Le fake news antifasciste sabotano Fdi. "Razzisti da tutta Europa". Ma non è vero

Tam tam mediatico contro il partito della Meloni prima del congresso di Trieste

Trieste - A Trieste il muro di Berlino non è mai crollato, con la novità che la «lotta antifascista» adesso si combatte a colpi di fake news. Il bello è che al giochetto si presta il Circolo della Stampa locale concedendo la sala di tutti i giornalisti, che vengono costantemente sollecitati a stare in guardia contro le notizie manipolate, alla propagazione di una bufala.

Il solito carrozzone di associazioni antifasciste, «orfane» del nemico, ha stilato un indignato documento contro «il raduno dell'Eurodestra» nel capoluogo giuliano. Ci si aspetta la calata degli Unni o l'invasione dei naziskin, ma in realtà si scopre che il pericolo immanente è il congresso nazionale di Fratelli d'Italia, che si terrà sabato e domenica a Trieste. Dall'Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione, ai partigiani dell'Anpi triestino fino al circolo Che Guevara e l'Associazione guide turistiche del Friuli-Venezia Giulia, che non si capisce cosa c'entrino, viene lanciato l'allarme sul tenebroso conclave dell'Eurodestra. Nel capoluogo giuliano arriveranno nientemeno che gli «autorevoli esponenti della destra europea, da Marine Le Pen a Heinz-Christian Strache», che secondo i firmatari «ammantano di tinte razziste e xenofobe il fosco nucleo di quello che per Trieste non è mai stato un sano patriottismo». E giù con un peana sui disastri del ventennio fascista, che secondo il documento di protesta si staglia ancora oggi all'orizzonte, evidentemente incarnato da Giorgia Meloni, che al crollo del muro di Berlino aveva 12 anni.

Anche se Le Pen venisse a Trieste, dove sarebbe il terribile scandalo? La leader del Front National ha sfidato al ballottaggio il presidente francese Macron ottenendo milioni di voti. E Strache, l'«uomo nero» di Vienna, sta negoziando per formare il nuovo governo austriaco con il partito Popolare.

Il piccolo particolare è che Fdi non ha invitato né Le Pen, né Strache, né alcuna «nera» delegazione straniera, ma solo i «patrioti» italiani nel mondo. Ieri, però, al Circolo della Stampa di Trieste è stato presentato il documento di protesta contro l'inesistente raduno dell'Eurodestra. E nei giorni scorsi circolava, con il logo del Circolo, inviato dall'indirizzo mail Assostampa del Friuli-Venezia Giulia essendo un'emanazione del sindacato dei giornalisti. La sala concessa a gratis, come per tutte le conferenze stampa che, però, dovrebbero basarsi su fatti reali, è dell'Inpgi, l'istituto previdenziale dei giornalisti. L'Ordine dei giornalisti e l'Assostampa la utilizzano in comodato d'uso gratuito. Nessuna delle istituzioni della nostra «casta», che pontificano sull'era minacciosa delle fake news, si è posta il problema se il «raduno dell'Eurodestra» fosse una notizia vera oppure no. Nel documento di protesta si riportano affermazioni genuine degli organizzatori locali, che definiscono Trieste «la Madonna della destra italiana», come se fosse una frase del Mein Kampf, assieme alle bufale dei leader neri pronti a calarsi dall'Europa. La classica tattica delle fake news, che serve a dare il via libera all'elenco delle nefandezze compiute dal nazifascismo. Negli anni sessanta i comunisti andavano più per le spicce scatenando violente sommosse di piazza per far saltare il congresso del Msi a Genova. Adesso i nostalgici dell'antifascismo utilizzano le bufale con l'avallo del Circolo della Stampa.

Cosa tutto ciò abbia a che fare con il congresso, assise di confronto e democrazia, di un partito di destra moderna nato cinque anni fa bisognerebbe chiederlo ad uno psicanalista.

Commenti
Ritratto di DONCAMILLO7

DONCAMILLO7

Gio, 30/11/2017 - 15:37

Oramai è una guerra tra giornali di sinistra E di destra a chi spara la balla più grossa. ..i giornalisti oramai sono solo servi sul libro paga di qualche potente. .

lupo47

Gio, 30/11/2017 - 15:38

Si inventano di tutto pur di stare incollati alle poltrone. Si sono accorti che il vento sta cambiando.

Demy

Gio, 30/11/2017 - 15:39

Incapaci di un confronto serio, continuano a lanciare proclami per la libertà, la stessa da loro massacrata "anche" con i partigiani e la stampa di regime. Ridicoli e patetici.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 30/11/2017 - 15:46

Quindi Renzi ha ragione!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Gio, 30/11/2017 - 15:49

anche se era stata solo una battuta di Checco Zalone nei riguardi dell'orientamento del figlio, in un suo film, rispecchia appieno la realtà.

DRAGONI

Gio, 30/11/2017 - 16:06

CLASSICO DELLA SCUOLA COMUNISTA ITALIANA(PCI) CHE DA "RADIO PRAGA" , IN ITALIANO, INONDAVA L'ITALIA DI FAKE NEWS !!!!

VittorioMar

Gio, 30/11/2017 - 16:21

...BUFALA IN CAMICIA.... NERO DI SEPPIA !!

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Gio, 30/11/2017 - 16:29

Ripuliamo il parlamento alle prossime elezioni ! Fatevi forza, mancano solo pochi mesi ! Questi fancazzisti con le loro associazioni foraggiate dal loro governo sinistro pieno di sinistri sinistri ! Nella città in cui il "democratico" stato Italiano governato dal centrosinistra cattocomunista del compromesso storico voluto dal grande Moro, regalò un pezzo di suolo patrio, assegnatoci dopo la sconfitta, ai comunisti Iugoslavi delle foibe ! Sangue del popolo d'Italia! Tutto il popolo da Nord a Sud ! Ma il destino ....

brasello

Gio, 30/11/2017 - 17:05

Le fake news sono una cosa da ridere, in confronto alla fake history, un monologo partigiano-comunista che ci hanno propinato per settant'anni: un autoincensamento da parte di gente che se ne è stata nascosta per decenni e ha alzato la testa solo a guerra già vinta (dagli americani), venendo fuori dai loro buchi solo per fare lo sgambetto a un nemico già in fuga e per attuare rappresaglie vigliacche contro chi, a loro dire, era una spia fascista. Io non ne posso più di sentir parlare di partigiani (anche perchè ormai sono praticamente morti tutti). mettiamo l'ANPI in soffitta e cominciamo a vivere nel presente.

Mauro23

Gio, 30/11/2017 - 17:45

fake news queste falsità saranno opera dei soliti sinistri

Ritratto di JSBSW67

Anonimo (non verificato)

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 30/11/2017 - 18:02

Deliri di un partito ormai alla frutta,insieme ai suoi sodali.

Pietro43

Gio, 30/11/2017 - 18:04

Se la madre dei cxxxxxi è sempre incinta, l'Anpi ne è il padre. Coraggio! rifacciamoci alle prossime elezioni (quando ci saranno...)

ARGO92

Gio, 30/11/2017 - 18:16

IL PICCOLO quotidiano di trieste fotocopia del giorno dopo di REPUBBLICA giornali buoni solo per accendere il fuoco in campeggio PS continuare a parlare i anti fascismo dove dopo la guerra i bastardi infami criminali partigiani komunisti ITALIANI per interessi di partito ma sopratutto personali hanno riempito le FOIBE PARTIGIANI CHE VOI SIATE MALEDETTI PER L ETERNNITA

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 30/11/2017 - 18:39

Eh...Biloslavo, sarebbero molte le domande per gli psicanalisti (questo riferimento lo capiscono solo chi ha letto l'articolo fino all'ultima parola, pieta` gli altri): Un esempio di domanda? Come mai dopo 70 anni, ci sono ancora giovani che si ispirano alle figure nazi-fasciste, senza capire di cosa si parla...? Forse il Giornale, emulo della Pravda sovietica nel confezionare fake news per menti deboli e facilmente influenzabili, e ormai covo prediletto dei reduci della cloaca in cui la Storia ha relegato il fascismo, potrebbe sponsorizzare un congresso di psichiatria sul tema.

Mannik

Gio, 30/11/2017 - 18:44

Ehi Biloslavo, che fine ha fatto il caso Shalabayeva? Tutto regolare?

T-800

Gio, 30/11/2017 - 20:05

Penosi giornalai sinistrati di regime... quanto li ha pagati soros per spargere falsità in perfetto stile sovietico? In Italia come in tutta Europa c'è da fare un repulist totale mandando in mezzo ad una strada e chieder elemosina tutti questi venduti nemici dei popoli europei.

soldellavvenire

Gio, 30/11/2017 - 20:17

certo per riempire la sala devono pagare la gita a tutta europa... pazienza approfittiamo per schedare tutti, hai visto mai che troviamo finalmente qualche “black-bloc” senza passamontagna

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 30/11/2017 - 20:23

@Biloslavo, sarebbero molte le domande per gli psicanalisti (questo riferimento lo capiscono solo chi ha letto l'articolo fino all'ultima parola, pieta` gli altri): Un esempio di domanda? Come mai dopo 70 anni, ci sono ancora giovani che si ispirano alle figure nazi-fasciste, senza capire di cosa si parla...? Forse il Giornale emulo della Pravda sovietica nel confezionare fake news per menti deboli e facilmente influenzabili, e ormai covo prediletto dai reduci della cloaca in cui la Storia ha relegato il fascismo, potrebbe sponsorizzare un congresso di psichiatria sul tema.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 30/11/2017 - 21:07

Le fake news sono sempre state matrici del comunismo. I figli di quella ideologia perversa ne stanno abusando, dando colpa sempre agli altri, da perfetti comunisti, bugiardi.

Una-mattina-mi-...

Gio, 30/11/2017 - 21:13

LA VIGENTE DITTATURA HA L'ESCLUSIVA SULLE FAKE NEWS DI STATO E PER QUESTO SI BATTE: OVVERO PER NON AVERE CONCORRENZA ALCUNA

umbertoleoni

Ven, 01/12/2017 - 12:42

Pravda 99. Per i soggetti come te, poter parlare ad un giornalista vero, rappresenta un evento di inestimabile valore. Nella realtà proprio queste occasioni offerte a gente come te, esprimono tutta la negatività del web: anche quelli come te hanno diritto di parola: uno che si presenta con il tuo nick, viene a discutere con un giornalista vero di giovani fascisti deviati! C'e' da farsela addosso dalle risate!!