogni giorno, e pure impunemente.

biricc

Dom, 29/01/2017 - 13:31

D'altra parte come si fa a dar credito ai seguaci di uno che da anziano bavoso ha preteso di sposare una bambina di sei anni adducendo che ha ricevuto l'ordine dall'arcangelo Gabriele. Se tanto mi da tanto questi seguaci devono rimanere nei loro deserti a pensare che in effetti nella loro pseudo religione c'è qualcosa che non quadra.

GMfederal

Dom, 29/01/2017 - 13:36

DIO PROTEGGA IL SALVATORE!!!

cangurino

Dom, 29/01/2017 - 13:36

Trump è uno sporco razzista, secondo gli autentici democratici politicamente corretti, i quali nulla hanno da ridire su quei democraticissimi paesi arabi che accolgono a braccia aperte gli israeliani, o anche solo chi ha un timbro di Israele sul proprio passaporto

fisis

Dom, 29/01/2017 - 13:43

Trump è un segno divino. La prova che lassù qualcuno ci ama.

carlocarlo60

Dom, 29/01/2017 - 13:48

SONO D'ACCORDO AL 100%, L'UNICO PROBLEMA POTREBBE ESSERE QUELLI CHE OBAMA HA GIA' FATTO ENTRARE A MIGLIAIA.

tersicore

Dom, 29/01/2017 - 13:50

Premesso che una delle cose più positive del 2016 è stata la sanguinosa sconfitta della Clinton, mi pare di vedere in Trump un eccesso di zelo nel mantenere le promesse, il che può produrre errori e un esagerato clima di odio, già molto elevato.La costruzione del muro, poi, ha una valenza altamente negativa nell'inconscio collettivo, memore del muro di Berlino.E' anacronistico a mio parere. Un vero politico raggiungerebbe gli stessi fini con altri mezzi e con più tempo. L'errore è figlio della fretta, come dice Shakespeare..

clamajo

Dom, 29/01/2017 - 13:51

Cara PresidentA...qui di allarmante c'è solo la sua presenza in Parlamento...

Luigi Farinelli

Dom, 29/01/2017 - 13:51

Premesso che, personalmente, ritengo giusto siano stati legalizzati i visti di quei 200 che l'avevano già ottenuto (non sarebbe umanamente facile cambiare drasticamente una prospettiva già assicurata) è anche da rilevare come sia bastata la parola "Vittoria" twittata dal giudice De Romeo (con la legalizzazione di quei 200) per ringaluzzire i buonisti "progressisti" in lotta con Trump che ha tolto loro di mano il giocattolo dei "diritti per tutti" sempre e comunque. L'efficacia effettiva del provvedimento di Trump riguarda la stragrande maggioranza di coloro che ancora il visto non lo possedevano e sui quali è giusto e sacrosanto andare con i piedi di piombo. Altro che "venite, venite: c'è posto per tutti e poi si vedrà", stoltamente gridato urbi et orbi dai fans di Kalergi.

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 29/01/2017 - 13:57

Chissà perché dalla tv pubblica che è la RAI, e da quella non pubblica ma schierata politicamente come la 7 si sentono solamente voci e commenti di dementi buonisti supportati da ipocriti conduttori schierati nel buonismo dell'accoglienza islamica frequentatori dei salotti televisivi e lontani dalla realtà che vive la gente ma impegnati a fare disinformazione Ma se per la 7 può passare, visto che non sono obbligato a pagare cannoni e cretinate varie, non acquisto i prodotti delle ditte che pubblicizzano e li mantengono , per la RAI è differente, visto che con quel furto che prima si chiamava cannone e poi dei cialtroni le hanno cambiato il nome con, tassa di possesso ma il concetto è rimasto invariato, mantenere un barraccone mantenuti politicizzati che fanno solamente DISINFORMAZIONE

liberty+life

Dom, 29/01/2017 - 14:00

Prima i cristiani, e controlli stretti su chi arriva dai paesi islamici; rimandare a casa loro tutti gli irregolari. Sembrano ovvietà, no? Da chiedersi perché nessuno ci avesse pensato prima. Eppure i Bergogli e i parolai vari ci trovano da alzare il ditino. Mah.

Popi46

Dom, 29/01/2017 - 14:00

@Renee59: solo questi schifosi buonisti? E Ciccio Primero no?

diwa130

Dom, 29/01/2017 - 14:07

Ma lei lo sa quanti sono i rifugiati "islamici" in USA ? 55mila ! E questa e' una emergenza in un paese di 300 milioni di abitanti. Inoltre il processo di accoglienza parte nel paese di origine e dura 2 anni. Lei dice una marea di sciocchezze. Questo provvedimento e' illegale per quei cittadini stranieri che hanno la green card, infatti e' stato bloccato. Per quelli che hanno un visto, e' invece illegale la deportazione perché' non hanno commesso nessun crimine. Io ci abito in America e conosco le leggi sull'immigrazione molto bene. Quello che lei dice nei suoi punti e' largamente illegale ed incostituzionale. Ci sono anche dei limit agli ordini esecutivi, occorrono leggi e le leggi le fanno i legislatori (congress e senate) non il presidente. Si studi un po' la legislazione americana e pure la sua storia prima di blaterare sciocchezze e diffondere odio come fa lei. Si vergogni ! Lei getta cattiva luce su tanti giornalisti che fanno onestamente il loro lavoro.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 29/01/2017 - 14:10

---------- in nessuno dei numerosi attacchi terroristici degli ultimi 20 anni subiti dagli usa--- tra i quali la strage di San Bernardino-- quella alla chiesa di Charleston e al club di Orlando-- sono stati coinvolti terroristi dei 7 paesi della lista di Trump----quindi si tratta solo di fumo negli occhi per far esultare i mononeuronici destricoli di tutto il mondo---la verità è che Riyad non si tocca perchè ha minacciato il ritiro di circa 750 miliardi di dollari di asset negli Usa oltre a vendere centinaia di miliardi di dollari di titoli del debito sovrano Usa---trump fa il bullo solo contro i deboli---hasta

elio2

Dom, 29/01/2017 - 14:15

Perchè, perché non ce l'abbiamo anche noi un presidente come TRUMP? Invece degli abusivi decerebrati compagni, e dell'imam d'oltre tevere, entrambi nemici di coloro che dovrebbero difendere?

Templar

Dom, 29/01/2017 - 14:17

Bravo Trump, schifo nazioni unite.

Ritratto di frank.

frank.

Dom, 29/01/2017 - 14:26

Quindi vorrebbe dirmi che in Arabia Saudita Al Qaeda non è presente e l'integralismo islamico non sanno neanche cosa sia? Cavolo, il giornale è un possesso di notizie che nessuno ha!

blackone

Dom, 29/01/2017 - 14:26

in effetti è strano che non rientri anche l'Arabia Saudita... ah no, la famiglia regnante saudita ha mezza america in mano, non può farlo il povero Donald. Questa la dice lunga su come sono invischiati gli Stati Uniti nella politica mediorientale, e su come anche uno come Trump ha le mani legate, e come le aveva legate anche Obama, alla faccia del'"uomo più potente" del mondo... D0altronde, chi è causa del suo mal (e mi riferisco alle amministrazioni passate americane)...

blackone

Dom, 29/01/2017 - 14:28

@biricc: è lo stesso arcangelo che qualche secolo prima ha reso cornuto il buon Giuseppe, va da sé... iniziamo a NON credere a nessuna storiella mitologica, che sia cristiana, musulmana o induista...

Raoul Pontalti

Dom, 29/01/2017 - 14:40

Escluso l'Iran e in parte il Sudan gli altri sono paesi incasinati dagli USA con i loro interventi nell'ultimo ventennio. Cosa c'entri poi l'Iran con lo lo Stato islamico ((Daesh, ISIS o come lo si voglia chiamare), con al Qaida (invenzione USA) e al Nusra (creazione USA) Dio solo lo sa.

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Dom, 29/01/2017 - 14:44

Invece il PD oggi ci scaricato in Italia (Catania) altri 800 ? mandingo afro-maomettani senza arte ne parte ma sopratutto senza documenti. Qualche donna incinta , qualche bambino , ma 99% maschi 20 35enni che scappano dal lavoro in cerca di farsi mantenere dai pensionati Italiani e per iniziare la caccia alle nostre mogli e figlie.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 29/01/2017 - 14:48

MA; NESSUNO SI É MAI CHIESTO PERCHE I VARI SOROS; ROCKEFELLER E MURDOCK SONO CONTRO TRUMP? EBBENE I MOTIVI SONO 3! PRIMO LE GUERRE SOVVENZIONATE DAL CLUB BILDERBERG PRODUCONO PROFITTI MILIARDARI! SECONDO IL CONTROLLO SUI POZZI PETROLIFERI PRODUCONO CONTROLLI SUI PREZZI DEL PETROLIO PER RICATTARE I PAESI INDUSTRIALI! TERZO LA VENDITÁ DI ARMI AI TERRORISTI PRODUCE PROFITTI MILIARDARI É TERRORIZZA IL MONDO! É TUTTO QUESTO SUCCEDE SOLO PER FAR GUADAGNARE TRILLIONI A POCHE PERSONE COME I SOROS! ROCKEFELLER! MURDOCK É COMPANY! E SE CI SONO QUALCHE MILIONE DI MORTI COSA VOLETE CHE SIA QUESTO, IN CONFRONTO AI MOLTI MILIARDI DI PROFITTO GUADAGNATI DA QUESTI MAGNATI?!.

liberty+life

Dom, 29/01/2017 - 14:54

diwa130 - le sue sono le tipiche argomentazioni del parolaio. Il problema è molto più semplice di come lo prospetta lei. Il terrorismo lo si vuole risolvere, o no? Se sì, bisogna controllare tutti gli islamici in entrata, e anzi estendere i controlli stretti anche a tutti gli islamici già residenti. Se invece non lo si vuole risolvere, allora lasciamo tutto com'è, e le sue elucubrazioni vanno bene come quelle di qualsiasi altro parolaio.

alox

Dom, 29/01/2017 - 14:56

LASCAITELO LAVORARE..CHE PASSA L'ESTATE IN GALERA!

andong

Dom, 29/01/2017 - 14:57

La motivazione del terrorismo non è proprio verissima, le due maggiori nazioni da cui sono arrivate negli ultimi 30 anni terroristi che hanno fatto male a qualche cittadino americano sono Arabia Saudita e Afghanistan. Queste due nazioni non rientrano nel blocco di Trump. Le 7 cittadinanze bloccate invece non hanno avuto terroristi contro gli USA. La maggior parte delle stragi di cittadini usa sono fatte da cittadini usa visto che lì le armi si comprano al supermercato. Diciamo pure che non vuole i musulmani e ha deciso di rompergli le scatole con un improvviso blocco "temporaneo" delle frontiere. Per esempio la stragrande maggioranza degli iraniani sono brave persone che lavorano, dividerli dalle famiglie per tre mesi dall'oggi al domani serve solo a generare caos e scoraggiarli per mandarli via. Il punto 1 dell'articolo è una grande boiata, se uno vuole modificare le procedure lo può fare senza bloccare gli ingressi e/o senza fare le cose dall'oggi al domani dividendo le famiglie.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 29/01/2017 - 15:03

Strano che tra i Paesi da escludere non ci sia l'Arabia Saudita che è la prima fornitirice di armi e soldi ad ISIS e ad Alkaida. Non cominciamo a prendere granchi per favore.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 29/01/2017 - 15:06

L'Islam invece dovrebbe essere nominato eccome. E'Äla fonte prima di tutte le follie e caos dato il fanatismo che lo permane. Non è una religione, ma un modo di vita criminale per cui solo gli idioti possono pensare che esista un Islam moderato. I Musulmani che fanno attentati sono quelli che prendono l'Islam sul serio.

Ritratto di danutaki

danutaki

Dom, 29/01/2017 - 15:09

@diwa130.....si informi meeglio....il visto sul passaporto non da "diritto" all'ingresso nel Paese il cui Consolato l'ha emesso....solo gli ufficiali dell'immigrazione consentono l'ingreesso dopo aver valutato requisiti addizionali....per sua opportuna informazione in USA vive oltre 1 milione di iraniani sciiti, oltre ad un altro milioncino di sunniti di varie nazionalitá....se poi lei vive negli USA a maggior ragione dovrebbe rendersi conto delle cavolate che dice...oppure é uno di quelli stigmatizzati da Poletti ??

Dordolio

Dom, 29/01/2017 - 15:14

Diwa, non entro nel merito di quanto lei dice, ma in questo momento mi pare difettino alquanto "i giornalisti che fanno bene il loro lavoro". Ne ho sentito uno importante in tv ieri (della carta stampata) dire la madre di tutte le scempiaggini: richiamare alla memoria gli USA terra di asilo, senza il quale gli ebrei non si sarebbero salvati dalla persecuzione nazista. Ha quindi bestemmiato il politicamente corretto (equiparando in pratica gli ebrei in fuga a furbastri e potenziali terroristi). Ma gli è stato concesso (nessuno ha fiatato): cosa non è concesso dire pur di gettare fango su Trump.

Dordolio

Dom, 29/01/2017 - 15:22

A molti sembra sfuggire il vero senso di quanto sta facendo Trump. Lui sta mandando PRECISI SEGNALI che chiunque è in grado di comprendere su come intende far girare il vento (o la tempesta) per l'avvenire prossimo venturo. Non potrà MAI dire esplicitamente "voglio l'Islam fuori dagli zebedei" per ovvie ragioni. Ma si muove esattamente in questo senso. Non per nulla ha dichiarato di voler avere un occhio di riguardo per i profughi CRISTIANI. Se si ha voglia di intendere, lo si intende! Che poi ci riesca effettivamente è un altro discorso. Ma la nostra battaglia di Poitier comincia proprio qui!

gigetto50

Dom, 29/01/2017 - 15:25

....Arabia Saudita...interessi di Trump....certo é vero...ma sono interessi dell'America...si é mai vista l'America strattonare i sauditi in precedenza? Mai....e chissà perché....sono, questi, anche i meno aggrressivi contro Israele e non é cosa da poco....

Dordolio

Dom, 29/01/2017 - 15:27

@danutaki: pura verità. E la realtà sugli ufficiali immigrazione USA che lei cita è esattamente quella. Anni fa fece non scandalo (ma suscitò comunque curiosità) la vicenda di un marittimo veneziano con regolari bolli, visti e patacche varie sul passaporto a cui venne impedito l'accesso negli USA. La motivazione fu "che era albanese" (??!?!?). Non ci furono santi, e tornò in mezzo alle gondole. E zitto, pure.

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Dom, 29/01/2017 - 15:29

x Leonida55 gentile signore mi è d'obbligo citare che la compagna Merkel proviene dalla DDR Deutsche Demokratische Republik un paese, anzi il paese Demokratische per eccellenza! C'è un solo (!) piccolo ma: i Vopos, ddr come la allora sempre silente Merkel, ammazzavano impunemente al muro di frontiera! I Vopos non volevano che i "migranti" fossero sfruttati nella crassa e grassa Bundesrepublik Deutschland, perciò li ammazzavano, molto democratico no? Che cuore? Alla Bundesrepublik manca il termine Demokratische , per cui ... come fa la Kanzlerin Merkel a guidare una Deutschland priva del termine Demokratische, sì caro a lei nella sua bella gioventù? ... Libertà o cara

gigetto50

Dom, 29/01/2017 - 15:29

...benissimo Trump....avanti cosi'....

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Dom, 29/01/2017 - 16:06

x Leonida55 Gentile signore "mi consenta" di ricordare che Leonida, glorioso re Spartano dei suoi tempi, esempio grande di amor patrio per i nostri giorni, è un nome che è "politically incorrect" oggi. Infatti lo "sprovveduto" re, non prevedendo il glorioso evolversi della cultura nostra nazionale, imbracciò le armi contro quei colti ed amabili persiani di Serse che visitavano la Grecia ad ammirarne le bellezze! Indossavano armi ed armature ma per la gita culturale, migranti ma pure turisti! Sarebbero rimasti, in dono recavano navi armate a battaglia. I greci, barbari, bifolchi ed inospitali gliele affondarono a Salamina! C'è del razzismo in ciò? Forse sì! Ma che ci sia di esempio! Questi, oggi come allora, definiti migranti ad arte dai nostri progressisti illuminati, sono guerrieri di una guerra moderna, asimmetrica e mortale! Ma ai cultori illuminati del mondialistico NWO, dei morti nulla cale, né hanno suscitate tante di guerre nella Storia! ... Libertà o cara con simpatia

giza48

Dom, 29/01/2017 - 17:14

Dopo queste spiegazioni è difficile dare del razzista al nuovo presidente, ovviamente ci sono dei casi umani da gestire come le persone in transito negli aeroporti o partecipanti a convegni, cose gestibili. Solo il riflesso pavloliano della "sinistra paracomunista-buonista-obamiana" fa loro perdere la testa dicendo un sacco di cxxxxxe e menzogne. Vedrete care anime candide american-democratiche ed europee costui è uno tosto, con idee chiare e semplici, comprensibili a tutto il popolo americano che lo ha votato. Vi seppellirà con il suo "prima l'America"

Opaline67

Dom, 29/01/2017 - 20:39

QUALSIASI PERSONA SANA È ANTISLAMICA. TRUMP È LA NOSTRA UNICA SPERANZA

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Dom, 29/01/2017 - 21:44

Grazie dott. Gian, il suo articolo è fondamentale per comprendere le vicende yankee nella loro genesi ed evoluzione politica. I progressisti nostrani (nostrani no! piuttosto sinistra casta di potere sinistro, pro NWO, portatore, questo, delle amarissime esperienze già vissute nell'URSS) questi progressisti, forti delle parole di Lenin: "Le menzogne sovietiche sono verità rivoluzionarie" ammanniscono la realtà a loro piacere, dimenticanze e stravolgimenti inclusi! Esperienza vissuta ad Amatrice dove l'on. Bersani non si è mai visto ed è mancato l'apporto della sua carriola! A L'Aquila intonsa fino a sera inoltrata ed oltre! Ha colpito, esemplare per comprenderli appieno: i progressisti del NWO, il giudice elevato a giustiziere delle voglie lubriche del popolo yankee, popolo sovrano che ha osato, inaudito e vergognoso, rende Trump il Commander in Chief! ... Libertà o cara

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Lun, 30/01/2017 - 15:51

Trump vuol rendere i confini degli Stati Uniti più sicuri e salvaguardare il popolo americano dai rischi terroristici. Non si capisce invece cosa vogliono donnine isteriche che si sentono "indignate", senza motivo, dalla sua elezione e gli antagonisti- masochisti che inneggiano all'accoglienza indiscriminata e alla più disordinata promiscuità futuribile: sociale, culturale, religiosa. E' la via più facile alla destrutturazione dell'identità dei popoli.