I ministri leghisti pronti a disertare in blocco il Cdm

Muro contro le dimissioni del sottosegretario. L'attesa per il colloquio con i magistrati

Matteo Salvini e Armando Siri

Roma - Salvini non abbandona gli uomini «con cui ho fatto un pezzo di strada» e, come ribadisce da giorni, non può concepire le dimissioni di Siri senza almeno un rinvio a giudizio. «Non c'è in ballo una persona, non ho uomini o poteri da difendere però ci tengo alle regole della democrazia. Si è colpevoli se si viene giudicati colpevoli. Si deve avere il diritto di dimostrarsi estranei senza essere linciati sulla piazza».

Così, al di là dei proclami e delle rassicurazioni incrociate, quello che può accadere al Cdm di metà della prossima settimana - mercoledì mattina o giovedì - rischia di sfuggire di mano agli apprendisti stregoni del governo. Il muro innalzato dalla Lega, che preoccupa molto Di Maio, sembra potersi fondare sui saldi presupposti delle regole di garanzia, considerato che il sottosegretario non è neppure ancora stato ascoltato dai magistrati. Il suo avvocato l'ha chiesto fin dal primo momento, sia per chiarire la posizione del proprio assistito, sia per poter valutare le carte dei Pm. Che elementi hanno in mano gli inquirenti della Dda? Non molto, sembra, oltre la famosa intercettazione nella quale si ascolterebbe l'imprenditore e consulente leghista Paolo Arata dire al figlio: «Ci è costato 30mila euro». Eppure dai controlli incrociati sui conti bancari non pare essere emersa alcuna prova concreta di trasferimenti di danaro.

Ecco perché, anche dal punto di vista politico, la posizione di Siri non è del tutto compromessa, secondo il Carroccio. Quanto ha detto il premier Conte a proposito della trasparenza e dell'etica di chi governa, secondo i leghisti, non può prescindere da un presupposto fondamentale, sancito dalla Costituzione: la presunzione d'innocenza. È da rigettare è anche la lunga spiegazione di Conte, secondo il quale quell'emendamento proposto da Siri fosse ad personam. Chiarito ciò, resta difficile anche se non impossibile che i Pm convochino Siri entro mercoledì, così togliendo le castagne dal fuoco al governo. In quel caso, come più volte anticipato, il sottosegretario farebbe il passo indietro.

La seconda possibilità sul tavolo è quella della «conta» al Cdm tra gli otto ministri grillini (più Conte) e i sei leghisti, che tra l'altro non sarebbe vincolante per l'emissione di un decreto di revoca della nomina di Siri. Conte l'ha esclusa e Di Maio ha già detto che anche in quel caso, pur non comprendendo perché la Lega farebbe un gesto «così «inutile», non aprirebbe la crisi. Vorrebbe che a farlo fossero i leghisti, semmai. Ultima delle ipotesi possibili, allora, il gesto clamoroso della diserzione in massa dei ministri leghisti dal Cdm. Le conseguenze politiche del gesto sono per ora incerte. Ne potrebbe scaturire uno scenario di crisi o anche, con entrambi gli alleati soddisfatti dall'aver reso pubbliche le proprie differenze, la volontà di chiudere la vicenda. Con la poco credibile convinzione, da parte dei gialli e dei verdi, di avere almeno salvato la faccia.

Commenti

VittorioMar

Lun, 06/05/2019 - 08:32

...BENE E AVANTI COSI' !!!..le PROCEDURE GIURIDICHE VANNO RISPETTATE...non sono un "CAPRICCIO" !!...SERVE LA SENTENZA DI PRIMO GRADO ...non FUMO DI REATO ..insinuato da MEDIA FALSI e BUGIARDI!!...CHI COMPRA BUFALE ?? ..l'M5S !!

MOSTARDELLIS

Lun, 06/05/2019 - 08:47

E' una situazione kafkiana. Sicuramente i 5S sono degli incapaci e stanno sfruttando questo problema per propaganda politica sulla loro "onestà", tuttavia ma vi pare possibile che un governo e un paese rischia la crisi per una intercettazione tutta da provare? Ma perché i magistrati non sentono subito Siri? Ma dov'è Mattarella? Dov'è il CSM? Una volta esisteva il supremo interesse dello Stato.... Che vergogna...

Totonno58

Lun, 06/05/2019 - 08:48

Chissenefrega!E'solo l'ultimo atto di un teatrini di burattini...prevedo all'orizzonte un bel governo tecnico che ci farà piangere.

nerinaneri

Lun, 06/05/2019 - 09:00

...attenti che stanno tornando i poderi forti...

Manlio

Lun, 06/05/2019 - 09:13

Il M5s sta tirando la corda perchè sta perdendo consensi. Credo che Salvini debba prendere una decisione difficile. La difficoltà probabilmente risiede nel pericolo, dopo la caduta del governo, di cadere nelle spire vischiose di FI. Dove tutto si decide e nulla si fa

aleppiu

Lun, 06/05/2019 - 09:15

il felpino e' sempre stato tra i primi a chiedere le dimissioni dei rappresentanti degli altri partiti quando erano indagati, a dire il vero era stato anche il primo a dire che non aveva paura di farsi giudicare per il caso della ong, ma poi come sempre ritratta e mette la testa nella terra. Parlano di nuova politica e sparano sempre contro il pd ma in casi simili vi erano state le dimissioni....... ma da uno che ha contribuito a far sparire 49 milioni c'erano dubbi sulla moralita'????

schiacciarayban

Lun, 06/05/2019 - 09:20

Avete veramente rotto, tutti!!! Andate a casa, vi supplico!!!

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Lun, 06/05/2019 - 09:24

Questo comportamento dimostra l'attaccamento alla cadrega e l'intenzione di difendere un sospettato di corruzione, al di sopra degli interessi comuni del popolo. Arma di distrazione di massa, per l'incapacità di questo governo, e di Salvini in particolare, di far fronte alla delinquenza dilagante, alla mancanza di certezza della pena e al bilancio traballante.

Ritratto di combirio

combirio

Lun, 06/05/2019 - 09:26

Sono d’accordo, non serve fare un inutile sfilata ! Hanno scelto di contrastare la Lega stile Pdiota con l’ Inganno, in fondo i Pdioti in questo modo hanno governato 7 anni ovviamente con l’ appoggio di chi sappiamo, ed allora? Che la mozione se la votino da soli, l’accusa l’ hanno creata loro.

Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 06/05/2019 - 09:28

Davvero i leghisti pensano che i magistrati tratteranno Siri in modo equo? Ma davvero ancora credono a questo MITO che la magistratura in italia sia una seria e non un'ARMA in mano alle sinistre? E i grullini sono la stessa cosa dei PDioti. Semplicemente sono il piano B di Soros.

acam

Lun, 06/05/2019 - 09:31

per alcuni c'èi da dire quale faccia

rudyger

Lun, 06/05/2019 - 09:33

SIRI è indagato, ossia nei confronti di Siri si stanno facendo delle indagini (come sono partite ? ), indagini che possono portare a prove - peraltro sempre confutabili - per le quali si procede poi a rinvio a giudizio. Quindi, al momento Siri può tranquillamente rimanere al suo posto. Il sig. Di Maio - grande giurista e costituzionalista - si calmi. Si sta arrampicando sugli specchi sapendo che il suo movimento sta perdendo ogni giorno.

schiacciarayban

Lun, 06/05/2019 - 09:55

Per pietà, andate tutti a casa, lega, 5 stelle, tutti! Non se ne può veramente più di questi ridicoli balletti elettorali. Abbiamo capito che l'unica cosa che interessa a questo governo è la poltrona, ma ormai si è superato qualsiasi limite! L'Italia è bloccata da un anno, sinceramente Siri è l'ultimo dei problemi!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 06/05/2019 - 09:58

Esiste un Consiglio dei Ministri? Direi un "mal consiglio"! Ovvero un Consiglio degli Ignoranti, guidato da un mediocre "Professore" (storiche le sue prime pseudo dichiarazioni di presentazione, fortunatamente rimangiate!) e da "varianti" ministeriali, distintesi per la "confusione delle loro idee". Ne é testimone la STORIA: se ne avessi fatta la raccolta giornaliera ne farei un libro!

Trefebbraio

Lun, 06/05/2019 - 10:00

Nel momento in cui vieni sospettato o intercettato o che il tuo nome viene avvicinato, collegato a persone dubbie o fatti riconducibili a comportamenti sbagliati. Ti dimetti senza aspettare nulla e nessuno. Ti dimetti perchè rischi di compromettere il tuo percorso e la tua credibilità, ma soprattutto, perchè, altrimenti, getti un'ombra sul gruppo di cui fai parte. Al posto di Siri, io, senza nemmeno aspettare la pubblicazione dei fatti, mi sarei dimesso, con buona pace di Salvini e di chi non ha la sensibilità per capire che l'investitura politica comporta "anche" delle grandi responsabilità e il pieno, totale, cieco, rispetto delle regole.

Duka

Lun, 06/05/2019 - 10:03

Le minacce sono un segno di debolezza. Salvini deve prendere finalmente una decisione POLITICA che non sa prendere perchè "politico" non è. E' un politicante molto attaccato alla poltrona e alla recita quotidiana del suo MAGNIFICAT. Un politico vero mai e poi mai avrebbe sottoscritto un "contratto" di governo senza ottenere nessun ministero economico. Questo è un fatto di per se GRAVISSIMO e che lo pone a livello di sudditanza.

Duka

Lun, 06/05/2019 - 10:06

Un governo di falliti può generare solo il FALLIMENTO. Succede anche nelle imprese quando al comando ci sono degli incapaci.

michele lascaro

Lun, 06/05/2019 - 10:06

Bravi leghisti, non cedete ad una massa scriteriata che aspira al nulla, non avendo nulla in zucca. E ricordatevi che, a parte tutto, il vostro ruolo appartiene alla classe lavorativa del Nord, i cui principi etici sono tali da una vita. Il vostro posto è nel centrodestra!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 06/05/2019 - 10:07

Esiste un consiglio dei Ministri? Io vedo un "mal consiglio". In pratica solo Salvini é stato un "Ministro Produttivo"! Per gli altri sarebbe da fare una "analisi" approfondita e pochi si salverebbero, specialmente sul versante grillino.

Algenor

Lun, 06/05/2019 - 10:08

Solo io penso che quando la magistratura indaga qualcuno la notizia non dovrebbe arrivare ai giornali e quest'ultimi non dovrebbero essere autorizzati a pubblicarla, fino al rinvio a giudizio? Forse si eviterebbero linciaggi mediatici basati sul nulla e crisi politiche basate su sospetti ed intercettazioni e nemmeno una prova?

Popi46

Lun, 06/05/2019 - 10:09

@nerinaneri: ma quali poteri forti, i nodi ingarbugliatissimi di un paese, che fa finta di non aver contratto debiti per vivere per decenni al di sopra delle sue possibilità

pardinant

Lun, 06/05/2019 - 10:15

Attenzione, se un semplice avviso di garanzia privo di schiaccianti prove può portare alle dimissioni di un membro del governo, se ne può facilmente dedurre che non esiste più quella separazione indispensabile in una democrazia tra il potere esecutivo e giudiziario. In pratica un qualunque magistrato potrebbe mandare un avviso di garanzia a questo e quel membro del governo a seguito di una denuncia qualsiasi fatta da un qualsiasi membro dell'opposizione seppure priva di fondamenti, e se questo verrebbe automaticamente dimissionato si avrebbe una grave metamorfosi della nostra già debole democrazia in una ambigua forma di "giustizialistocrazia".

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 06/05/2019 - 10:17

Esiste un "Consiglio dei Ministri"? Io vedo solo un "mal-consiglio". Amen

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 06/05/2019 - 10:18

X..rudyger 9:33 Le accuse a Siri sono un teorema privo di reali riscontri, in pratica niente. La debolezza è dimostrata dal fatto che a rinforzo è partita la macchina del fango. Report stasera vorrebbe mettere in onda un servizio che, partendo da un atto azzardato di un notaio, arriverebbe addirittura a ipotizzare riciclaggio per il sottosegretario Siri. Le gazzette di sinistra e lo Strafatto quotidiano ci si sono buttate a pesce. Ovviamente Foa impedirà la messa in onda del servizio (rischio di querela milionaria per danni) e il governo dovrà agire per vedere se ci sono gli estremi per radiare il notaio. Certamente Foa coglierà l'occasione per bonificare RAI3 e il notaio verrà radiato, ma Salvini si renda conto che la DISCIPLINA che vuol portare in Italia DEVE riguardare anche l'informazione: bisogna bloccare PRIMA!

paràpadano

Lun, 06/05/2019 - 10:21

Come volevasi dimostrare la magistratura e i poteri forti stanno facendo quello che non riesce alla politica, ossia far cadere il governo per metterne uno "tecnico" tanto amato dal PD e FI.

Ritratto di dlux

dlux

Lun, 06/05/2019 - 10:42

Di Maio ha detto chiaramente che, se si dovesse andare alla conta, loro avrebbero la schiacciante maggioranza. Ciò è gravissimo: il solo averlo sottolineato vuol dire che la Lega è autorizzata a staccare la spina e la responsabilità non sarebbe sua. Di Maio si sta dimostrando ciò che è, cioè, una marionetta nelle mani della corrente giustizialista ed integralista. Non riesce a far prevalere i principi democratici perché deve portare lo scalpo del nemico ai famelici compagni che l'attendono impazienti...Sono un branco, un branco di pericolosi comunisti con una ideologia imperniata sull'invidia, che non vedono l'ora di saccheggiare le casse dello Stato. Cioè noi.

nerinaneri

Lun, 06/05/2019 - 10:43

Popi46: devi cogliere l'ironia...

antoniopochesci

Lun, 06/05/2019 - 10:57

Più passano i giorni e più mi convinco che è stato "l'avvocato del popolo" ( alias Presidente del Consiglio a sua insaputa) ad impiccarsi sul caso Siri usandolo per illudersi di contare qualcosa. Con la revoca delle deleghe, il sottosegretario è stato di fatto depotenziato e quindi reso "innocuo". Ed allora levare tutti questi ragli alla luna, scatenare tutto quest'inferno per uno rimasto senza poltrona, calpestando il principio costituzionale della presunzione di innocenza, è solo un pretesto della frustrazione dei 5 stelle che si arrampicano sugli specchi per provare a buttare Salvini giù dalla torre del consenso. Ed intanto, toc toc toc, siamo 20 giorni all'alba del redde rationem del popolo sovrano

Gianni11

Lun, 06/05/2019 - 11:19

Dato che le elezioni anticipate favorirebbero La Lega i poteri occulti (vidi mattarella) suggeriranno a DiMaio e kompagni di abbassare le penne. Hanno il coltello, ma non dalla parte del manico. Se vogliono possono tagliarsi da soli.

jaguar

Lun, 06/05/2019 - 11:30

schiacciarayban, se l'unico interesse di questo governo è la poltrona, qual era l'interesse dei precedenti?

diesonne

Lun, 06/05/2019 - 11:58

diesonne il peggio della politica italia si svolve con il socialwork. il governo non parla i deputati sono sordi e muti:sono pagati per il loro silenzio e si sfogano con il facebook

schiacciarayban

Lun, 06/05/2019 - 12:03

jaguar, sì, certo tutti sono interessati alla poltrona ma almeno i precedenti non facevano disastri all'economia.

rudyger

Lun, 06/05/2019 - 12:07

Salvini deve staccare la spina. Salvini non doveva firmare il contratto con Di Maio, Salvini segui Berlusconi. Ma nessuno dice che ciò che sta succedendo c'è il terzo soggetto che fa il mazziere e che ha dato le carte sbagliate. Lui è corresponsabile di questa tregenda italiana.

roberto zanella

Lun, 06/05/2019 - 12:36

DA ELETTORE LEGHISTA DIREI CHE LA SOLUZIONE DI ON PRESENTARSI AL CDM SIA LA SOLUZIONE GIUSTA PER RIMARCARE LE DIFFERENZE DEMOCRATICHE IN MATERIA DI GIUSTIZIA FRA LEGA E M5S. ORMAI HANNO CAPITO TUTTI CHE IL M5S HA FATTO I NUMERI SU SIRI SOLO PER TAMPONARE LE PERDITE ELETTORALI. LA LEGA PUO' ASSENTARSI MARCANDO LE PROPRIE DIFFERENZE. NESSUNO DEI DUE DOPO AVER PRESO ATTO DELLE DIFFERENZE, MOLLERA' IL GOVERNO. E UN MODO DIVERSO DI FARE POLITICA COME DUE SOCI IN AZIENDA DOVE A VOLTE NON SONO D'ACCORDO MA NESSUNO MOLLA PERCHE' CONTA L'AZIENDA.

Much63

Lun, 06/05/2019 - 12:42

Salvini, sono da sempre dalla tua parte, ma c'è una cosa che proprio non capisco, perchè prestare il fianco mettenendo uno come Siri, la cui condanna per bancarotta fraudolenta è già passata in giudicato? Ma non c'era un incensurato degno di tale incarico?

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 06/05/2019 - 12:50

MOSTARDELLIS Secondo lei? Perché i magistrati non hanno la benché minima intenzione di sentire Siri "prima" del 26 maggio? Si faccia la domanda e si dia la risposta.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 06/05/2019 - 12:53

@Manlio Non credo che a Salvini faccia paura FI. Penso piuttosto che Salvini tema di più un governo tecnico, o, peggio, un accrocchio m5s-sinistrume vario (dal pd ai comunisti di tutte le varie sigle), dato che lo stesso Salvini conosce bene l'uomo del Colle e la sua profonda avversione nei confronti delle elezioni.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 06/05/2019 - 12:57

@Trefebbraio Ma certo! Ti dimetti! E in questo modo consegni le chiavi del potere politico alla magistratura, libera di decidere chi deve o non deve governare. Basta una inchiesta, magari basata sul niente, per chiudere l'esperienza di governo di qualunque ministro, viceministro, sottosegretario e così via. Giusto? Cioè, a LEI pare giusto? Per me è una cosa semplicemente aberrante e un insulto alla Democrazia!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 06/05/2019 - 13:00

La Lega farebbe benissimo a disertare il c.d.m. Vogliono la testa di Siri? Vogliono far cadere il governo? Vogliono calpestare uno dei principi basilari della nostra Costituzione e del nostro Ordinamento Giuridico, cioè quello relativo all'onere della prova e alla presunzione di innocenza? Vogliono andare al governo insieme al pd? Lo facciano! Ma se ne assumano ogni responsabilità.

mifra77

Lun, 06/05/2019 - 13:10

Non vi sembra un po troppo esagerato che un vice premier come DiMaio, accertato dietro sua ammissione di abusi edilizi propri, evasione personale da lavoro nero, evasione,partecipazione ed appoggi ad abusi edili, da lavoro nero conto terzi, attraverso l'impresa di famiglia di cui fa parte, oggi accusa un membro del governo non ancora rinviato a giudizio come lui per essere chiari..., dopo tutta questa cagnarra, ne voglia uscire salvando la faccia?

QuebecAlfa

Lun, 06/05/2019 - 13:41

Eccellente, al termine del mandato dell'avvocato Conte è pronto a subentrare un presidente tecnico, con funzione di commissario su indicazione precisa di Brussels. I nodi finanziari stanno venendo al pettine, dopo tanti anni. Gli italiani dovranno scegliere se salvare il loro stato pagando un conto stratosferico o dedicere di considerare conclusa l'esperienza dello stato repubblicano.

Trefebbraio

Lun, 06/05/2019 - 13:41

Io intanto mi sarei dimesso, poi se la Magistratura ha dei lati in ombra (direi di sì anche io) si deve ad ogni costo cambiarne le funzioni. Ma chi deve farlo se non chi è al Governo?