Boschi: "Presto arriveranno altri parlamentari in Italia Viva"

L'ex ministro ha sottolineato che i dati attuali dei sondaggi sono molto positivi per il suo partito. E ha aggiunto che "aver evitato l'aumento dell'Iva credo che sia già un risultato importante"

Ha detto che arriveranno altri deputati e senatori in Italia Viva. Parole di Maria Elena Boschi, capogruppo alla Camera del nuovo partito fondato da Matteo Renzi. Ospite del programma Stasera Italia in onda su Rete4, la Boschi ha precisato che “nei prossimi giorni, nelle prossime settimane arriveranno altri parlamentari in Italia Viva. Non so se arriveranno dal Pd - ha proseguito l’ex ministro -. Sicuramente ci sono altri parlamentari interessati che arriveranno”.

Sulle possibilità di crescita del suo partito, la Boschi ha sottolineato che i dati attuali dei sondaggi sono molto buoni per una formazione politica nata poco tempo fa, senza una sede e senza un simbolo. Un recente rilevamento di Emg Acqua dava il partito di Renzi intorno al 4%, mentre un altro di Swg lo stimava al 5,3%. L'ex ministro ha aggiunto che “tra un anno staremo a parlare di altri numeri”.

Parlando del leader di Italia Viva, la Boschi ha evidenziato che Renzi è una persone che ha dei difetti come tutti e “non è cattivo, anzi. Credo che sia molto più generoso di quanto si immagini”. Secondo la deputata, l’ex premier ha il difetto di prendere le decisioni in modo rapido e questo può essere un limite, mentre un pregio è quello di avere una visione di futuro per il nostro Paese, che si concretizza nel coraggio dell’azione politica.

Infine, sulla manovra economica varata dal governo, la Boschi ha detto che "aver evitato l'aumento dell'Iva credo che sia già un risultato importante, abbiamo evitato che aumentassero alcune tasse come quella del telefonino, del gasolio e le agevolazioni per l'agricoltura".

Commenti

Alfa2020

Ven, 18/10/2019 - 11:30

ma non cambia niente noi Italiani sappiamo chi siete

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 18/10/2019 - 12:25

Bisticci all'interno del gruppetto di partiti comunisti. Una squallida lotta elettorale fra partiti pronti all'abbraccio politico nazionale. Cose italiane, con poca serietà, almeno di fronte al Popolo che li deve giudicare.