Il Cav inchioda Renzi: "Ma modifica del Senato ​è riforma autoritaria"

Il leader di Forza Italia: "Metteremo in campo una crociata di democrazia"

"Questo è un governo non eletto, con una maggioranza uscita con il trucco dalle elezioni del 2013, un esecutivo che si appoggia su 130 parlamentari dichiarati incostituzionali e, al Senato, su 32 senatori eletti con il centrodestra e divenuti stampelle del governo del centrosinistra". Nel suo intervento telefonico durante la Festa della Libertà a Bologna, Silvio Berlusconi mette subito in chiaro che nei prossimi mesi Matteo Renzi avrà del filo da torcere. Perché le riforme costituzionali che intende approvare a colpi di maggioranza sono "autoritarie" che penalizzano gli elettori.

È un attacco duro all'intero governo quello del leader di Forza Italia che non crede agli annunci sui prossimi tagli delle tasse: "Di fronte all'attuale situazione economica, un piano di riduzione delle tasse non credo possa accadere: non credo le tasse possano diminuire". Nonostante il calo del costo del petrolio, un abbassamento del valore dell'euro, gli interventi della Bce e un rialzo delle stime sul pil, "l'economia italiana è ancora vicina alla crescita zero - ha osservato -: il governo non può vendere questi piccoli miglioramenti come meriti propri. Annunciare sgravi fiscali senza dire quali spese tagliare - ha aggiunto Berlusconi - è una presa in giro. In questa situazione ogni taglio è impensabile".

Una delle priorità dell'ex premier è riportare al voto i cittadini italiani disillusi dalla politica. In vista di nuove tornate elettorali "metteremo in campo una crociata di democrazia per far tornare le persone a votare e consentire a Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega di raggiungere una forte maggioranza che permetta di sconfiggere la sinistra alle prossime elezioni", ha detto durante il collegamento telefonico.

Ma l'attacco più duro è sulle manovre dell'attuale maggioranza per arrivare ad una veloce approvazione delle riforme costituzionali: "La riforma del Senato è una riforma autoritaria che sottrae ai cittadini la possibilità di votare e in democrazia non è mai una buona cosa. Cosa potevano aspettarci da una maggioranza parlamentare - ha sottolineato l'ex premier - che non ha vinto le elezioni e da un premier che non è mai stato candidato e non è mai stato eletto?". Le riforme del governo Renzi, rappresentano "una disillusione - ha detto ancora Berlusconi - perchè doveva nascere la terza Repubblica invece tutto si è risolto in una disputa all'interno del Pd, in una resa dei conti all'interno del partito. Una sorta di pre-congresso del Pd su riforme - ha concluso - che appartengono a tutti i cittadini. Noi non ci siamo pentiti di esserci chiamati fuori un anno fa da questo teatrino".

Commenti
Ritratto di andrea626390

andrea626390

Dom, 20/09/2015 - 20:42

Ma come cavolo scrivete? Il Cav (che cavaliere non è) INCHIODA Renzi? Peccato che il pregiudicato (questo lo è) si dimentica che questa riforma, così com’è. Lui l’ha fatta votare sia al Senato che alla Camera. Controllare, please ……

Totonno58

Dom, 20/09/2015 - 21:20

Quindi inchioda se stesso, visto che l'ha voluta lui!:)

Ritratto di balonid

balonid

Dom, 20/09/2015 - 21:23

Ha ragione andrea626390. I contenuti dell'articolo sono fuorvianti. Noi continuiamo a chiederci che uso ha fatto Berlusconi dei nostri voti e delle sue maggioranza schiaccianti in parlamento.

Gianca59

Dom, 20/09/2015 - 22:00

Inchioda...."Ma modifica del Senato ​è riforma autoritaria": sono sicuro che Renzi se la fa sotto davanti a queste parole ....

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Dom, 20/09/2015 - 22:02

Scrivilo sui muri

elpaso21

Dom, 20/09/2015 - 22:11

Ma che razza di destra rappresenta Berlusconi? La destra è autoritaria, lui è sempre stato un uomo di paglia.

elpaso21

Dom, 20/09/2015 - 22:14

Magari Berlusconi si fosse mostrato autoritario lui. E ora si lamenta che il premier è autoritario. E' stato il premier più debole della storia ed ha incassato solamente bastoste.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 20/09/2015 - 22:18

La inchioda con la sinistra e la schioda con la destra. Per interpostra persona. Con la gentile collaborazione dei verdiniani dimessisi ad arte da FI.

Edmond Dantes

Dom, 20/09/2015 - 22:24

@andrea626390. Certo che l'ha fatta votare, nonostante le modifiche introdotte da frottolo. C'era un patto da salvare. Ma quando frottolo ha fatto capire che gli accordi per lui erano carta straccia Berlusconi non ha fatto altro che prenderne atto. Ha presente il patto di non aggressione russo-tedesco? Hitler ne ha fatto carta straccia, i russi si sono leggermente incazzati fino a fargli fare la fine che tutti sappiamo. Non mantenere i patti porta male.

Alessio2012

Dom, 20/09/2015 - 22:58

Berlusconi non è stato debole... ha solo evitato una guerra. Se scendeva sullo stesso piano dei comunisti oggi erano bombe che saltavano in tutta Italia...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 21/09/2015 - 00:06

Malgrado gli inviti di Berlusconi al buon senso abbiamo tra i politicanti di destra una accozzaglia di codardi arrampicatori sociali. I TRADITORI DEL PATTO CON GLI ELETTORI SONO TRADITORI DEL PAESE. Verdini, Alfano, Fitto, Fini, Casini, Follini e tutti i miserelli che li hanno seguiti SONO GLI INCAPACI CHE HANNO PERMESSO AL COMUNISTA DI FARE IL GOLPE CONTRO BERLUSCONI E ALLA MAGISTRATURA DI LINCIARLO. Solo dei pavidi conigli potevano permettere che quelli del PD governassero senza rispettare la Costituzione.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 21/09/2015 - 00:55

Adesso lo "inchioda"? Adesso che ha perso per strada più di 200 parlamentari che LUI aveva nominato e noi votato? Adesso che ha già votato sia la non eleggibilità del senato, sia il premio di maggioranza alla lista? Ma dov'era Forza Italia quando sono state votate queste cose? Ah, già, dimenticavo... erano tutti in gita in via del Nazareno... E tanto per rinfrescarci un attimo la memoria, chi ha votato, a suo tempo, la legge fornero, il pareggio di bilancio, e tutti gli altri sciagurati provvedimenti targati monti e letta? Chi faceva parte delle "grandi intese"? E di quale partito era segretario, prima di mettersi in proprio, l'attuale ministro degli interni? No, vi prego, ricordatemelo, perché a volte tendo a dimenticarmeli certi particolari!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 21/09/2015 - 00:59

Mi consenta, signor Edmond Dantes... ma chi glielo ha chiesto di firmare questo "patto da salvare"? Non certo coloro che, in buona fede, lo avevano votato non perché stringesse patti con il pd, ma perché facesse OPPOSIZIONE. Ha presente il significato di questo termine? Lei forse sì... ma qualcun altro sembra di no.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 21/09/2015 - 01:02

Alessio2012 quando votiamo per un condottiero non lo facciamo perché ci fornisca la vaselina, ma perché guidi le nostre truppe. Se gli altri sono prepotenti, devi combatterli, non sottometterti per evitare guai.

Ritratto di hermes29

hermes29

Lun, 21/09/2015 - 02:18

Silvio ti scongiuriamo: rilascia interviste dove non possono mandare in onda le tue telefonate, perchè non si capisce bene quello che dici, al punto da essere fastidioso continuare ad ascoltarti: lo so che lo fanno apposta, ma RITORNA IN DIRETTA, presentandoci la tua erede: MARINA. SOLTANTO COSI POSSIAMO RICRESCERE NEI SONDAGGI, E VINCERE LE ELEZIONI. LASCIA SALVINI.

seccatissimo

Lun, 21/09/2015 - 06:16

X EDMOND DANTES. In linea di massima hai perfettamente ragione: non mantenere i patti porta male. Tuttavia, per trovare un caso specifico non è necessario scomodare l'Adolfo di 74 anni fa, perché vi è un esempio pure molto eclatante assai vicino a noi: il "solenne" trattato di amicizia e di non aggressione tra l'Italia e la Libia, di cui il firmatario Berlusca fece vigliaccamente carta straccia non molto dopo la stipula. Per quanto riguarda il patto di non aggressione russo-tedesco mi risulta però che quel "buon uomo" dell'Adolfo abbia deciso di farne carta straccia e di attaccare la Russia di Stalin (altra "anima buona") prevenendo questa perchè anche la Russia risultava avesse deciso di fare, a sua volta, carta straccia di quel trattato e si stava alacremente preparando ad attaccare la Germania.

Iacobellig

Lun, 21/09/2015 - 06:19

QUESTO GOVERNO DEVE CADERE ALMENO EVITIAMO CHE MOLTI PARLAMENTARI NON RAGGIUNGANO LA PENSIONE NEL 2018 IMMERITATAMENTE E A DANNO DEGLI ITALIANI!!!

Duka

Lun, 21/09/2015 - 07:27

Il Cav. NON inchioda più nessuno. Ha avuto tempo e modo a sufficienza di ritirarsi a "padre nobile" e lasciare che altri preparati,ce ne sono tanti, e più giovani continuassero nell'impegno politico del partito. Non lo ha voluto fare e ora ne raccoglie i miseri frutti della disfatta totale.

Alessio2012

Lun, 21/09/2015 - 15:28

Il problema è che il Cav ai comunisti gli da' lavoro... come dimostrato con programmi tipo Le Iene, dove persino Luca e Paolo (il rumeno) l'hanno sputtanato, a Sanremo...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 21/09/2015 - 23:30

# seccatissimo 06:16 Se lei smettesse di riportare ciò che le insegnano i trinariciuti e si informasse sulla realtà delle cose SCOPRIREBBE CHE FU IL SIGNOR NAPOLITANO A INSISTERE ED IMPORRE A BERLUSCONI L'ATTACCO ALLA LIBIA DI GHEDDAFI. BERLUSCONI ERA CONTRARIO.