E Mattarella le suona all'Europa

Il presidente: "Cominciate a rispettare gli impegni sui migranti"

Roma - Basta con le lezioncine. «Siamo convinti - dice Sergio Mattarella - che la Ue debba dare primaria importanza alla crescita economica, agli investimenti e all'occupazione, soprattutto quella dei giovani». E piantatela con il rigore ad ogni costo, non si mangia pane e austerity. Piuttosto, cominciate voi a rispettare gli impegni sull'immigrazione. «Si devono superare le strategie di corto respiro e passeggere convenienze nazionali che minano l'armonia dell'Unione. È giusto che l'Europa chieda ai suoi membri di avere i conti in ordine e le finanze a posto, ma lo stesso scrupolo deve essere utilizzato anche quando gli Stati sono inadempienti sulla ricollocazione dei migranti e su altri dossier».

Toni pacati, concetti fermi: sul Belpaese si apre l'ombrello del Quirinale. È il giorno dell'arrivo delle lettera di richiamo di Bruxelles, che invita il governo a una correzione di 3,4 miliardi nei conti pubblici, e del discorso della May che annuncia una Brexit molto hard. Lunedì il nostro rating ha perso l'ultima A e Trump ha detto che la Nato e obsoleta e la Ue troppo tedesca. Turbolenze in arrivo.

E così da Atene, dov'è in visita ufficiale, il capo dello Stato sente il bisogno di rimettere a posto qualcosa. «L'Alleanza atlantica - spiega- è una grande organizzazione di straordinaria importanza per la pace e la sicurezza». Nessuna citazione esplicita del nuovo presidente Usa, ma non è un caso se Mattarella pronuncia queste parole nella nazione che, insieme alla nostra, è quella più esposto alle ondate di profughi che fuggono dai paesi in guerra, e di migranti. La Nato potrebbe fare parecchio di più in questo campo.

Come l'Europa, che rispetta solo al tre per cento l'accordo per la redistribuzione degli immigrati. «In vista dei sessant'anni del Trattato di Roma, dobbiamo tornare allo spirito originario. Agli slanci ideali - insiste Mattarella- deve unirsi la concretezza delle risposte. La solidarietà, vera, va applicata in tutti i campi perché l'immigrazione è un problema comune, Grecia e Italia sono solo sponde dell'Europa». Insomma, bisogna andare oltre alle politiche egoististiche. Oltre che ingiusto, «assecondare le convenienze nazionali» è pure «anti-storico, a fronte di un mondo nel quale la capacità di risposte isolate dei singoli Paesi si è drasticamente ridotto».

Due sono oggi, secondo Mattarella, le emergenze, le «priorità» che la Ue deve affrontare. La prima è «la crisi economica e finanziaria, che aggredisce il nostro modello di convivenza sociale, colpendo soprattutto le legittime aspettative delle giovani generazioni» e che «ha prodotto nuove soglie di povertà» innescando «nuove forme di emarginazione dando alimento a forze centrifughe crescenti». Poi i flussi, una vera bomba potenziale. «L'accoglienza è un dovere di tutti», ripete dal campo di Elenoas, alla periferia di Atene.

Commenti

Trinky

Mer, 18/01/2017 - 08:45

Ben svegliato Presidente e benvenuto nella sua Europa! Ora apra gli occhi e si accorga che le altre nazioni stanno facendo le furbe scaricando ai beoti italioti simpatizzanti PD e del franceschiello tutti i clandestini......

sale.nero

Mer, 18/01/2017 - 08:59

Presidente! Che ardire! Finalmente un ringhio.

justic2015

Mer, 18/01/2017 - 09:00

Bla bla bla gli stati europei impauriti dal mattarello ipocritamangia pane a tradimento.

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 18/01/2017 - 09:05

Quando seguimi l'esempio inglese?

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Mer, 18/01/2017 - 09:10

Non ho capito se è un ruggito, minaccia oppure una prova generale! A mio avviso sono tutte parole già sentite senza riscontro! Bisogna alzare la voce e pugno, basta con queste chiacchiere tra vini santi e tarallucci.

steacanessa

Mer, 18/01/2017 - 09:11

Visto che ha iniziato a vagire speriamo che adesso provveda a toccare il tempo alla magistratura.

Ritratto di manasse

manasse

Mer, 18/01/2017 - 09:25

finalmente il Presidente si è fatto sentire non servirà(forse) molto per cambiare la situazione ma adesso gli italiani sanno che hanno un capo che parla per tutti

Perlina

Mer, 18/01/2017 - 09:25

Parole parole parole, solo sempre e comunque parole. Al vento.

moshe

Mer, 18/01/2017 - 09:29

belle parole ... a quando i fatti?

MaxSelva

Mer, 18/01/2017 - 09:30

Adesso che mattarella lo ha detto sono sicuro che l'europa lo fara' subito a partire dalla merkel

istituto

Mer, 18/01/2017 - 09:39

No Mattarella non le suona all'Europa perché di noi se ne fregano ( e fanno bene perché non sono stupidi) . Quale rispetto possono avere per l'unico Paese al mondo che manda la propria Marina Militare a prendere CLANDESTINI dai luoghi di partenza per portarli nel proprio Paese anziché difendere le nostre coste con in respingimenti sin dalle acque internazionali ? ( e tutto questo grazie alla SINISTRA ,ovvio). Noi ci creiamo i problemi , noi ce li teniamo. Giustamente. Alle prossime ELEZIONI votiamo per chi vuole difendere la nostra identità ed i nostri confini non votiamo per chi fa inciuci con la SINISTRA.

Fjr

Mer, 18/01/2017 - 10:20

Il ruggito del coniglio, ma a chi le vuole suonare, siamo peggio di Rocky dopo l'ultimo round,Angelaaaaa

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mer, 18/01/2017 - 10:24

Le suona....! Sempre più ridicoli. Della serie: andarono per suonare e furono suonati.

Ritratto di Laura51

Laura51

Mer, 18/01/2017 - 10:35

Ogni tanto questo viene fuori dalla bara e dice la sua (come il 25 Aprile, 1° Maggio, discorso di fine anno ecc.). Chissà se pensa di aver spaventato qualcuno... L'Italia non ha mai avuto bisogno di parole ma di fatti: in primis azzerare la truffa del "debito pubblico". Mai sentito parlare di signoraggio? e questo lo si può fare solo con una moneta sovrana, cioè a credito anziché a debito. Ma ci vogliono le palle per fare questo e noi le palle le abbiamo solo per appenderle all'albero di Natale. Triste futuro per i nostri figli e nipoti.

Cheyenne

Mer, 18/01/2017 - 10:37

E L'EUROPA SI SGANASCIA DALLE RISATE

cameo44

Mer, 18/01/2017 - 10:51

Mattarella una delusione come Renzi hanno sfilato in mezzo ai terremotati dicendo loro che non li avrebbero lasciati soli e che avrebbero fatto tutto ciò che cera da fare oggi a distanza quasi cinque mesi la gente si sente sola e abbandonata gli agri coltori stanno ancora aspettando i ricoveri per i propri anima li che stanno morendo basta sentire coloro che sono stati inter vistati e vedere i loro cartelli "LA BUROCRAZIA UCCIDE PIU' DEL TERREMOTO" si devono solo vergognare uno stato che pensa solo agli immigrati e fa morire i propri cittadini e la chiamano ancora democrazia

nopolcorrect

Mer, 18/01/2017 - 11:17

No, no, non ci siamo. E' vero che l'Italia è sempre stata alla ricerca di protettori attaccandosi alla gonna del Papa, a quella della Merkel, alle code della giacca dello zio Sam e per questo veniamo considerati poco. Dobbiamo dimostrare NOI con i RESPINGIMENTI che sappiamo difendere le nostre frontiere e quelle dell'Europa. Finché chiunque si mette in barca verrà addirittura aiutato ad arrivare da noi, non potremo richiedere ricollocamenti agli altri paesi.

Angelo664

Mer, 18/01/2017 - 11:25

Vero. l'Europa non è stata ai patti nello smistarsi i migranti che poi migranti non sono, direi più villeggianti a sbafo. L'Italia però non doveva forse controllare di più le sue frontiere e applicare Schengen e tutti i suoi controlli con severità ? Lasciamo entrare cani e porci senza nessun controllo. Invece dovremmo scremare i villeggianti dai veri martiri di guerra e gli altri mandarli a casa immediatamente, inflessibilmente. Mah .. chi predica bene razzola male.

paolonardi

Mer, 18/01/2017 - 11:28

L'ameba si e' fatto sentire!? In Germania ridono a crepapelle, con questa gente non e' posdobile ragionare ed occorre rispondere a muso duro ed uscire dall'UE prima che sia troppo tardi, cioe' immediatamente. L'esempio inglese dovrebbe insegnare che fuori dal carrozzone si vive meglio.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 18/01/2017 - 11:32

Questo sbiadito ologramma renziano ora sarebbe pure in grado di "suonarle" all'Europa? Dopo aver prelevato migliaia di clandestini dalle coste libiche pretenderebbe pure che gli altri condividessero con noi l'onore e l'onere di ospitarli a ufo sul suolo europeo? Evidentemente siete rimasti sintonizzati troppo su "Scherzi a parte".

DuralexItalia

Mer, 18/01/2017 - 11:35

All'Europa, col dovuto rispetto, le parole del Presidente della Repubblica italiana non interessano minimamente. Ricordo i grandi proclami del Alfano-Renzi (si, quello che chiamava la Merkel col nome di battesimo: Angela)che sostenevano: "la UE ci ha ascoltati, dopo l'estate ricollocamenti in tutti i Paesi della unione europea". Infatti si è visto come nella UE, ognuno pensi alle vicende di casa propria e di questi "migranti" (per loro sono perlopiù clandestini e basta) non ne vogliano sentir parlare considerandolo (non lo dicono apertamente ma lo pensano) un problema nazionale, visto che l'Italia va a prenderli nel mare libico e poi li porta a casa. Mattarella fa il suo dovere di Presidente italiano ma nella UE non lo ascolterà nessuno...

bundos

Mer, 18/01/2017 - 11:56

ma cosa può suonare un beccamorto!il de profundis,per l'italia e per gli italiani,questo signore è un complice della disfatta italiana.

chebarba

Mer, 18/01/2017 - 12:19

bravo

piazzapulita52

Mer, 18/01/2017 - 12:29

Mattarella sa che l'unica via di salvezza per l'Italia ed il suo popolo è uscire dalla dittatura UE che ci sta massacrando! Speriamo che si ravveda e contribuisca a salvare la nostra Patria dalla catastrofe definitiva!!!

Iacobellig

Mer, 18/01/2017 - 13:26

INTERVENGA NELL'INTERESSE DEGLI ITALIANI E FACCIA BUTTARE FUORI GLI INCAPACI: BOSCHI FEDELI PINOTTI MADIA. ALMENO QUESTI EVITIAMO COSÌ CHE MATURINO ANCHE IL VITALIZIO DA PERFETTI INCAPACI!

Popi46

Mer, 18/01/2017 - 13:29

Dopo le auliche parole potrebbe suggerire il COME? Dopo tutto e' lui che mette la sua firma alle leggi promulgate dal cosiddetto parlamento,alias mercato delle vacche