Libia, Turchia e Balcani: ecco le rotte prese d'assalto da migliaia di disperati

Le principali rotte prese d'assalto da migliaia di disperati: in esclusiva le mappe tracciate dai nostri 007

Le rotte della valanga di clandestini, che si sta riversando in Italia sono tre: la più importante parte dalla Libia, un'altra via mare dalla Turchia e la direttrice terrestre attraverso i Balcani. Il Giornale è in possesso della mappe del traffico di uomini preparate dall'intelligence. Solo un mese fa il responsabile dell'agenzia europea Frontex, Fabrice Leggeri, aveva lanciato l'allarme: «In Libia ci sono dai 500mila al milione di migranti pronti a partire».

La mappa dello scenario africano indica con delle frecce rosse i paesi di partenza dei clandestini: Burkina Faso, Benin, Nigeria, Repubblica Centroafricana, Somalia, Etiopia, Eritrea, Sudan. Tutti diretti in Libia attraverso la porosa frontiera sudanese o quella del Niger. Alcuni punti di transito e parte dei percorsi nel deserto sono controllati da gruppi di terroristi islamici, che garantiscono la sicurezza ai trafficanti incassando un pizzo del 10%. A Zwuara, il porto della Libia occidentale da dove parte la maggioranza dei disperati verso l'Italia, ogni barcone genera un giro medio d'affari di 150mila euro.

La mappa del traffico indica con dei cerchietti verdi «i centri di accoglienza e detenzione» dei migranti in Libia, in attesa di venir smistati per l'imbarco. A Tripoli utilizzano anche la famigerata prigione del colonnello Gheddafi, Abu Saleem ed un centro di vicino all'aeroporto. Il campo più grande con una capienza ufficiale di 3mila persone, ma sempre sovraffollato, è quello di Gharyan, nella parte nord occidentale del paese. Il controllo è affidato alla milizia della 9° brigata formalmente sotto il comando del ministero della Difesa di Tripoli.

Il centro di Birak è sprofondato nel deserto del Sahara, come quello di Sabha nella Libia meridionale, una parte del paese in mano a milizie, trafficanti e terroristi. Le partenze avvengono anche dalla costa nord orientale. A Garabuli è attivo un altro centro per i migranti poco distante dalla città-stato di Misurata. Anche nella zona di Bengasi, in Cirenaica, dove sventolano le bandiere nere del Califfo, esistono campi di detenzione e smistamento dei clandestini.

Nell'Ovest vengono segnalati i centri di Al-Zawiyah, Zliten e Surman, a metà strada fra Tripoli e Sabrata, che sarebbe controllato direttamente dai miliziani filo Califfato di Ansar al Sharia.

Lo «scenario migratorio Mediterraneo» indica le rotte soprattutto dei siriani, che partono dalle coste vicino alla città turca di Mersin. Barconi e piccole navi si dirigono in Egitto, dove fanno scalo fra Il Cairo ed Alessandria per ripartire verso Sicilia e Calabria. Nel 2014 sono arrivati in Italia oltre 170mila migranti, in gran parte via mare, in fuga non solo dalle guerre, ma per motivi economici. Frontex ha definito l'ondata sulle nostre coste «come il flusso più alto, in un singolo paese, nella storia dell'Unione europea». Da gennaio a marzo sono sbarcati in Italia 7882 migranti, il 43% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Solo nelle ultime 48 ore abbiamo recuperato in mare altre 2851 persone. Si tratta delle prime avvisaglie di cosa ci aspetta con il periodo estivo preferito dagli scafisti per le buone condizioni del mare.

L'ultima grande rotta è «la direttrice terrestre dalla Siria verso i paesi europei» attraverso Turchia, Bulgaria, Romania ed Ungheria. Dallo scorso anno i bulgari hanno cominciato ad erigere un «muro» di 140 chilometri sulla frontiera turca per arginare gli ingressi illegali. I clandestini intercettati si sono già ridotti ad un terzo rispetto al 2013. Se il «muro» funziona i trafficanti di uomini lo evitano battendo le vecchie rotte balcaniche via Macedonia, Kosovo, Serbia e la frontiera colabrodo di Subotica con l'Ungheria. Una volta nell'Unione europea i clandestini si dirigono verso il blocco tedesco, i paesi del nord Europa e pure l'Italia.

www.gliocchidellaguerra.it

Commenti
Ritratto di gianni2

gianni2

Mer, 15/04/2015 - 08:24

Sparare a vista. Affondare i barconi. Fucilare sul posto gli scafisti. Non abbiamo più alternative per salvare la nostra civiltà

APG

Mer, 15/04/2015 - 08:35

Disperati questi? Mi sembrano tutto fuorché disperati, anzi felici di venire a fot..ere noi italiani! Scappano dalle guerre? Ma quali guerre? Se avessero solo qualche grammo di dignità, combatterebbero per il loro paese, come abbiamo fatto noi italiani, altro che fuggire dalla guerra! Questi hanno capito che noi italiani siamo solo dei poveri imbecilli senza spina dorsale, da spremere a piacimento, tanto noi paghiamo per garantire loro tutto gratis, mentre noi siamo i nuovi poveri e lo diventeremo sempre più! Grazie PD, grazie renzi, grazie alf-ano, grazie radical chic boldrina, grazie coop, grazie alla sinistra tutta ipocrita e criminale!

Holmert

Mer, 15/04/2015 - 08:53

L'impero romano si disintegrò quando cominciarono le invasioni barbariche ,soprattutto provenienti dalle loro province. Da allora cominciò una decadenza in senso verticale e nessuno riuscì a metterci riparo.Furono invasioni cruente e le legioni romane ,di un impero corrotto e con "governanti" imbelli, furono sterminate. Lo stesso sta succedendo da noi, invasione africana inarrestabile , con masse umane d che ci invadono "pacificamente" ma ci invadono. Governanti imbelli ed incapaci. Ci sono tutti gli ingredienti per fare una fine miserevole. Ci sarà qualcuno capace di reagire a tutto questo scempio? Persino la nostra marina militare viene spernacchiata, quelli si ripigliano persino le barche sequestrate sparandole addosso. Mi fa schifo l'essere italiano, a queste condizioni.

paco51

Mer, 15/04/2015 - 08:56

c'è una soluzione sola per fermare l'immigrazione: copiamo dagli States dalla Spagna e dalla Australia! O stiamo a "braghe calate " e aspettiamo(poco)! possibile che non ci rendiamo conto che la costituzione va rivista e emendata di molte parti, o perlomeno vanno fatte aggiunte a garanzia dei nazionali.!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 15/04/2015 - 09:27

solo boldrini (ormai nota come la puttana di stato) e i scemi di sinistra come ERSOLA, TOTONNO58, ATLANTICO, DREAMER_66, GZORZI, ANDREA SEGAIOLO, TZIGHELTA, ANTONIOBALL73, GIORGIO1952, XGERICO, PINUX3, ecc ancora non lo sanno! infatti sono cosi drogati che non vedono per niente la realtà: a sentire loro, è tutto ok, che non è successo nulla, neanche gli squali mangiano i cadaveri...:-)

Gianmario

Mer, 15/04/2015 - 10:00

Tutti a casa di chi ne pontefica la loro innocuità. Mandiamoli dalla Boldrini... Magari gli legge il suo libro inutile.

Massimo Bocci

Mer, 15/04/2015 - 10:10

I nuovi viaggi METICCIATI.... ONULS, per COMPLETARE LA DISTRUZIONE, quello che rimane (dopo la TRUFFA Euro) degli Stati Nazionali AUTOCTONI di UGUALI!!!!, stati fatti,costruiti nei secoli da popoli autoctoni con regole che hanno CREATO LE BASI DEL PROGRESSO UMANO e DELLA VERA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE, tutta roba da ELIMINARE per i PADRONI finanziatori padroni (CRIMINALI) dell'abbronzato, che sono per il libero mercato, dei MORTI DI FAME SENZA DIRITTI!!!! I DISPERADOS METICCI,......2) Segue

Massimo Bocci

Mer, 15/04/2015 - 10:11

2) Segue......che sono però funzionali a fare i loro loschi affari, FARE PIU' SOLDI,PIU' SODI, perché è con quelli che poi si comandano e si comprano e finanziano pesonaggiucoli, MARIONETTE!!! Come l'abbronzato,che sbaciucchia CRIMINALI COMUNISTI e porta alle guerre TRIBALI tra SOVRAPPOPOLATI (CONIGLIERE) DI REIETTI DISPERATI, cioè un ascensore sociale INVERSO che porta solo ALL?INFERNO,sovrappopolazione,fame,guerre,miseria umana e materiale,oscurantismo religioso e fanatico,ISOLAMENTO,cioè il post sol dell'avvenire...il connubio CRIMINALE!!! Nazi-Comunismo-METICCIATO,

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 15/04/2015 - 10:15

Scusate, ma come mai i "soccorritori" (per me collaborazionisti da impiccare)indossano tutti le mascherine, quando è risaputo che i clandestini invasori non portano malattie?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 15/04/2015 - 10:19

devo considerare dai fatti che dopo 2 volte che vengono sparati colpi dagli scafisti e non viene risposto dalla marina con una mitragliata agli stessi magari colpendo solo il gommone per non avere rimorsi di coscienza, che qui c'è proprio un piano per ricevere più migranti. Non colpire i gommoni consiste altro mezzo idoneo per riciclarlo di nuovo per altri sbarchi.Qui mi sa che è tutto accordato a tavolino, altrimenti spiegatemi diversamente. Anzi la prossima volta portatevene dietro una decina di gommoni da consegnarli a loro, con pieno di benzina compreso. Aaaaah se ci fosse Fabio Tortosa su quelle motovedette.

Gyro

Mer, 15/04/2015 - 10:38

Se le navi dello stato straniero (l' ISIS) ci invadono, l' unica cosa che uno stato normale può fare è bombardarle!

poitelodico

Mer, 15/04/2015 - 10:48

Sappiamo dove passano? Posizionare cannoni e mitragliatrici e sparare a vista! Avessimo un Putin al posto dei cialtroni nostrani, il problema sarebbe già risolto.

VittorioMar

Mer, 15/04/2015 - 11:15

E tutti stanno a guardare come finisce?Certamente non c'è la volontà politica di fare qualcosa.Sappiamo tutto basta intervenire.Gli scafisti si possono individuare con certezza,hanno disponibilità economiche forse di dubbia provenienza?Quei Paesi non hanno forze di polizia?Sono tutti complici e conniventi?C'è qualcuno della UE che si interessa di politica estera?MAH!!!

APG

Mer, 15/04/2015 - 11:59

Avanti coop, alla riscossa, bandiera rossa trionferà !!

Rossana Rossi

Mer, 15/04/2015 - 12:36

La verità è che la maggior parte non sono affatto disperati....hanno migliaia di euro da dare agli scafisti, sono belli grassi e pasciuti col telefonino satellitare in mano, la verità è che vengono qui perchè noi pirla gli diamo lo stipendio che dovremmo invece dare ai nostri giovani e pensionati.......quì è la vera pacchia.........

kayak65

Mer, 15/04/2015 - 12:56

il problema dell'italia e' l'italicum. parola dell'ebete fiorentino. le invasioni senza soste ,le morti in mare, l'italia dei crolli, la disoccupazione alle stelle, I maro' prigionieri, le tasse che aumentano quotidianamente, la criminalita' che dilaga e rimane impunita, la ripresa che e' solo sui grafici, la corruzione a sinistra piu' che a dx con l'illecito finanziamento al pd, la discriminazione degli italiani nei confronti dei clandestini, l'isis che ci minaccia ogni giorno...sono solo problemi secondari. che ne volete che ne sappia lo sbruffone renzi, lui e' abituato a giocare,ieri era il monopoli prima da lupetto alla caccia al Tesoro, con la vita e il futuro di tutti noi. poi se queste cose capitano non e' colpa sua, lui dice che ha provato a cambiare l'italia, con l'italicum appunto

eternoamore

Mer, 15/04/2015 - 13:04

PURTROPPO PRIMA DI PARTIRE I MIGRANTI DEVONO SAPERE CHE POSSONO ESSERE FUCILATI

Italianoinpanama

Mer, 15/04/2015 - 13:21

ma vengono tutti in itaglia? il paese del ben godi! o attirati dalla boldrina

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 15/04/2015 - 13:41

è ora di prendere in considerazione una tesi che sentii tempo fa: la Libia è stata annientata proprio per consentire l'invasione.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 15/04/2015 - 13:42

il generale NATO W. Clark dichiarò alla CNN che l'Europa doveva meticciarsi. Sutherland, ex commissario UE disse la stessa cosa. Lo trovate su un articolo della BBC del 22 giugno 2012. MEDITATE

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 15/04/2015 - 13:54

La Guerra alla Serbia ortodossa servì ad aprire la rotta di traffico di droga e clandestini a est. Hanno completato l'opera in Libia. E' in atto un processo di distruzione dell'Europa.... svegliatevi.... chi comanda sa quello che fa. non subisce gli eventi, li dirige

umbro80

Mer, 15/04/2015 - 13:55

APG- concordo pienamente con te.Purtroppo è gente senza valori e dignità, non abituati al sacrificio e al sudore della fronte. In Africa fa caldo e non conviene lavorare, meglio le vacanza in Italia tanto ci pensa Alfano.