Quel filo rosso che porta alla Sicilia, "culla" strategica per l'islam più cattivo

Lì Amri si radicalizzò in carcere. Sull'Etna scoperto pure un campo jihadista

Valentina Raffa

Ragusa Porta di ingresso di migliaia di immigrati, quale ruolo ha giocato la Sicilia nel processo di accostamento all'islam estremista di Anis Amri, il terrorista dei mercatini di Berlino ucciso a Milano in un conflitto a fuoco con la polizia? Secondo i familiari del tunisino, Anis si sarebbe radicalizzato in Italia, e dove se non in uno dei carceri siciliani in cui ha peregrinato dal momento della condanna a 4 anni per avere picchiato il custode della struttura di accoglienza in cui era ospite a Belpasso (Catania) e avere dato fuoco al centro protestando per le lungaggini delle pratiche per il riconoscimento dello status di rifugiato e per la «scarsa» qualità di vitto e alloggio?

Schivo, solitario e preoccupato per la sua incolumità, tanto che ne fu disposto il trasferimento dal carcere di Enna a quello di Sciacca, Anis subisce presto una trasformazione. Potrebbe essersi accostato dietro le sbarre a un islam radicale, che gli avrebbe infuso fiducia in se stesso tanto da vederlo protagonista, d'ora in avanti, di scontri con altri detenuti connazionali. A Palermo, dove è rinchiuso sia al Pagliarelli che all'Ucciardone, viene definito «violento». Il suo curriculum di sanzioni disciplinari è di tutto rispetto.

Chi ha incontrato Anis? Non sono molti i maghrebini con cui è entrato in contatto dal momento del suo cambiamento non solo caratteriale ma anche estetico, con basette e pizzo tipici della cultura islamica. Al Pagliarelli, ad esempio, era stato ristretto in una sezione in cui poteva venire in contatto con meno di una decina di islamici. È su questi che si concentrerà verosimilmente l'attenzione degli inquirenti per ricostruire movimenti e amicizie.

La Sicilia, che appare da sempre come terra tranquilla, in cui non si sono verificati episodi di rilievo riconducibili all'estremismo islamico, potrebbe rappresentare un luogo importante per i fedeli del Califfato. E non solo perché consente l'ingresso in Italia, da cui si accede ai paesi a maggiore rischio attentati - motivo per cui sarebbe azzardato compromettere la possibilità di mettervi piede da parte di possibili jihadisti -. Il sospetto è che qualcosa all'interno dell'isola vi covi eccome. Ma che tutto resti nel sommerso. Andando indietro all'aprile del 2013, ecco l'individuazione da parte dei carabinieri del Ros di Bari di una cellula terroristica che si era stabilizzata in Sicilia con l'intenzione di mettere a segno attentati in tutto il mondo. La cellula terroristica di matrice islamica di sei persone aveva realizzato un centro di addestramento all'ombra dell'Etna, vicino Scordia. Ed è alle pendici del vulcano che si testavano armi ed esplosivi in esercitazioni militari. A capo dell'organizzazione c'era l'ex imam di Andria, Hosni Hachemi Ben Hassen, arrestato a Bruxelles, che finanziava il gruppo con i proventi di un call center. Compito del gruppo era quello di preparare azioni terroristiche. La cellula cercava proseliti indottrinandoli in un odio antisemita e contro gli «infedeli».

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 24/12/2016 - 08:31

A me risulta invece che questo filo porti in lombardia,o caso mai a roma montecitorio per farli entrare.

rossini

Sab, 24/12/2016 - 08:54

Certo che i tempi sono cambiati. Ricordo quando mafiosi, camorristi e ndranghetisti fecero capire ai brigatisti rossi incarcerati insieme a loro che, se avessero continuato a rompere, li avrebbero scannati uno per uno. Ora apprendiamo che la Sicilia è diventata la culla del terrorismo. Possibile che lo Stato sia talmente inetto che qualcuno debba sciaguratamente augurarsi l'intervento di altri "poteri"?

Ritratto di franco.a.trier_DE

franco.a.trier_DE

Sab, 24/12/2016 - 09:39

LA ITALIA è LA CULLA IL PUNTO DI ARRIVO DI QUESTI DELINQUENTI CHE POI MANDATE PER TUTTA LA EUROPA

Ritratto di franco.a.trier_DE

franco.a.trier_DE

Sab, 24/12/2016 - 09:39

NON LA MERKEL MA SIETE VOI.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 24/12/2016 - 09:45

Che bella gente ci teniamo in casa. Ma pagano l'IVA e le nostre pensioni? Chi dobbiamo ringraziare per questo?

Lucaferro

Sab, 24/12/2016 - 09:59

E lo sanno solo adesso?

Aegnor

Sab, 24/12/2016 - 10:03

Complimenti siculi,continuate ad accoglierli con i mazzi di fiori e i festeggiamenti ad ogni sbarco

Ritratto di Turzo

Turzo

Sab, 24/12/2016 - 10:17

"cellula terroristica di matrice islamica di sei persone aveva realizzato un centro di addestramento all'ombra dell'Etna... chiamato HAL FA NO !!!

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Sab, 24/12/2016 - 11:07

Chi l'ha detto che i luoghi tranquilli non sono luoghi che non hanno a che fare con la distruzione? Quali aggressioni saranno state preparate, da Hitler, nell'ameno e silenzioso Berghof? Ci risparmiano dagli attentati sul nostro suolo solo perchè gli serve pace e tranquillità per prepararli!

killkoms

Sab, 24/12/2016 - 11:46

mi piacerebbe un "autorevole commento" dal parte del siculo-tedesco somar el mukkar!

agosvac

Sab, 24/12/2016 - 12:48

Egregia signora valentina raffa, temo che lei sia completamente fuori strada. In Sicilia i terroristi islamici avrebbero poca vita perché disturberebbero poteri più forti dei loro. Che sia una terra di "transito" è sicuro, ma che sia luogo di addestramento manco per sogno.