I delinquenti stranieri vengono tutti qui da noi

Il nostro Paese sembra attirare il peggio dell'immigrazione: abbiamo la percentuale di detenuti "importati" più alta d'Europa

Le carceri italiane scoppiano con 3950 detenuti privi di un posto letto degno di questo nome, su un totale di 53.495 reclusi. E la percentuale di ospiti stranieri dietro le sbarre, 33,4%, è ben più alta rispetto alla media europea del 21%. Battiamo Francia, Inghilterra e Germania nonostante il numero degli immigrati a casa loro sia nettamente superiore rispetto all'Italia. Come se non bastasse 200 detenuti islamici sono monitorati costantemente perché considerati ad alto rischio jihadista. I più pericolosi, in carcere per terrorismo, sono 32, compreso il nocciolo duro dei 19 rinchiusi a Rossano, che conta pure degli ex di Guantanamo.

L'Associazione Antigone ha presentato ieri i dati aggiornati del rapporto annuale sulle «Galere d'Italia», dove il problema maggiore è il sovraffollamento del 108%. Oltre ai circa 4mila senza letto ci sono 9mila reclusi che vivono in meno di 4 metri quadri pro-capite, standard minimo previsto dal Consiglio d'Europa.

Sugli oltre 53mila detenuti complessivi, 17.920 sono stranieri. In diminuzione rispetto ai quasi 25mila del 2010, ma rimane il fatto che un detenuto su tre non è italiano. Significa che nonostante i numeri minori di immigrati rispetto ad altri Paesi europei, a casa nostra arriva una bella fetta di delinquenza straniera. In termini percentuali registriamo 12 punti in più rispetto alle media europea. In Francia su oltre 66mila detenuti, gli stranieri sono 13.860, il 21,7%. Nel 2015 i reclusi stranieri nel Regno Unito erano circa 11mila, appena il 12,7% della popolazione carceraria. La Germania si avvicina a noi con 16.668 detenuti stranieri, ma la popolazione tedesca supera gli 80 milioni.

La maggioranza dei reclusi stranieri in Italia è composta da marocchini (16,9%) seguiti dai romeni (15,9%), albanesi (13,8%), tunisini (11%), nigeriani (3,9%) ed egiziani (3,4%). Undicimila sono i musulmani, ma i praticanti risultano, secondo il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, circa 7400. Agli stranieri sono stati contestati 8192 reati contro il patrimonio, dai furti alle rapine, 6.226 violazioni della legge sulle droghe, 6559 reati contro la persona, 95 casi di associazione di stampo mafioso e 1372 violazioni della legge sull'immigrazione.

Il presidente di Antigone, Patrizio Gonnella, a margine della presentazione del rapporto, getta acqua sul fuoco sul rischio di radicalizzazione jihadista. «Duecento sono gli islamici attenzionati, magari perché si tratta di ferventi religiosi, ma non è detto che siano radicalizzati» sostiene il rappresentante dell'Onlus. In realtà il numero totale fra monitorati con il controllo di telefonate e colloqui, attenzioni e segnalati arriva a 400 reclusi. Una cinquantina sarebbero i minori a rischio proselitismo dietro le sbarre. «Abbiamo denunciato per tempo la radicalizzazione di molti criminali comuni, specialmente di origine nordafricana. Pur non avendo manifestato nessuna particolare inclinazione religiosa al momento dell'entrata in carcere, si sono trasformati gradualmente in estremisti sotto l'influenza di altri detenuti già radicali», sostiene Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe).

Dopo gli attentati di Bruxelles una decina di reclusi hanno applaudito e urlato Allah o akbar (Dio è grande) alzando il volume della tv, che trasmetteva le immagini del terrore nella capitale belga. In occasione della carneficina di Parigi di novembre erano un'ottantina. Poi sono diminuiti per non farsi identificare. Secondo il Sappe i festeggiamenti per gli attentati di Bruxelles sono avvenuti in due momenti distinti soprattutto a Rossano. A Biella, in gennaio, un islamico che inneggiava alla guerra santa è stato trasferito in un carcere di massima sicurezza. Lo scorso giugno a Padova altre scene da invasato jihadista per un recluso, che ha sfasciato la cella. In alcuni casi sono state trovate nelle celle foto della guerra santa e addirittura bandierine nere del Califfo.

«La polizia penitenziaria monitora costantemente la situazione - spiega Capece -. Ma servono fondi per la formazione, l'aggiornamento professionale e nuovi agenti. La legge di stabilità ha bocciato un emendamento, che avrebbe permesso l'assunzione di almeno 800 uomini».

Commenti

linoalo1

Sab, 16/04/2016 - 08:23

Ma che strano!!!Da noi,la Certezza delle Pene e la severità dei Magistrati,dovrebbero essere un ottimo deterrente!!!Allora vuol dire che,quelli che arrivano,sono solo i Delinquenti Masochisti!!!!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 16/04/2016 - 08:26

Ma certo che i delinquenti stranieri vengano tutti qui da noi. Dove la giustizia li tratta meglio? In Italia, dove se uno di questi delinquenti entra a casa mira ed io mi difendo i giudici italiani mi condannano pure a risarcire il male che eventualmente gli ho fatto? La stupidità di questa magistratura sinistra è pazzesca e questi sono i risultati. Continuate a votare sinistro e sarà sempre peggio.

vianprimerano

Sab, 16/04/2016 - 08:26

"I simili si attragono", diceva Donald Shimoda nel libro di Richard Bach "Illusioni".

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 16/04/2016 - 08:32

Su oltre 53.000 detenuti,17920 sono STRANIERI,"in diminuzione rispetto ai 25.000 del 2010" per forza che sono diminuiti FROTTOLO ha DEPENALIZATO un centinaio di reati, compreso la CLANDESTINITÀ!!!lol lol Se vedum.

Massimo Bocci

Sab, 16/04/2016 - 08:45

Siamo sempre stati il sol dell'avvenire della peggior feccia mondiale, in fondo le abbiamo costituite a posta le solidi basi, costituzionali del 47, quando fra due delle peggiori cricche di ladri e mistificatori , si costituì il clan mandamento catto-comunista, siamo un eden criminale per criminali, perciò dopo tante semine ora raccattiamo tutta la feccia mondiale e se questa là si somma a quella istituzionale, statuale, ecco come dice il Rignano la prima CLOACA, DISCARICA mondiale in questo si che non temiamo concorrenza.

Emilia65

Sab, 16/04/2016 - 08:47

CHE UMILIAZIONE. Il popolo Italiano costretto da Renzi, Boldrini & C a subire un'immigrazione incontrollata, indifeso contro selvaggi che rubano e stuprano, e se provi a difenderti sei incriminato. I nostri figli, cresciuti ed educati con i migliori criteri civili, quando escono si trovano ad avere a che fare con gente cresciuta in strada, va già bene se non vengono accoltellati. E' un appello, vi prego, per favore, Governo e Capo dello Stato, difendete il Popolo Italiano!

Fradi

Sab, 16/04/2016 - 08:58

E' un problema complesso che la sinistra non saprà mai risolvere perchè in parte ne è la causa. La soluzione sta nei valori di destra. Quelli veri.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 16/04/2016 - 09:00

Quegli INCOMPOTENTI, CHE CI GOVERNANO, dovrebbero guardarsi intorno nei paesi membri e """PRENDERE A MODELLO I PAESI BASSI""", pure, cercare di capire il perchè che stanno costruendo i muri, per fermare questa migrazione. OLTRE A CIÒ, NON È LA PAROLA DI UN PUGNO DI ILLUMINATI CHE DEBBANO IMPORCI I LORO VOLERI, """MA LA POPOLAZIONE È SOVRANA E QUANDO LA POPOLAZIONE SI ARRABBIA, ALLORA CAMBIANO LE SORTI DELLA STORIA"""!!! """Ciò che stà succedendo in Europa, non è altro che """il rimbalso""" delle MALEFATTE COMPIUTE DAI NOSTRI PREDECESSORI CHE HANNO COLONIZZATO, APROFITTATO DELLE POPOLAZIONI, DERUBANDOLE DI TUTTE LE LORO RISORSE E LASCIANDOLI NELLE MANI DI "DITTATORI AIUTATI DAI NOSTRI PREDECESSORI" PER TENERE NELLA MISERIA E NELL`IGNORANZA QUESTI POPOLI"""!!! - 1 di 2- Segue

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 16/04/2016 - 09:00

-2 di 2- Seguito- Per il Pontefice, che pensi bene delle malefatte dei suoi ministri nei secoli scorsi e NON SI DIMENTICHI CHE L`OPERA DELLA CHIESA, COME PURE LE SUE RICCHEZZE SONO BASATE SULLA CARITÀ E NON DIA IL PESO ALL`ITALIA SUI LORO MALFATTI INTERNAZIONALI!!!

Ritratto di gattofilippo

gattofilippo

Sab, 16/04/2016 - 09:01

Il problema non è quelli che sono dentro ma quelli, e sono tantissimi, che sono fuori.

elio2

Sab, 16/04/2016 - 09:05

Cosa possiamo aspettarci da questa banda di abusivi che stanno al governo, implicati in ogni genere di malaffare e malversazioni, se non che vengano raggiunti dai loro simili?

gattogrigio

Sab, 16/04/2016 - 09:11

Non trascuriamo l'ipotesi del bicchiere mezzo pieno. Magari siamo solo più bravi ad acchiapparli; perché non considerare questa possibilità?

elalca

Sab, 16/04/2016 - 09:19

non dimentichiamo i delinquenti autoctoni che albergano al quirinale, palazzo madama e palazzo chigi........

Ritratto di bobirons

bobirons

Sab, 16/04/2016 - 09:23

PER FORZA !!! Abbiamo le leggi più permissive e la magistratura più arroccata su uno sfascismo che rendono la zona una mecca per i delinquenti. Dove mai si vede un plurcriminale clandestino poter vivere e spostarsi liberamente come un cittadino incensurato ? Dove mai delinquenti presi sul fatto sono tosto liberati perché "poverini sono disagiati" ? Dove mai si mettono in libertà delinquenti dopo aver scontato solo una frazione della pena ? Dove mai esiste che un clandestino espulso abbia tutto il tempo di eclissarsi prima che qualcuno se ne renda conto (e non possa farci niente) ? Allo scopo, cercate e leggete il libro "Io venditore di elefanti" di Pap Kouma. E' molto istruttivo su come i clandestini se ne fregano altamente delle nostre leggi.

tonipier

Sab, 16/04/2016 - 09:24

" FA COMODO AL FECCIUME ITALIANO" Sono trattati da nababbi, sono trattati con i guanti bianchi da sua EMINENZA', sono ultra trattati bene dalla MAGISTRATURA, SONO SOCI DEL PCI, uno si chiede cosa vuoi di più dalla vita?....altra che AMERICA?.

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 16/04/2016 - 09:28

Si vede che hanno sentito dire che anche se sei colpevole di reati gravi, basta avere buoni avvocati, e tra una prescrizione e un'altra, al massimo vai ai servizi sociali ogni venerdi`.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 16/04/2016 - 09:29

Ovvio, vanno dove non esiste la legalita', dove le leggi sono una barzelletta, dove i giudici ti premiano, dove vieni difeso in tutti i modi dall stato, dove non vieni espulso, dove hai partiti e associazioni comuniste che ti difendono a prescindere, dove la chiesa ti aiuta, dove il popolo rincoglion di buonismo accetta e soccombe. Tutto nella norma.

giannide

Sab, 16/04/2016 - 09:32

A causa delle nostre leggi buoniste, e di una magistratura esterofila, i delinquenti stranieri, pensano, che l'Italia sia il "Paese dei cani legati con le salsicce"...

franco-a-trier-D

Sab, 16/04/2016 - 09:32

vanno dove le leggi sono elastiche non severe e fasulle, paese adatto ai fuorilegge e delinquenti, al governo che governo avete?Pensiamo se ci fosse la pena di morte quanti milioni all'anno risparmierebbe l'Italia.CHIAMATELI PURE OSPITI IO LI CHIAMEREI INVASORI FUORILEGGE.

semelor

Sab, 16/04/2016 - 09:33

A volte penso, che in questi paesi abbiano aperto prigioni e ospedali psichiatrici e spedito tutta questa gente in Europa, loro si liberano della feccia e inguaiano noi. Vi ricordate l'esodo di Mariel Cuba del 1980 quando Fidel Castro apri carceri e manicomi e spedì tutti negli Stati Uniti? Quanto siamo fessi! La storia insegna ma non impariamo mai.

ItalianoAllEstero

Sab, 16/04/2016 - 09:37

Egregio, Fausto Biloslavo è bellissimo scoprire come Il giornale sia diventato un laboratorio democratico dove ognuno possa dire qualunque cosa. Mi sembra di capire che il direttore Sallusti con nel suo editoriale "La follia di fare dell'onestà un manifesto politico" sia in disaccordo con lei. Certo è che se invece di continuare ad arrampicarsi sui vetri, come si sta tentando di fare pubblicando tesi cosi contrapposte come la sua e quella del direttore, si fosse tutti d’accordo che di deve mandare in galera i disonesti nostrani e rimandare nel paese d’origine i disonesti stranieri (dopo aver fatto scontare la pena dovuta in Italia) la situazione migliorerebbe immediatamente.

Non so

Sab, 16/04/2016 - 09:37

Ma va? non ce ne eravamo mica accorti!

cespugliando

Sab, 16/04/2016 - 09:39

Gli immigrati che vengono a delinquere in Italia sono un bel problema! Possibile che non ci sia una soluzione? Perchè non spedirli nelle carceri del loro paese? Un intesa tra stati in questo senso quando si accorda? Anche i delinquenti italiani, in carcere in altri paesi dovrebbero essere rispediti in Italia. Non vi pare? E poi, perchè tenere i carcerati a bighellonare per tutta la giornata?

Felice48

Sab, 16/04/2016 - 09:39

Grazie ai nostri cialtroni.

un_infiltrato

Sab, 16/04/2016 - 09:42

E qual è la meraviglia? Lo sanno anche le pietre che il nostro Paese garantisce l'impunità. Che da noi manchi la certezza della pena è un dato di fatto conosciuto nel mondo intero.

odifrep

Sab, 16/04/2016 - 09:42

Se non andiamo in Italia, dove???? Il Paese di Pulcinella con un territorio fertile per la produzione della malavita e la certezza della NON punibilità.

obiettore

Sab, 16/04/2016 - 09:43

Per sentito dire, ma pare che ai delinquenti stranieri nel paese d'origine è riservato un trattamento di favore basta che se ne escano dagli zebedei. Ergo, cosa c'è di meglio dell'italico e masochistico buonismo ?

canaletto

Sab, 16/04/2016 - 09:56

CON CERTA MAGISTRATURA E POLITICIPIDIOTI E' CHIARO. I DELINQUENTI SONO SEMPRE E SOLO GLI ITALIANI. GLI ALTRI SONO LIBERI DI FARE CIO CHE VOGLIONO ED IMPUNITI E MAGARI CON LETTERA DI ENCOMIO

brunicione

Sab, 16/04/2016 - 10:01

Con una magistratura che fa ridere, non potremo mai essere un paese serio

jackmarmitta

Sab, 16/04/2016 - 10:05

venghino signori venghino, in italia si fa la bella vita senza lavorare

franco-a-trier-D

Sab, 16/04/2016 - 10:09

CRITICATE CRITICATE MA LI VOTATE SEMPRE...FALSI IPOCRITI SIETE

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Sab, 16/04/2016 - 10:11

Certo costruire nuove carceri non sarebbe progressista e sinceramente democratico. Meglio una bella sanatoria ogni anno, un sagace indulto, e così la percentuale diminuisce, no? Avanti coi barconi, avanti Schengen.

aldoroma

Sab, 16/04/2016 - 10:17

che novità

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 16/04/2016 - 10:17

II problema ha radici antiche… dal compromesso storico che diede alla sinistra la gestione della “cultura” del Paese e fino ai giorni nostri.. di cui ne è ancora pienamente infestato..: “vengano i diseredati del Mondo…!! chiunque siano qualunque cosa facciano e qualunque reato.. gli si apriranno le porte. non del carcere ma delle nostre case.-

Ritratto di viotte17121957

viotte17121957

Sab, 16/04/2016 - 10:20

per il governo non e'invasione! ne sono arrivati 6mila in 3 giorni con una media di 100 all'ora dall'inizio del 2016 ne sono sbarcati 24mila ma per renzi,boldrini e compagni guai parlare di allarmismo e drammi e siamo solo all'inizio!

venco

Sab, 16/04/2016 - 10:29

Certo certo, accogliamo tutti in barba alle nostre leggi che non facciamo rispettare.

VittorioMar

Sab, 16/04/2016 - 10:47

......"Radio Carcere" funziona benissimo!!..la condanna dovrebbero scontarla nelle carceri dei Paesi di provenienza...Servono accordi bilaterali!(se non sappiamo fare neanche questo...)

Edmond Dantes

Sab, 16/04/2016 - 10:48

Certo, sono meno che nel 2010, grande risultato di una magistratura che per compiacere questo governo, affinché con la faccia di Alfano possa esibire "orgogliosamente" questi numeri, assolve i delinquenti stranieri e condanna gli italiani che dalle aggressioni dei primi cercano di difendersi !

Ritratto di .AAAcercaNsi.

.AAAcercaNsi.

Sab, 16/04/2016 - 10:50

itaglietta sempre più RICETTACOLO d'europa

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 16/04/2016 - 10:53

sentite cosa dice Caraboue: -Ma non sapete cosa state dicendo, le leggi ci sono ed i giudici le applicano a loro interpretazione.- Quanto siamo ignoranti noi che non capiamo. Sarà solo sfortuna che vengono tutti qua a delinquere. Mai si sognassero di copiare da altri Paesi come le applicano le leggi e come le interpretano. A volte vorrei proprio il mio Paese con capi islamici, ma veramente, sapesse quante mani mozzate e là, l'indennità di invalidità se lo sognano i delinquenti.

giagir36

Sab, 16/04/2016 - 10:54

@ bobiron 09.53 MA DAI!.. Non l'hai capito? I giudici li lasciano liberi per non intasare le prigioni e per lasciar posto agli italiani.

conviene

Sab, 16/04/2016 - 11:00

INFATTI DA NOI OGNI GIORN C'E' UN ATTENTATO DELL'ISIS. LOLPA DI QUEST GOVERNO INCAPACE. PRMA L'ITALIA ERA SOLO UN PAESE DI SANTI

Ritratto di bobirons

bobirons

Sab, 16/04/2016 - 11:19

@ giagir36 - Ci sarebbe un'altra soluzione, metterli coattamente sul primo aereo del paese di provenienza e rispedirli a casa loro. Se rientrano, visto che cercano occupazione, lavori forzati a vita.

cameo44

Sab, 16/04/2016 - 11:23

Grazie ai nostri politici come Renzi e la Boldrini che dicono porte aperte per tutti e ai tanti magistrati che puniscono le vittime delle aggressioni e premiano i criminali avvolte con risarcimenti e scarce rati dopo pochi minuti è uno dei motivi per cui scelgono il nostro paese tante volte rom e non solo arrestati dicono presto saremo liberi La leggittima difesa non è mai troppa nessuno ha il diritto di entrare a casa degli altri mentre tutti hanno il diritto di difendersi da in trusi le vittime di aggressioni non sanno mai quale siano le intenzio ni dei criminali che tante volte hanno ucciso per pochi euro

Ritratto di massacrato

massacrato

Sab, 16/04/2016 - 11:33

Un fatto talmente ovvio, che non serve spiegare.

killkoms

Sab, 16/04/2016 - 11:38

grazie alla nostra giustizia siamo diventati la terra del bengodi per questa gente..!ci sono stranieri,tipo i ladri di rame,che vengono fermati 2/3 volte nella stessa notte e mai arrestati,mentre magari si tiene in carcere un politico,(con una accusa per corruzione tutta da verificare) non socialmente pericoloso ,solo per indurlo a confessare..!

conviene

Sab, 16/04/2016 - 12:26

grazie per avermi censurata e per non acccomunarmi a lei e ai suoi commentatori. Per ma è un vero onore

joecivitanova

Sab, 16/04/2016 - 14:57

....il titolo, però, non è proprio completamente esatto; sarebbe stato meglio scrivere: 'I delinquenti stranieri sono già venuti quasi tutti da noi' ..!! In ogni caso rendo onore al censore, come altri credo, per avermi evitato di leggere il commento di un lettore, sicuramente è stata una scelta assai conveniente per tutti. G.

Aegnor

Sab, 16/04/2016 - 15:28

E dove dovrebbero andare per delinquere senza rischi se non nel paese di Bengodi?