L'ultimo trucchetto della sinistra per far restare in Italia i clandestini

Clandestini senza requisiti ottengono il lavoro che gli consentirà di restare in Italia. Succede a Bergamo, grazie a un progetto voluto da Gori

La commissione territoriale respinge la richiesta di asilo a un immigrato? Che problema c'è: la sinistra ha già trovato il "trucchetto" per farlo restare in Italia. Lo ha capito il sindaco di Bergamo Giorgio Gori che ieri è addirittura andato a Radio Alta a vantarsene (guarda il video). Tramite l'Accademia dell'Integrazione, un progetto pilota dell'amministrazione targata piddì per inserire gli stranieri nel modo del lavoro. È infatti bastato che alla persona, a cui era stata appunto rigettata la richiesta di asilo, fosse insegnato l'italiano e trovato un lavoro per convincere il Tar ad accordargli il permesso di soggiorno. Ora il primo cittadino spera che questo possa valere anche per gli altri 34 che fanno parte del progetto e dei 50 che entreranno l'anno prossimo.

La Lega è già sul piede di guerra. I deputati Paolo Grimoldi e Alberto Ribolla hanno fatto sapere che, nei prossimi giorni, presenteranno un'interrogazione parlamentare per avere spiegazioni dai ministri competenti su quanto sta accadendo a Bergamo. Nel mirino la situazione dei trentacinque immigrati che sono rientrati nel progetto "Accademia dell'Integrazione". "Si tratta di clandestini che andrebbero allontanati dal nostro territorio in base alle leggi vigenti", spiegano i due esponenti del Carroccio. È lo stesso Gori, ospite della trasmissione Colazione con Radio Alta, a dover ammettere che in primo grado la commissione territoriale aveva respinto la richiesta di soggiorno dei trentacinque dal momento che nessuno di questi viene da Paesi in cui è in corso alcun conflitto. "Le regole, soprattutto dopo il decreto Sicurezza varato da Salvini, sono molto più restrittive", ha lamentato il sindaco dem ammettendo, tuttavia, di aver già trovato una via d'uscita al problema.

Lunedì scorso il Tribunale amministrativo di Brescia ha accolto il ricorso presentato da uno dei 35 immigrati che rientrano nel progetto del Comune di Bergamo. "Dalla copiosa documentazione prodotta in giudizio - spiega il giudice nella sentenza - è stato provato che in Italia il ricorrente ha intrapreso un fattivo percorso di integrazione in quanto non solo ha imparato la lingua italiana, ma ha anche avuto accesso all'Accademia per l'integrazione, un progetto sperimentale attuato dal Comune di Bergamo in accoglienza attiva dei richiedenti asilo, focalizzato sulla formazione linguistica, civica e professionale e, di conseguenza della sua proficua partecipazione, ha ottenuto dapprima un contratto di tirocinio poi trasformato in un contratto di lavoro a tempo indeterminato". Per il Tar basta questo a dimostrare che "in Italia il ricorrente ha raggiunto un traguardo lavorativo e di integrazione che gli consentirà di condurre una vita libera e dignitosa" e, quindi, a inficiare la decisione presa dalla commissione territoriale. Un successone per la sinistra che l'anno prossimo estenderà questo "trucchetto" a cinquanta stranieri a cui è stato respinta la richiesta ma che hanno già presentato il ricorso al Tar.

L'estensione del progetto ad altri cinquanta candidati ha messo d'allerto i leghisti Grimoldi e Ribolla. Che dal governo giallorosso ora vogliono sapere se loa sinistra continua a "regalare posti di lavoro" a immigrati che "non dovrebbero restare qui", quando ci sono i giovani italiani "costretti ad andare all'estero per mancanza di lavoro". "Vogliamo capire come come mai, in un'Italia con una disoccupazione che, secondo gli ultimi dati Istat relativi al mese di agosto, ammonta al 9,5% a livello generale e al 27,5% a livello giovanile, disoccupazione che in Lombardia pur dimezzandosi mediamente resta comunque un problema - tuonano - il Comune di Bergamo debba introdurre degli irregolari che non hanno diritto a restare sul nostro territorio in un percorso lavorativo finalizzato ad un contratto a tempo indeterminato". E concludono: "Questi posti di lavoro non possono essere assegnati a ragazzi italiani?".

Commenti

Anticomunista75

Mer, 02/10/2019 - 16:15

e poi sparano a zero su Salvini per i rimpatri. Chiamarli vermi è offensivo nei confronti dei vermi. Gente se non prendiamo le forche in mano non ci libereremo più di questi, mettiamocelo in testa, votare non serve a niente. Questi luridi traditori della Patria li sbattiamo fuori dalla porta e rientrano sempre dalla finestra.

ettore10

Mer, 02/10/2019 - 16:39

Lodevole la reazione di Grimoldi e Ribolla. Però bisogna la lotta e non arrendersi e continuare finche la decisione del sindaco sia revocata. Fare publicità solamente e ormai inutile.

maurizio-macold

Mer, 02/10/2019 - 16:44

Trucchetto della sinistra per far restare in Italia i clandestini? Ma come si fa a scrivere una scemenza del genere? Invito questo giornale a recuperare un briciolo di onesta' intellettuale e professionalita'.

agosvac

Mer, 02/10/2019 - 17:06

Egregio Macold, questo sindaco agisce in piena illegalità perché un clandestino cui è stato rifiutato l'asilo perché non ne aveva diritto non può che essere rimandato da dove è venuto. La disonestà sia intellettuale che effettiva è la sua.

giancristi

Mer, 02/10/2019 - 17:15

Cacciare via gli irregolari senza trucchi o scappatoie!

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 02/10/2019 - 17:30

Hai capitoooo come diceva il Mike. I SINISTRI trovano i posti di lavoro alle LORO RISORSE!!! Agli Italiani invece.... Ma chi PAGA!!! E quanto pagano di TASSE e CONTRIBUTI sti FINTILAVORATORI!!!!INPS se ci sei batti un colpo!!!AUGH.

Sceitan

Mer, 02/10/2019 - 17:49

Tutti da cacciare. Compreso il compagno Gori e tutti i simpatizzanti della sostituzione. Vedranno che accoglienza e che prospettive rosee ci sono nei paesi di provenienza di costoro.

adogio48

Mer, 02/10/2019 - 17:52

Sono schifato da questi pseudo sindaci e dalle toghe letamate di sinistra senza patria.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 02/10/2019 - 17:52

e poi si lamentano se i cervelli lasciano l'Italia, qui pensano solo ai clandestini, gli italiani sono cittadini di serie b, grazie ai comunisti e ai loro complici parassiti grillini.

vince50

Mer, 02/10/2019 - 18:11

I peggiori nemici dell'Italia li abbiamo in casa.

Renee59

Mer, 02/10/2019 - 18:23

futuri votanti della sinistra.

Ritratto di elkld

elkld

Mer, 02/10/2019 - 18:31

E’ qui resteranno! Non andranno da nessuna parte! Mi sembra giusto! Voi italiani del resto non avete mai contato nulla e non conterete mai niente! La destra e’ pure fuori dal governo.. Il futuro e’ una sinistra progressista europea pro migranti... L’africanizzazione e la relativa islamizzazione del vostro piccolo e ininfluente paese, lercio corrotto vecchio e mafioso e’ INEVITABILE... Voi italiani siete carne da macello e le vostre donne le vostre mogli oggetti di piacere e mezzi di scambio ... Siete destinati a scomparire.

titina

Mer, 02/10/2019 - 18:37

italiani, facciamo lo sciopero ad oltranza degli acquisti.

carpa1

Mer, 02/10/2019 - 18:47

Come si permettono di spendere i quattrini dei contribuenti per istruire e dare lavoro a clandestini che non ne hanno diritto, solo per non rimpatriarli, quando ce ne sono che il diritto ce l'hanno ma sono poi abbandonati a zonzo a bivaccare se non addirittura a spacciare o peggio? Questa è la sinistra italiana, ricordatevelo.

Trinky

Mer, 02/10/2019 - 19:13

Ti abbiamo chiesto più volte quanti migranti ospiti a casa tua ma continui a non rispondere... Hai una coda di paglia da far paura, cosa che è tipica dei sinistroidi!

manson

Mer, 02/10/2019 - 20:00

E certo agli africani il lavoro si inventa pur di non perdere il loro prezioso contributo alla nostra società mentre gli italiani disoccupati possono crepare. Bravi kompagni che la falce e il martello vi strozzino

savonarola.it

Mer, 02/10/2019 - 20:25

È curioso come un partito votato dagli italiani si dia da fare x trovare un lavoro a chi italiano non è ed arriva qui clandestinamente. Eppure c'è ancora chi vota PD. Contenti loro...

routier

Mer, 02/10/2019 - 20:27

Certe decisioni non vanno addebitate al sindaco bensì a chi lo ha irresponsabilmente votato. In democrazia, la matita e la scheda elettorale sono armi potentissime che dobbiamo imparare ad usare con buon senso e non per ideologia o convenienze sospette.

lisanna

Mer, 02/10/2019 - 20:46

da questo si impararano due cose: primo che la legge non vale niente a seconda dei giudici , perche' se non si ha diritto non si ha diritto e basta secondo che in pochi mesi, imparato l'italiano, si trova un lavoro A TEMPO INDETERMINATO, CHE PER QUASI CHIUNQUE DEI NOSTRI GIOVANI E' UN MIRAGGIO. SINTESI: E' UNO SCHIFO

Magnum500

Mer, 02/10/2019 - 21:23

Maurizio Macold ti auguro di restare io tipico elettore sinistro ricco grasso e tranquillo, perché non appena ti ritrovi con le pezze al chiul, potresti provare cosa vuole dire vedersi superare da altri per lavorare,e tu che resti a bocca asciutta.

uberalles

Mer, 02/10/2019 - 22:21

Quindi, i clandestini contribuirebbero a diminuire la disoccupazione nel Bel Paese? Mitico, ed il PD, in quattro governi precedenti non ci aveva mai pensato? Geniali!

Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 02/10/2019 - 22:49

Elpirl.. ahhh ciapa rat perché non te ne porti un paio nel tuo attico di Milano ahh.. io sto in una super villa a Ibiza e di risorse nemmeno l'ombra

pippo.calabrese

Mer, 02/10/2019 - 23:15

"Questo è un paese talmente crudele! " É la risposta che spesso gli emigrati italiani davano raccontando l'Italia e il motivo del loro esodo... Ora come allora dovremmo avere il coraggio di lasciarlo TUTTI questo paese... serenamente senza rancore (com'è stato per i nostri emigrati che ci hanno preceduto). É tutto sempre più grigio e triste, senza colore o calore. É un bene che un ragazzo se scampato dalla guerra venga aiutato, se ciò non era nel caso specifico, sta alla coscienza personale, perché in quel caso se fosse un non avente diritto, con tanti italiani che mendicano la paghetta dai genitori sempre più anziani e poveri... rende tutto ancora più difficile da comprendere... Peccato!

Rixga

Gio, 03/10/2019 - 08:40

Il Sindaco Gori fa parte di una serie di sindaci di sinistra che a Bergamo hanno solo peggiorato la città. È definibile come Sindaco dell'apparenza. È lo stesso sindaco che durante il miniG8 dell'Agricoltura che si è tenuto a Bergamo ha dato ordine di far sgomberare tutte le strade vicino alla stazione dagli spacciatori africani e per qualche giorno è stato possibile vedere una città normalizzata e senza spaccio all'aperto e con tantissime pattuglie della polizia. Purtroppo finito il G8 tutto è tornato come prima.