Mattarella smaschera gli sprechi di Napolitano

Dopo la gestione poco rigorosa di Re Giorgio, il capo dello Stato taglia i 58 alloggi di servizio dei dipendenti del Quirinale

Tutti a casa. Gli inquilini d'oro del Quirinale dovranno dire addio alle loro sontuose dimore. E dovranno restituire le chiavi al padrone di casa: il presidente della Repubblica. Sergio Mattarella scoperchia una realtà sorprendente e inguardabile, anzi a dirla tutta scandalosa. Nei dintorni del Colle i dipendenti del Quirinale vivono in appartamenti da sogno e pagano affitti bassissimi. Ora la festa è finita: i 58 dovranno sloggiare entro la fine del 2017. I privilegi dell'era Napolitano, come ha anticipato il Fatto quotidiano nei giorni scorsi, vengono cancellati. Anzi, se non si trattasse del Colle forse oggi parleremmo con enfasi e riprovazione di una Affittopoli del Quirinale. Ambientata in una location stellare, fra stucchi e pennacchi. Con abitazioni, come quella del segretario generale, di 800 metri quadri. Eppure finora di questo mondo dorato non si sapeva nulla.

Ora, si cambia, e pure in fretta. Un decreto del 6 agosto toglie l'erba alla nomenklatura del Colle. Addio alle case. Dal 2017. Una rivoluzione che colpisce anche i consiglieri del Quirinale. E nemmeno tanto morbida, come pure potrebbe sembrare: da subito il canone verrà agganciato ai parametri di mercato anche se la progressione sarà a tappe. Dal 2016 gli inquilini pagheranno il 30% del valore stabilito dall'agenzia del demanio, poi passeranno al 60%, infine faranno le valigie e libereranno i locali. Insomma, chi se ne andrà, dovrà rassegnarsi a versare una cifra più alta prima di chiudere il contratto. Uno stacco, concreto e simbolico, con l'epoca Napolitano. Con i lussi e gli agi di una casta, piccola ma finora intoccabile. Protetta dal mantello discreto e insuperabile di Re Giorgio.

Questo mondo viene archiviato, senza rimpianti e cerimonie. L'importante, par di capire, è voltare pagina prima possibile. E stabilire nuove regole trasparenti, in sintonia con il Paese. D'ora in poi la casa sarà concessa solo a un pugno di dipendenti: a chi, per esigenze di servizio, dev'essere immediatamente reperibile. Gli altri a casa. O meglio, fuori dalla casa degli italiani.

L'idea di Mattarella è semplice, semplice: è la testa che deve dare il buon esempio. Inutile sermoneggiare tutti i giorni sui sacrifici, la spending review e il tirare la cinghia se l'alta burocrazia quirinalizia continua a comportarsi e a vivere come se negli ultimi vent'anni non fosse successo nulla. La crisi economica, Tangentopoli e tutte le ruberie scoperchiate, la delegittimazione del ceto politico.

Basta. Mattarella mette i titoli di coda a quelle stagione. E fissa paletti invalicabili con una meticolosità che la dice lunga. Anche quei pochi fortunati che sopravviveranno al taglio dei metri quadri dovrà adeguarsi ad un nuovo sistema più equo: il canone salirà del 20 per cento. Non solo: gli inquilini (in particolare i consiglieri) dovranno pagarsi per intero, come i comuni mortali, le bollette della luce e del gas che oggi, altro dettaglio gustoso, sono saldate per metà da papà Quirinale. E scomparirà un'altra prerogativa che lascia sbalorditi: oggi infatti i dipendenti già baciati dalla sorte possono usufruire di posti auto gratuiti in numero illimitato. Un benefit che sembra preso dai libri della storia sovietica o dei Paesi socialisti e che invece è ancora attuale nella Roma intasata e congestionata del 2015. Il primo parcheggio sarà a costo zero, ma dal secondo in poi l'impiegato del Quirinale dovrà versare 150 euro al mese. Soldi che evidentemente non erano fra le priorità di Napolitano. Nessuno però ha fiatato per anni e il meccanismo si è interrotto solo per l'intervento di Mattarella che ha stabilito di azzerare questi sprechi inaccettabili.

Commenti

malgamax

Lun, 17/08/2015 - 08:16

Il primo parcheggio gratuito e gli altri a €.150,00? A me che sono residente (in una città del nord) e che sono almeno 40 anni che pago tasse , l'amministrazione comunale impone un costo parcheggio di €.270,00

Ritratto di elio2

elio2

Lun, 17/08/2015 - 08:21

La storia, maestra di vita, insegna che elogiare un comunista, per qualsivoglia motivo è sempre sbagliato, lasciamo quindi tempo al tempo, intanto per i prossimi 2 anni non succederà nulla e poi possono cambiare tante cose e finire nel dimenticatoio tutti i buoni propositi annunciati con enfasi oggi.

macchiapam

Lun, 17/08/2015 - 08:21

Molto bene. E ora si decida qualcosa anche per la tenuta di Castelporziano: costosa e inutile.

mifra77

Lun, 17/08/2015 - 08:31

Impensabile che una marea di personaggi già di gran lunga superstipendiati oltre le loro mansioni ed utilità, debbano avere un alloggio lussuoso del quale usufruirne a piacimento con famigliari, parenti ed amici... ed a spese della comunità. Bisognerebbe accertarsi che Re Giorgio da Napoli, non fosse convinto di essere ancora a Mosca anni cinquanta. A Mattarella bisogna ricordare che pur essendo di fronte ad alloggi di servizio a cinque stelle, chi deve servirsene, percepisce lauta retribuzione ed altro...; può pagarsi il domicilio provvisorio e a fine mandato, lasciarlo a disposizione di chi ne ha diritto per legge.

mifra77

Lun, 17/08/2015 - 08:40

Cinquant'otto alloggi che renderebbero almeno centomila euro al mese alle casse dello stato, se come giustizia vuole, gli inquilini privilegiati pagassero a canone dimezzato. Ed adesso allarghiamo il raggio e guardiamo a quanti alloggi demaniali "di servizio" a titolo gratuito, ci sono in Italia ed occupati abusivamente. Non rendono nulla ed al contrario, costano per manutenzione e riparazioni.

fcf

Lun, 17/08/2015 - 08:51

Ecco un altro dei puri che viene a galla come i suoi compagni.

meloni.bruno@ya...

Lun, 17/08/2015 - 08:56

Come si è permesso il presidente Mattarella di prendere iniziative senza consultare la casta politica? Se dai un dito al popolino,in futuro pretenderà tutto il braccio!(e sarebbe ovvio perchè sovrano!)Ho un presentimento si farà molti nemici specialmente quelli della casta privileggiata.

tonipier

Lun, 17/08/2015 - 09:13

" LO SFRUTTAMENTO DEL POPOLO ITALIANO AD OPERA DEI SUOI RAPPRESENTANTI POLITICI" Nell'attualità storica la società italiana rassomiglia ad un organismo aggredito da diversi mali, in modo particolare da una grave forma di infestazione parassitaria che da decenni devitalizza ed umilia il popolo italiano, una infestazione che, nella sua ipertrofia, fagocita le ricchezze, le risorse della nazione, le ingloba, le dissipa, le distrugge.

little hawks

Lun, 17/08/2015 - 09:18

Bene, è un buon inizio ma si deve continuare con la moralizzazione dei dipendenti non solo del Quirinale, ma anche di Camera e Senato dove noi contribuenti paghiamo, con le nostre tasse, stipendi incredibili a uscieri, portieri, lacché, funzionari amministrativi ed archivisti vari. Nello Stato a parità di funzione svolta si debbono avere stipendi non dico uguali ma molto simili altrimenti è uno spreco inutile ed ingiusto.

cameo44

Lun, 17/08/2015 - 09:28

Nessuna novità sotto al sole gli sprechi a tutti i livelli sono notori non solo al Quirinale ma alle camere con barbieri che guadagnano come un alto dirigente e che dire degli immobili del Comune di Roma dati in affito per somme irrisorie mentre il Comune paga somme ingenti per i locali presi in affitto e tutto questo succede in tutti gli Enti Loca li e non solo la politica tutta ci ha imposto sacrifici enormi per as secondare la UE o per meglio dire la Germania della Merkel ma si è guardata bene di ridurre le folle spese della politica e Re Giorgio mentre chiedeva sacrifici ci ha regalto nove senatori a vita mai pre senti in Senato come il prof. Monti

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 17/08/2015 - 09:32

Il peggiore, anche di Scalfaro.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Lun, 17/08/2015 - 09:34

Troviamo una sistemazione adeguata al Presidente Mattarella e facciamo del Quirinale il più importante museo d'Italia (del mondo). [Il Quirinale ci costa 224 milioni di euro all'anno (bilancio 2015) pari a 613 mila euro al giorno+] se è vero che si sta cominciando a svegliare (e giustamente aveva bisogno di tempo) Mattarella sarà sicuramente d'accordo. Ma ancora hai voglia quanto lavoro lo aspetta....!!!

unosolo

Lun, 17/08/2015 - 09:37

Cominciamo a stringere la cinta , meno male , almeno il capo ci prova , presto arriveranno i 26 sindacati a difendere quel dirotti , credo che si faranno sentire , speriamo che il capo li prenda a pedate , quando ci vuole, come dice il portiere , una bella pedata rimette le distanze .

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Lun, 17/08/2015 - 09:44

Ma questo è quel Mattarella la cui elezione ha fatto infuriare l'ex cav (solo perché non era stato coinvolto) al punto di rompere il patto con Renzi?

Ritratto di capcap

capcap

Lun, 17/08/2015 - 09:46

SE E' VERO L'ARTICOLO sull'affittopoli di Napolitano non sarebbe l'occasione per applicare l'art.640 del Codice Penale E DIMOSTRARE CHE LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI? Ancora una volta la sinistra viene penalizzata dai COMUNISTI NOSTALGICI. Sino a quando non si scrollerà da questa LEBBRA non vincerà MAI. capcap

Ritratto di scoglionato

scoglionato

Lun, 17/08/2015 - 09:46

Vorrei mi fosse spiegato perchè se la notizia la scive il vostro redattore,va bene; se lo faccio io invece tocca la suscettibilità di qualche potente sinistroso e bieco.

antiom

Lun, 17/08/2015 - 09:48

Eh meno male, finalmente, che si fa qualcosa di concreto contro la casta dei privilegiati, solo perché "lavorino" in certi palazzi! Speriamo che Mattarella si desti dal torpore di soggiacere sul "campa cavallo che l'erba cresce" e prenda provvedimenti contro il flagello dell'invasione, favorita alla grande da chi, invece, dovrebbe difenderci!

Italiota_Medio

Lun, 17/08/2015 - 10:14

Piano piano scopriremo che Re Giorgio e' stato il vero protettore della CASTA. Del resto nessuno come lui ne fa parte. Quale lavoro VERO ha svolto? Quali grandi leggi ha scritto nella sua quarantennale abbuffata parlamentare pagato da noi??? Vorrei vedere in una ditta private uno che non fa un Caxxo per quarant'anni ...E' una VERGOGNA e a sinistra tutti a leccargli il Kulo.

Mimmo Marchese

Lun, 17/08/2015 - 10:15

Ogni giorno dovremmo leggere esempi di spending review come questo; occhio: Sergio Mattarella non è quello che sembra ai più e forse nei suoi sette anni molte cose potrebbero migliorare se i "diversi" padri di famiglia che abbiamo danno l'esempio

gian65

Lun, 17/08/2015 - 10:16

E lo stesso Quirinale che costa il doppio dell'Eliseo e di buckingam palace, no? Quello che rende tristi e che nell'epoca del governo monti, quella in cui l'Italia rischiava la bancarotta e i cittadini furono stritolati, questi privilegi non furono notati dall'attentissimo, inquilino del Quirinale. Giova ricordare che nel sistema italiano parlamento, presidente della Repubblica, corte costituzionale non sono sottoposti alla legge che vale per tutto il sistema pubblico, ma hanno il PRIVILEGIO di darsi le regole che vogliono. Se a questo aggiungiamo i sistemi di reclutamento del personale.... Ma non è meglio tornare al diritto dei clan, oppure ispirarci ad uno stato islamico, tipo la Libia attuale, che, ricordiamolo, grazie a noi ora è precipitata nel medioevo?

giorgiandr

Lun, 17/08/2015 - 10:17

Napolitano, Napolitano, che mi combini ? D'altra parte, da uno che elogio' l'invasione Russa in Ungheria che ti aspetti ?

paolonardi

Lun, 17/08/2015 - 10:21

Cambieranno solo i raccomandati da quelli con la tessera a quelli col rosario.

Gianca59

Lun, 17/08/2015 - 10:31

Voglio vedere come andrà a finire...finora si è tanto becerato ma risultati concreti non se ne sono visti.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 17/08/2015 - 10:45

D'accordo sul principio e poi meglio questo che nulla. Detto questo parliamo di noccioline e i costi che dovrebbero essere tagliati sono ben altri se é vero che il quirinale costa oltre il doppio della casa reale inglese! Resta il fatto che il parcheggio a 150 euro/mese é comunque un regalo che, visti gli stipendi percepiti da lorsignori, é e resta scanadaloso!

elgar

Lun, 17/08/2015 - 10:49

Non ci posso credere ma riconosco a Mattarella che questo è un bel gesto. Ciò che va detto va detto.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 17/08/2015 - 10:52

Dalla caduta dello Zar alla rinascita degli Zaristi: quello che avevano voluto abbattere se lo sono ricostruito tale quale per soddisfare i loro istinti egoistici. Come scrisse Primo Levi nel titolo del suo libro: Se questo è un uomo ... mi sovviene aggiungere ... questi sono parte di un branco di animali famelici.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Lun, 17/08/2015 - 11:31

"Ora la festa è finita: i 58 dovranno sloggiare entro la fine del 2017". Ma davvero c'è qualche citrullo che ci crede ???

xgerico

Lun, 17/08/2015 - 11:35

AAA-@macchiapam- Ma lo sai ora la tenuta di castelporziano chi ne usufruisce?! Prima di metter bocca alla tastiera, informati!

Ritratto di hermes29

hermes29

Lun, 17/08/2015 - 11:37

Non si tratta di essere comunisti o meno, qui si tratta di abuso di fiducia del potere, contrario ai principi di uguaglianza del diritto costituzionale: ma la Corte dei Conti ste spese non le ha mai viste? Tanto per conoscere: quanto costano la Corte Dei Conti, La Consulta, la Corte Costituzionale? E troppo chiedere che fine fanno tutti i consiglieri assunti PERSONALMENTE durante il mandato Presidenziale e del Capo di Governo? Se la Redazione pubblica questi privilegi, preparatevi ad ingoiare il ROSPO. A noi hanno sempre chiesto di risparmiare “l'aria e il sale” uniche risorse restanti.

piertrim

Lun, 17/08/2015 - 11:45

Piccolissima cosa rispetto a tutti gli imbucati dalla casta politica in tutti i settori ove si mangia a tradimento.

Vanina

Lun, 17/08/2015 - 12:39

Si tratta di una realtà piuttosto diffusa. Che si comincino a stanare si nazioni analoghe in tutte le regioni d'Italia

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 17/08/2015 - 12:52

SPERIAMO CHE POI LE PAROLE SI TRASFORMINO IN FATTI CONCRETI, QUINDI ASPETTIAMO. COMUNQUE LA SPERANZA DI UNA BELLA NOTIZIA CONFORTA, DOPO GLI ANNI BUI DEL COMUNISTA AL COLLE.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 17/08/2015 - 12:59

Mi domando anche se un barbiere possa avere uno stipendio e relativa pensione aggiornato a circa 130.000 euri anno??????????

Duka

Lun, 17/08/2015 - 15:22

SPERIAMO CHE "SMASCHERI" ANCHE TUTTE LE ALTRE NEFANDEZZE.

mifra77

Lun, 17/08/2015 - 16:55

Non ci illudiamo, continueranno a campare da parassiti anche senza alloggio al quirinale. Se abitano li, devono pagare e rendersi responsabili in solido di guasti da usura e manutenzione ordinaria. Se poi assisteremo esclusivamente ad un cambio di inquilini:da rossi a bianchi, allora ci dovremo rassegnare; vuol dire che non c'è mai limite al peggio!