L'ex br difende Battisti: "Giustizia italiana come Inquisizione spagnola"

In un articolo pubblicato sul blog Insorgenze, l'ex brigatista Paolo Persichetti ha parlato del caso Cesare Battisti facendo un parallelismo tra l'Inquisizione spagnola e la giustizia italiana che lo ha sottoposto a un "moderno autodafé"

Pochi giorni dopo che Cesare Battisti ha ammesso di fronte ai giudici le sue responsabilità su quattro omicidi e tre gambizzazioni, sul blog di controcultura Insorgenze è apparso un editoriale intitolato "L'autodafé di Cesare Battisti". Un fondo nel quale l'autore, l'ex brigatista rosso Paolo Persichetti già condannato a 22 anni di carcere per concorso morale nell'omicidio del generale Licio Giorgieri, analizza il caso dell'ex membro dei Pac azzardando un discutibile parallelismo tra l'Inquisizione spagnola e la giustizia italiana. Persichetti, che sempre sullo stesso blog, l'8 febbraio, aveva pubblicato un articolo dal titolo eloquente "Battisti esibito come un trofeo di caccia", nel suo ultimo pezzo ha preso le difese di Battisti parlando di "supplizio pubblico già avvenuto al momento del suo arrivo in Italia" e di "cerchio della giustizia chiuso" grazie a una confessione da una "cella di 3 metri per 4".

"Durante l'Inquisizione spagnola - scrive Persichetti - si tenevano delle solenni cerimonie pubbliche nel corso delle quali si dava lettura delle sentenze di condanna e si celebravano le abiure. Vi partecipavano i giudici, i funzionari, gli ordini religiosi, i rei e il pubblico radunato in una piazza dove era stato eretto un palco. Gli esiti di questi autodafé potevano essere fausti o infausti, ed anche nel caso peggiore l'aver avuto salva l'anima obbligava il colpevole a dover ringraziare i propri carnefici. L'autodafé di Cesare Battisti si è tenuto, come si conviene in tempi ultramoderni e di postdemocrazia, in una sala del tribunale di Milano davanti ad un pubblico di giornalisti e televisioni". Secondo l'ex brigatista rosso, l'unico diritto concesso a Battisti è la "videoconferenza, una residua presenza virtuale per impedire che si possa gridare alla cancellazione definitiva dei diritti della difesa".

L'ex proletario armato per il comunismo "è rinchiuso in una cella all'interno di una sezione del carcere di Oristano adibita per lui e di cui resterà l'unico ospite una volta terminato il periodo di isolamento diurno. Una sorta di 'area riservata del 41 bis' del tutto abusiva, realizzata aggirando le norme dell'ordinamento penitenziario. Un regime detentivo concepito per estorcere dichiarazioni al pari del 41 bis ufficiale e che ha spinto Battisti a confessare dei reati senza aver mai preso parte al proprio processo".

"Battisti - prosegue Persichetti - non era presente durante il processo, ma lo hanno condannato al massimo della pena e quarant'anni dopo ha confessato dal fondo di quel pozzo di 3 metri per 4 che è la sua cella isolata del carcere di Oristano. Così il cerchio della giustizia si è chiuso!". Insomma, secondo Persichetti, scarcerato definitivamente nel 2014 e collaboratore di quotidiani come Il manifesto, Il garantista e Il dubbio, la confessione dei quattro omicidi e delle tre gambizzazioni fatta da Battisti nel carcere di Oristano davanti al pubblico ministero Alberto Nobili gli sarebbe stata estorta. Con buona pace delle condanne già emesse in via definitiva dai tribunali del nostro Paese per i quattro omicidi commessi dall'ex Pac in 10 mesi tra il 1978 e il 1979.

Commenti

maurizio50

Sab, 30/03/2019 - 17:15

Persichetti (boh??) difende Battisti?? Poco male. Normale solidarietà tra farabutti!!!!

HARIES

Sab, 30/03/2019 - 17:17

Ben venga la Santa Inquisizione. E che si proceda anche contro coloro che lo hanno protetto e difeso negli anni.

giuseppe_s

Sab, 30/03/2019 - 17:21

TRA DELINQUENTI CI SI DIFENDE... PECCATO CHE PERSICHETTI NON ABBIA DA PIANGERE VITTIME IN CASA PROPRIA A CAUSA DI BATTISTI, PENSO CHE PARLEREBBE DIVERSAMENTE ALLORA.

ingenuo39

Sab, 30/03/2019 - 17:29

Forse non ho capito bene, "se uno non è presente al processo non si puo condannarlo? Costui, dopo avere "spernacchiato" gli Italiani per quarant'anni e dopo tutti i testimoni c'era bisogno che confessasse? Come diceva il grande Totò "ma mi faccia il piacere"!!!!!!!

619DBFT

Sab, 30/03/2019 - 17:46

Ma povero questo assassino komunista, che è costretto a parlare da una cella da 3x4. Pensi alle sue vittime che non possono più parlare e sono costrette da tempo in una cassa da 2x0,5

carlottacharlie

Sab, 30/03/2019 - 18:09

Il Persichetti ex brigatista? Ma per favore, questi rimangono brigatisti vita natural durante.

zadina

Sab, 30/03/2019 - 18:18

Battisti finalmente ha ricevuto il premio che si è meritato purtroppo tardi per che si è fatto molti anni di vacanza offerta da stati con tendenze comuniste, come dice Persichetti è stato processato senza la sua presenza fisica, nessuno gli ha impedito di non essere presente è stata una sua scelta sapeva perfettamente quello che aveva fatto e quello che gli aspettava, grazie a persone coscienti è finalmente entrato nelle patrie galere, (il male cercato non è mai troppo) la opinione di un semplice cittadino.

mariod6

Sab, 30/03/2019 - 18:19

Potrebbe e dovrebbe andare a fargli compagnia in galera, tra assassini si dovrebbero intendere. E' un vero peccato che in Brasile non abbia incrociato un qualche squadrone della polizia nelle favelas....!!!

giovanni235

Sab, 30/03/2019 - 18:22

Considero una crudeltà lasciare solo in cella il Battisti.Perchè non dargli come compagno di cella il Persichetti,almeno ha qualcuno con cui rivangare le gloriose avventure della loro giovinezza.???

odisseus

Sab, 30/03/2019 - 18:24

Tanti anni sprecati. Un cal.22 nell'orecchio avrebbe risolto tutto

Trefebbraio

Sab, 30/03/2019 - 18:30

Non credo, ma ci vorrebbe davvero una bella soluzione alla "partigiani d'Italia" per certa gentaglia. Il fatto è che ci siamo evoluti molto rispetto al 1945 e poi soprattutto noi siamo fatti di un'altra pasta.

uberalles

Sab, 30/03/2019 - 19:40

Eh, caro Battisti, vedi che l'alcool rovina? Quando ti sei fatto fotografare sulla spiaggia con quel drink in mano, se non sbaglio lo stavi bevendo alla salute degli Italiani...Cipperimerlo!

il nazionalista

Sab, 30/03/2019 - 19:43

Già è troppo che questo brigatista sia a zonzo per l' Italia invece di stare in galera - dei 22 anni inflittigli, forse ne avrà fatti 5 o 6!! Ma che pontifichi su dei giornali, sia pur di estrema sinistra, questo è e veramente insopportabile!!

ziobeppe1951

Sab, 30/03/2019 - 20:22

Le mer.de che s’incontrano a volte si pestano, e a volte si salutano

Yossi0

Sab, 30/03/2019 - 20:28

due condannati sinistri, uno che difende l'altro dove sta la notizia ?

Ritratto di navajo

navajo

Sab, 30/03/2019 - 21:48

Erano i Br che esibivano i rapiti come trofeo di caccia. Persichetti, per quello che è stato, dovrebbe avere il pudore di tacere, e per sempre. Poi, se parla, ma chi lo sta ad ascoltare uno così e poi uno che difende Battisti è degno di considerazione?

killkoms

Sab, 30/03/2019 - 22:32

pagliaccio rosso!

Ritratto di makko55

makko55

Sab, 30/03/2019 - 22:52

Ex ??????