Buco nell'acqua sul Colle: già a rischio il secondo giro

Una settimana in stand-by potrebbe non bastare per trovare la quadra. L'ipotesi: incarico al grillino Fico

«Che idea vi siete fatti?». Con tutti Sergio Mattarella è sintetico e istituzionale come impone il ruolo, rigoroso al punto che alle delegazioni che si succedono nella due giorni di consultazioni al Quirinale non viene offerto neanche un caffè o un bicchiere d'acqua perché la priorità è quella di districare una matassa che a oltre un mese dalle elezioni è ancora molto, troppo aggrovigliata. Tanto ne è cosciente il capo dello Stato che in questo primo giro vuole semplicemente ascoltare cosa hanno da dire i suoi interlocutori, senza esporsi in alcun modo ma comportandosi da semplice notaio.

D'altra parte, il buco nell'acqua era più che annunciato. Inutile, dunque, giocare carte che al momento è bene restino scoperte. Il problema, però, è che questo primo giro a vuoto è andato ben peggio di quanto ci si aspettasse, con il quadro che sembra andare complicandosi ancora di più. Non è un caso che a sera dal Quirinale filtri una certa preoccupazione per uno scenario che diventa sempre più difficile ricomporre nel breve periodo. Il fatto che il secondo giro di consultazioni vada slittando verso la seconda metà della prossima settimana - mercoledì dovrebbe essere ufficializzato il calendario - potrebbe dunque non bastare a far posare la polvere.

Luigi Di Maio, infatti, rimane sostanzialmente sulle sue posizioni, limitandosi a una piccola, piccolissima apertura quando chiede «un incontro con Salvini e Martina». Il leader grillino, insomma, evita di ribadire il suo veto su Matteo Renzi e si dice pronto ad un confronto. Un dialogo che al Colle auspicano da tempo, convinti che sull'asse M5s-Pd e con i voti anche di Leu possa alla fine nascere un governo. Uno scenario su cui sarebbero pronti a convergere una parte dei dem, soprattutto se Di Maio facesse un passo indietro a favore di un premier vicino ma non organico ai Cinque stelle (ieri il presidente dell'Anci Antonio Decaro sosteneva con forza in diversi incontri il nome di Giovanni Maria Flick, ministro della Giustizia nel governo Prodi ed ex presidente della Consulta). Il problema è che sul punto Renzi resta inflessibile e, comunque vada l'assemblea del Pd convocata per il 21 aprile, difficilmente l'ex segretario dem non avrà dalla sua almeno quel pugno di parlamentari che sono sufficienti a far saltare lo schema con il M5s. I numeri, infatti, sono impietosi e dicono che un governo con Cinque stelle, Pd e Leu si fa con tutto ma proprio tutto il gruppo dem. Insomma, non certo contro Renzi.

Il punto, però, è che con il centrodestra in subbuglio - ieri il diverso approccio sul Colle di Silvio Berlusconi e Matteo Salvini ha prodotto una frizione piuttosto profonda - al Quirinale continuano a guardare al M5s come la via più percorribile. Con Di Maio o senza, se il leader grillino non dovesse riuscire a sbloccare l'impasse. Ecco perché la prossima settimana Mattarella potrebbe decidere di aprire il secondo giro di consultazioni ascoltando di nuovo i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Maria Elisabetta Casellati. Un modo per invitare Di Maio ad una maggiore disponibilità al dialogo, visto che potrebbe non essere l'unico esponente grillino ad essere incaricato.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 06/04/2018 - 08:35

C'è una altissima presenza di ipocrisia in questa realtà politica! E non riguarda Berlusconi e neppure il centrodestra! L'ipocrisia lo avverto in modo nettissimo e chiarissimo provenire dal PD e dal M5S!!! sono costoro a impedire la realizzazione di un governo che abbia utilità per il paese, e lo fanno ipocritamente perché il M5S si spaccia come arrivato primo alle elezioni, mentre invece è arrivato secondo, e non vuole rispettare nemmeno il vincitore, proponendo alleanza soltanto con la lega, fregandosene degli altri due. Il PD invece, dopo aver cercato di trascinare Berlusconi a un governo con violenti ricatti ora si fa passare per vittima facendo credere che sia il centrodestra a ricattare.... vigliacchi! Delinquenti! Siete posseduti dal demonio!

routier

Ven, 06/04/2018 - 08:42

Se i M5s vogliono uscire dall'impasse dovrebbero provare a cambiare cavallo. Di Maio non pare una scelta giusta. Ci vuole un politico serio e "navigato", non un ragazzino inesperto e presuntuoso.

ginobernard

Ven, 06/04/2018 - 08:56

non capisco questa ostinazione contro il doppio turno con ballottaggio ... è una formula che di sicuro da un governo. Ma se gli stessi partiti sono già più o meno divisi al loro interno che cosa ... io credo che dietro ci sia il terrore di perdere lo scranno. Evvabbè ma allora il caos è l'unica soluzione. Proprio quando un governo durissimo sarebbe il minimo. Bisogna educare sia i migranti che gli indigeni.

bombero76

Ven, 06/04/2018 - 09:07

Se facciamo un altro governo con pezzi recuperati qua e la al di fuori di quelli votati io credo che questa volta il POPOLO SOVRANO si incaz.... , perché perder tempo in inutili discussioni tanto nessuno vuole recedere dai suoi passi a torto o ragione , la soluzione migliore e veloce sarebbe quella di modificare la legge elettorale che esca un vincitore sicuro e chi cambia casacca subito a casa e poi subito a VOTARE l'azienda ITALIA non può permettersi di perdere tempo!!!! FORZA PRESIDENTE !!!!!

blackbird2013

Ven, 06/04/2018 - 09:29

Solite manfrine, niente di nuovo. A proposito, cari giornalisti el Giornale, lo sapevate che "G8, 28 condannati per le torture di Bolzaneto: dovranno versare 6 milioni di risarcimento" ? Questa, è una splendida notizia. Finalmente un pò di giustizia vera. Buona giornata..

Giorgio5819

Ven, 06/04/2018 - 09:30

Il burattinaio temporeggia sperando che gli aggiustino le vecchie marionette...

giovanni951

Ven, 06/04/2018 - 09:35

sterzata dem di B e preferenza di S per il m5s......a breve un bel ciaone tra i due e si fa il governo.

arkangel72

Ven, 06/04/2018 - 10:09

fanno tutti il gioco delle parti, presidentello compreso. Tra pochi giorni il governo Gentiloni varerà una nuova manovra con nuove tasse la cui paternità, in questa situazione di impasse, sarà attribuita solo al PD che comunque ha già le ossa rotte. Tutti gli altri criticheranno, ma alla fine ne usciranno immuni. In seguito, troveranno un accordo o per un governo a termine o per nuove elezioni...ma intanto il popolo sarà servito!

flgio

Ven, 06/04/2018 - 10:10

Il problema principale resta la UE e la verità sui conti Italiani 1) Sal+m5* = contra UE e pro Italia 2) Pd+B = pro UE e pro i fatti propri Ovvio che la Ue preferisce mercanteggiare la situazione 2) così come è stato fatto fino a ieri da 5 anni e chi se ne importa del popolo bue. Gli Inglesi sono avanti e hanno già capito come andrà a finire la storia!

scapiddatu

Ven, 06/04/2018 - 10:14

O'Guagliunciello (Di Maio): si alleerebbe col Pd, Lega,... come se comparissero tutti omogenei. Per cui tutto fa brodaglia. Il docente Aldo Giannuli (Università degli Studi di Milano), confidente e apportatore di spunti, amico di Casaleggio consulente del M5S se ne va dal movimento ,«sintetizzando» (si respira una sgradevole aria di totalitarismo). Il M5S: scomparirà..... Ha preconizzato valzer di promesse (vedi PD-Renzi), cifre iperboliche . Da dove tireranno fuori tutti questi soldi? L'elettorato avrà anche la memoria corta, ma non penosamente avrà obliato le promesse...... Ogni promessa è debito!!! (M5S, Cavallo di Txxxa per trascinare il Paese al disastro).

d_amod1

Ven, 06/04/2018 - 10:20

Che idea mi sono fatto? Dunque, dopo il 21 c.m. con o senza Renzi, tutti contro l'M5S con o senza Gentiloni ma con la Troika. E non si vota più per il bene di tutti. Ce la siamo voluti e ce la meritiamo. I voti sono come l'alcool, fanno perdere la testa!

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Ven, 06/04/2018 - 10:40

Buco nel'acqua cercato, annunciato, vezzeggiato, IMPOSTO AI VOTANTI. Grazie Berlusconi, ce ne ricorderemo. MA PERCHE` DIAVOLO una coalizione VOTATA IN QUANTO TALE SI PERMETTE DI ANDARE ALLE CONSULTAZIONI IN ORDINE SPARSO??? A questo punto, il giorno che Frega Italia uscita` dal Parlamento, io MI SBRONZO!!

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Ven, 06/04/2018 - 10:50

Una grande azienda, ad esempio una multinazionale che fatturi miliardi di euro, di regola ha nelle proprie posizioni apicali figure di elevato spessore professionale ed di comprovata esperienza per poter affrontare in modo efficace i propri competitors ed allo stesso tempo per ottenere la necessaria fiducia dal mercato e dai propri azionisti. Facendo i debiti confronti è lecito domandarsi se un Paese importante come l’Italia, che malgrado l’enorme zavorra rappresentata dalle Regioni meridionali, riesce ad essere una delle principali economie del pianeta, possa essere governata da chi non ha alcuna esperienza di gestione o amministrazione, sia in ambito pubblico che in ambito privato. È possibile che il primo che passa per la strada, che nella propria vita non è nemmeno risuscito a terminare gli studi, sia la persona idonea per presiedere al governo del Paese?

ettore80

Ven, 06/04/2018 - 11:14

Di Maio ha pienamente ragione, che coalizione è con programmi diversi e con l'indicazione dell'eventuale premier diversa? Tanto è vero che sono andati alle consultazioni in ordine sparso...Salvini non può mollare B perchè sotto ricatto, certamente non per fedeltà. La cosa più naturale sarebbe un accordo tra i due maggiori partiti e, vi dò una notizia , il secondo non è la Lega.

Atlantico

Ven, 06/04/2018 - 11:15

Sin dal 5 marzo penso che gli italiani abbiano scelto molto nettamente: vogliono un governo 5 stelle - lega. E io spero che lo abbiano presto.

ettore80

Ven, 06/04/2018 - 11:18

@blackbird2013, che dici esortiamo questi "giornalisti" a dare maggior risalto anche al fatto che Scopelliti è in carcere? è solo distrazione...

Atlantico

Ven, 06/04/2018 - 11:20

Mortimertopo, credevo avessi fatto le scuole dell'obbligo, di coalizioni non ce ne sono come si è visto ieri con Salvini, Berlusconi e Meloni al Quirinale ognuno per conto suo e come vi si diceva da ben prima delle elezioni. Il primo partito italiano è il 5 stelle, il secondo il PD, il terzo la lega e il quarto FI. Comprati un bignamino di aritmetica, per te la matematica è troppo ardua da dominare, dai ! :-))

steluc

Ven, 06/04/2018 - 11:21

Huck10 , li abbiamo avuti i professoroni, Prodi Monti Letta , abbiamo avuto un conte , Gentiloni , e un semplice laureato in giurisprudenza ( di questi forse il meno peggio) , Renzi . I danni sul tessuto economico e sociale sono sotto gli occhi di tutti. La casalinga di Voghera avrebbe fatto meglio , ma la domanda è: vogliamo continuare ad esser schiavi e pure invasi, o no? perché così ci hanno ridotto le elites...

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Ven, 06/04/2018 - 11:37

@ steluc, lei magari si fa curare da un medico senza laurea, in bocca la lupo!

vinvince

Ven, 06/04/2018 - 11:40

Napolitano ha già dato le istruzioni e tutto andrà secondo il suo pensiero.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 06/04/2018 - 11:44

ATLANTICO...... lei non si rende conto di quello che ha scritto! non ha neanche la minima idea di come si deve comportare in politica :-)

ginobernard

Ven, 06/04/2018 - 11:47

beh la strategia dei 5S è chiara ... cercare di spezzare il CDX e lusingare Salvini con qualche ministero. Più che il reddito di cittadinanza preoccupa la posizione dei 5S in tema di immigrazione. Credo continuino sulla falsariga del PD. Di Maio lo vedo tanto simpatico alla CEI. Il problema in fondo è proprio la CEI che ci vuole trasformare come un paese del terzo mondo. I paesi più evoluti hanno pochi cittadini non masse oceaniche. Vediamo gli italiani quando e se si sveglieranno dal torpore.

Duka

Ven, 06/04/2018 - 11:54

Eppure in una foto vista sui quotidiani di questa mattina al colloquio con i 5S sembravano tutti molto ridanciani alla faccia degli italiani che non arrivano a fine mese.

tonipier

Ven, 06/04/2018 - 11:59

"SIAMO ALLE VECCHIE GIA' PROVATE STORIE?" Ripetiamo stesso discorso? oppure questo " PRESIDENTE si muove diversamente?....restiamo ad osservare. Se dicessimo che tutto in Italia è perduto e che le sorti della nostra Patria sono irrimediabilmente segnate,m che non vi è possibilità di imprimere una svolta rigeneratrice storico-politica della bnostra società, indubbiamente dimostreremmo di esserci incamminati nel deserto del pessimismo, di esserci fatti lambire dalle spire della rassegnazione e della ineluttabilità del destino, si tratterebbe di atteggiamento di desolazione, di immotivata ripulsione del principio secondo il quale finchè vive, l'uomo deve sempre sperare in un destino migliore. " Dum Spiro, spero" è l'improvviso nel quale l'uomo coraggioso deve rimanere affisato per non cedere b alla disperazione del fatalismo attuale.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Ven, 06/04/2018 - 15:29

Meglio che se ne vadano all'osteria. E' più utile e produttivo.