Open, ecco come funzionava la "cassaforte" dei renziani

La Fondazione Open ha raccolto parecchie donazioni tra il 2012 e il 2017. Poi quel "buco" su cui indagano i pm

La fondazione Open è sempre più nel mirino. Il contenitore dei fondi renziani di fatto è finito sotto la lente della Gdf che, come riportato da Adnkronos, ha dato vita ad una serie di perquisizioni in tutta Italia. La Fondazione nel giro di 5 anni, ovvero dal 2012 al 2017, ha raccolto circa 6,7 milioni di euro. Il tutto grazie alle donazioni di privati che, come ricorda ilCorriere, hanno voluto dare una mano all'attività politica di Matteo Renzi che nello spazio di pochi anni ha fatto il grande salto da Palazzo Vecchio a Palazzo Chigi. La Fondazione in un primo momento era nata come "Big Bang" citando uno degli slogan della Leopolda, la kermesse renziana di Firenze. La Fondazione era guidata da Alberto Bianchi uno dei più importanti legali esperti in diritto amministrativo in Italia. La fondazione verrà poi registrata con il nome Open alla prefettura di Pistoia. Ma come funzionava la cassaforte renziana? In soli 5 anni sono arrivate parecchie donazioni da parte di imprenditori o simpatizzanti renziani che preferivano accreditare le somme presso la Open che direttamente nelle casse del Pd. Nel consiglio di amministrazione erano presenti Bianchi, la Boschi, Lotti e Carrai. Tutti fedelissimi di Renzi. In questi sei anni di scalata al potere, ovvero la salita da Firenze a palazzo Chigi, certamente si è appoggiata alla cospicue donazioni che sono arrivate nella "cassaforte" di Open.

Le maxi donazioni

Tra le maxi donazioni si ricordano quelle del finanziere Davide Serra, quella della British american tobacco e quella dell'armatore Vincenzo Onorato. Poi la chiusura dei rubinetti. Con la caduta di Renzi dopo il referendum costituzionale nel 29017 lo stesso Bianchi consigliò la chiusura del "forziere". Ma a quanto pare, sempre come riporta il Corriere, dietro la cassaforte c'era un buco di bilancio da ripianare. Ed è su questo punto che si sono concentrate le indagini mandate avanti dai magistrati di Firenze.


I finanziatori "anonimi"

Dietro le quinte di Open però resta una grande fetta di donatori "anonimi". Infatti il 40 per cento di coloro che hanno aperto il portafoglio per finanziare la Fondazione non ha dato l'assenso per rivelare la propria identità. Eppure lo stesso Bianchi rassicurava sulla trasparenza della stessa Fondazione: "Siamo la fondazione italiana più trasparente in assoluto. Lo certifica anche Openpolis che ha analizzato almeno 60 istituzioni come la nostra". Adesso bisogna capire cosa emergerà dalle perquisizioni di questa mattina. I magistrati a quanto pare sono intenzionati ad andare sino in fondo a quel buco di Open e a quella corsa per ripianarlo...

Commenti
Ritratto di alejob

alejob

Mar, 26/11/2019 - 18:17

Scusate, qui si sta calcolando le ENTRATE e le uscite dove le mettete? Siamo la fondazione più TRASPARENTE di tutte. Chiaro non c'è niente di più trasparente che il NULLA.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 26/11/2019 - 18:28

Ed a me hanno ridotto la pensione! Un mondo strano. Un mondo spesso colmo di ladri. Come mai?

Royfree

Mar, 26/11/2019 - 19:25

Embè...la villa costa cara....

moichiodi

Mar, 26/11/2019 - 19:26

Ah! Le righe rosse!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 26/11/2019 - 19:27

MA CHE SCHIFO !!! VIVA LA LEGA, ALMENO STA CON LE PERSONE NON CON I POTERI FORTI ED IL GOVERNO OMBRA

moichiodi

Mar, 26/11/2019 - 19:27

Ah! Le toghe rosse!

bernardo47

Mar, 26/11/2019 - 19:30

finanziavano una costituzione ad personam per fregare il popolo e i lavoratori e i pensionati...ma se lo sono preso in tasca renzi e tutti i suoi sponsor,con 20 milioni di NO nei denti....vergogna renzi!

Italianocattolico2

Mar, 26/11/2019 - 19:30

Guarda caso, assieme al pentolaio di Rignano c'era dentro anche la Boschi Etruria e Lotti socio del pentolaio ....!!!!

Michele Calò

Mar, 26/11/2019 - 19:36

Come diceva Andreotti a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca: da dove sono realmente venuti fuori i soldi per la villa milionaria di Renzi di Firenze nella lussuosa zona di Viale Michelangelo ovvero verso San Miniato ed il Belvedere?

roliboni258

Mar, 26/11/2019 - 19:36

non succedera' nulla come al solito

Luca63

Mar, 26/11/2019 - 19:44

Come volevasi dimostrare. Se c'è un SEGRETO Il Giornale lo conosce. Il sondaggio Segreto, la cassaforte segreta, il piano segreto. Bisognerebbe chiedere a Il Giornale dove sono finiti i famosi 49 milioni. E' un segreto e quindi lo può conoscere benissimo

vinnynewyork256

Mar, 26/11/2019 - 19:52

you in Pistoia, Renzi?? Boschi li pure?? Vergogna.. meno male nessuno voterà più di te.

Ritratto di babbone

babbone

Mar, 26/11/2019 - 19:52

Che spettacolo. Non lo avevo mai ascoltato ieri sera da Nicola Porro si: da quella bocca escono tante nuvole.....vuote.

bernardo47

Mar, 26/11/2019 - 19:53

renzi voleva mettere le manine su consiglio superiore della magistratura e pure sulla Corte Costituzionale...con la sua costituzione gelliana....ma gli e' andata malissimo! 20 milioni di NO! chi era attento, aveva capito da subito chi era questo bulletto megalomane rignanese ......

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 26/11/2019 - 19:53

Spero che le indagini riguardano anche la sua cariatide,la Boschi.

jav2

Mar, 26/11/2019 - 19:55

questa volta nessuna caciara del m5s... eh, ma ora renzi è loro alleato, quindi profilo basso

ilrompiballe

Mar, 26/11/2019 - 19:56

Il tintinnare di manette non mi è mai piaciuto, specie considerando che le sentenze (dopo anni di sputtanamento degli indagati) nella maggior parte dei casi hanno assolto gli imputati (e sbugiardato gli accusatori). Questa notizia non mi rallegra e mi conferma nell'opinione che siamo vittime di un gioco sporco il cui regista è ben nascosto.

edo1969

Mar, 26/11/2019 - 20:02

Soldi? Cercate in casa del comunista Leonida55

edo1969

Mar, 26/11/2019 - 20:03

moi chiodi: ah le fighe rosse

bernardo47

Mar, 26/11/2019 - 20:07

che renzi spingesse per una forma di autoritarismo ad personam era evidente a tutti e che del popolo del pd non gliene fregava nulla era ben chiaro e che vi fossero sostanziose contribuzioni a suo favore, di finanzieri, industriali ecc. era evidente sino dai primi vagiti leopoldi! chi ha seguito attentamente la parabola, ha capito subito che vi era del marcio in danimarca! poi sono arrivati per fortuna i 20 milioni di NO alla costituzione ad personame e gelliana!

bernardo47

Mar, 26/11/2019 - 20:15

dragon lord..lasciamo perdere guardi....lasciamo perdere...

ekat

Mar, 26/11/2019 - 20:50

Se abolisci il finanziamento pubblico, non resta che il finanziamento privato. Matteo Renzi ha abolito il finanziamento pubblico ai partiti quando era premier perché pensava, sull'onda del momentaneo successo, di costruirsi un potere duraturo. Un potere che non prevedeva alternanza e che avrebbe fatto da calamita a centinaia di migliaia di euro provenienti da lobby private. Questo era, con ogni evidenza, il suo progetto, fallito con il referendum. Renzi non mi è mai piaciuto, penso che sia stato e continui ad essere, lui sì, un demagogo-populista. Detto questo, detesto chi oggi cade dal pero e che ha finto di non vedere per conformismo. Dove erano i giornalisti mainstream? Dove gli intellettuali? Renzi ha "scalato" il PD grazie alla sua abilità e a un grumo di potere, anche economico, cresciuto sotto gli occhi di tutti loro, e tutti loro hanno taciuto. 

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Mar, 26/11/2019 - 20:55

Io non do volontariamente soldi miei a Renzi, ma se altri vogliono farlo dov'è il problema? Ognuno coi propri soldi, onestamente guadagnati, ci fa quello che gli pare; solo i socialisti vogliono decidere dei soldi degli altri: dov'è il reato? Avere soldi è un reato, tranne quelli che arrivavano dal PCUS?

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mar, 26/11/2019 - 20:55

Beh, 1.300.000 euro sappiamo dove recuperarli, vero FONZIE?

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 26/11/2019 - 20:57

Mi domando perchè i politici trovano sempre finanziatori generosi ma poi quando si tratta di pagare le tasse diventano tutti col "braccino corto".

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 26/11/2019 - 21:38

Bah...tra Giglio magico,Renzino prestidigitatore e soldi che scompaiono "magicamente",ci troviamo di fronte ad una bella illusione ottica,quella di avere un pagliaccio che si crede un figo.

moichiodi

Mar, 26/11/2019 - 21:44

@edo. !?!!!

bernardo47

Mar, 26/11/2019 - 21:52

hai voglia di comprare ville.......ce ne'e' d'avanzo....(per il partito nuovo, si intende.....).

vinnynewyork256

Mar, 26/11/2019 - 21:52

se ci sono toghe, non rosse .. sarà sto korotto sbattuto in galera... senza la boski ...

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 26/11/2019 - 21:59

Vuoi vedere che con una parte di quel "buco" il ronzino si è comprato il villone? Non sarebbe la prima volta che i fondi di un partito vengono distolti per "interessi privati". Non so perché,ma sento odor di bruciato,potrebbe essere il neonato Italia Viva che sta bruciando tra le fiamme dell'inferno.