"Come dare l'ok agli ubriachi a guidare in autostrada"

Il virologo dà l'allarme: «Il ministro mette a rischio la salute per guadagnare i voti di pochi cavernicoli»

Milano «Ma stiamo scherzando?». Roberto Burioni, virologo dell'ospedale San Raffaele di Milano, capofila della battaglia pro vaccini, salta sulla sedia quando sente l'ultima sparata di Salvini per far restare a scuola i bambini non vaccinati. E di fatto per far slittare (ancora) la piena attuazione dell'obbligo alla vaccinazione.

Dottor Burioni, se il decreto suggerito da Salvini al ministro Grillo dovesse passare, cosa accadrebbe nelle scuole dall'11 marzo?

«Sarebbe come autorizzare gli automobilisti ubriachi a entrare in autostrada senza controlli e senza multe. Metterebbero a rischio tutti gli altri guidatori che hanno una patente regolare e guidano seguendo il codice della strada».

Le sue metafore rendono sempre molto bene l'idea. È questo il messaggio che vuole mandare a Salvini?

«Salvini è ministro dell'Interno e nel mio immaginario il ministro dell'Interno si occupa della sicurezza degli italiani. Per questo mi stupisce molto la sua richiesta. Vuole davvero assecondare il peggio del nostro Paese? Vuole proprio guadagnare i voti di pochi cavernicoli perdendo quelli delle persone per bene che sono la grande maggioranza? Prima di scrivere certe cose dovrebbe farsi consigliare meglio da uno dei tanti medici leghisti capaci. Qui non stiamo parlando di opinioni politiche, ma di dati scientifici».

Il problema avrebbe dovuto essere affrontato prima, è vero, ma escludere i bambini non vaccinati dalla scuola vorrebbe dire violare il loro diritto all'istruzione.

«E sarebbe solo colpa dei loro genitori ignoranti che credono più a fattucchieri e chiromanti bugiardi anziché alla comunità scientifica. E alla sicurezza degli alunni che stanno guarendo dalla leucemia e non possono vaccinarsi chi ci pensa? Anche loro hanno diritto allo studio. E chi difende i bambini dei nidi, immunodepressi o comunque troppo piccoli per potersi vaccinare?».

Eppure il governo ha avviato proprio in questi giorni l'iter per rendere obbligatorio il vaccino contro il morbillo per chi vuole partecipare ai concorsi pubblici.

«Su questo sono d'accordo. Molto. Il nostro prossimo obbiettivo è infatti recuperare gli adulti che da piccoli non sono stati vaccinati. Ma ovviamente non dobbiamo fare passi indietro sulla copertura vaccinale per i bambini, altrimenti non raggiungeremo mai la soglia di protezione. Né avremo mai i risultati che ha ottenuto il Messico dove non ci sono più casi di morbillo».

I dati sulle vaccinazioni cosa dicono?

«Il ministro Giulia Grillo non ha messo i numeri a disposizione. Ma in base ai dati delle singole regioni sembra che ci sia stata un'inversione di tendenza negli ultimi due anni».

Diceva che la prossima sfida è recuperare gli adulti non vaccinati.

«Sì, perché nel 2015 il tasso di vaccinazione era dell'86%, più basso anche del Ghana. Quei bambini stanno crescendo e dobbiamo fare in modo che si vaccinino. Per usare una metafora potremmo dire che pochi anni fa avevamo un rubinetto impazzito che spruzzava acqua da tutte le parti. Ora quel rubinetto è stato chiuso. Ma resta una stanza allagata da svuotare. Ora dobbiamo impegnarci per raggiungere quell'obbiettivo».

Il movimento No Vax si sta placando rispetto a qualche tempo fa?

«Non saprei, diciamo che prima aveva campo libero, sui social e non. Ora la comunità scientifica e i giornalisti hanno creato un filtro e li hanno arginati diffondendo il più possibile le informazioni corrette».

Commenti

Albius50

Gio, 07/03/2019 - 08:51

Il virologo dovrebbe anche guardare le statistiche riguardo al VIRUS ANTINFLUENZALE che mi risulta solo VOLONTARIO, personalmente l'ho sempre fatto mia moglie no, bene è stato un mese TERRIBILE per lei.

blackbird

Gio, 07/03/2019 - 08:58

«Sarebbe come autorizzare gli automobilisti ubriachi a entrare in autostrada senza controlli e senza multe. Metterebbero a rischio tutti gli altri guidatori che hanno una patente regolare e guidano seguendo il codice della strada» non sono un giurista, ma mi sembra che una delle ultime dentenze della Cassazione (Suprema Corte) vada proprio in questa direzione... Guidava bene, non ha provocato incidenti, andava piano: cancellata multa e sequestro, ridati i punti...

blackbird

Gio, 07/03/2019 - 09:07

«E sarebbe solo colpa dei loro genitori ignoranti che credono più a fattucchieri e chiromanti bugiardi anziché alla comunità scientifica». Calma, calma con "la comunità scientifica", in Friuli c'è un magistrato, e i suoi consulenti, che stanno indagando centinaia di agricoltori per disastro ambientale a seguito della moria di api. Moria causata, da alcuni membri della comunità scientifica da fitofarmaci autorizzati da altri membri della comunità scientifica. I giornalisti dovrebbero informare, citando fonti e ricerche, non censurando alcuni e promuovendo altri.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Gio, 07/03/2019 - 09:07

Si spieghi: quali rischi corre un bambino vaccinato a fianco di uno non vaccinato ? Chi dei due è a rischio di contrarre la malattia, il primo oppure il secondo ? E per quest'ultimo vaccinarsi o meno non è una libera scelta ? Non è che siete a libro paga di qualche multinazionale del farmaco......?

blackbird

Gio, 07/03/2019 - 09:08

Dottore, si è mai chiesto perché, soprattutto in Italia, tanta gente, diplomata e laureata, non si fida di medici e scienziati?

trasparente

Gio, 07/03/2019 - 09:23

I giornalisti hanno creato un filtro? Diciamo piuttosto che hanno tappato la bocca con la censura.

Albius50

Gio, 07/03/2019 - 10:23

Voglio anche ribadire che i PRONTO SOCCORSI e OSPEDALI si sono riempiti a dismisura insieme a mia moglie in codice verde ci siamo fatti dalle ore 15.00 alle ore 3.00 un sabato sera da sballo, poi ci siamo ripetuti una decina di giorni dopo malgrado le cure questa volta dopo sempre diverse ore di attesa 4 giorni di ospedale.

giuseppe_s

Gio, 07/03/2019 - 10:25

I vaccini non sono il "toccasana" assoluto. Hanno una percentuale di rischio che non viene dichiarata. Il Burioni dimentica che a rischio non sarebbero quelli vaccinati ma gli stessi non vaccinati che hanno scelto di non esserlo. L'esempio del Burioni con un alcolista è fuori luogo in quanto un alcolista non è conscio di quello che fa, mentre una persona non vaccinata lo sceglie in piena coscienza sapendo cosa rischia o cosa non vuole rischiare come conseguenza del vaccino!

aleppiu

Gio, 07/03/2019 - 12:04

@Giuseppe_s il problema e' che il rischio dei figli dei no vax me ne importa ben poco. Ma chi rischierebbe di piu' sono i bambini immunodepressi che non si possono vaccinare e rischierebbero cose molto serie per colpa di genitori stupidix

Ritratto di indicazionediconfine

indicazionediconfine

Gio, 07/03/2019 - 12:05

Finchè non si dimostrerà che uno scienziato sta mentendo, io starò sempre dalla parte della scienza.