"Con noi solo chi vota No Berlusconi? In salute e mai così anti renziano"

Il leader della Lega dopo l'incontro con il Cav: "Noi, Fi e Fdi: 9 saggi per il programma comune"

Milano - Onorevole Matteo Salvini, quelle foto a torso nudo e con le cuffie da dj sulla spiaggia di Milano Marittima non sono propriamente da candidato premier.

«Uno non può nemmeno divertirsi? È proprio in spiaggia che c'è la vita vera, gli imprenditori che pagano fino al 75% di tasse. I politici avrebbero bisogno di un bel bagno di realtà».

L'altra sera ad Arcore?

«Prima la festa della Lega e poi dalle dieci a mezzanotte a trovare Silvio Berlusconi».

Il centrodestra traballa?

«Macché. Era la prima volta dopo la sua operazione».

I vostri rapporti si sono parecchio raffreddati.

«Balle da giornali. Ci vediamo poco, ma siamo molto legati».

Le ultime elezioni non sono andate bene per la Lega e la fronda interna dà l'assalto alla segreteria Salvini.

«Mi faccia dire una cosa».

Dica.

«Sono molto felice di aver trovato Berlusconi in ottima forma e soprattutto al di là di quello che si dice, mai così decisamente anti Renzi».

Partiamo dalla forma.

«Fisica e di morale. E questa è la cosa che più mi interessa. Palestra ogni giorno e alla sua età fa molti più chilometri di me».

Anti renziano. Ma si dice che Forza Italia vada verso un nuovo Nazareno.

«Altre balle da giornali».

Sicuro che Fi non sia pronta ad appoggiare Renzi?

«Berlusconi mi ha ribadito quanto con Renzi la situazione sia deteriorata, l'economia devastata, le sue ricette ininfluenti e l'allarme terrorismo sia fuori controllo».

Non sta esagerando?

«La popolarità di Renzi è crollata, ma il centrodestra non deve dire solo no. Facciamo un programma per quando riusciremo a mandare a casa questo governo che nessuno ha eletto».

I candidati premier del centrodestra sono Salvini e Stefano Parisi?

«Con Berlusconi abbiamo deciso di parlare solo di programmi e non di candidati. Metteremo tre uomini della Lega, tre di Fi e tre di Giorgia Meloni a lavorare su Europa, immigrazione, pensioni».

Ripartite dallo schema classico del centrodestra a tre?

«L'unica condizione è che non ci sia posto per chi vota Sì al referendum e fa da stampella al governo Renzi».

Niente Alfano?

«Se qualcuno pensa di ripartire con Alfano, Albertini, Cicchitto, Verdini, Tosi e magari Fini si sbaglia di grosso. Chi ha tradito una volta, tradirà ancora».

Dovrà confrontarsi con Parisi che guarda al centro più che a una Lega lepenista. Magari le preferirà Maroni.

«A parte che per me lepenista e populista non sono insulti, Berlusconi mi ha detto che io sono il suo unico interlocutore nella Lega. E io gli ho detto che lui per me è l'unico in Forza Italia».

E Parisi cosa l'hanno chiamato a fare?

«Berlusconi dice che deve solo fare un esame di Fi e capire cosa va e cosa non va».

Deve sistemare i vertici e fare un nuovo partito?

«Non metto becco, ma una Fi in salute è interesse anche della Lega. Tanti auguri a Parisi».

Avete parlato di flat tax?

«Con Berlusconi siamo d'accordo: secondo i nostri calcoli con un'unica aliquota al 15% in un anno si recupera talmente tanto sommerso di sopravvivenza che lo Stato incasserà di più. Loro dicono il 20%, vedremo».

L'Europa.

«Siamo d'accordo che così non va bene, ma loro stanno con la Merkel e noi con la Le Pen. Dovremo chiarirci».

Il vostro No al referendum è contro Renzi o contro la riforma della Costituzione?

«Contro Renzi e contro questa riforma senza presidenzialismo con l'elezione diretta e più poteri al presidente, il vincolo di mandato e i parlamentari che cambiano partito fuori dal parlamento, rilancio del federalismo, articolo 75 e possibilità di voto su temi fondamentali come l'ingresso della Turchia in Europa».

Islam e terrorismo?

«Il ministro della Giustizia ha finalmente detto che dietro ai barconi dei clandestini c'è l'Isis. Quando lo dicevo io mi davano del lepenista».

Berlusconi vende il Milan?

«Con la morte nel cuore. Anch'io da tifoso avrei preferito una cordata italiana, ma oggi per vincere servono i soldi».

Si farà ancora fotografare a torso nudo in spiaggia?

«A Milano Marittima non c'è un vù cumprà, perché 50 agenti la pattugliano tutto il giorno».

Il sindaco di Cervia è del Pd.

«Non c'è bisogno di essere della Lega per avere buon senso».

C'è ricascato. Dà della «tarata mentale» alla presidente della Camera Laura Boldrini.

«Dice che siccome non facciamo più figli, per pagare le nostre pensioni dobbiamo far entrare 300mila immigrati all'anno».

Lei Salvini dovrebbe avere più rispetto delle istituzioni.

«Per dire quelle cose bisogna avere una tara mentale».

Commenti
Ritratto di nando49

nando49

Ven, 05/08/2016 - 09:23

Quello che non riesco a capire è come mai,in un momento come questo FI si preoccupa di fare un "polo dei moderati". Ma siamo sicuri di avere bisogno di "moderati" quando è in atto una invasione alimentata dalle continue dichiarazioni folli dellasig.ra Boldrini e compagnia bella?

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 05/08/2016 - 09:41

La riforma costituzionale non passerà. Ma purtroppo reterà Renzi, sorretto da una folla di squallidi personaggi che sono in parlamento grazie ai nostri voti. Per giunta eletti perché designati. La negazione della "democrazia".

Ritratto di NEVERLAND

NEVERLAND

Ven, 05/08/2016 - 10:11

in FI è tornato Schifani, sostenitore del governo renzi. ora in caso di alleanza della destra con FI, non mi rimane che votare 5S.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Ven, 05/08/2016 - 10:12

Una Giorgia Meloni presidente del consiglio non mi dispiacerebbe affatto

Accademico

Ven, 05/08/2016 - 10:12

Cavaliere, senza nulla togliere alla Sua meritoria iniziativa, sarà l'Italia intera a dire di NO all'Impostore.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 05/08/2016 - 10:30

Parisi ha detto che Renzi deve restare. A prescindere dall'esito del referendum...Mettiamoci d'accordo una volta per tutte.

linoalo1

Ven, 05/08/2016 - 10:46

Ormai,è TROPPO TARDI!!!!Il REGIME SINISTRO,si è già premunito e,comunque si voti,Lui vincerà sempre e Renzi,si batterà la mano sulla spalla,vantandosi di essere stato Bravo!!!!

Ritratto di KRISDA12

KRISDA12

Ven, 05/08/2016 - 10:54

Se Salvini deve avere più rispetto delle pseudo istituzioni, anche quando dicono baggianate, beh...le istituzioni devono avere più rispetto dell'intelligenza degli italiani e non prenderli per il c..o dicendo idiozie, vale per la Boldrini, ma per tanti altri, che credono di poterci propinare qualsiasi nefandezza coprendola di perbenismo, buonismo e rispetto e umanità. Già, perchè 'loro' hanno tutte queste virtù, solo perchè campano con i soldi nostri,e tanti, ed i problemi veri non si capiscono girando nel 'salotti' buoni e con le guardie del corpo, pieni di benefit, senza il pensiero di arrivare a fine mese e di comporre una pensione cercando di non morire prima di raggiungerla (ormai una chimera lontana) curandosi(si fa per dire), quando si può, in questa sanità che è buona solo per le celebrità o le istituzioni. Diciamo le cose come stanno, se si dicono cretinate facciamolo notare, anche ed anzi ancor di più, se sono rappresentanti delle istituzioni.

chiara63

Ven, 05/08/2016 - 11:48

Come al solito Salvini ha sparato delle balle e qualcuno ci crede...povera Italia per fortuna la maggioranza degli italiani la pensa diversamente su tutto da Salvini.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 05/08/2016 - 12:49

#chiara63- 11:48 "per fortuna la maggioranza degli italiani la pensa diversamente su tutto da Salvini." Soprattutto sull'immigrazione. Gli Italiani ne sono, letteralmente , entusiasti.

Ritratto di mina2612

mina2612

Ven, 05/08/2016 - 13:02

IL GRANDE ERRORE che fanno i promotori del NO è quello di buttare il problema sul 'Renzi SI o Renzi NO' anzichè spiegare punto per punto ciò che l'Italia andrà incontro con le riforme volute da quei costituzionalisti del cavolo che siedono al governo. In sole poche parole, l'Italia arretrerebbe di 50/60 anni sul piano amministrativo e gestizionale. Il Paese sarebbe condotto dal partito (non coalizione) che otterrebbe il 10% dei voti dell'elettorato. Le Regioni non avrebbero più alcuna autonoma gestionale locale in quanto verrebbero private di quasi tutti i fondi di cui ora possono disporre... Non da ultimo.. l'esperienza fallimentare di un governo centralizzato l'abbiamo già avuta, perchè volerci affondare definitivamente e a tutti i costi?

Gasparesesto

Ven, 05/08/2016 - 13:39

Salvini : SIAMO TUTTI CON TE !

lorenzovan

Ven, 05/08/2016 - 14:16

mina...guarda che se le regioni non avranno piu' autonomia grstionale...CI GUADAGNEREMO TUTTI...ma dove vivi?? non lo vedi glki stipendi e glisprechi delle regioni??'

Ritratto di mina2612

mina2612

Ven, 05/08/2016 - 14:27

@oldpeterjazz, 10.12. Intende forse quell'arrogante Giorgia Meloni che nelle recenti amministrative nella sua Rosa ha ottenuto un misero 12,28%, quella sua stessa Roma che sarebbe dovuta essere tutta ai suoi piedi nelle recenti comunali?

Ritratto di mina2612

mina2612

Ven, 05/08/2016 - 15:41

errata corrige: alla seconda riga del mio post 14,27, leggi: ..."nella sua Roma"...