Il parricidio dell'Ingegnere: "Scalfari ci ha danneggiato"

De Benedetti stronca il Fondatore di Repubblica: "Un pugno nello stomaco la sua preferenza a Berlusconi"

Niente, Scalfari pagherà a lungo la colpa di aver detto «tra Berlusconi e Di Maio sceglierei Berlusconi». Un'eresia che non può passare liscia in certi ambienti, per altro gli stessi ambienti di Scalfari. Di più, casa sua, il quotidiano Repubblica e il club della sinistra illuminata Libertà e Giustizia (due espressioni dello stesso mondo, più o meno sovrapponibili) che hanno preso le distanze dal Fondatore per quel giudizio inopportuno sul nemico storico del Gruppo, il Cavaliere di Arcore. Il ripudio di Scalfari culmina con la condanna finale dell'editore, Carlo De Benedetti, rivale di Berlusconi da un ventennio e custode della linea politica del quotidiano-partito fondato da Scalfari ma da lui tradito con l'intollerabile preferenza espressa per il leader di Forza Italia (poi ritrattata, ma ormai era troppo tardi). In una intervista al Corriere della Sera, l'Ingegnere dà voce al gelo artico che spira da Repubblica verso Scalfari per via di quell'uscita imperdonabile. Il giudizio che ne emerge è devastante, e sintetizza la diagnosi che l'elite repubblichina (nel senso del giornale) ha fatto rapidamente circa Scalfari: qualcosa vicina alla demenza senile. O forse peggio: «Penso l'abbia fatto per vanità, per riconquistare la scena - lo stronca De Benedetti - Ma è stato un pugno nello stomaco per gran parte dei lettori di Repubblica, me compreso. Berlusconi è un condannato in via definitiva per evasione fiscale e corruzione della giustizia. Se non fosse per l'età, sarebbe un endorsement sorprendente per uno come Scalfari che ha predicato, sia pure in modo politicamente assai cangiante, la morale». Il consiglio dell'editore al giornalista novantenne suona come una minaccia, visto che Scalfari ha una mezza pagina in appalto ogni domenica su Repubblica: «Farebbe meglio a preservare il suo passato». Poi De Benedetti, da uomo d'affari, dà anche un prezzo all'infausta dichiarazione del fondatore: «Penso che la risposta di Scalfari abbia gravemente nuociuto al giornale». Bisogna tenere conto, come ricorda Formiche.net, che Repubblica è proprio in questi giorni impegnata in un importante restyling grafico, e che a sostenerne i costi è la famiglia De Benedetti, principale azionista del gruppo. Insomma proprio mentre il quotidiano si rilancia, arriva Scalfari a scompaginarlo pronunciandosi più favorevolmente sull'odiato (dai lettori di Repubblica) Berlusconi che su Luigino Di Maio, trattato dal quotidiano in modo molto più generoso.

Del resto Scalfari era sta giò bacchettato su Repubblica da Michele Serra nella sua rubrica («A differenza del padre fondatore, tra Berlusconi e Di Maio sceglierei Di Maio. La terza opzione, tra i due, è la cicuta, ma non so dove si compera»), e quindi dall'ex vicedirettore Massimo Giannini in radio («Se ricordiamo cosa è stato il Cavaliere nella lunghissima avventura di Repubblica, sarei più prudente prima di dire scelgo Berlusconi»). Poi, dopo essere stato insultato da Micromega («indecente», «reazionario»), è arrivata la presa di distanza, pure questa quasi schifata, degli ex amici di Scalfari, i cervelli fini di «Libertà e Giustizia», di cui Carlo De Benedetti è stato tra i soci fondatori, quindi tutto torna. «Caro Eugenio, siamo rimasti sbalorditi. Non riusciamo ad accettare come una figura con la tua storia possa dimenticare cosa ha rappresentato Berlusconi per il nostro paese» gli hanno scritto i consiglieri di LeG, da Settis a Zagrebelsky, tutte firme di Repubblica. Il vecchio Scalfari è avvisato, che non ci provi più.

Commenti

leopard73

Lun, 04/12/2017 - 08:35

SIETE VOI CIALTRONI CHE VI SIETE DANNEGGIATI SCALFARI HA DETTO GIUSTO!! VERGOGNATEVI DITTATORI.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 04/12/2017 - 08:36

dov'eravate voi, cre.tini di sinistra, quando scalfari fece le famose 10 domande su Berlusconi? eravate qui a insultarci!!!!!! ora fate finta di nulla? ipocriti!!! criminali!!!!!!

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 04/12/2017 - 08:54

Io plaudo a quest'Uomo, che trovo bello, bellissimo, nella sofisticatezza della sua sensibilità sociale, capace come pochi di saper scindere circostanze e fenomeni delle varie stagioni evolutive della collettività, capace a novant'anni di preservare l'integrità della giovinezza proprio nel discernimento immacolato delle 'scelte'. Più che un folcloristico Guru, questo Eugenio, si adagia nel nostro popoloso consesso quale simbolo di una maturazione antropologica ideale, alla quale tutti attingere. Quella di sapersi togliere di dosso i pesanti pastrani partitici, logori ed untuosi, che caratterizzano i tantissimi cosi detti 'carismatici'. Prescindiamo da questo suo impulso di verità, a la carte. E nello stesso tempo, ragioniamolo, con pacatezza. Una spallata ad ogni confusione intellettuale finora irradiante capillarmente i sinistri domini. -8,54 - 4.12.2017

VittorioMar

Lun, 04/12/2017 - 09:03

..SCALFARI ESTERNA L' APPARTENENZA ,DA VECCHIO RAGAZZO "G I L",AL MOTTO CHE LI HA SEMPRE GUIDATI!!..L'ETA'FA BRUTTI SCHERZI !!

Franco Ruggieri

Lun, 04/12/2017 - 09:08

Ma per l'unica cosa giusta che Eugenio Scalfari ha detto in tutta la sua vita, stanno a fare tutto questo casino!?!?! Il De Benedetti rifletta sull'alternativa. Oh, ma ci avete pensato? DI MAIO, proprio lui! Sarebbe la fine dell'Italia.

Ritratto di centocinque

centocinque

Lun, 04/12/2017 - 10:30

Due squallidi impresentabili.

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 04/12/2017 - 13:25

Ormai sul leto d morte anche il peggiore dei criminali confessa le proprie nefandezze, proprio come Scalfari. A quando le confessioni di tal De Maledetti?

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Lun, 04/12/2017 - 15:14

il Porco Svizzero ha 83 anni suonati, Scalfari 93..ENTRAMBI SONO PIÙ VECCHI DI SILVIO BERLUSCONI!!!

Arch_Stanton

Lun, 04/12/2017 - 15:46

De Benedetti se la prende con Berlusconi per una condanna (politica e senza prove) ma non pensa alle condanne per le sue aziende fallite. I comunisti sono sempre comunisti, si chiedono cosa ha rappresentato Berlusconi al governo ? Ha rappresentato i migliori governi della seconda repubblica, la salvaguardia delle libertà personali, di impresa e una politica estera indipendente.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 04/12/2017 - 15:57

Caro ingegnere, Scalfari per quanto sommamente abile a mascherarsi sempre é stato un fascista

glasnost

Lun, 04/12/2017 - 16:02

E' tutta fuffa! Tanto i PDioti che i Grillini sono tutta gente giustizialista ed falsa. Fingono di combattersi, ma si metteranno insieme, contro la dx e contro il buonsenso.

clod46

Lun, 04/12/2017 - 16:40

E' proprio v ero, quando si è alla fine di questa vita terrena, la coscienza cerca di prendere il sopravvento sulla materia, e anche Scalfari facendo un lungo esame di coscienza non ha potuto non riconoscere almeno in parte e a modo suo la validità di un uomo come Berlusconi al netto di tutto il fango che per 20 anni lui e il suo giornale gli hanno buttato addosso. Questo non può accadere per De Benedetti in quanto lui la coscienza non ce l'ha e non l'ha mai avuta diversamente riconoscerebbe, almeno considerando la sua età, tutto il male che ha fatto all'Italia e agli italiani.

Romolo48

Lun, 04/12/2017 - 16:44

A già messo le mani avanti... Vuoi vedere che adesso farà pagare a Scalfari il dissesto del suo giornaletto. Lui certamente no; è abituato a non pagare i debiti!

Silviovimangiatutti

Mar, 05/12/2017 - 00:10

In casa dei sinistri soprattutto di stampo Debenedettiano non si può neppure dire quello che si pensa !

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 05/12/2017 - 09:31

I debiti dell'ingegnere lo stimolano al "parricidio"? Anvedi .. ahahahaha ..

kallen1

Mar, 05/12/2017 - 14:31

Caro Ingegnere sicuramente o lo hai fregato in qualche modo o hai cercato di farlo e lui si è vendicato alla sua maniera!

gabryvi

Mar, 05/12/2017 - 19:02

Ma nessuno gli chiede di ripianare il debito a MPS? Se fosse stato Berlusconi, gli avrebbero già pignorato le aziende! Stampa amica!