L'odio di intellettuali e giornali rende simpatico il governo...

La campagna anti-pentaleghisti assomiglia a quella contro Berlusconi. Con accuse di fascismo, nazismo, stalinismo

Appena si trova all'opposizione, la sinistra parte lancia in resta contro il nuovo fascismo, tracimando volentieri nell'evocazione di Hitler e soci nazisti. Gli intellettuali, in particolare, non sono interessati a capire il fallimento elettorale dell'amato (da loro) Matteo Renzi, preferiscono spararla grossa per prendere gli applausi dei «veri» democratici, che poi sarebbero i nipoti del Partito comunista, asservito a Mosca fino a quando l'Unione sovietica non implose.

Basta sfogliare i giornali per capire che l'opposizione al governo Conte, sostenuto da Lega e Movimento 5 stelle, tra giornalisti e intellettuali, sta assumendo il noto aspetto dell'antiberlusconismo. Per Umberto Eco, il centrodestra guidato da Silvio era una manifestazione peculiare dell'eterno fascismo italiano. Eco fece scuola e ora l'accusa di fascismo si può estendere a chiunque, questa volta tocca ai pentaleghisti. Domenica scorsa, Luigi Di Maio, ministro del Lavoro, ha involontariamente citato il Re Sole, e si è beccato una raffica di ironia nella schiena, anche da questo giornale. Ma in molti casi si va oltre i confini della realtà. Per la Stampa, le uscite pentaleghiste ricordano, oltre al Re Sole, Stalin, Mussolini e Hitler. Repubblica fa riferimento a Vita e destino, il romanzo capolavoro di Vasilij Grossman che denunciava entrambi i totalitarismi. Fa ridere solo l'idea di trovare nello stesso articolo il Movimento 5 stelle (con tutto il rispetto) e Vasilij Grossman, uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi. Un po' di senso della misura sarebbe sufficiente per evitare il ridicolo ma pochi resistono alla tentazione di lasciarsi andare, tanto mica si rivolgono agli (e)lettori, si rivolgono al piccolo mondo conformista della (sedicente) intellighenzia. Si fanno i complimenti tra loro nei social network, che ormai confondono con il mondo reale, e sono felici. Peccato la maggioranza degli italiani, guardata ormai con sospetto dagli intellettuali, se ne freghi altamente di paragoni improbabili e indignazione a senso unico. Anzi, ogni volta che qualcuno avvicina l'attuale governo al fascismo, un (e)lettore corre metaforicamente verso l'urna per depositare la scheda con una bella «X» vergata sul simbolo di Lega o Movimento 5 stelle. Il patetico fallimento dell'antiberlusconismo ha insegnato nulla. Non è stato utile al Paese e ha distrutto proprio la sinistra, a Berlusconi ci hanno pensato i giudici, non Walter Veltroni. Proseguiamo. Per il Foglio, al Movimento 5 stelle potrebbe riuscire ciò che non è riuscito nemmeno al Duce, cioè snaturare il Parlamento a colpi di vincolo di mandato e democrazia diretta.

Fuori dal coro antifascista, proprio sul Foglio, è Giuliano Ferrara: «Se saranno autoritari e arroganti, in mancanza di costituzionalisti, bisognerà fare la loro parte, ma piano con l'antifascismo e con i metodi dell'antiberlusconismo, quando ci prende la foga bisogna desistere, desistere, desistere».

Saviano, su facebook, la tocca piano: «Disobbedite a questo ministro dell'Interno, quest'uomo vuole fare annegare le persone». Così esagerato che Salvini ha replicato con una querela. Per Laura Boldrini il governo è «retrogrado» e «maschilista». Per Gustavo Zagrebelski sarà «uno Stato spietato verso i deboli e i diversi». Per Elsa Fornero, Salvini è «uno squadrista» e «non merita rispetto». Per Matteo Orfini «l'estrema destra» ci tiene in pugno e ottiene il plauso «dei neofascisti di mezza Europa». Per Vittorio Zucconi al potere ci sono i «fascisti». Per Mario Calabresi, Salvini è «reazionario» e «incendiario». Eugenio Scalfari lancia un appello: «Il Quirinale li fermi». Il governo non ha ancora fatto nulla. Il fuoco di sbarramento è puramente preventivo. Ma serve a qualcosa? Forse al governo per crescere nel consenso... Invece di salire sulle barricate della retorica, sarebbe meglio prepararsi a esaminare e smontare l'operato del governo giorno per giorno, provvedimento per provvedimento.

Commenti

rudyger

Mer, 06/06/2018 - 14:59

signori (si fa per dire) comunisti, fate solo pena. E' da commiserarvi. fate il mea culpa, mettetevi davanti allo specchio e sputatevi in faccia. siete solo la foglia dell'umanità. sarebbe un onore per voi chiamarvi fascisti.

i-taglianibravagente

Mer, 06/06/2018 - 14:59

Provo la stessa goduria che provo quando sento le prostitute intellettuali radical diversamente democratiche di mezzo mondo prendersela con Trump. Andate avanti cosi, ci migliora l'umore.

frabelli1

Mer, 06/06/2018 - 15:07

Trovo in questo atteggiamento una forte similitudine con il trionfo di Trump negli Usa. Anche là, i "democratici-di-sinistra, gridarono allo scandalo, elezioni pilotate, la Russia ha manomesso le elezioni (là i fascisti non sanno cosa siano, quindi sono i russi) hackerata i siti colpa di... l'ammissione di aver perso non passava per la testa lontanamente. Qui sta succedendo la stessa cosa. Siccome non si può dire che la Russia ha manomesso le elezioni allora dicono che hanno vinto i fascisti, i populisti è in pericolo la democrazia, ecc.ecc. Ma non si rendono conto che "loro" semplicemente hanno perso le lelezioni perché il POPOLO-ITALIANO s'è rotto le scatole di loro? Non si accorgono che sentendoli parlare ci sarebbe da spaventarsi perché solo se vincono loro vince la democrazia? Per loro la democrazia cos'è "vinco io sono democratico, vinci tu, sei fascista"? SI VERGOGNINO!!!!

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Mer, 06/06/2018 - 15:11

E' verissimo, più gli intellettualoidi sinistri latrano, alcuni sibilano, altri bofonchiano, più questo Governo piace al Popolo. Per questo, costoro, lo chiamano "Populista". Si chiama Invidia distillata. Rabbiosa reazione verso chi li ha bollati come fuchi inutili, obsoleti soprammobili, o parassiti da disinfestare. Detto inter-nos è una indicibile goduria vederli dimenare ancor prima di sparire. Un vero spasso. Una rivincita della Storia. Impagabile!

Maver

Mer, 06/06/2018 - 15:13

L'Italia è intossicata da anni di sub-cultura di questi neo-giacobini (secondo la definizione che ne dà il "Grand Larousse") e la durata della prossima legislatura non sarà sufficiente per smaltire le massicce dosi di veleno instillato nella linfa del paese. Il Populismo (giacch'è non gli riuscirà a sfuggire all'epiteto per quanto denigratorio) se vorrà affermarsi dovrà dimostrare di saper individuare e promuovere figure in grado di rappresentare una nuova coscienza critica e una cultura alternativa alla presente. Palesandosi questa otterrà di smascherare e controbattere la grande impostura che questi radical chic hanno spacciato per oro zecchino negli ultimi sessant'anni. Governare rimane la prima necessità ma non basta, dovranno proporre linguaggi alternativi all'odierno politically correct o potranno scordarsi di vincere (non già la singola battaglia), ma la guerra, sul lungo temine.

brasello

Mer, 06/06/2018 - 15:14

insomma, questi signori non ne hanno avuto abbastanza della batosta alle elezioni? vogliono sotterrarsi ancora più a fondo? ormai se la cantano e se la suonano solo tra di loro. non li ascolta più nessuno. anzi, la gente normale dice: "Salvini fascista? Magari....". suggerirei a questi intellettualoidi di mettere queste argomentazioni da parte e tirarle fuori nella prossima campagna elettorale (insieme allo ius soli) così prenderanno un'altra batosta.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 06/06/2018 - 15:16

Radical-scic di sinistra ed immigrati-extracomunitari clandestini vanno a braccietto e mi sono simpatici entrambi allo stesso modo, proprio come un gatto attaccato ai maroni (Andrea Mingardi).

Duka

Mer, 06/06/2018 - 15:19

Ma noi paghiamo ancora questa grandissima OCA ?

ENRICOP

Mer, 06/06/2018 - 15:23

buongiorno ma gli intellettuali radical chic e i comunisti al caviale figli di papa con la lingua delle vipere hanno sempre fatto dei danni incalcolabili e ci vorranno degli anni per rimettere in sesto la baracca. vergognatevi

mifra77

Mer, 06/06/2018 - 15:24

Signor Alessandro Gnocchi, stavo scorrendo con attenzione il suo scritto per capire chi fossero gli intellettuali Italiani che accusano di fascismo l'attuale governo. Passi per Foà e le sue convinzioni ma quando ha elencato Saviano, Fornero, Orfini, Zucconi, Calabresi, Scalfari, Zagrebelski e le loro richieste pacchiane, ho ripensato ai sessantottini cresciuti a protesta e sei politico e mi son chiesto chi tra questi potrebbe essere marchiato come intellettuale. Non ne ho trovati; solo un branco di comunisti pidioti con un conto in banca consistente che naturalmente possono spiegare. Intellettuali? ...è una parola che a nessuno degli elencati appartiene.

Ritratto di Camaleonte48

Camaleonte48

Mer, 06/06/2018 - 15:25

Ma Vittorio Zucconi vive in america e non fa altro che rompere le palline qui in Italia. Ma perchè non se ne sta buono buono in quel paese che si ritiene la più grande democrazia del mondo e ci lascia lavorare? Mi sa che lo Zuccotto ha un pò le idee confuse.

tofani.graziano

Mer, 06/06/2018 - 15:27

Sentire il blaterare e le inettive di certi personaggi simil-intellettuali, il loro cercare di arrampicarsi sugli specchi per cercare di divulgare le loro baggianate al di fuori del loro cerchio magico non ha prezzo.Il sentire il rumore del tarlo che gli consuma dentro infonde un buonumore che non ha paragoni.Ma la cosa migliore è che nel vederli in questo stato è sinonimo che qualcun altro è sulla strada giusta

venco

Mer, 06/06/2018 - 15:28

E invece i fascisti sono quelli che accusano lega e 5s di fascismo, perche vogliono dominare il popolo italiano con la loro dittatura, come nel fascismo. Il fascismo era dittatura e non volontà popolare.

paolone67

Mer, 06/06/2018 - 15:28

E' la solita storia della sinistra malata di razzismo intellettuale pur dichiarandosi anti-razzista. Tutto quelli che non la pensano come loro non solo sbagliano, ma sono pericolosi, fascisti, antropologicamente inferiori. Loro la democrazia non sanno cosa sia. Il pluralismo invece può esistere solo tra diverse posizioni di sinistra.

Happy1937

Mer, 06/06/2018 - 15:30

Non mi piaccioni i 5Stelle e non stravedo per la Lega, ma i veri fascisti sono la Boldrini e i suoi compagnuzzi di merenda.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 06/06/2018 - 15:30

intellettuali, sinistra e comunisti vari, branco di ignoranti, arroganti e invidiosi. Hanno governato cinque anni e hanno riempito l'Italia di debiti, di violenza, di degrado e di clandestini.

Ritratto di RobertoBello

RobertoBello

Mer, 06/06/2018 - 15:33

Perché chiamate "intellettuali" quelle bestie conformiste? per me, intellettuale è chi usa l'intelleto suo, non chi bela nel gregge. non importa in quale gregge si è deciso di nascondersi. Il pensiero individuale libero a volte, quando conviene, è seguito dalle pecore ma non è mai prodotto da una pecora o un pecoro (boldrini docet)

steacanessa

Mer, 06/06/2018 - 15:34

Basta una parola a scelta tra comunisti e mentecatti. Non si può sbagliare.

Libertà75

Mer, 06/06/2018 - 15:35

e pensare che ora ci sarebbe il PD al potere se soltanto negli ultimi 7 anni avesse fatti qualcosa per il popolo anziché pensare soltanto agli interessi stranieri, alla finanza, alle banche e assicurazioni, agli imprenditori, agli extracomunitari che vogliono 2 anni di vacanza pagata, ecc...

Ritratto di ..sandrino...

..sandrino...

Mer, 06/06/2018 - 15:39

detto da certo POLITICUME è un complimento

gian paolo cardelli

Mer, 06/06/2018 - 15:39

Spettabile Redazione, non crede che sarebbe ora di SMETTERLA di definire quegli esseri inutili "intellettuali"? loro si considerano tali, ma chiamarli come loro vogliono essere chiamati è un insulto all'intelletto umano: spero siate d'accordo con me...

Ritratto di moshe

moshe

Mer, 06/06/2018 - 15:39

... agli asini piace tanto ragliare, lasciamo che si sfoghino, considerato che non sono riusciti a fare niente di buono, almeno lo sfogo del raglio bisogna concederglielo!

glasnost

Mer, 06/06/2018 - 15:40

Gli intellò comunisto-progressisti in genere sono piuttosto scemi, sanno fare una sola cosa, e la applicano contro tutti. Ma ormai sono una razza quasi estinta.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 06/06/2018 - 15:40

Perchè voi che la mente con i comunisti siete tanto diversi?Per come la vedo io quella di salvini è una destra reazionaria ed isolazionista, una destra piena di retorica e demagogia, io da Liberale non mi ci ritrovo per niente.Ma noi liberali purtroppo in Italia non abbiamo mai saputo costruire un grande partito di massa perchè non siamo mai riusciti a rendere popolare l'idea libearale.

Ritratto di petrus

petrus

Mer, 06/06/2018 - 15:41

Per cortesia, scrivete tutto ciò che vi sembra giusto sulla Buldrini,ma NON pubblicate ancora sue foto. Vi prego.. Grazie da chi ha problemi di stomaco.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mer, 06/06/2018 - 15:42

"Saviano! Questo nome mi par bene d'averlo letto o sentito; doveva essere un uomo di studio, un letteratone del tempo antico: è un nome di quelli; ma chi diavolo era costui?" (Don Abbondio)

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 06/06/2018 - 15:44

d'altra parte fascisti e nazisti hanno fatto tanto contro il partito delle banche

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 06/06/2018 - 15:45

@gian paolo cardelli: Giusto non definirli inutili intellettuali, definiamoli inutili e basta.

gneo58

Mer, 06/06/2018 - 15:46

cari (si fa per dire) sinistrati - tenetevi cari e a lungo lega e 5 stelle perche' dovessero cadere alle prossime questo neonato governo lo rimpiangerete e non poco.

Jesse_James

Mer, 06/06/2018 - 15:47

Loro che odiano tanto, andrebbero processati per alto tradimento per come hanno ridotto il Paese. Notizia dell'ultima ora, carabiniere preso a pugni a Pisa da un immigrato e nemmeno ha potuto reagire. Io credo che per quante buone intenzioni abbia Salvini, ormai la situazione è troppo compromessa. Ne sono arrivati troppi.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 06/06/2018 - 15:48

banali, noiosi, clichè da deja-vu, quello di citare i soliti "stalin-hitler-mussolini" (a scelta nell'ordine) già che ci sono potrebbero citare anche Ivan il Terribile zar di tutte le Russie o Giovanni "senza terra", Federico I "barbarossa" e perchè no anche Giulio Cesare (altro noto despota e accentratore di poteri come i primi citati), ma sopratutto perchè stò a perdere tempo verso questa accozzaglia di NON acculturati della sinistra, che non sa più dove voltarsi e quali pesci pigliare, vittime quali sono di una tragedia mistica quale lo smembramento al loro interno e il ridimensionamento delle loro forze, considerato il risultato delle ultime elezioni politiche...

Italiano_medio

Mer, 06/06/2018 - 15:51

Finita la pacchia ...

Elenav

Mer, 06/06/2018 - 15:51

IL COLMO! I VERI fascisti radical-scic e pseudo intellettualoidi (dotati di un unico neurone malato), portatori delle peggiori nefendatezze perpetrate alla democrazia italiana, che hanno ammorbato l'Italia negli ultimi anni, che hanno il coraggio di accusare chi non la pensa come loro (che poi è la maggioranza degli italiani) di essere fascisti... E' come il bue che dà del cornuto all'asino!

Duka

Mer, 06/06/2018 - 15:52

SCUSATE MA "L'INTELLETTUALE" SAREBBE QUELLA IN FOTO ?? JUNKER FA PROSELITI ?

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mer, 06/06/2018 - 15:56

@Agrippina--- L'ideale liberale può attecchire solo se trova l’humus adatto, cioè una cultura aperta al pragmatismo e senza preconcetti verso le novità. Non potrà mai crescere in una terra dominata dalla retorica e dalle ideologie politiche e religiose che non ammettono critiche di sorta.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 06/06/2018 - 15:58

INTELLETTUALI? Ahahahah....è una parola grossa! L'intelletto,prima bisogna averlo!

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Mer, 06/06/2018 - 16:10

nell'articolo sono stati elencati un gran numero di bolscevichi amici delle banche, delle lobby, con conti in banca stratosferici generati da servilismo politico. il vento è cambiato e loro come ogni altro servo con la lingua lunga e rasposa, temono di perdere i previlegi che con poco sudore hanno ottenuto. ricordate voi che leggete il post, che il comunismo ha prodotto qualche cosa come 100 milioni di morti. ma tutto sempre tace.

giza48

Mer, 06/06/2018 - 16:13

Veramente, caro Gnocchi, ti sei dimenticato che nella passata legislatura tra i più puri a six del PD c'erano i 5*. Non per niente sono ancora presenti come No Tav e No Vax etc. addirittura nella compagine governativa. Ma poi come lo definiresti se non "compagno ultra-puro" un Toninelli che definisce "Berlusconi male assoluto" ma fa il "contratto" con Salvini sodale di Berlusca? Mi sa che stiamo parlando di un gran paraculo. Pertanto chi non ha argomenti seri per confutare o potere da gestire, dato che è assai doloroso studiare e lavorare per risolvere i problemi, aprir la bocca all'antifascismo è il solo mezzo che possiede la miserabile classe politica "de sinistra, 5* ovviamente compresi, per poter sopravvivere...continua

giza48

Mer, 06/06/2018 - 16:14

Continua....Dice bene Frabelli 1: per i miserabili sinistri "se vinco io siamo democratici, se vinci tu siete fascisti" Capito 5* e PD ! Quanto potremo tollerare ancora questi cialtroni?

sesterzio

Mer, 06/06/2018 - 16:17

Rosicate rosicate.Ci fate diventare simpatici Salvini e soci. Con il vostro concentrato di odio e distillato di invidia non andrete lontano.

VittorioMar

Mer, 06/06/2018 - 16:20

..i sondaggi dicono : M5S al 30% ; la LEGA al 27%; FdI al 4% secondo gli Antropologicamente Superiori la Destra ha il 61 % di consensi ??..e continua ad aumentare ?..e restano ancora in ITALIA ??...qualcuno voleva darsi fuoco..che Esagerati che sono !!

DemetraAtenaAngerona

Mer, 06/06/2018 - 16:21

Mi sembra che furono solo 5 i professori universitari che non presero la tessera fascista...popolo, classe media, alta, borghese volente o nolente la prese, qualcosa di simile deve essere accaduto anche in URSS...gli intellettuali è bene ascoltarli.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Mer, 06/06/2018 - 16:28

Deve essere davvero dura aprire gli occhi e accorgersi finalmente che le loro sicurezze e sicumere erano effimere. Non sanno più dove andare a parare; hanno perso il potere, la testa ed il controllo. Non accettano l'idea democratica dell'avvicendamento. Quanto agli autori degli epiteti e degli insulti: sarebbe fin troppo facile trovarne uno, o più di uno, calzante per ciascuno di loro. Li conosciamo bene 'sti santarelli fasulli. Non sappiamo proprio tutto, ma ciò che sappiamo basta e avanza. Trovino un epiteto, un'ingiuria anche per il corpo elettorale italiano

salvatore40

Mer, 06/06/2018 - 16:39

Renzi aveva detto che " chi non è antifascista è fuori della comunità democratica italiana", cioè fuori della grazia divina !Ciò significa che 17 milioni di elettori italiani sono Fascisti. Mario Brega : " So' communista così--- A me fascio !

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 06/06/2018 - 16:43

#DemetraAtenaAngerona- 16:21 Abbiamo visto dove ci hanno condotti le Vestali della democrazia. Forse è meglio, per il futuro, ignorarle.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 06/06/2018 - 16:48

C’è il pezzo di carta che sentenzia l’impossibilità per chiunque di potere ricostituire il disciolto partito fascista. Quindi ,chi tenta ciò, è perseguibile per legge. Tutti questi intellettuali parlano, in riferimento all’attuale nuovo governo, di fascisti al governo. Allora come hanno fatto questi fascisti ad arrivare al governo del paese se era impossibile riorganizzare, in qualsiasi forma, un nuovo partito fascista? Infatti, se sono fascisti, come fanno a partecipare e addirittura a vincere le elezioni? Forse non sono fascisti? Perché questi intellettuali o presunti tali non denunciano, come logica imporrebbe, i fascisti alla magistratura? Non lo fanno perché, forse, quelli al governo non sono fascisti? Allora, se non sono fascisti, perché essi dicono che quelli al governo sono fascisti? Conclusione logica finale: non è che tutti questi signori e signore sono solo poveri dementi in malafede che si spacciano per fini intellettuali?

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 06/06/2018 - 16:53

Rosicano. E dovrebbero esser contenti, perchè se invece di fare questo governo si fosse tornati ad elezioni la batosta delle sinistre e dei buonisti sarebbe stata epocale.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 06/06/2018 - 16:53

Hai ragione Angerona 16e21, laddove scrivi "gli intellettuali e bene ascoltarli" SIII gli INTELLETTUALI NON GLI INVIDIOSI!!! AMEN.

forbot

Mer, 06/06/2018 - 16:58

Signori Democratici ( ex comunisti con attuale ben servito ) Ormai il vostro giochetto è stato completamente svelato e ripagati! La vostra forza : La diffamazione - la demonizzazione -la spregiudicatezza nell'annientare chi ha idee e fare, contrario alle vostre. Al nuovo Governo: Buon lavoro .

leopard73

Mer, 06/06/2018 - 16:58

Non si sono ancora reso conto che non sono stati votati questi ciarlatani della peggior politica (bravi solo loro) mantenuti a fare niente se non per i loro intrallazzi di magna magna.

dado47

Mer, 06/06/2018 - 18:03

Demetra mi scusi se la correggo: i professori che non aderirono al fascismo furono 12. Ciò che più mi indigna è che Mario Calabresi figlio di Luigi Calabresi, commissario ucciso prima ancora che da Bompressi, Sofri, Marino e Pietrostefani venne "ucciso" dai firmatari del famoso appello lanciato da Camilla Cederna e firmato da quasi 800 "inellettuali" tra cui Fo, Moravia, Eco, Hack, Furio Colombo ecc. Dicevo, Mario Calabresi sta con gli eredi di quella gentaglia. Disonora la memoria di suo padre. Si vergogni A Napoli direbbero che è un 'omm....emm...da

Giorgio5819

Mer, 06/06/2018 - 19:45

E come illustrazione a un articolo mettiamo una foto di questa bestia ? cosa ha a che fare questa con l'intelletto ?

sale.nero

Mer, 06/06/2018 - 21:53

dicano, dicano pure con coro unanime lì a sinistra... peccato per loro, non si sono resi conto che sono gli elettori che hanno girato pagina, purtroppo come si sono dimostrati sordi prima così sono sordi ancora adesso ... Martina per primo, con quell'espressione da commiseratore

DemetraAtenaAngerona

Ven, 08/06/2018 - 08:46

@i vari contestatori ricordo che anche gli intellettuali sono uomini come gli altri e possono sbsgliare, ma nel merito ricordo però che fu proprio il mettere a tacere o all'angolo gli intellettuali dissidenti ecc a far crescere l'idea di onnipotenza nel fascismo e in Mussolini fino a fargli emanare le leggi razziali e poi dichia rare guerra a Francia, Inghilterra, Russia, USA ecc. Ascoltare i dissiden ti tanto più con percorsi di vita tortuosi vedi (Calabresi, Fo ecc) è buona cosa. Senza essere un intellettuale anche Mussolini è stato un uomo dal percorso tortuoso, probabilmente però con aspetti schizoidi cioè non comuni canti...il giovane Mussolini che con Nenni Nel 1904 fermava i treni dei soldati in partenza per la guerra di Libia o Somalia sarebbe stato fucilato dal "maturo" Mussolini se l'avesse ascoltato si sarebbe ridimensionato e i tragici errori a partire dalla dittatura non l'avrebbe commessa.*****

DemetraAtenaAngerona

Ven, 08/06/2018 - 08:47

@dado47...io in quel commissariato non c'ero...cosa accadde? Dentro le divise e non sempre sono delle belle divise, vedi quelle della STASI, GESTAPO ecc ci sono pur sempre degli uomini anche quando le divise sono bellissime...e gli uomini possono commettere cose di cui poi si pentono, accorgendosi di aver commesso una cosa terribile, magari alle persone che gli stanno vicino gli viene detto qualcosa, quelle persone lo intuiscono e comunque i figli e i nipoti sono altro dai padri e dai nonni. Mi sembra che la figlia di Stalin abbia percorso altre strade e il nipote di Hitler sia/sia stato (non so se è ancora vivo) RABBINO in Israele.****