Il codice etico frena e la giunta Raggi ancora non si vede

Roma Del «faremo presto» annunciato subito dopo l'elezione non c'è più traccia. La squadra della neo sindaca di Roma Virgina Raggi stenta a prendere forma e verrà presentata al fotofinish soltanto il prossimo 7 luglio, tra altri 9 giorni, durante il primo consiglio comunale dell'era pentastellata. Decisamente in ritardo rispetto ai tempi previsti, dunque. Il confronto con Beppe Sala, a questo punto, è inevitabile: il sindaco di Milano ha già completato la sua giunta, anche con un giorno di anticipo.

Nella Capitale gli assessori sicuri sarebbero solamente quattro, mentre per gli altri continua il balletto dei nomi, tra rinunce e perplessità dei papabili e litigi tra le varie correnti dei 5 Stelle. L'ultimo nome saltato fuori per il delicato assessorato al Bilancio è quello di Daniela Morgante, che è già stata assessore al Bilancio nella prima fase della giunta Marino.

Sembra che lo staff della Raggi abbia difficoltà a trovare persone slegate dai partiti tradizionali e vicine allo spirito del Movimento. Un ulteriore ostacolo potrebbe essere rappresentato dal codice etico M5S che dovrebbero firmare i futuri assessori, lo stesso sottoscritto dai candidati grillini. Il timore di dover sborsare di tasca propria i 150mila euro di multa previsti per chi viola il codice di comportamento potrebbe non essere indifferente a chi si trovi a dover decidere rapidamente se accettare o meno l'incarico. E forse anche per questo nei giorni scorsi l'entourage del sindaco ha fatto filtrare la notizia che agli assessori non verrà fatto firmare il codice, che rimarrà valido solo per gli eletti del Movimento.

Continua, intanto, il toto nomi. Ci sono quelli che entrano e quelli che escono, una girandola incontrollata che ha costretto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio a intervenire per smentire le voci di eventuali problemi nella formazione della squadra che affiancherà la Raggi: «È solo gossip di stampa», ha detto l'esponente dei Cinque Stelle, assicurando che molte delle persone finite sui giornali come possibili assessori non erano neppure mai state prese in considerazione.

A tenere banco in queste ore c'è anche la questione della sorpresa che i grillini starebbero studiando per la geografia degli scranni in assemblea capitolina. In aula Giulio Cesare i pentastellati vorrebbero sedersi un po' a destra e un po' a sinistra, superando la normale distribuzione dei consiglieri e collocando per la prima volta quelli di maggioranza sui due lati.

Un chiaro messaggio simbolico per un movimento che vuole andare oltre i tradizionali rituali e superare gli schieramenti ideologici della vecchia politica.

Commenti

Holmert

Mar, 28/06/2016 - 08:42

Fare casino come nelle osterie dei carrettieri,vedi grillini in parlamento, è cosa facile , governare e prendere decisioni è un'altra cosa,dove si vede cosa uno sa veramente fare, al di là delle tante chiacchiere.

Beaufou

Mar, 28/06/2016 - 09:01

La Raggi fa benissimo a prendersi il suo tempo per la formazione del governo della capitale, se non vuole trovarsi qualche spiacevole sorpresa.Non è qualche settimana di ritardo nella presentazione dei nomi che pregiudica una buona partenza, ma un'eventuale scarsa qualità della scelta. Ed effettivamente, non è che abbia a disposizione una rosa così nutrita. Auguri.

..SnakeJ...

Mar, 28/06/2016 - 10:14

Holmert - abbiamo già visto cosa sanno veramente fare quelli della BANDA del buco, depredare, saccheggiare, rubare, truffare, roma è IN MACERIE al di la di tante chiacchiere

Lino.Lo.Giacco

Mar, 28/06/2016 - 10:53

non vedo dove sta il problema Roma e' stata saccheggiata, distrutta,incendiata con la complicita' della giunta. Puo' stare ancora senza giunta piuttosto che rifare la stessa merda di prima. Sarebbe semplice fare fifty fifty con i vecchi politici come per milano.

lupo1963

Mar, 28/06/2016 - 11:01

Si accorgeranno presto che sono caduti in mano a dei buffoni,a Livorno sono due anni che lo sappiamo.Mi costa moltissimo ammetterlo,ma nonostante l'odio che ho per la sinistra ,meglio essere "governati" dal pd che dai grillini...Il che e' tutto dire...

Holmert

Mar, 28/06/2016 - 11:29

Appunto,..Snakej..,quante chiacchiere hanno fatto quelli? Io qua,io là e poi all'atto pratico hanno raso al suolo la città. Se i grillini oltre alle chiacchiere che fanno a iosa,fanno anche i fatti, a me fa piacere, mica mi dispiace.

wotan58

Mar, 28/06/2016 - 12:21

Trovare persone decenti che uniscano capacità gestionali e statura morale è pressoché impossibile, per cui capisco benissimo le difficoltà del nuovo sindaco. C'è da dire che la partenza è stata pessima, o peggio, con il no alle olimpiadi, i distinguo sullo stadio e la presa di posizione sullo sviluppo della metropolitana.

agosvac

Mar, 28/06/2016 - 13:25

Non per difendere la signora raggi che io, se fossi stato romano, non avrei mai votato. Ma il paragone con sala è improponibile: sala non ha "fatto una giunta", ha preso integralmente quella del precedente sindaco di cui è compagno di merende!!!!!

Marcello.Oltolina

Mar, 28/06/2016 - 13:37

Correggere con onestà e trasparenza i disastri di coloro che hanno governato Roma negli ultimi decenni può richiedere meno tempo del previsto se tutte le persone perbene collaboreranno - che gli intrallazzatori, faccendieri e ladri si astengano, anche dalle critiche e dal portare iella.

schiacciarayban

Mar, 28/06/2016 - 13:53

La Raggi è anche carina, ma sarà un disastro per Roma. A Milano hanno già fatto tutto, a Roma sono ancora in alto mare, questo dice tutto! Facile stare all'opposizione e sparale grosse, un po' più difficile governare! Sinceramente Roma si meritava di meglio, però sono stati i romani a votarla quindi chi è causa del suo mal pianga se stesso, magra consolazione.

amedeov

Mar, 28/06/2016 - 14:08

Come se dice a Roma " speriamo che non si butti tutto in caciara "

hellas

Mar, 28/06/2016 - 14:47

sinceramente , con il disastro che c'è a Roma, non credo che il problema sia la velocità nel formare la nuova giunta...Siccome non mi piace il gioco del tanto peggio, tanto meglio, mi piacerebbe che si desse a Virginia Raggi la possibilità di provarci senza giudizi negativi preconcetti. Degli altri, quelli che da 20 anni, hanno demolito Roma peggio dei barbari, sappiamo tutto : clientelismi, familismi, corruzioni... dunque che Virginia Raggi sia carina ma un disastro per Roma lo vedremo con il tempo e mettendola alla prova...Gli altri , Alemanno, Marino, e prima di loro Veltroni, quelli certamente sono stati un macello....

tRHC

Mar, 28/06/2016 - 15:35

agosvac:Ragione da vendere....sala deve riattaccare qualche piastrella,mentre Raggi deve costruire di sana pianta...poi magari si vedra' se e' davvero una buona operaia,le renderanno il lavoro difficile, questo si sa,quando si ha a che fare con le zecche rosse sempre pronte ad infiltrarsi dappertutto pur di disfare,spero che di questo i 5 stelle sia consapevole....

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mar, 28/06/2016 - 18:23

No, scusino i grillini, ma questa, quando è partita alla ventura lo ha fatto senza bussola, senza viveri, senza meta? Fuori di metafora: si è buttata nell'agone senza compagni di viaggio, senza sapere con chi avrebbe poi lavorato? Ah, bella programmazione! Roma sarà amministrata giorno per giorno, con chi ci sta, secondo umori e convenienze del momento? Romani, siete messi male. Stanno meglio gli altri, che avranno il tempo di vedere e giudicare, prima di dare ai grillini il timone dell'Italia intera. Sekhmet.

Giunone

Mer, 29/06/2016 - 12:32

Tra le varie riflessioni dei commenti precedenti concordo nel fatto che la Raggi ha una dura impresa da avviare a Roma, rasa al suolo dalle varie bande e faccendieri. Ma che la Raggi si abbia buttata senza compagni di viaggio certi nella sindaco avventura è preoccupante. La cosa buona è che stata eletta con sacre elezioni, e non con l'ennesimo GOLPE sinistro. Auguri!