Def, Renzi rivede le stime del Pil: ora si apre la partita in Ue

C'è l'ok del Cdm all'aggiornamento del Def: la crescita rivista al ribasso per rinegoziare il deficit con Bruxelles

Alla fine il governo Renzi ha deciso di rivedere al ribasso le stime di crescita e dei principali saldi di finanza pubblica. La decisione è stata presa durante un Consiglio dei ministri iniziato con oltre un'ora di ritardo e che ha aggiornato il Def (documento di economia e finanza) del 2016 definito lo scorso aprile. Un passaggio che dà il via alla fase che porterà poi alla legge di Stabilità e alla manovra di quest'anno.

La crescita del Pil per il 2016 sarà rivista al ribasso: la crescita per il 2016 sarà dello +0,8% (dal +1,2%), mentre per il 2017 si arriver all'1% (sotto il +1,4% previsto ad aprile).

Con una crescita inferiore alle attese l'Italia è costretta quindi a rinegoziare l'impegno assunto con Bruxelles di un deficit all'1,8% del Pil nel 2017. Il rapporto deficit/Pil sarà pari al 2%, ma l'Italia chiederà un indebitamento ulteriore di 0,4 punti percentuali per il sisma e per la gestione dell'immigrazione.

Il governo sta giocando con l'Europa una partita prima di tutto politica con l'obiettivo di strappare nuovi margini di manovra. Di fatto Renzi vuole far leva sulle spese straordinarie da sostenere per i costi della ricostruzione del terremoto e per l'emergenza migranti per ottenere maggior flessibilità. Si tratta di spese che il premier conta di scorporare dai vincoli del Patto di stabilità e che porterebbero alla fine l'indebitamento netto al 2,3-2,4%.

"Gli interventi per il sisma sono di default fuori dal patto di stabilità", ha detto Matteo Reenzi, "L'Europa è gravemente in debito con l'Italia sull'immigrazione". "La dinamica del debito è ancora insoddisfacente anche se sta andando nella direzione giusta", ha ammesso poi Pier Carlo Padoan, "Il rapporto debito/Pil non scende. Avevo immaginato che sarebbe sceso. Speravo in un po' più di inflazione. Non è arrivata e questo si ripercuote sul debito".

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 27/09/2016 - 23:47

Ogni anno annuncia, che il percorso di riduzione del debito iniziera il prossimo anno!!! Mi ricorda quella barzelletta del pensionato, che sulla panchina del parco racconta all'altro con dovizia di particolari, che Lui, ne fa TRE al giorno e quando l'altro gli chiede ,da quanto tempo lo fai??? Lui rispone EEE CUMINCI DUMAN!!!lol lol #RENZIBOSCHIACASACOLNO.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 28/09/2016 - 00:53

Non ne azzeccano mai una di previsioni.

diesonne

Mer, 28/09/2016 - 08:15

diesonne la previsione non è visione non si va altre una spanna..oramia siamo abituati alle bugie