Giovani fanatici uniti dal web. Ecco i jihadisti di casa nostra

Espulsi, arrestati o partiti per combattere in Siria, hanno solo contatti virtuali ma sono un pericolo reale

Sono giovani, non si conoscono, non si sono mai incontrati di persona e forse non ne hanno mai sentito nemmeno la necessità. Anche se vivono nello stesso territorio, quello lombardo e, in particolare, hanno un baricentro comune molto concreto: Milano e le province lombarde a Nord del capoluogo, cioè Varese, Lecco e Como. A legarli è un filo invisibile, impossibile da eliminare o spezzare, ma anche difficilissimo da ridurre, circoscrivere. Non si tratta solo genericamente della rete, di internet, ma proprio delle amicizie su Facebook. Contatti virtuali che s'instaurano molto prima della strage parigina di Charlie Hebdo (7 gennaio 2015) e persino dell'autoproclamato Stato Islamico (giugno 2014).

«Nel 2012-2013 neanche i protagonisti delle espulsioni e degli arresti sapevano che la maggior parte delle rispettive amicizie sulla piattaforma di Facebook sarebbero stati oggetto di procedimenti penali e amministrativi - spiegano gli investigatori - Il clamore degli arresti e delle espulsioni ha spinto i giovani a nascondere, gradualmente, la pubblicità delle amicizie. Infatti ci sono alcuni soggetti, rimasti fuori dalle indagini perché non sono risultati coinvolti in nessun tipo di attività di tipo terroristico - che non hanno rinnegato l'omogeneità ideologica con gli indagati».

Tra le amicizie Facebook dello schivo Farooq Aftab - il giovane di origine pakistana residente nel milanese, a Vaprio d'Adda, centotreesimo e, dal punto di vista temporale, ultimo espulso dal territorio italiano, riportato a Islamabad il primo agosto di quest'anno - il Ros di Milano ha scoperto un nome molto più noto del suo. Quello di Maria Giulia Sergio, ormai per tutti Fatima, 29 anni, partita con il marito per la Siria il 21 settembre dell'anno scorso e che da là, via Skype, aveva convinto il padre, la madre e la sorella (tutti arrestati dalla Digos e già condannati, la madre è morta prima del processo, ndr) a raggiungerla. Accusata di associazione con finalità di terrorismo internazionale, Fatima è latitante insieme al marito, il mujaheddin albanese Aldo Kobuzi. E qui torniamo alla rete come mezzo per indottrinare. Il tramite tra Aftab e Maria Giulia è Bledar Ibrahimi, studi coranici al Cairo e intelligenza fuori dal comune, rimpatriato a marzo ed espulso a sua volta anche dall'Albania dove però, secondo gli ultimi controlli dei militari del Ros di Milano, si nasconderebbe ancora grazie ad alcuni preziosi amici.

Altra vittima della rete e delle «cattive» amicizie sembra essere Abderrahim Moutarrik, più noto come «il pugile», un marocchino 27enne residente a Lecco con la famiglia e operaio a Valmadrera, era un kickboxer semi professionista in una palestra di Lugano fino a quando è stato arrestato nell'aprile scorso. L'amico conterraneo Mohamed Koraichi - partito per la Siria con la moglie italiana Alice Brignoli, anche loro già residenti a Bulciago, sempre in provincia di Lecco - tramite la sorella Wafa fa recapitare al «pugile» una pagina di lodi dedicate a lui e al suo operato pro Califfato in Italia. È allora che Moutarrik, rapito, manifesta il proposito di andare a combattere in Siria, ma Koraichi lo blocca. «È inutile che vieni qui - gli dice - Resta dove sei. Lì puoi fare molto». Ecco il salto di qualità, la nuova policy dell'Isis

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 15/08/2016 - 12:14

se Alfano ha detto che sono tutti controllati è vero cosa volete mettere in dubbio la sua verità il suo onore di uomo e di politico? Sono miraggi i clandestini fuorilegge e delinquenti in Italia, ve lo direbbe anche Al..

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Lun, 15/08/2016 - 12:48

Arrivo col barcone, vado dove mi pare, mi radicalizzo, sono mantenuto, magari mi fermano, il solerte magistrato mi libera, vado dove mi pare, mi radicalizzo ancora di più, magari mi fermano ancora, urka stavolta mi "espellono", mi spazzo con il decreto di espulsione, vado dove mi pare, scompaio. Appaio con altro nome, sono proprio radicalizzato adesso, sono mantenuto, magari mi fermano... (reprise dall'inizio).

Ritratto di leoni_da

leoni_da

Lun, 15/08/2016 - 13:08

I musulmani devono “arrestarli, assediarli e preparare imboscate in ogni dove” (Sura 9:95).

Ritratto di ALBACHIARA333

ALBACHIARA333

Lun, 15/08/2016 - 13:23

HO LETTO STAMATTINA CHE ALF-ANO HA DETTO "Prevenzione ha retto, Italia è Paese sicuro" CI DOBBIAMO PREOCCUPARE?

MgK457

Lun, 15/08/2016 - 13:29

Islam: la religione del terrore.

joecivitanova

Lun, 15/08/2016 - 13:49

..probabilmente persone talmente 'piccole' che non hanno altro modo di sentirsi 'grandi' che questo. g.

venco

Lun, 15/08/2016 - 14:04

E' tutta colpa dell'ingiusta nostra accoglienza.

settemillo

Lun, 15/08/2016 - 14:34

Governo di BASTARDI; prima sono andati a prenderli con le navi a spese del popolo per portarli a casa nostra, ora gli stanno dando la caccia. IMBECILLITA' ASSOLUTA.

Ritratto di il navigante

il navigante

Lun, 15/08/2016 - 15:06

Ma va? e chi l'avrebbe mai pensato...

joecivitanova

Lun, 15/08/2016 - 15:56

..è proprio vero Signor venco, se la nostra accoglienza fosse un po' più giusta e meno inc per noi, le cose andrebbero molto meglio per tutti, non crede..!? g.

Yossi0

Lun, 15/08/2016 - 16:41

Quando la cassazione smentisce gli inquirenti sorge spontaneo il dubbio sull efficienza del sistema di sicurezza

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 15/08/2016 - 19:41

Gli italiani di sette generazioni sono dovuti emigrare mentre gli immigrati si sono naturalizzati e radicati, non radicalizzati perché sono delle "facce da indiano", sul sacro suolo italico a uso e consumo di chi tira i fili delle marionette.

Ritratto di Rames

Rames

Lun, 15/08/2016 - 22:20

Nient'altro che delinquenti,criminali,assassini dediti al martirio come veri folli suicidi,autolesionisti, macabri satanici.Della serie, non aprite quel cancello,serrate quella porta,incendiate quell'armadio.Poveretti emersi dalle tenebre.Il loro credo è ancora piu' scioccante e assurdo delle loro azioni autolesioniste e ingloriose sia dal punto di vista militare che universale.Perdenti in onore da tutti i lati, una sorta di setta satanica araba di poveri folli e pervertiti con l' aiuto del denaro.