L'Europa dei pirla non sa temere l'odio islamico

Siamo tiepidi non solo nel coraggio ma perfino nel timore. Dovremmo rispondere al nemico che vuole annientarci. Invece manteniamo un ottimismo idiota e finiremo per scavarci la fossa

Ho paura. Ho deciso di vantarmene. E mi assumo il compito di propagarla. Mi rendo conto. Non si comincia così un libro contro la morte che arriva al galoppo impugnando la scimitarra. Non è molto nobile. Si deve cominciare con un grido di guerra. Eppure, lo confesso: ho deciso di buttare la fifa oltre l'ostacolo.

Ho paura adesso, e anche per dopo. Per quando queste mie pagine saranno in giro per l'Italia. E qualche frase rimbalzerà su Internet. S'incazzeranno, oh se si incazzeranno. Perché ho intenzione di scrivere la verità su quel che ha, in testa e nella pancia, non solo la gentaglia con le bandiere nere e le mani sul collo di poveri prigionieri vestiti di arancione, ma anche il musulmano dal dolce sorriso ospite di trasmissioni tivù, dispiaciuto per i morti e nemico, come no, del terrorismo. Prevedo l'accusa di provocatore irresponsabile. Papa Francesco dirà che mi merito un pugno. Portatemi pure in tribunale, sempre meglio dell'obitorio, a cui siamo destinati in tanti se la paura non ci desterà dal sonno dei pirla.

Dirò qui la verità sugli islamici e il loro Allah con il Profeta Maometto appresso. Non la Verità con la V maiuscola, per carità. La verità con la v minuscola ritengo sia la più importante acquisizione della mia vita. Ho imparato ad attingerla con il cucchiaio dell'osservazione e dell'esperienza, senza presumere divine rivelazioni. Non c'è bisogno di essere arabisti per capire, anche senza assaporarne i suoni aspirati, che il Corano ha in sé una potenza distruttiva assoluta verso chiunque manifesti un sussulto di libertà e dica no al dominio di un libro che si è fatto Dio, così come si sono fatti suoi boia coloro che lo impugnano.

Ho paura. Lo ridico. Si osservi la realtà.

Un Coulibaly e due Kouachi si sono manifestati a Parigi. Quanti Coulibaly a Milano, quanti Coulibaly a Londra? Mi faccio questa domanda, e mentre la scrivo con la Olivetti 32, un Coulibaly qualsiasi spara contro un vignettista e gli avventori in un bar di Copenaghen, e altri danno l'assalto alla sinagoga della capitale danese. Intanto lo Stato islamico avanza in Libia, con giganti vestiti di nero che sgozzano 21 cristiani copti minuscoli, a un tiro di missile Scud, magari nucleare.

Non è vero che queste immagini, da loro diffuse con orgoglio, vogliano impaurirci. Hanno un altro scopo: quello di inorgoglire i loro correligionari di casa nostra, e di spingere ragazzi annoiati a convertirsi all'onnipotenza. Poi, certo, desiderano indurci alla resa. Come quelle povere madri ebree in fila verso la camera a gas con i bambini per mano. Dobbiamo avere più paura di quella che abbiamo. Una paura così grande da trasformarsi nel coraggio di uccidere per non morire. Una paura intelligente, organizzata. Senza il cappello in mano per domandare l'elemosina della vita (quelli non si commuovono, figuriamoci), ma con l'elmetto in testa e un pugnale tra le mani. Ci ammazzeranno lo stesso, forse, ma forse vinciamo.

Non riesco, non riuscirò mai a capire chi accetta di scavarsi la fossa, e lo fa sotto il tiro di un fucile, sapendo che chi impugna la carabina tra un minuto ripagherà la sua fatica sparandogli. Nell'isola di Utøya, in Norvegia, il 22 luglio 2011, un uomo solo uccise 69 ragazzi (dopo aver ammazzato 8 persone nel centro di Oslo). Sull'isola, quel giorno, c'erano seicento giovanotti in gamba, motivati politicamente, pieni di energia. La loro paura li disarmò, li spinse a nascondersi. Se gli andavano addosso insieme, tremando come foglie di sicuro, ma stringendosi l'uno all'altro per la fifa, il killer ne avrebbe stecchiti quattro o cinque, poi gli altri 595 avrebbero sbranato quell'Anders Breivik, che adesso, condannato a 21 anni, è triste per non averne ammazzati abbastanza.

Ho scritto questa verità elementare, e mi hanno attaccato come se avessi offeso le vittime. E dire che il mio articolo nasceva dall'immedesimazione con quei disgraziati. Vale adesso per noi. Dobbiamo organizzare la paura, consapevoli che il nemico di Charlie Hebdo non si fa intenerire dai tremori.

Ho paura. Eppure ho paura di non avere abbastanza paura per riuscire a trasmettervela.

Siamo un po' tutti così, noi dell'Occidente che non sta capendo un accidente. Tiepidi non dico nel coraggio, ma persino nel timore, inclini a minimizzare, a ritenerci salvi nel nostro orto per non si sa quale magia o corazza invisibile.

Domina una sorta di ottimismo idiota. È sintetizzabile con il motto: «Male non fare, paura non avere». Lo so che lo ripeteva la mamma a Enzo Biagi. Vale in un mondo perduto. È una regola utile quando incontri un orso in Trentino. Con i musulmani non funziona. Non è vero che se stiamo buoni, se non reagiamo, se non sfioriamo neanche con un fiore il turbante di Maometto, i suoi adepti ci lasceranno stare. Basti guardare come nelle loro terre gli islamici scannano i cristiani, che pure abitavano lì prima di loro. Maometto lo fece con gli ebrei di Medina, ne sgozzò personalmente settecento (ma c'è chi dice novecento). Secondo questa teoria, tutto nasce dalla nostra cattiveria. E prima da quella degli americani. E prima ancora dei crociati. Per cui se consentiamo loro, qui da noi, di costruirsi le moschee, di intabarrare le loro donne nei veli, oltre che di percuoterle e segregarle, considerandoli affari loro, nulla di male ci capiterà. È l'idea dell'Occidente e in particolare dell'Italia come brodo multiculturale. Tu non fai una cosa a me, io non la faccio a te. Tolleranza.

Balle suicide. Chi ragiona così non sa nulla dell'islam. Lo misura sulla base del sorriso che gli dedica il pizzaiolo egiziano. Eppure l'ho visto il sorriso largo un metro della colf somala, che mi aveva sempre servito gentilmente le polpette, alla notizia delle Torri Gemelle. Non che il pizzaiolo e la colf siano più cattivi di te e di me. Là il Corano , una volta che ne inghiotti gli insegnamenti, è una sorgente di morte (per gli altri).

Non faccio nessun appello al coraggio. Il coraggio se n'è andato dall'Italia il 15 settembre 2006, quando le campane di Santa Maria del Fiore hanno salutato Oriana Fallaci, e l'abbiamo seppellita. Abbiamo rovesciato palate di terra sul suo grido «Troia brucia, Troia brucia». Per questo mi affido all'arma estrema e molto albertosordiana della vigliaccheria per sopravvivere, sperando che le generazioni future – se mai oseranno nascere – riprendano una certa fierezza di esistere, un orgoglio da noi sepolto nella noia.

***

Mi rendo conto di apparire rozzo e irresponsabile, populista e ignorante agli occhi della sinistra al caviale e del cretinismo parrocchiale, quello che della lezione di Ratzinger a Ratisbona non ha capito nulla. Si potrebbe chiamare «complesso di Lepanto». Coincide con il rimorso spalmato sulla coscienza collettiva dell'Occidente dal marxismo terzomondista e dal suo gemello cattocomunista secondo cui è ben giusto che paghiamo il prezzo delle crociate di Roberto il Guiscardo. E soprattutto è stato criminale fermare l'avanzata turca con la guerra, il cui momento decisivo è rappresentato appunto dalla battaglia navale di Lepanto, quando vascelli veneziani, genovesi, spagnoli e pontifici annientarono il 7 ottobre 1571 la flotta ottomana del sultano protesa alla conquista di Roma. Alì Pascià ci lasciò la pelle. E la sua maledizione perseguita ancora tante anime belle, convinte che la faccenda si sarebbe dovuta appianare con il dialogo. Da qui una debolezza mentale che ci tiriamo dietro. Ce la saremmo voluta noi, che paghiamo la colpa dei nostri antenati, questa incazzatura della Mezzaluna.

L'invasione islamica, del resto, dopo quella data non ha mai smesso di essere desiderata dai musulmani. E il territorio perduto, rivendicato. La «reconquista» della regina Isabella che si riprese l'Andalusia lo stesso anno della scoperta dell'America, 1492, esige secondo gli arabi di essere vendicata con la «re-reconquista». La cacciata dei 300.000 mori dalla Spagna (1609) esige, secondo gli imam, il risarcimento di una rioccupazione del territorio. E infatti questa procede, eccome se procede, fino a trasformarci in Eurabia. Un processo che nelle librerie e nei caffè parigini e sulle terrazze romane è stato interiorizzato senza protestare.

Certo, quando questa invasione esagera nei modi, impedisce la satira e mitraglia Charlie (gli ebrei del negozio kosher sono meno popolari, e si ricordano meno), per un paio di giorni esponiamo tutti il cartello dell'indignazione e della solidarietà. Ma poi ci si riaccomoda a sopportare il procedere dell'invasione. La quale non si è ancora realizzata pienamente in senso fisico, in compenso da tempo l'Occidente è sotto il dominio di una cultura propensa ad aprirle le porte. C'è un sistema di credenze che inzuppa la testa dei governi e di tutto l' establishment editoriale e finanziario, cedevole verso l'islam e spietato con chi eccepisce e non intende rinunciare a una certa spiacevole sensazione di turlupinatura quando gli si parla della bontà di Allah e dei suoi seguaci più infatuati.

In conclusione, il tipo dell'intellettuale con gli occhialini, mescolato ai teologi e agli islamologi, ha licenza esclusiva di occupazione di giornali, librerie, scuole, università, chiese e tribunali. Il multiculturalismo tollera solo la cultura multiculturale. Perché, grazie alla magia del suo nome, ha il pluralismo incorporato, e dunque chi eccepisce si pone fuori dal consesso democratico. È una specie di partito unico, essendo già multipartitico nel nome.

Questa pre-invasione, questo pasturaggio culturale, funziona come una specie di fumisteria di oppio. Intasa le menti con la leggenda di un islam fiabesco, profumato di spezie, con i tappeti volanti e il cielo stellato sopra bianchi minareti, insozzato dalle cattiverie occidentali. I fatti di Charlie Hebdo hanno smagato la favola? Per un attimo. Poi sono tornati in massa gli esperti a separare l'accidente del terrorismo dalla sua sostanza religiosa, quasi che il primo sia un virus occidentale inoculato in un corpo orientale innocente. Secondo la colta vulgata da salotto televisivo e da dibattito universitario, questa religione di vergini incantevoli e fedeli misericordiosi non c'entra nulla con la sua esibizione terroristica. È vero, ammettono: il grido «Allah u Akbar» ovvero «Allah è il più grande» è il marchio di fabbrica della violenza riversata per esempio a New York, Madrid, Londra, Parigi, Bruxelles, ma è un fenomeno spiegabilissimo senza coinvolgere l'islam e il Corano.

Commenti

buri

Gio, 14/05/2015 - 10:22

è il risulyayo di un pacifismo miope e ne pagheremo le conseguenze qiamdo lo avremo in casa, tutti i bei ideali di pace, libertà e fratellanza andranno a farsi benedire, tutto per volpa nostra, dovremmo ricordarevi che chi non si vuole difendere non merita di esswre libero

Gius1

Gio, 14/05/2015 - 10:26

ma di cosa avete paura ?? Non abbiamo ALF ANO noi ? loro non c´e´l´hanno

Gius1

Gio, 14/05/2015 - 10:27

ma di cosa avete paura ?? Non abbiamo ALF ANO noi ? loro non c´e´l´hanno poveretti

Tuthankamon

Gio, 14/05/2015 - 10:34

Pirla e' l'unico termine usabile in pubblico che definisce coloro che ci governano in maniera efficace (purtroppo anche molti sedicenti di destra). Mi capita di ascoltare Cristiano Magdi Allam in confronto, per esempio, a un giovane deputato PD che ormai e' ospite fisso in TV. Avendo io una conoscenza diretta del mondo musulmano ed arabo, posso affermare che se li mettiamo sullo stesso piano rischiamo di farci molto male. La stessa Chiesa cattolica sembra non comprendere che come e' stata fatta la "pulizia etnico-religiosa (?)" in MENA (Medio Oriente/Nord Africa), questo obiettivo sara' perseguito senza sosta anche in Europa (citerei le parole, pur pacate, del Card. Biffi e di Benedetto XVI se avessi spazio). E questo nei confronti non solo del Cristianesimo ma di altre religioni e di ogni idea contraria!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 14/05/2015 - 10:38

Il vero pericolo, a detta dei governanti europei, pare che sia l'islamofobia...

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 14/05/2015 - 10:38

L'importante è aver chiaro che questa volta un fazzoletto rosso al braccio è una aggravante in caso di guerra civile per legittima difesa.

linoalo1

Gio, 14/05/2015 - 10:39

Si Feltri,avrai anche ragione!Ma,credo che ormai sia già troppo tardi!Stiamo per essere invasi,con il nostro consenso,dagli Africani e dai Mussulmani!Ormai,siamo noi Europei a dover Emigrare per essere sostituii!Del resto,la Storia insegna!Nel corso dei Secoli,l'uomo non è mai rimasto fermo,a lungo,nello stesso posto!

pollicino46

Gio, 14/05/2015 - 10:46

Io invece penso che siano piu pirla i giornalisti che in continuazione scrivono articoli per incutere paura in noi occidentali!! Quando arriveranno li metteremo a posto e basta. Sistemeremo anche i pirla che hanno contribuito a portare allo sfascio della nostra cultura occidentale!!! Non temete che saremo noi ad arrivare al momento giusti!!

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Gio, 14/05/2015 - 10:46

I "pirla" sono complici (cioè traditori), oppure non capiscono nulla, oppure non sanno che pesci pigliare. Il popolo "sovrano" potrebbe mandarli a casa, avendone l'opportunità (quando?), ma non lo fa. Poi piangerà ed aspetterà qualche altro "liberatore". Così è stato ridotto quello che resta dell'Italia.

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 14/05/2015 - 10:48

E' UNA VITA CHE IN EUROPA COMANDANO I PIRLA, LA COSA GRAVE E' CHE NON SI SA COSA E' L'EUROPA. ORMAI OGNUNO PENSA PER SE.

scarface

Gio, 14/05/2015 - 10:54

Carissimo Vittorio condivido al 100%, ma purtroppo i nostri giovani ed anche i meno giovani sono troppo impegnati ed ipnotizzati con facebook, twitter, whatsapp a vivere nel loro 'mondo virtuale'. Altri sono invece impegnati in campagne di psico-buonismo condito da tanta ipocrita psico-ideologia politico-religiosa. La nostra società, composta da 'polli d'allevamento' non è in grado di competere con bestie sanguinarie; non ha il sufficiente grado di consapevole inc.azzatura e quando esasperata esprime il disagio sbaglia sistematicamente il bersaglio. Siamo senza speranza, questo dissennato paese ne è la chiara dimostrazione...

semperquel

Gio, 14/05/2015 - 10:55

Ha già detto tutto la Fallaci più di dieci anni fa , si sta puntualmente verificando tutto quello che aveva previsto la grande giornalista ( sbeffeggiata dalle sinistre quando ha smesso di attaccare gli USA sul Vietnam) ma si fa di tutto per far passare nell'oblio lei e la trilogia che ha scritto prima di morire.

Beaufou

Gio, 14/05/2015 - 10:57

Proprio così, caro Feltri. L'Occidente minacciato non sa far altro che quello che (si dice, non li ho mai visti) fanno gli struzzi, infilando la testa nella sabbia nell'illusione che, non vedendole, le cose non succedano. Per parte mia, un'arma ce l'ho, e so usarla. Mi servirà quando sarà il momento di vendere cara la pelle, come si suol dire. Chi vivrà vedrà...

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 14/05/2015 - 10:58

E' molto più arduo riuscire a comprare 100 grammi di acido citrico per fare lo sciroppo con i fiori di sambuco. Provare per credere! Quello che una volta era normalmente venduto in qualsiasi drogheria è considerata materia prima "strategica" la cui vendita deve essere rogolamentata e rintracciabile. Quindi solo in farmacia, previa ordinazione, manco si trattasse di Polonio 210... In compenso non si batte ciglio per le migliaia di potenziali tagliagole islamici che scorrazzano ovunque nel nostro territorio. Quello è ineluttabile come la pioggia che cade dal cielo, basta solo non pensarci e affidarsi alla divina provvidenza, facendo nel contempo finta che non esistano. L'acido citrico però NO, vuoi mettere è materia prima altamente strategica. Buffoni!

nonnoaldo

Gio, 14/05/2015 - 11:05

Caro Feltri, purtroppo lei ha totalmente ragione. Si prepari però ad essere tacciato di xenofobia, islamofobia e chi più ne ha ne metta. La pirlaggine è purtroppo la caratteristica oggi più diffusa in Italia come dimostra anche il successo dell'imbonitore fiorentino tutto chiacchiere e promesse al vento. I pirla pensano forse di acquisire meriti con i nostri futuri "padroni", ignorando che invece saranno i primi ad essere sgozzati. Magra consolazione.

marco bianchi

Gio, 14/05/2015 - 11:07

È vero.Basta leggere il corano,tutto non le prime pagine,e si vede che razza di religione sia l'islam.Ma non sono d'accordo che chi dirige l'europa siano dei pirla.Che il papa sia un pirla.I politici hanno venduto l'europa da un pezzo:oetrolio,investimenti,insomma business,quello che chiedono i poteri economici che hanno la vista di una talpa.Si veda come ci si è allevata una serpe in seno come la Turchia o,più in grande,la Cina.Ed hanno fatto il lavaggio del cervello ai veri pirla:i cittadini.Per il papa e il vaticano proprio non capisco.Ma ormai mi frega.Sono nemici delle identità e buonisti con la pelle degli altri.La Malaysia ha respinto un barcone per non mandare "cattivi messaggi",quelli che noi italiani mandiamo da sempre.Ognuno si sceglie il suo futuro.

Joe Larius

Gio, 14/05/2015 - 11:07

Trattarli da pirla è quasi un elogio: la denominazione corretta in milanese antico è "Pirla pass" (traduzione: pirla floscio)

Ritratto di daybreak

daybreak

Gio, 14/05/2015 - 11:15

Pirla?Vigliacchi e' il termine piu' appropriato per l'Occidente narcotizzato da 70 anni di pace senza avere piu' memoria della guerra.Qui si fa come con la morte che esiste ma non se ne parla considerandola un tabu' cio' non toglie che esista.Speriamo solo che al momento opportuno un po' di orgoglio e di amor di patria esca fuori visto che qui ci stanno solo prospettando una futura guerra in casa.Vi conquisteremo con le vostre leggi disse un imam e infatti ci stanno riuscendo con il beneplacito di tutti i finti buonisti (finti perché lo fanno solo per interesse proprio)della Chiesa che pensa di poter convivere con gente lobotomizzata coranicamente e con la complicita' di tutti quelli che girano la testa altrove per non vedere la realta' che hanno davanti e continuare a fare la loro vita mediocre.

Jimisong007

Gio, 14/05/2015 - 11:18

Grazie Vittorio Feltri per il coraggio di avere paura

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 14/05/2015 - 11:18

Egregio gianky53, l'acido citrico lo usa lei; mi creda, se l'Islam dichiarasse che serve per qualche motivo religioso, ne sarebbero riforniti istantaneamente. Il nostro maggior nemico è il politically correct e la ricerca di uguaglianza assoluta quando é chiaro che questo aspetto non è condiviso, ed anzi osteggiato, dai potenziali interlocutori.

briegel70

Gio, 14/05/2015 - 11:21

Argomento 11 Settembre: quelle 3 torri, si sono disintegrate in pochi secondi, a causa di una demolizione controllata. Non c'è altra spiegazione razionale che renda conto di due torri che si sono polverizzate in pochi secondi e di una terza torre (la torre 7) che è collassata in pianta, in pochissimi secondi NONOSTANTE NON SIA STATA COLPITA DA NESSUN AEREO. Argomento "Paura": informo il Giornalista, che non solo non c'è la paura (o è "tiepida" come dice l'articolo) MA ANZI, ci sono RAPPORTI COMMERCIALI CON IL MEDIORIENTE. Vedere da chi è sponsorizzato il Milan, il Barcellona e tante altre squadre che vanno per la maggiore. Vedere come si chiama lo Stadio dove gioca l'Arsenal. Allora ? Perché questo articolo non dice niente a riguardo ? Io una parola ce l'ho. E non si chiama "Paura". Si chiama: IPOCRISIA !!!

millycarlino

Gio, 14/05/2015 - 11:22

L'Europa degli indifferenti finirà sgozzata. Milly Carlino

Efesto

Gio, 14/05/2015 - 11:23

Grazie dott. Feltri: SANTE PAROLE

Mechwarrior

Gio, 14/05/2015 - 11:26

State sereni: presto formeranno un partito arabo e prenderanno il governo senza colpo ferire: preparate alla conversione le future generazioni ;-P

Blueray

Gio, 14/05/2015 - 11:27

La storia si ripete. Diceva Santayana "chi non ha imparato la lezione della storia è destinato a riviverla". Le grandi civiltà del passato sono collassate lasciando il posto alle invasioni barbariche e al medio evo. Ora siamo di nuovo alle invasioni più o meno barbariche. Forse non ci sarà un altro medio evo ma certo anni difficili e bui. Pochi riescono a intravedere ricchezza, pace e benessere con queste prospettive di guerre e invasioni alle porte di casa nostra. Purtroppo stiamo collassando, non abbiamo imparato la lezione della storia e quindi siamo condannati a riviverla

Mobius

Gio, 14/05/2015 - 11:27

Grande Feltri, al livello di un Montanelli, condivisibile al 100%. Se davvero vogliamo darci da fare per difenderci, il primissimo passo è attuare il "vaste programme" di gollista memoria: mettere la camicia di forza a tutti i pirla nostrani, anche se sono, temo, la maggioranza.

Efesto

Gio, 14/05/2015 - 11:28

Aggiungerei, vista l'invasione militare asiatica del Mediterraneo, che se non ci sbrighiamo ad avere accordi seri con la Russia, tirandola dalla parte europea a dispetto delle finanziarie US, avremo tra non molto una tale disarticolazione politica da lasciare il passo tranquillo al califfato.

Mechwarrior

Gio, 14/05/2015 - 11:30

@mr Feltri: se nel caso norvegese il 5% dei ragazzi fosse stato armato il tipo avrebbe fatto "pochi" danni. ma parlare di difesa personale ormai è un tabù. meglio farsi ammazzare che girare armati ;-P

marco.olt

Gio, 14/05/2015 - 11:32

RESISTENZA SILENZIOSA (e non solo), i nostri governanti sono come i DO DO ci faranno estinguere sia fisicamente che economicamente, in nome di un ideale (pace e integrazione) di cui i nostri nemici se ne fottono, ci portano al disastro, faremo la morte della rana che bolle in pentola poco la volta senza scappare. RESISTERE è il punto RESISTENZA, non dare lavoro, non dare aiuti ai merdosi che arrivano qui sputando poi nel piatto in cui mangiano.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Gio, 14/05/2015 - 11:35

... perché siamo così pirla che ancora non abbiamo capito che ci odiano!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 14/05/2015 - 11:35

briegel 70 @ parole sante le sue,c'è ancora gente che non crede allo sbarco sulla luna degli americani.I trinariciuti imperano in queste cose.

Ritratto di fullac

fullac

Gio, 14/05/2015 - 11:37

sicuramente dobbiamo temere l'integralismo islamico, e suggerisco di non fermarsi a quanto si legge sui giornali ma prendere visione diretta cercando su twitter si vede oltre a quanto crudele sia la loro missione di islamizzazione quanto questa gente è strutturata, organizzata e determinata. allora si avranno maggiori argoment per URLARE fermateli !!!! e pretendere che i nostri governanti lo facciano

gf43

Gio, 14/05/2015 - 11:42

titolo elegante e profondo...

Mr Blonde

Gio, 14/05/2015 - 11:43

sono mesi e mesi che ci dite che prima o poi l'isis ci invade ci ammazza ci sgozza ci stupra ci bombarda ci butta bombe sporche ecc ecc. Certo che dopo centinaia di articoli x fomentare la paura non dovesse succedere niente come la mettiamo? Dovreste ammettere che abbiamo il miglior ministro dell'interno della storia repubblicana...

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Gio, 14/05/2015 - 11:48

Quello che tutto l'Occidente non ha capito o fa finta di non capire è che l'invasione islamica è un piano ben studiato da tanto tempo dai musulmani per occupare, figliando tipo cavie da laboratorio,tutta l'Europa e fare sparire scientemente i Cristiani e la loro cultura. Solo la Russia, con la quale l'inutile e stupida Europa non si allea, cerca di tenerli ben schiacciati. Queste sono le parole di Putin del 2013 :Chi non vuole parlare russo e rispettare leggi russe può tranquillamente andarsene da qualche altra parte. La Russia non ha bisogno di queste minoranze e non abbiamo intenzione di cambiare le nostre leggi per loro. Noi uno così non lo abbiamo, purtroppo.

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Gio, 14/05/2015 - 11:49

Grande Feltri: sottoscrivo al 100%. Speriamo che qualcuno che abbia il potere di decidere la ascolti. Viceversa il nostro futuro, ben descritto dalla Fallaci, è dietro l'angolo.

Cesare46

Gio, 14/05/2015 - 11:54

Il Dott. Feltri ha ragione 2 volte, "una" per il contenuto dell'articolo, "due" per alcuni pirla che non condividono l'articolo.

Ritratto di illuso

illuso

Gio, 14/05/2015 - 11:54

Grazie Vittorio. Ho conosciuto gli islamici nei loro paesi per motivi di lavoro pensano esattamente come hai evidenziato nel tuo articolo. Hai accennato la battaglia navale di Lepanto organizzata da un papa lungimirante Pio V, forse oggi in vaticano ci sarebbe bisogno di uno come Lui . Battaglia alla quale i Veneziani parteciparono contro voglia a causa dei loro commerci con il medio oriente, decisa e vinta sopratutto in memoria di un grande veneziano Marcantonio Bragadin scuoiato vivo dai "mori" dopo essersi arreso ( assedio di Famagosta Cipro). Leggere la sua biografia.

Massimo Bocci

Gio, 14/05/2015 - 11:56

Gli sbozzatori ci usano come rifugio sicuro, per le LORO FERIE PAGATE......LAUTAMETE, in fondo abbiamo un nome nel mondo per queste cose da. Catto-comunisti......PAVIDI ,CONIGLI...LADRI che è risaputo che Come i suddetti eroi coop? Liberatori LADRI della... Mxxxxxa 47, fanno i duri e gli inflessibili,solo contro gli inermi,meglio se vecchi e con andicap Italiani (la loro specialità istituzionale), loro sono una vera e unica Onul, di LADRI, rubano costituzionalmente agli Italiani, specialmente in difficoltà, con comportamenti da regime da veri EROI, sol dell'avvenire...Euro!!!

Rossana Rossi

Gio, 14/05/2015 - 11:56

Parole sante caro Feltri, hai detto unicamente delle vere verità purtroppo invisibili agli occhi ricoperti di buonismo pericoloso ed inutile di un occidente in piena decadenza che con la scusa della multiculturalità si offre al nemico a braccia aperte e ne subirà tutte le malefiche conseguenze........preparati ai soliti commenti vergognosi delle capre rosse......

corto lirazza

Gio, 14/05/2015 - 11:56

niente paura, Feltri, da noi ci sono solo quelli del'"islam buono e moderato", risorse per la nostra economia.

scarface

Gio, 14/05/2015 - 11:59

@Mr Blonde: le rammento che in gennaio a Parigi è accaduto nuovamente qualcosa... o forse ciò che accade oltre confine non ci riguarda ?

angelal82

Gio, 14/05/2015 - 12:00

Bell'articolo. Io più che dei terroristi islamici ho paura proprio dell'invasione silenziosa dei mussulmani. Diritti, moschee, veli. Chi vuole tutto questo deve averlo nel proprio paese. E soprattutto, qualora si verificassero episodi come quello di Parigi, ci dovrebbe essere una rappresaglia proprio contro i mussulmani. Un po' come quando a scuola sbaglia uno, pagano tutti. Per insegnare qualcosa è sempre stato questo il metodo. Ho capito che, però, almeno con questo nostro governo non sarà possibile ottenere tutto ciò. Ci vuole qualcuno con gli attributi e ci vuole qualcuno che sappia difendere la propria Patria e in concetto stesso di Patria. Dove lo troviamo?

clamajo

Gio, 14/05/2015 - 12:02

Finirà male, molto male....non posso fare a meno di pensare alla Bosnia, Kosovo, Serbia...succederà fra uno o due decenni....

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Gio, 14/05/2015 - 12:15

E poi ci sono i pirloni che credono ai video fake prodotti dalla ditta Katz&Mossadd su commissione degli USA.

tonipier

Gio, 14/05/2015 - 12:18

" SONO DEI PEZZENTI ARRICCHITI" Anno creato un vero business questi marpioni COMUNISTI.... diventa sempre più difficile metterli fuori costoro, si sentono coperti dal fecciume ITALIANO figli di papponi.

elgar

Gio, 14/05/2015 - 12:20

Finchè rimarremo ignavi e molli questi, giorno dopo giorno, si "allargheranno" sempre di più e arriveranno a sottometterci. Poi lamentarsi non varrà più. Perchè la colpa sarà solo nostra.

Ritratto di Chichi

Chichi

Gio, 14/05/2015 - 12:24

Pirla lo sono. Il motivo è anche peggiore di quello indicato da dott. Feltri. L’Europa e più ancora l’Italia sono piene di gente convinta di aver trovato la formula giusta per realizzare i loro ideali diciamo così politici - culturali - progressisti: «un diavolo caccia l’altro». Il diavolo è tutto ciò che, anche lontanamente sa di cristianesimo (Benedetto Croce compreso e non solo per il cognome). L’esorcista lo hanno individuato nell’islam più violento e brutale. Da pirla, appunto, non si rendono conto che per quell’esorcista essi stessi sono parte del «Stana» da annientare. Ne sono l’espressione più vistosa, autentica e odiata.

tonipier

Gio, 14/05/2015 - 12:26

X IL DOTT. FELTRI" L'utopia del comunismo ITALIANO....in Italia una minoranza di consociati accattoni, più estesa che negli altri Stati, integra la categoria sociale negativa degli irrazionali irremovibili che trascorrono la propria esistenza in balia delle fisime, proclivi a disconoscere la verità anche quando non vi è possibilità di negarla o di porla in dubbio.

Zizzigo

Gio, 14/05/2015 - 12:26

Non mi incantano i musulmani che fanno la pizza, né i bei visini con hijab che incrocio al supermercato (troppi a Milano). Così mi dedico a pulizia e allenamento di canne rigate... insomma, se ci riuscirò, cercherò di non svendere la mia vecchia pellaccia. Del resto lo stato e le istituzioni, sono assenti ingiustificati.

albertzanna

Gio, 14/05/2015 - 12:34

GRAZIE VITTORIO - sei la penna che racconta verità e libertà, come lo era quella di Montanelli, che non per nulla lasciò il Corriere della Sera diventato quotidiano di sinistra, per gli interessi di un padronato ormai conquistato dall'idea del Nuovo Ordine Mondiale, che non prevede democrazia, anzi odia chi la invoca, in quest'Italia di politici mentecatti. E grazie Vittorio perché ci dici che la sana paura non è una espressione di codardia, ma una tromba che suona l'allarme per la nostra stupidità nell'accettare le parole melliflue di chi le usa per ubriacarci di retorica d'accatto. Grazie Vittorio, io ho il coraggio di dire che questi subumani dell'Isis, ma non è che i mussulmani tradizionali siano poi diversi...., non solo mi fanno paura, ma ho deciso che se la situazione precipiterà ancora di più, prenderò le armi con il biblico proposito "occhio per occhio, dente per dente", e non mi interessa se il papa nero mi scomunicherà! albertzanna

Mobius

Gio, 14/05/2015 - 12:39

@Mr.Blonde (11:43), abbia pazienza, l'Islam non ha fretta e sa aspettare. Del resto, sono secoli che aspettano; lei non crederà mica che in questi ultimi 4 o 5 secoli se ne siano stati tranquilli perchè si sono calmati nei nostri confronti... No, se ne sono stati buoni perchè non avevano la possibilità di aggredirci, causa la nostra superiorità economica e tecnologica; ma adesso (grazie a noi...) questa superiorità si è di molto attenuata, ed ecco che il buon musulmano ha ora i mezzi per riprendere la guerra santa, e fare a pezzettini gli odiati infedeli. Un odio stupido e moralmente immotivato, per ciò stesso tanto più intenso.

geronimo1

Gio, 14/05/2015 - 12:41

Bravo Feltri, ma il problema e' sempre il solito..!! I pecoroni si tengono sotto controllo dando loro fiducia, ovvero: 1) i migranti sono una risorsa 2)siamo in piena ripresa economica 3) il cardinale (Bagnasco) scende in politica (benedizione dalla chiesa..) Tutti questi fattori influenzano enormemente le tornate elettorali!!!!! Teniamo presente che il livello della base e' quello che e', privo di premi Nobel disseminati come fiori nel fango: e' tutto fango, in realta'.... senza neanche una margherita sbocciata!!!!

Ritratto di Loudness

Loudness

Gio, 14/05/2015 - 12:42

Io credo invece che non si debba avere paura... ma semplicemente odiarli ed agire di conseguenza. D'altronde loro ci odiano, quindi sarebbe maleducazione non ricambiarli. E bisogna anche odiare i collaborazionisti nostri connazionali... quelli che hanno reso possibile questo schifo che è sotto gli occhi di tutti.

Paolo Berlinghieri

Gio, 14/05/2015 - 12:49

E' di gran lunga molto più pirla strillare al pericolo islamico per riempire colonne di giornali.

Sapere Aude

Gio, 14/05/2015 - 12:52

Feltri, non si preoccupi troppo di venir catalogato come provocatore. È peggio confessare di aver abdicato all’animo pugnandi perché significa che si è arreso, in barba alla legge che autorizza a uccidere se in pericolo di vita. So benissimo che c’è una massa di scalzacani in magistratura pronta a giurare che se l’incappucciato non mi ha prima trapassato col coltello non ho diritto a reagire. È di questo che deve aver paura, se mai. Provi a rifletterci!

alberto_his

Gio, 14/05/2015 - 12:53

La tua paura è quella di tutti bananas, di tutte le mezze seghe che si fanno intimorire da una campagna tesa a sviare l'attenzione dai veri responsabili di una strategia del caos su base mondiale e favorire la più classica delle guerre tra popoli.

Ritratto di pinox

pinox

Gio, 14/05/2015 - 12:55

grandissimo come sempre dott Feltri, peccato che il centro destra non abbia insistito per lei alla presidenza della repubblica, sarebbe stato popolare e amato quanto l'indimenticabile pertini.

alberto_his

Gio, 14/05/2015 - 13:00

... guerre tra poveri, pardon

lupo1963

Gio, 14/05/2015 - 13:02

Pero' caro Feltri sei in perfetta malafede quando parli di estremismo islamico legato alla religione ma non alla politica.I palestinesi erano musulmani,ma non islamici.Il vice di Saddam era cristiano con prospera comunita' cristiana in Iraq,con Assad in un paese musulmano i cristiani non avevano problemi.

Raoul Pontalti

Gio, 14/05/2015 - 13:03

Io temo il Clostridium botulinum, ma non me la prendo con il batterio bensì con chi me lo fa trovare nell'alimento con la relativa tossina letale, temo la rabbia ma non me la prendo con il virus bensì con il deficiente che non ha vaccinato prima e non ha trattenuto poi il cane che mi ha morso. Temo quindi il terrorismo islamico ma me la prendo con chi lo suscita, lo fomenta, lo coccola, lo rifocilla, lo addestra, lo arma, lo protegge e lo diffonde con la scusa di abbattere i dittatori. Temo ancor di più dunque e detesto l'occidente e i suoi alleati, creatori e protettori del terrorismo islamico.

lupo1963

Gio, 14/05/2015 - 13:06

La verita' e' che l'estremismo islamico e' una bella trovata degli USA ed alleati vari per metterci in stato di guerra permanente.Ovvio che la massa abbocchi,sia da una parte che dall'altra della barricata.Peccato che la barricata non esista, paesi che dovrebbero essere alleati sono nemici in questo risiko e viceversa.Esempio Turchia NATO ma sponsor Isis! Il problema e' politico,non religioso.

lupo1963

Gio, 14/05/2015 - 13:07

Quindi tranquillo Feltri,non avere paura.Mica hai scritto qualcosa contro Israele.

Ritratto di Chichi

Chichi

Gio, 14/05/2015 - 13:08

Un esempio di Pirla all’ennesima potenza ce la troviamo, dono dei figli, dei nipoti e ahinoi,dei pronipoti di quelli che sospiravano: «ha da venì’ Baffone», sul terzo scanno di questo stato mai uscito dalle grinfie del socialismo reale. Per la virilmente femminista Boldrina l’UE non ci ha fregato abbastanza: per la presidenta 20mila profughi sulla nostra gobba «sono troppo pochi».

Tuvok

Gio, 14/05/2015 - 13:15

EURO-ASINERIE: L'ISIS neanche tanto tempo fa disse che ci avrebbe invaso con MILIONI DI MUSSULMANI e successivamente sottomesso ad Allah. Quando Farrage, poco prima delle elezioni, lo ha ricordato agli altri RAPPRESENTANTI EUROPEI durante una riunione e' stato deriso, ridicolizzato e accusato di fare propaganda elettorale. L'EU? Se la conosci LA EVITI, se la conosci NON TI UCCIDE. SALVINI...BERLUSCONI...Portateci fuori dall'EU....

Ritratto di federalhst

federalhst

Gio, 14/05/2015 - 13:18

Troppo comodo sig. Feltri, o si è liberali laicisti o si è sostenitori del conservatorismo identitario cristiano. A quanto pare ha scelto da che parte stare ma non si metta più in bocca il liberalismo per rispetto verso chi, in quei valori, ci crede veramente.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 14/05/2015 - 13:19

Proprio così dott. Feltri. Analisi perfetta. Siamo nelle mani di ottimisti idioti che decidono per tutti, alla Boldrini e alla Mogherini per intenderci, ma anche di quelli ottusi che occupano le stanze e dettano legge in ambito europeo. La Fallaci vide bene oltre il naso, evidentemente qualcuno dell'intellighentia radical chic doveva fargliela pagare aizzando gli intellettuali sinistroidi padroni dei media pubblici e dei salotti televisivi nati per ammaliare i fessi che li seguono. Quanto aveva ragione la povera Oriana.

piemontese1987

Gio, 14/05/2015 - 13:21

Il dott. Feltri, come Salvini, sono ancora tra i pochi che hanno il coraggio di dire le cose come stanno, di interpretare i bisogni e le paure della gente che tutti i giorni va a lavorare, a studiare seriamente. Chi di noi non ha un collega musulmano? È esattamente come dice Feltri: se tu attacchi con chiunque sia di quella fede lì un discorso sull'Islam violento, avrai sempre le stesse risposte: mi metto il velo per mia scelta personale, l'Islam non è così, poi voi con le Crociate... Il che significa che sono tutti d'accordo per sterminarci, anche quelli che in apparenza sono 'occidentalizzati'. Il problema, secondo me, sono gli interessi di questo maledetto petrolio e l'incapacità della politica, a cominciare dal Keniota. Ancora una volta, ha ragione Feltri: meglio combattere e starci secchi che lasciarci lentamente e inesorabilmente piegare da questi maiail. Perché tali sono.

scorpione2

Gio, 14/05/2015 - 13:29

: « Ammesso e non concesso che un magistrato abbia sbagliato, ecceduto, ciò non deve autorizzare i ladri e i tifosi dei ladri... gli avvoltoi del garantismo... a gettare anche la più piccola ombra sulla lodevole e mai sufficientemente applaudita attività dei Borrelli e dei Di Pietro.[9] »

Duka

Gio, 14/05/2015 - 13:35

APPUNTO SIAMO GUIDATI DA UNA MASSA DI PIRLA

atlantide23

Gio, 14/05/2015 - 14:07

Perche' il caro dr. Feltri, quando va in televisione, non parla cosi' come scrive ?

patrenius

Gio, 14/05/2015 - 14:45

Per non affondare un paio di centiaia di disperati e assassini hanno preparato un bomba di razza, religione e cultura da milioni di morti. E poi lasciatemi essere cinico: cosa sono centinaia di morti se si guarda alla storia dell'umanità? Ci siamo scordati i 50 milioni della seconda e i 30 della prima? E il dramma degli ebrei, degli armeni, del VietNam, degli Indios etc etc?? Chi vivrà morrà....

Giovanni2.1

Gio, 14/05/2015 - 15:11

Certo che deve essere frustrante non vedere un millimetro oltre il proprio naso. Infatti alcuni commentatori hanno pensato che la guerra avrebbe dovuto essere già alle porte con i primi morti sgozzati. Lei guarda lontano direttore come lontano guardava la Fallaci, ma questa virtù è un lusso per pochi.

Mobius

Gio, 14/05/2015 - 15:16

@camerata-compagno Raoul Pontalti (13:03), i suoi timori sono ben indirizzati, però, una volta che è stato morso, deve combattere direttamente contro il virus della rabbia, e non contro il padrone del cane. Al quale, caso mai, potrà sparare in un secondo momento; e se crede, anche al cane.

rosa52

Gio, 14/05/2015 - 15:20

un grande articolo il suo del quale ce n'era un gran bisogno!! grazie e speriamo che faccia breccia nelle coscienze.Aggiungo solo che mentre nella cultura cristiana e' la Verita il concetto di base, nell' islam e' la ' falsita' , tutto in loro e' falso come quel sorriso 'dolce' del musulmano dopo le torri gemelle!!

Gianni000

Gio, 14/05/2015 - 15:21

Bravo Vittorio, rappresenti ciò che molti noi veri italiani non riusciamo spesso a spiegare perchè interrotti volontariamente dalle balle delle menti bacate dei sinistroidi buonisti. Un solo consiglio mi permetto : dovresti fare una versione di questo articolo usando termini e fraseggi che piacciono (e capiscono) i buonisti : ho l'impressione che la loro cultura dei cervelli all'ammasso non gli consenta di comprendere il tuo pensiero.

mariolino50

Gio, 14/05/2015 - 15:48

Chichi Se ci fosse stato baffone, in Libia nemmeno si avvicinavano al bagnasciuga, non ci sarebbero andate le navi a salvarli, ma ad affondarli.

Ritratto di charry_red_wine

charry_red_wine

Gio, 14/05/2015 - 15:59

e mica hai paura solo tu.. pure io.. ma mi fa paura più di tutti un certo Alfano mischiato a dosi di Pinotti

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 14/05/2015 - 16:10

Tutto giusto quel che dice Feltri, solo che meraviglia che alcuni giornalisti inizino a svegliarsi solo adesso. Fin dall’attentato del 2001 si doveva prestare attenzione al mondo arabo e al pericolo che costituiva l’islam, invece il tutto è stato mascherato, facendo una divisione inesistente tra terrorismo e islam, tra islam moderato e islam estremista. L’islam è UNO SOLO, queste differenze non sono mai esistite che nella fantasia dell’occidente. Cosa propongono i nostri politici contro questa invasione? Il massimo rappresentante dell’opposizione se n’è uscito con il “pugno duro” che sarebbe la registrazione delle moschee e degli imam! Qui bisogna pensare a mandarli via a calci nel di dietro altro che registrarli! L’unico appunto che faccio a Feltri che ha dimenticato di citare Beslan e Mosca, oltre a altri casi.

gedeone@libero.it

Gio, 14/05/2015 - 16:46

Grande Direttore, ho messo il suo articolo tra i miei "preferiti", ma, come e più dei musulmani, dobbiamo combattere i trinariciuti che sono il loro vero cavallo di txxxa. Bisogna ingaggiare battaglia con costoro tutti i giorni, fiaccarli nelle loro stupide ed immotivate certezze e, sopratutto, tornare a batterli alle urne, a cominciare dalla prosoma tornata elettorale.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 14/05/2015 - 16:47

Il problema è il nemico che ha la cittadinanza italiana: ovvero quei connazionali italiani (ma anche europei) che li assecondano. Grazie a loro gli islamici trovano consenso. I gravi danni delle ideologie di sinistra non finiscono mai di manifestarsi. La pace è una cosa, il pacifismo, un'altra.

Ritratto di Chichi

Chichi

Gio, 14/05/2015 - 17:03

@mariolino50 – Ha ragione, ma le sfugge un particolare. Baffone non ce l’aveva con i predicatori d’odio islamici: nel don ha fatto annegare migliaia di monaci cristiani. Forse è per questo che i suoi figli, nipoti e pronipoti sono indaffarati a trasportare da noi carrettate e carrettate di gente dalle sponde della Libia. Sotto, sotto sperano che ce ne siano tanti che, appena possono, continuino qui da noi l’opera di Stalin.

albertzanna

Gio, 14/05/2015 - 17:04

A leggere i comenti dei soliti sinistri si capisce come l'Italia politica sia finita a fare ridere anche i paesi del quarto mondo, perchè lo spettacolo degli sbarchi non è una visione privata solo per noi, ma i migranti che arrivano sanno che possono pretendere ciò che vogliono, e la sinistra si farà in quattro, perchè poi chiederà il voto. Come cantava il Sommo Poeta: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!” Il bordello gestito dal PD. Tanto che gli frega a Renzi e compagni di merende, mica pagano loro! Paghiamo noi, che lavoriamo e stiamo morendo di tasse, dei soprusi della sinistra e dei suoi furti. albertzanna

Nadia Vouch

Gio, 14/05/2015 - 17:19

Gli Islamici non ci rispettano perchè ci vedono non rispettabili, nella Loro ottica. In parte hanno ragione, in parte non l'hanno. Siamo "flosci" in tante nostre manifestazioni occidentali, molto aldilà del buon gusto. Siamo forti, laddove crediamo e combattiamo per la libertà. Abbiamo due facce. Ma, di queste, chi vuole combattere l'Occidente sceglierà, ovviamente, la più debole e inevitabile. Gli antichi, Venezia in testa, ciò avevano già capito. Studiamo la Storia. Siamo troppo proiettati verso un ics futuro che non sappiamo nemmeno noi cosa e abbiamo perso il contatto con il nostro passato, e annaspiamo nel presente, rivelando appieno le nostre debolezze.

Pinozzo

Gio, 14/05/2015 - 17:46

Penoso tentativo di spargere il panico, perche' nel panico la gente sragiona. Abbiamo polizia e servizi segreti che si occupano di proteggerci dai terroristi islamici, feltri dormi pure sonni tranquilli. Ah per la cronaca, noi non permettiamo ai musulmani (o a nessun altro) di percuotere e segregare le loro donne, se lo fanno finiscono in galera.

lupo1963

Gio, 14/05/2015 - 17:47

Io ci riprovo:l'invasione e' negativa a prescindere dalla pericolosita'.Oltre un certo numero inquina le nostre tradizioni .Anche i negri che ci invadono,gente senza ne' arte ne' parte.Aggiungo , riprovo se questa volta non mi censurano a dire che invece guai a parlare di lobby ebraica.

Nadia Vouch

Gio, 14/05/2015 - 18:10

Signori, che dite dell'invasione. se io fossi... Se io fossi nera di pelle, nata dove non ho scelto di nascere, magari fossi pure di bel aspetto, e magari fossi, ultimo ma non ultimo, di sesso maschile, poichè altrimenti, come femmina, si aprirebbe tutto un altro universo, mettetevi solo per pochi secondi nei miei panni. Non esiste, non ne siete capaci. Perchè se fossi maschio mi opprimereste con richieste muscolari, se fossi femmina, alle richieste fisiche, aggiungereste le richieste sessuali. E se fossi minore, forse le richieste sessuali ci starebbero, comunque. Ma in che mondo siamo?

albertzanna

Gio, 14/05/2015 - 18:27

PINOZZO - lei cos'è, pagato dal PD per spegnere le ansie e far si che chi sta approfittando della nostra vigliaccherie lo faccia sempre di più. FELTRI ha perfettamente ragione, si deve alzare la soglia dell'attenzione, che già ci siamo calati le brache con Napolitano e i tre governi non eletti. Cosa volete, voi sinistri, che chi ancora ha coscienza e lavora in Italia lo faccia per permettere a gente come lei di vivere a sbafo ancora di più? Lei fa del sarcasmo ignorante.

albertzanna

Gio, 14/05/2015 - 19:43

PINOZZO - lei cos'è, pagato dal PD per spegnere le ansie e far si che chi sta approfittando della nostra vigliaccherie lo faccia sempre di più. FELTRI ha perfettamente ragione, si deve alzare la soglia dell'attenzione, che già ci siamo calati le brache con Napolitano e i tre governi non eletti. Cosa volete, voi sinistri, che chi ancora ha coscienza e lavora in Italia lo faccia per permettere a gente come lei di vivere a sbafo ancora di più? Lei fa del sarcasmo ignorante.

acam

Gio, 28/05/2015 - 00:00

Nadia Vouch Gio, 14/05/2015 - 18:10 se io fossi, uno diceva ja suis comme je suis je suis comme ça... c'est ma foute a moi e Sous? e vous vous ete qui? si lamenta di che? siamo nel mondo di chi non lo capisce come lei, di chi non sa che quelle genti sono truci non solo a causa di Allah ma a causa del profeta che, che ha perpetuaro la ferocia di quei popoli dopo sei mila anni senza vole essere preciso, forse un po meno o di piu. quel profeta ha fatto scrivere un libro sconclusionato che forse lei non ha tentato di leggere, io si ho tentato ma dopo una ventina di pagine mi sono rifiutato, tanto il populismo insito in quei pansieri primordiali e mi taccio...

acam

Gio, 28/05/2015 - 00:00

grazie vittorio

shellenberg

Sab, 04/07/2015 - 13:59

Caro Sig. Inutile prendersela con ISIS & co. il vero nemico è il nostro stesso fratello, il buon dirimpettaio, il suo colega di lavoro. Insomma il nostro nemico siamo noi stessi, fino a che additeremo come nemico lo scafista, il clandestino, tutti quelli che abbiamo colpevolemente "regolarizzato". Non ne caveremo un ragno dal buco. Occorre avere il coraggio delle proprie azioni, rischiare il c..lo, cosa che il popolo italiano, vile per natura (lo dice la storia), non farà mai. ps la nostra famosa bonomia, in realtà non è che una forma subdola di captatio benevolentiae

Damelot

Dom, 05/07/2015 - 11:14

Direttore Feltri, le volevo lasciare qua il mio commento completo, ma lo spazio a disposizione non me lo consente. Onestamente io dissento dal suo modo di vedere e di porre il problema! Una guerra non è mai la soluzione migliore, ma solo l'Estrema Ratio di un confronto che altrimenti non potrà essere risolto. La prego di leggere la mia lettera al mio sito che trova a danilo-amelotti.com. L'articolo si chiama "Per fare politica senza fucili ci vogliono le “PALLE”!!! In Risposta all’articolo di Vittorio Feltri “L’Europa dei pirla non sa temere l’odio islamico”. Spero di non importunarla con il mio scritto, ma da Incursore con 25 anni di esperienza in tutti i teatri di guerra (a partire dalla Somalia per finire a quelli più recenti), posso dire con tranquillità che ciò che ha scritto, seppur possa essere condiviso da persone stanche di soprusi e come lei impaurite, non sono altro che "eresie". Ma questa è la mia opinione!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 16/12/2015 - 11:09

Smettiamola di parlare di integrazione, è una pagliacciata. Si parli di assimilazione.

Luca.IV

Gio, 24/12/2015 - 16:01

La religione:l'oppio dei popoli ignoranti....