"In gran segreto nel bunker. Così è nata la nuova Giulia"

L'ingegnere francese Philippe Krief svela l'impresa della sua "Squadra Puzzola" a Modena: "Per la nuova Alfa Romeo, 800 esperti al lavoro per due anni in un capannone"

Arese (Milano) - «Nel capannone di via Cavazza, a Modena, dove da due anni stiamo lavorando sulla nuova gamma Alfa Romeo, ho fatto appendere una serie di cartelli con questa scritta: «Il non si può fare non esiste». È il motto che ha portato lo « Stunk Works » («Squadra Puzzola»), guidato dall'ingegnere francese Philippe Krief, con un passato in Ferrari, a emulare quel gruppo di persone che durante la Seconda guerra mondiale, in meno di 150 giorni e in gran segreto, su incarico della Lockheed, ha sfornato un caccia capace di contrastare l'avanzata dei tedeschi. Ebbene, nel caso italiano, dal bunker modenese è uscita la nuova Alfa Romeo Giulia, prima di 8 modelli che, al ritmo di uno ogni 6-8 mesi, intendono riportare il Biscione al centro dello scenario automobilistico mondiale. E, guarda caso, anche qui ci sono di mezzo i tedeschi, i costruttori premium che la nuova Alfa Romeo ha messo nel mirino.

Ingegner Krief, la «Squadra Puzzola» è finalmente uscita dal bunker.

«Siamo partiti due anni fa in 10 e il numero dei componenti è salito a circa 800. I primi tre mesi sono serviti a impostare la vettura, a definire il target e le scelte macrotecniche. Il tutto è stato condiviso con l'ad Sergio Marchionne e Harald Wester, il responsabile di Alfa Romeo».

Una squadra di tecnici super selezionati.

«Sono tutti ingegneri: progettisti, motoristi, calcolisti, sperimentatori e preparatori di prototipi. Provengono da 20 Paesi. Ci sono diversi neo laureati e l'età media è 35 anni».

Come li avete scelti?

«In base allo spirito, perché le competenze tecniche si trovano dappertutto, e la visone globale. E poi la determinazione, che è ciò che conta. Bisognava fare una vera Alfa Romeo, quella che gli appassionati hanno nel cuore».

Oltre all'ingegner Wester, ci sono altri tedeschi nel team?

«Certo».

E hanno dovuto adoperarsi per realizzare una gamma premium «anti-tedesca».

«È vero che il riferimento era quello tedesco, di Bmw, ma le sensazioni che Giulia e gli altri modelli garantiranno sono quelle insite nel Dna di Alfa Romeo. È stato prezioso, in proposito, l'apporto di alcuni collaudatori storici del marchio».

E Marchionne?

«Ci ha dato uno Tsunami da vincere. L'input era quello di realizzare, da un foglio bianco, una gamma che partisse dal segmento C per arrivare a quello E, incluso il Suv. La piattaforma “Giorgio”, grazie alla sua modularità, ci permette di fare questo. Sul Suv si è già alla fase dei prototipi».

Un aneddoto?

«Era il 23 dicembre 2013 e provo il primo prototipo di sospensione anteriore su un'altra macchina. Non mi convince. Chiamo il responsabile, Alberto Nicoletta, e gli dico che bisogna cambiarla: “Alfa ha bisogno di più”. In un battibaleno ha allestito un team. Hanno lavorato tra la vigilia di Natale e il 7 gennaio 2014. E il risultato è stato positivo».

Giulia, non Giulia: alla fine è rimasto Giulia.

«Non toccava a me occuparmene. Ma mi è sempre piaciuto».

Alla fine siete riusciti a mantenere segreto il vostro lavoro.

«Fuori dal capannone si sono visti spesso fotografi e operatori. Per il 99,9 per cento ci siano riusciti, anche se su alcuni media ho visto dettagli un po' troppo precisi per essere solo frutto dell'immaginazione...».

Commenti

Noidi

Ven, 26/06/2015 - 09:09

2 anni di lavoro e 800 esperti e ne è venuta fuori quella roba???? Complimenti.

Ritratto di Stangetz

Stangetz

Ven, 26/06/2015 - 09:39

"Il non si puo fare non esiste"? "Uno tsunami da vincere"?. Il centro stile della KIA fa macchine più innovative e non dice tutte queste cxxxxxe!

vince50_19

Ven, 26/06/2015 - 10:12

In fondo han fatto presto a sfornare una gamma così diversificata a mio avviso. Non è tanto la pelle che mi interessa anche se la linea è bella ma non proprio originale, quanto quello che c'è sotto, l'affidabilità etc. Alla Nissan, ad esempio, per creare la GTR hanno impiegato 5 anni ed hanno sfornato un'auto forse non bella stilisticamente, ma molto performante e con prezzi non certo stratosferici. Tuttavia staremo a vedere, nella realtà, quanto varrà questo progetto Alfa e se la futura clientela sarà soddisfatta. Inutile dire altro.. Certo che se guardo alle precedenti Alfa - a parte la 4C che è molto ben fatta, che è pepata e che fa concorrenza alle Lotus della stessa categoria - ... brrrrr ...

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Ven, 26/06/2015 - 10:19

Prima di scaldarci troppo, aspettiamo di vederla dal vivo e di provarla. Ad un alfista vero la carrozzeria importa relativamente, quello che conta è sapere che sotto c'è una meccanica che nessun'altra nella categoria ha.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 26/06/2015 - 12:07

Se per questo obiettivo, sono serviti 800 esperti, si capisce perchè siamo sempre indietro, la prossima volta vi suggerisco di arrivare a 1800 esperti.

Ritratto di Aulin

Aulin

Ven, 26/06/2015 - 12:14

Bravi! La Nuova Giulia è tutto quello che si aspettava un alfista. Grinta, Motore, Design e Tecnologia. Oltre che la trazione posteriore ovviamente. Per le bidonwagen non c'è speranza se il buongiorno si vede dal mattino. Comunque visto che i tedeschi l'affidabilità ormai ce l'hanno solo in pubblicità, i veri concorrenti sono i giapponesi. Anche se sui motori del gruppo Fiat non c'è mai stato niente da dire. Semmai il problema sono gli italiani, che sputano su Fiat per poi comprare uno scassone di Golf che in proporzione (visto che DOVREBBE essere un segmento C) ha meno motore e meno spazio di una Grande Punto di cui costa quasi il doppio.

Noidi

Ven, 26/06/2015 - 12:43

@Aulin: Lei ha ragione. Infatti la Bidonwagen , come la chiama Lei, è praticamente fallita. Leggevo proprio oggi che stanno chiudendo tutte le fabbriche per mancanza di ordini. Non vendono nulla, niente di niente e tutto il mondo snobba i loro prodotti. E la marmotta che impacchetta la cioccolata mi da anche ragione. Sisi, le macchine tedesche sono le peggiori al mondo.

Ritratto di danutaki

danutaki

Ven, 26/06/2015 - 13:06

Da alfista inveterato, impaziente di vedere operativa questa nuova gamma di Alfa Romeo !! Alla faccia dei sostenitori delle improbabili bidonwagen !!

Timur

Ven, 26/06/2015 - 13:12

@Aulin : guardi, ne ho parlato con il Bianconiglio e siamo perfettamente d'accordo con Lei ! ( Perdoni l'indiscrezione, chi è il Suo Pusher ? )

agosvac

Ven, 26/06/2015 - 13:48

Nemo profeta in patia! ormai si sa, gli italiani di automobili ne capiscono poco e niente sennò non si spiegherebbe come mai le Fiat sono vendute ed apprezzate in tutto il mondo tranne che in Italia. Così anche le Alfa! C'è gente che preferisce una bmw o una audi ad un'alfa della stessa categoria senza capire che l'alfa è molto meglio!!! Spero che Marchionne capisca che il dna delle Alfa Romeo è la "corsa", spero che farà di nuovo partecipare le Alfa alle competizioni turismo internazionali, così, dopo che ricomincerà a vincere come aveva sempre fatto, neanche i cxxxxxxi potranno più denigrare le Alfa Romeo!!! Per chi non lo sa o fa finta di non ricordarsene, l'Alfa è l'unica vettura straniera che ha partecipato al DTM tedesco vincendo alla grande, con alla guida un certo Larini, contro Mercedes, Bmw e Audi. Tempi ormai lontani, ma potrebbero tornare.

Ritratto di danutaki

danutaki

Ven, 26/06/2015 - 15:12

@ Noidi.....sappiamo tutti che lei preferisce di gran lunga Lada, Moskvitch, Volga e per fare la spesa una bella Trabant ........non userebbe auto prodotte dal capitalismo occidentale soprattutto se crucche......o no ??

Noidi

Ven, 26/06/2015 - 15:19

@agosvac: Vero quello che ha detto alla fine, tempi ormai lontani e a quanto vedo molti ancora vivono nel passato. Per quanto riguarda l'affermazione "le Fiat sono vendute ed apprezzate in tutto il mondo", si vede che Lei oltre all'Italia conosce ben poco. Provi a vendere una FIAT o un'Alfa usata, e vedrà come sono apprezzate. E questo glielo dice uno che di Alfa ne ha avute 2, Giulietta e 75. La 75 a mio parere è l'ultima vera Alfa, dopodiche il nulla.

Ritratto di Aulin

Aulin

Ven, 26/06/2015 - 16:15

Noidi è vero, le bidonwagen usate le comprano tutti, è per quello che le mandano in africa e nella ex-yugoslavia. D'altronde qui una bidonwagen di 5 o 6 anni te la tirano nella schiena e sa perchè? perchè costa più cambiare un fanale dell'intera auto.

killkoms

Ven, 26/06/2015 - 23:16

@stangetz,un mio conoscente ha una kia picanto e una ford fiesta.quando passa dalla prima alla seconda ha la sensazione di salire su una ammiraglia!