Ilva, consigliere pentastellato di Taranto lascia polemicamente M5S

Massimo Battista, eletto fra i 5S nelle amministrative del giugno scorso a Taranto, sostiene che i pentastellati abbiano tradito la fiducia della città per quanto riguarda la questione Ilva e attacca duramente Di Maio

Non c'è pace per il Movimento 5 Stelle: la vicenda dell'Ilva di Taranto sta mettendo a dura prova la tenuta del movimento fondato da Beppe Grillo.

È notizia di pochi giorni fa infatti che la parlamentare grillina Rosalba De Giorgi è stata pesantemente criticata ed insultata dai manifestanti per aver partecipato ella stessa ad un presidio anti-Ilva: adesso invece i grattacapi per Di Maio e compagni arrivano da Massimo Battista, consigliere comunale di Taranto eletto fra i pentastellati nel giugno dello scorso anno, che ha abbandonato il movimento in aperto contrasto con le sue politiche a suo dire traditrici della città pugliese e rifugiandosi nel gruppo misto.

Battista, operaio dell'Ilva con un passato da portavoce del comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, ha motivato la sua decisione con una conferenza stampa: "M5S ha tradito l’elettorato di Taranto perché ha sempre parlato di chiusura dello stabilimento e di riconversione economica. In che modo? Smantellando quegli impianti obsoleti, bonificandoli e decontaminandoli con la forza lavoro che opera all’interno di quella fabbrica. Ho rassegnato le dimissioni dal Movimento e mi rendo indipendente, libero di questa città per rispetto di quelle 1014 persone che hanno riposto fiducia in me. Il movimento ha fallito".

L'ormai ex grillino ha poi attaccato duramente il vice-premier e Ministro del Lavoro Luigi Di Maio, accusando quest'ultimo di non essere mai venuto a visitare lo stabilimento nonostante mille dichiarazioni in tal senso: "Ha fatto promesse che poi ha tradito. Non credo che se verrà a Taranto sarà accolto bene". - Infine un pensiero critico sul suo vecchio partito - "Il movimento per me non esiste più perché ormai non è più uno vale uno, ma le decisioni vengono prese dall’alto senza tener conto della base". Secondo l'operaio infatti, nessuno del M5S di Taranto era stato messo al corrente della firma di quell'accordo sindacale.

Commenti
Ritratto di Atomix49

Atomix49

Mar, 11/09/2018 - 14:44

SE costui faceva parte del comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, non si capisce come possa aver aderito al M5stalle dove tutto puoi fare meno che sentirti libero e di pensare. Già questo inficia di molto le motivazioni per cui oggi egli esce sbattendo la porta. Di maio ha fatto tutto e il contrario di tutto per poi tornare indietro e accreditarsi l'onore di aver salvato ILVA e Taranto. Bastava che non facesse casino che la cosa si risolveva da solo nel migliore dei modi. magari con opportuni ritocchi e accorgimenti al tavolo finale delle trattative.... Ma questa è una strategia grullina oramai nota.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Mar, 11/09/2018 - 15:36

Di Maio è da mo' che tradisce... il MoVimento non è più lo stesso, ormai le logiche elettorali prevalgono su tutto, e il neodemocristiano Di Maio è quello che le interpreta nel modo che più gli resta comodo. A CASA !!!!!!!!!!!

paolo b

Mar, 11/09/2018 - 15:43

"M5S ha tradito l’elettorato di Taranto perché ha sempre parlato di chiusura dello stabilimento e di riconversione economica. In che modo? Smantellando quegli impianti obsoleti, bonificandoli e decontaminandoli con la forza lavoro che opera all’interno di quella fabbrica. domanda chi avrebbe pagato la forza lavoro ? e dopo lo smantellamento e la bonifica dove vanno a lavorare questi operai? 10-12-14 mila persone ...se lavorano... in massimo un paio di anni hanno terminato il tutto !!! ma forse l'idea di questo signore è quella di fare in modo che la bonifica non finisca mai e i lavoratori possono lasciare in eredità il posto di lavoro a figli nipoti ecc. tanto qualcuno paga !!!!

maxxx666

Mar, 11/09/2018 - 16:49

Se qualcuno è mai andato a Taranto si accorgerà che senza l'Ilva c'è il nulla assoluto. E'vero che tutto attorno è color rosso mattone ma è anche vero che si può aggiornare lo stabilimento perchè sia più rispettoso dell'ambiente e mi sembra che questo sia stato messo nero su bianco poi si vedrà.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 11/09/2018 - 16:51

e che vi aspettavate? vi siete messi con salvini.... :-)

Gianx

Mar, 11/09/2018 - 18:42

@mortimermorto vada pure col solito Malox...ne ha bisogno!

sparviero51

Mar, 11/09/2018 - 19:11

E QUESTO NON È NIENTE .VEDRETE QUANTE MARCE INDIETRO DOVRANNO FARE ,SPECIE IN CAMPO ECONOMICO DOVE AL DI LÀ DI TRE O QUATTRO PERSONE NESSUNO CAPISCE UN CAXXO !!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 11/09/2018 - 19:26

Avrà interpretato male. Pensava che Di Maio lo avesse mantenuto in toto.

tonycar48

Mar, 11/09/2018 - 21:04

ma questa gente (5 Stalli) che cos'ha al posto del cervello???

WORCEHT

Mar, 11/09/2018 - 21:23

Ma Massimo...., non te lo ha detto mamma di non credere alle favole?

Popi46

Mer, 12/09/2018 - 05:43

Cose che capitano quando si è creduto alle favolette. I grillini si sono presentati come alfieri di un epocale cambiamento, chiudere l’ILVA avvelenatrice riconvertendola in magnifici, sereni pascoli pieni di fiori ed api operose (decrescita felice,ricordate?). Poi, perbacco, si sono accorti che non avrebbero saputo che fare con le migliaia di lavoratori che, avendo subodorato che la decrescita non sarebbe stata tanto felice, si sono un tantino inc..... Ergo, marcia indietro. Sbaglio?