Da Caserta a Gorizia, la mappa dell'asilo facile che aiuta gli immigrati

La commissione campana dice sì nel 95% dei casi. Ad Ancona il record di dinieghi. È una giungla

Percentuali bulgare di concessioni a Caserta, record di dinieghi ad Ancona. Risalendo su fino a Gorizia i sì incassati dai rifugiati tornano a salire fino al 60%, scendendo fino a Perugia i no all'asilo schizzano all'80%. Benvenuti nella giungla delle decisioni delle commissioni territoriali che esaminano le domande di protezione internazionale dei migranti. I responsi dei cinquanta organismi ora richiamati da una circolare del ministro dell'Interno Matteo Salvini a dare una stretta ai permessi concessi per motivi umanitari, formano un quadro a macchia di leopardo.

Infatti, se è vero che il titolare del Viminale ha invitato genericamente tutti i prefetti e i commissari ad applicare maggior rigore nel rilasciare quella forma di protezione prevista per i migranti che pur non provenendo da Paesi in guerra correrebbero seri rischi umanitari nel caso tornassero in patria, gli orientamenti sulle decisioni vanno in ordine sparso. I quattro componenti che formano le commissioni, quelli che svolgono le audizioni degli stranieri, che verificano la veridicità o meno dei loro racconti, e che infine decidono se sussistano o meno i requisiti per assegnare un qualche tipo di permesso, sembrano seguire binari diversi, talvolta opposti. Le statistiche sono eterogenee di città in città, nonostante le nazionalità dei migranti che arrivano in Italia siano sempre le stesse, principalmente Tunisia, Nigeria, Guinea, Costa D'Avorio, Bangladesh. I responsi invece variano senza una logica. Con maglie di discrezione che si allargano o si restringono senza seguire criteri omogenei da nord a sud.

Così, se si analizzano i dati del Viminale sul 2017, si nota che di fronte a una media nazionale del 60% di dinieghi alle istanze di asilo, la stessa percentuale crolla al 41% a Milano, al 45% a Roma, precipita al 33% di Torino, mentre a Palermo tocca il 25%. Nel capoluogo siciliano si scopre dunque che il 65% delle istanze viene accolto, e i permessi umanitari, proprio quelli messi nel mirino da Salvini, raggiungono il record del 68%, su una media del 23%. Se poi si guarda al rilascio dello status di rifugiato, quello a cui hanno diritto i profughi in fuga dalla guerra, si vede che a fronte di una media nazionale del 7%, nel capoluogo lombardo, per esempio, la stessa percentuale sale al 12%. Quasi il doppio. Ma raggiunge più del triplo nella Capitale, dove le tre sezioni che esaminano le domande dei migranti hanno concesso l'asilo al 23% del totale.

Andando indietro di un anno, il rapporto di Cittalia «La protezione internazionale nel 2017», elaborato sui dati del ministero del 2016, evidenzia un'anomalia che racchiude tutta la schizofrenia del sistema. È un vero plebiscito di accoglienza, quello registrato in una sezione della commissione di Caserta, la cosiddetta «Caserta 1»: 95% di sì alle domande dei migranti, il 40% in più della media. Un unicum. Anche perché paradossalmente la vicina sede principale, Caserta, è quella che ha detiene il più alto tasso di non riconoscimento dei permessi, fino al 70%. Seguita da Ancona, col 69% di no, e Perugia, con l'82. Una mappa contorta.

Che riflette percezioni e soggettività differenti dei singoli commissari che «interrogano» i richiedenti asilo. Ma su cui si basano però a cascata anche i movimenti dei migranti che sbarcano nel nostro Paese e che lo risalgono seguendo il passaparola. Così, per esempio, negli anni una cittadina di confine come Gorizia, che in Italia è quella che concede il maggior numero di permessi dell'altra forma di protezione esistente, quella sussidiaria - il 33% su una media di 15% - è stata la meta privilegiata di migliaia stranieri che hanno seguito fino a nordest le indicazioni di altri connazionali che ce l'avevano fatta. Tutti in cerca della stessa speranza. La risposta positiva alla loro richiesta di restare.

Commenti

Alessio2012

Sab, 07/07/2018 - 22:07

MENO MALE CHE ERAVAMO NOI GLI SCHIAVISTI... QUESTI SE NON LI FERMI ENTRANO A MILIARDI, MENTRE NOI SIAMO COME IL GATTO A CUI BASTA METTERE UNA MOLLETTA AL COLLO PER TENERLO PARALIZZATO.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Sab, 07/07/2018 - 22:17

AZZERARE.

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Sab, 07/07/2018 - 22:26

Altra gatta da pelare per il nostro governo in carica, senza contare che l'asilo i nostri connazionali lo pagano mentre per i migranti tutto gratis et amore dei...

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 07/07/2018 - 22:27

Che ce vulite fa, a Napule TUTTI tengono famiglia!!! Vero giovongua!!!lol lol.

Drprocton

Sab, 07/07/2018 - 22:31

Dipende dagli eventuali profitti che ciascun componente delle commissioni territoriali può ricavare per ogni RISORSA "accolta" alla faccia dei milioni di poveri italiani. Mi pare che in tv spesso abbiano parlato di falsi matrimoni con migranti, ad insaputa dei coniugi italiani, al solo scopo di riconoscergli il permesso. O no?

Blueray

Sab, 07/07/2018 - 22:55

Questo fa capire che non ci sono linee guida univoche e personale adeguatamente istruito. L'accoglimento delle domande d'asilo non può essere lasciato in mano a improvvisatori o fautori dell'accoglienza, ma deve essere oggetto di esame coerente con direttive nazionali. Serve una riforma del sistema delle commissioni e dei ricorsi ed anche dell'asilo stesso che va concesso a tempo e non vita natural durante del richiedente perchè deve solo proteggere momentaneamente un soggetto estinguendosi al cessare del pericolo nel Paese di provenienza, e questo è fon-da-men-ta-le.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 07/07/2018 - 23:10

Chissa se fra una decina d'anni dopo una TANGENTOPOLI, ci sara anche una PROFUGOPOLI!!! MAHHH. Buenas noches Italia

Reip

Sab, 07/07/2018 - 23:13

Ringraziate il sistema di sinistra!

PEPPINO255

Sab, 07/07/2018 - 23:14

Abito vicinissimo a Caserta da 70 anni: non ne ho MAI visto uno... I cittadini casertani, specie in provincia, sono conciati peggio dei migranti che vedo in TV....!!!

Alessio2012

Sab, 07/07/2018 - 23:31

E POI LA GENTE SE LA PRENDE CON I ROM!! QUESTI AFRICANI SONO OVUNQUE! NEL MIO PAESE SONO IN TUTTI GLI AUTOBUS, SULLE BICICLETTE, A CHIEDERE I SOLDI DAVANTI AI SUPERMERCATI... E SALVINI SI PREOCCUPA DEI ROM!!

sirio50

Sab, 07/07/2018 - 23:32

Rimandarli da dove sono venuti ..e aiutali li

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Sab, 07/07/2018 - 23:34

Tra i seri rischi umanitari che correrebbero nel caso tornassero in patria dobbiamo includere quello di finire in carcere per furto, rapina, omicidio, stupro e simili?

seccatissimo

Sab, 07/07/2018 - 23:43

Tradire il proprio Paese, l'Italia ed i propri concittadini, è un malcostume tutto italiano ed è presente soprattutto nella p.a., a tutti i livelli, dalla base ai massimi vertici delle istituzioni !

MOSTARDELLIS

Sab, 07/07/2018 - 23:51

Salvini deve dare mandato alla magistratura di fare indagini a tappeto su tutte le commissioni e denunciare tutti i casi di concessione di asilo facile. E' una vergogna che il Viminale fatica tanto per risolvere i problemi dell'immigrazione e poi le Commissioni concedono asilo a tutti.

MgK457

Sab, 07/07/2018 - 23:56

I Clandestini africani vanno espulsi, punto.

nunavut

Dom, 08/07/2018 - 00:24

Eppure su Mediaset alla trasmissione Stasera Italia o Codice Rosso,mai titolo sostitutivo fu azzaccato con gli attuali conduttori Brindisi e Veronica Gentili,con ospiti la serrachiani,mister friedman il quale con le sue smorfie e attitudini di persona che si addormenta ascoltando il Toti o la Donato quando parlano,hanno certificato che la legge NON VIENE AGGIUSTATA SECONDO LE TENDENZE POLITICHE DEI MAGISTRATI MA APPLICATE SECONDO LEGGE SOTTINTESO UGUALE PER TUTTI,dimenticando di dire secondo il luogo dove sono collocate le commissioni territoriali.I due non accusano chi firmò il trattato di Dublino ma i paesi che vogliono rimandare le persone senza permesso nel paese di prima accoglienza,loro non fanno altro che mettere in pratica il famoso trattato..

routier

Dom, 08/07/2018 - 00:27

Sento puzza di bruciato... (a pensar male si fa peccato, però spesso ci si azzecca)

Alessio2012

Dom, 08/07/2018 - 00:34

ALMENO I ROM SONO MENO DI UN MILIONE... QUESTI QUI INVECE SONO MILIARDI, SI MOLTIPLICANO A VELOCITA' DEGNA DEGLI INSETTI... E VOGLIONO, VOGLIONO, VOGLIONO... SONO INSAZIABILI, E PIU' VOGLIONO PIU' GLI VIENE DATO.

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 08/07/2018 - 00:42

Io lo dico sempre quando il sud si sentira' italiano,allora saremo un grande paese.

Marcolux

Dom, 08/07/2018 - 02:30

Serve una revisione totale. Serve capire chi ci ha lucrato e guadagnato. Chi ha elargito gli asili facili lo ha fatto dietro compenso. La malavita campana non manca mai, è sempre in prima fila quando c'è da rubare, ma anche da altre parti, se non è la mafia o la camorra, è la mano comunista che arriva puntuale.

Marcolux

Dom, 08/07/2018 - 02:38

Caserta, aldilà delle facili accettazioni della feccia africana, certamente dietro compensi, è la città più delinquenziale d'Italia. Peggio di Napoli. Caserta fa paura veramente. Se ci vai ti rendi conto che lo Stato non esiste e hai un senso di solitudine spaventoso. Secondo me c'è la più alta concentrazione di delinquenti di tutto il sud.

Ritratto di Finfurfen

Finfurfen

Dom, 08/07/2018 - 06:17

Caro Sig. Vincenzo ma cosa vuol dire "percentuali bulgare"?? In tanti anni questa non l'avevo mai sentita. Che lingua sarebbe? In Bulgaria fanno delle percentuali? Al positivo? Al negativo? Mi faccia capitpre grazie.

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 08/07/2018 - 06:46

Era perfino banale immaginare la DIABOLICA CONFUSIONE. Cercare di sostenere che esistono CLANDESTINI che "pur non provenendo da Paesi in guerra correrebbero seri rischi umanitari nel caso tornassero in patria" è il colmo dell'IPOCRISIA: quali seri rischi di grazia? Magari di finire in prigione perché delinquenti... Questa MAFIA DEVE FINIRE.

DemetraAtenaAngerona

Dom, 08/07/2018 - 08:05

C’è rifugiato e rifugiato... Il giorno più felice è quello in cui il padre Luigi, antifascista rifugiato in Svizzera dopo l'8 settembre, rientrò in Italia raggiungendo la famiglia a Oltrona di San Mamette, il comune in provincia di Como dove erano sfollati. «Avevo solo nove anni ma quel giorno lontano lo ricordo come ieri. Quando scese dal treno che arrivava da Como mi prese in braccio e mi portò tra le braccia fino a casa, mentre io lo riempivo di baci. Ecco, quello è stato il giorno più bello della mia vita». Fonte Silvio Berlusconi intervista rivista Chi di Alfonso Signorini.**Ma tra i rifugiati la storia ci consegna Mazzini, Cattaneo, Garibaldi, lo stesso Mussolini dal 1902 al 1906 quando era un acceso socialista, Nenni, Modigliani, Pertini, Luigi Einaudi ecc assieme a Silvio Berlusconi anche gli altri figli ringraziano i giudici "campanosvizzeri" che hanno dato lo status di rifugiati ai loro papa e mamme ecc.

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Dom, 08/07/2018 - 09:37

A Caserta il 95% di sì alle domande dei migranti? A pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina.

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 08/07/2018 - 09:39

Percentuali bulgare di concessioni a Caserta.. che non si smentisce mai...ed inguaia tutti gli altri!

guardiano

Dom, 08/07/2018 - 09:52

Dementa, qui non si tratta di rifugiati contro quelli nessuno nega niente, qui si tratta di clandestini cioè gente che vuol entrare in un paese per forza, non mi raccontare la storia dell'oca per giustificare la tua demenziale ipocrisia.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 08/07/2018 - 09:53

@DemetraAtenaAngerona - che commento ironico maldestro. Tu mi sembri un rifugiato, ma dal tuo cervello. Non ti hanno fatto ancora rientrare?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 08/07/2018 - 09:55

@DemetraAtenaAngerona - non confondere la guerra, quella vera, conrto i falsi profughi profittatori, aiutati dai komunistyi come te, ad invadere e spolpare l'Italia. A quando la sostituzione etnica, da voi non prevista, ma accelerata?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 08/07/2018 - 09:56

Mi piacerebbe capire con che metodo danno gli asili politici. Non hanno documenti alla mano, non hanno uno straccio di prova che fuggono dalla guerra o da altro. Con che cosa si basano. Strano mondo il nostro. Seguono degli ordini a secondo la simpatia? Bisognerebbe essere presenti ed indagare. Non c'è nulla che provi la loro presenza in Italia per motivi che ritengono di rimanere. Nulla! Basta dire che il vicino gli ha fatto, bau, e sono dei perseguitati?

giusto1910

Dom, 08/07/2018 - 11:28

La "Carta dei Diritti dell'Uomo" é stato il raggiungimento di una posizione morale dell'Umanità nel mondo occidentale. Ma se questi diritti provocano la distruzione sociale di chi li concede ne consegue che essi diventano un mezzo "molto umano" per destabilizzare intere aree geografiche occidentali. Platone – La Repubblica Cap. VIII, Atene 370 A.C. Quando la città retta a democrazia si ubriaca di libertà......quando il cittadino accetta che, di dovunque venga, chiunque gli capiti in casa, possa acquistarvi gli stessi diritti di chi l’ha costruita e ci è nato; quando i capi tollerano tutto questo per guadagnare voti e consensi in nome di una libertà che divora e corrompe ogni regola ed ordine; c’è da meravigliarsi che l’arbitrio si estenda a tutto e che dappertutto nasca l’anarchia e penetri nelle dimore private e perfino nelle stalle? ………Così la democrazia muore: per abuso di se stessa. 
E prima che nel sangue, nel ridicolo .

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Dom, 08/07/2018 - 12:13

La civiltà che con la fatica di generazioni abbiamo costruito soprattutto lavorando, è ora minata, destabilizzata, messa in pericolo da orde di africani erranti, portati qui con false promesse e con interessate prospettive. Sono e restano dei potenziali sfruttati. Non portano alcun valore aggiunto alla nostra civiltà, alla nostra organizzazione sociale, alle nostre conquiste sul piano economico, culturale, politico, militare e, soprattutto, civile. Questa è la realtà, da qualsiasi parte là si voglia vedere.

DemetraAtenaAngerona

Dom, 08/07/2018 - 12:36

@i miei "estimatori" le guerre vere e le disgrazie non sono solo le nostre: Eritrea: proviene il 13% dei migranti che sbarcano in Italia. Qui c’è una dittatura militare da cui fuggono molti giovani per evitare il militare a tempo indeterminato.Sudan: i migranti 7%. In questo paese c’è una dura dittatura e persiste una situazione politica e sociale gravissima. Devastata da una guerra civile ufficialmente terminata nel 2005 ma in realtà ancora esistente,Gambia: il 7% dei migranti. La situazione è terribile: secondo le associazioni per i diritti umani nel paese si verificano rapimenti, detenzioni arbitrarie e torture ed ecco i motivi principali della fuga.Costa d’Avorio: il 7% dei migranti arriva da qui, un paese che fa da sfondo a conflitti civili interni. Somalia: il 5% delle persone che arrivano sulle coste italiane viene da un paese considerato uno“Stato fallito”. e le guerre civili in atto dagli anni ’80. Ecc....

ziobeppe1951

Dom, 08/07/2018 - 13:43

Da quelle parti è luomo che “conta” che decide

DemetraAtenaAngerona

Dom, 08/07/2018 - 14:21

@ziobeppe1951 il delitto d'onore e il matrimonio riparatore in Italia sono stati aboliti in Italia solo nel 1981. E lo si deve sopratutto alle forze laiche liberali e di sinistra. Il delitto d'onore era figlio del fascismo...

DemetraAtenaAngerona

Dom, 08/07/2018 - 15:31

@friuliano doc quanta poca fifucia ha nella nostra GRANDE CIVILTÀ se teme che non sia apprezzata, venga presa ad esempio e riprodotta in giro per il mondo, quanta poca fiducia ha nel genere umano, la nostra grande cultura è tale se la si trasmette e lo si sta facendo, non sono pietre le persone che vengono qui, sono spugne, ci vuole tempo e pazienza...mondi apparentemente inconciliabili come il sud Italia e il Friuli hanno dato ottimi frutti, invece di aver paura e odio esca e incontri trasmetta la nostra cultura e accolga ciò che ritiene buono delle altre...poco o tanto che sia c'è.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 08/07/2018 - 16:33

@DemetraAtenaAngerona, si scappa soplo perchè c'è una dittatura!? E gli altri gli anziani che sono, più scemi? In Cina c'era una certa dittatura, ma non è che più di centomilioni di giovani siano scappati in Italia. In India c'è una povertà assoluta vuoi mettere che anche lì un cento milioni di giovani che non abbiano 2 soldi per venire in Italia? La dittatura l'hanno inventata, come scusa le mafie, o qualcuno dell'alta finanza, per portarci tutta questa gente e farci fallire.

DemetraAtenaAngerona

Dom, 08/07/2018 - 17:58

@dou it des negli anni del cinema muto e in bianco e nero venivano proiettati in Italia dei filmati in cui si vedevano degli agricoltori americani che trasportava ortaggi giganteschi io ricordo di uno che a spalle trasportava una carota. in un villaggio africano negli anni 80 gli abitanti a cui era stata donata una tv guardavano dynasty, gli albanesi guardavano la ruota della fortuna o simili ecc e adesso chi non fugge per guerre ecc vede sui mass media le nostre vite e ne è attratto... È questo che accade non c'è nessun fantomatico progetto di chi sa chi...e ne colgono anche i nostri valori come la parità di genere che sarà il grimaldello che farà saltare le maschilista società islamiche... Questo è quanto accade, bisogna avere il coraggio di accogliere e trasmettere la nostra cultura e accogliere il buono delle altre.

guardiano

Dom, 08/07/2018 - 18:28

Dementa, allora insisti, ma chi sei la monaca di monza?