Viterbo, sinistra all'attacco: "Sciogliere Casapound"

La sinistra italiana, con tutte le sue espressioni, domanda al governo di sciogliere Casapound e di non chiudere gli occhi. Polemiche sull'aggettivo "balordi"

Dopo i fatti di Viterbo, la sinistra italiana è tornata a chiedere lo scioglimento di Casapound. Come saprete, due giovani sono stati tratti in arresto per una presunta violenza sessuale. Entrambi, stando alle informazioni circolate per ora, apparterrebbero all'organizzazione di estrema destra. Tra coloro che chiedono un provvedimento teso allo scioglimento del partito politico, c'è Bruno Astorre, senatore laziale del Partito Democratico che, come si apprende all'Adnkronos, ha domandato a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio di procedere in tal senso. La "cultura" di chi nel nome si rifà a un celebre poeta inglese del novecento sarebbe "basata sulla violenza, la xenofobia e la sopraffazione". Ma quello di Astorre è solo il primo dei pareri elencabili.

Pochi minuti fa è arrivato anche il giudizio di Valeria Fedeli, appartenente sempre al partito guidato da Nicola Zingaretti. L'ex ministro della Istruzione ha attaccato la definizione fornita dal vicepremier grillino e dal ministro Trenta. I due - come si legge su Lapresse - avevano parlato di "balordi", ma per la democratica l'aggettivo non è corretto: "Un linguaggio che dimostra grave incomprensione di un fenomeno, quello della violenza sulle donne, all'origine del quale non c'è follia o balordaggine, bensì una pseudocultura maschilista, misogina e violenta". La questione, insomma, sta interessando pure quanto espresso in queste ore dal governo. Poi c'è chi come Italo Pascucci, che è il coordinatore di Italia in Comune, domanda al ministro dell'Interno se ha intenzione di chiedere la castrazione chimica per i due soggetti che sarebbero responsabili di stupro. Sarebbe - sostiene - un fatto di coerenza. Casapound, nel frattempo, ha fatto sapere di aver espulso le persone arrestate. Il consigliere comunale Francesco Chiricozzi, uno dei due accusati, dovrebbe dimettersi dall'assise comunale di Vallerano entro la giornata di domani. E proprio il sindaco della città viterbese è un altro che ha attaccato a testa bassa la formazione guidata da Simone Di Stefano. Lo ha fatto, tre i vari punti presentati, chiedendo di aprire gli occhi su Casapound: "La comunità valleronese - ha aggiunto - non merita di finire sui giornali per questi fatti".

Una richiesta di scioglimento, ancora, è arrivata da parte di Marilena Grassadonia, un'esponente de La Sinistra Italiana. La donna, che è candidata alle prossime elezioni europee, ha tirato in ballo il leader del Carroccio. Anche in relazione a queste dichiarazioni è possibile segnalare un monito già lanciato da altri: Salvini non dovrebbe "chiudere gli occhi".

Commenti

florio

Lun, 29/04/2019 - 12:33

Mentre le BR, i Centri Sociali, nati dai santi sinistri, allora va tutto bene nessuna insurrezione, omicidi e porcherie perpetrate come se nulla fosse. Bandiera rossa va sempre difesa vero Marilena Grassadonia.

jaguar

Lun, 29/04/2019 - 13:07

Quindi secondo la sinistra bisogna sciogliere Casapound e magari premiare quei balordi dei centri sociali?

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Lun, 29/04/2019 - 13:15

Se volete sciogiere/casa pound.Allora cosa ne pensate di ESPELLERE dall'Italia tutti i sinistruncoli che hanno facilitato piu` appogiato tutt'ora le ONG per l'invasione avvenuta di miglioni di zotigoni ettinici.

silvano.donati@...

Lun, 29/04/2019 - 13:21

prima sciogliamo il PD che è partito anti-italia no !

T-800

Lun, 29/04/2019 - 13:57

A sinistra hanno già dimenticato i casi degli stupri nei centri socieli di Parma e Napoli? E di Luca Bianchini stupratore seriale del pd romano condannato a 14 anni di carcere? Non chiesero allora lo scioglimento del pd?

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 29/04/2019 - 15:30

Non sono per "Casapound". Ma ritengo poco democratico attaccare per principio chi va ancora dietro a ciò che é finito, nella Storia e nella Logica. Soprattutto contro la logica e contro gli interessi concreti del Paese, ergo il contrario di quanto ha fatto Salvini, che a rischio personale, politico e giudiziario, ha fermato l'invasione afro-islamica, che per la gente di sinistra era stato uno squallido affare ed ora é una speranza per ricominciare.

ilpassatore

Lun, 29/04/2019 - 17:50

La sinistra non c'e' piu' perche' il buon senso vince sempre.

giangar

Lun, 29/04/2019 - 18:57

Mi chiedo di cos'altro ci sia bisogno per individuare la fattispecie di "tentata ricostituzione del Partito fascista". Aspettiamo che si presentino con la sigla PNF?

rawlivic

Lun, 29/04/2019 - 21:53

FORTETO FORTETO FORTETO ... ed il PD da sciogliere nell'acido