Reddito di cittadinanza, i brigatisti esultano ancora

Il sussidio non potrà essere percepito da chi è stato condannato in via definitiva per reati di mafia e terrorismo, ma la modifica alla legge non sarebbe retroattiva

Dopo lo scandalo scoppiato per il reddito di cittadinanza regolarmente percepito da Federica Saraceni, l'ex brigatista condannata a 21 anni e 6 mesi per associazione con finalità di terrorismo e per l'omicidio del giuslavorista Massimo D'Antona, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio aveva rassicurato: "Per noi è molto importante intervenire, questo non lo possiamo permettere. Le va tolto: non c'è bisogno nemmeno di una legge per sbloccare questa ingiustizia". Ma siamo proprio sicuri che si possa fare? Anche perché di tempo ne è passato... E poi erano spuntati, grazie a La Verità, anche i casi dei brigatisti Massimiliano Gaeta e Raimondo Etro.

Modifica alla legge

Nella giornata di ieri il Corriere della Sera ha anticipato i contenuti del Draft budgetary plan, cioè il documento che descrive la manovra richiesto da Bruxelles. Per quanto riguarda il Rdc, si legge che non potrà essere più incasssato "da chi è stato condannato in via definitiva per reati di mafia e terrorismo, una modifica che nasce dal caso della ex brigatista Saraceni". Il Corriere sottolinea come sia difficile che le possa essere revocato, nonostante siano ancora in corso gli accertamenti del caso. Infatti la modifica delle regole pare non essere retroattiva.

Pasquale Tridico aveva spiegato: "I requisiti reddituali, patrimoniali e occupazionali che competono a noi ci sono". Il presidente dell'Inps aveva precisato: "La norma prevede che non possano avere il reddito di cittadinanza coloro i quali abbiano avuto una condanna nei dieci anni precedenti, ma nel suo caso si tratta di 12 anni fa". E in effetti tali norme restrittive andavano inserite subito, e non a cose fatte.

Che sarebbe stato complicato togliere il sussidio alla Saraceni era abbastanza evidente fin da subito, e le dichiarazioni del ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ne avevano dato una dimostrazione: "Lei aveva già accesso al reddito di inclusione, per una somma pari a 461 euro mensili, prima ancora che in Italia venisse introdotto il reddito di cittadinanza, che è una misura più restrittiva nell'accesso per coloro che hanno subito condanne per delitti di particolare gravità". Ma a fare infuriare ulteriormente è stato anche l'atteggiamente di Luigi Saraceni, che ha difeso la figlia: "Va a fare le rapine o ce ne prendiamo carico? Dobbiamo fare come i nazisti che li infornavano?".

Commenti

nopolcorrect

Dom, 13/10/2019 - 09:36

"Va a fare le rapine o ce ne prendiamo carico?" Ma no, ma no, niente rapine,altrimenti torna in galera. Vada semplicemente a fare la donna delle pulizie o la badante o altri onesti lavori manuali, gli unici che può fare dato il suo livello intellettuale.

rudyger

Dom, 13/10/2019 - 10:18

In un altro paese comunista li avrebbero già carcerati. Ma siamo in democazia !

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Dom, 13/10/2019 - 10:31

Il reddito di cittadinanza é stata una decisione demenziale che produrrà molti più danni che non benefici. Il lavoro nero si affiancherà al reddito in moltissimi casi. Basti pensare che i pochissimi controlli che si saranno non verranno eseguiti né di sabato pomeriggio né di domenica.......... una colf che conosco che percepisce già il reddito concentrerà le ore lavorative in questo spazio temporale e si farà 12 ore di lavoro in nero a settimana tirando su 400 euro al mese + 780 di reddito. Voilà!

al43

Dom, 13/10/2019 - 10:36

Mi sembra di ricordare che una volta esistesse una forma di sostegno chiamata Soccorso Rosso. Ecco. Perché non se ne fanno carico i loro supporters invece di chiedere alla Stato così vituperato e da abbattere che li mantenga a vita?

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Dom, 13/10/2019 - 10:39

Questa è l’ennesima capitolazione dello Stato dinnanzi a terrorismo e mafia. Lo Stato che si arrende ancora una volta dinnanzi a dei suoi nemici giurati. E pensare che sarebbe bastato a suo tempo dichiarare lo stato di guerra interno per risolvere definitivamente il problema. Lo propose con lungimiranza Giorgio Almirante. Unico ed inascoltato. Hanno ucciso cittadini inermi, servitori dello stato, giudici. Ed ora sono titolari del “reddito di cittadinanza”... ma quale cittadinanza?

babilonia

Dom, 13/10/2019 - 11:03

Io credo che solo una parola sintetizzi il pensiero della brava gente che ancora c'è in Italia, questa parola è : VERGOGNA!

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 13/10/2019 - 11:12

sgoverno di pagliacci e collusi con i terroristi!!

buonaparte

Dom, 13/10/2019 - 11:23

non bisogna infornarli come facevano i nazisti, basta fare come facevano i brigatisti rossi quando qualcuno non li piaceva .vero signorina ? pan per focaccia ..

Ritratto di navajo

navajo

Dom, 13/10/2019 - 11:28

Com'è che questa legge non può essere retroattiva mentre la Severino per condannare Berlusconi invece si?

ST6

Dom, 13/10/2019 - 11:29

Grazie Salvini grazie per il tuo governo dell'inciucio e il tuo personalussimo dolce far nulla. Grazie e Papeete per tutti

maurizio-macold

Dom, 13/10/2019 - 11:54

Se l'ergastolo fosse veramente carcere a vita e chi viene condannato per terrorismo od omicidio volontario fosse condannato all'ergastolo questo problema non esisterebbe. Invece in Italia chi ammazza una o piu' persone dopo una manciata di anni in galera e' gia' libero.

Maura S.

Dom, 13/10/2019 - 11:59

E dove trovano i soldi…….. Comunque il capo del governo sembra che abbia una bacchetta magica, ha promesso di trovare un lavoro a tutti i migranti abbronzati che entrano in Italia poiché i porti restano aperti oltretutto riuscirà a trovare il liquido per il reddito di cittadinanza. Quanto è fortunato il nostro paese di avere un simile mago!!!!!

Divoll

Dom, 13/10/2019 - 12:31

I brigatisti si mettano questi soldini da parte, perche' il governo giallo-fucsia non durera' in eterno.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Dom, 13/10/2019 - 13:10

ST6, cosa caxxo c'entra Salvini con la nascita di questo indegno governo, lui voleva andare alle urne. Taci pagliaccio e vai a farti un giro al Leoncavallo.

ziobeppe1951

Dom, 13/10/2019 - 13:13

Bravo MACOLD...11.54...spiegalo a ST6..11.29...da solo non ci arriva

scurzone

Dom, 13/10/2019 - 13:43

Bel regalo di Salvini e soci, che non conoscendo la lingua italiana hanno permesso tutto questo! Per i geni che qui postano la legge riguardante il RDC è stata partorita e votata da M5 stalle e Lega, con voto negativo di PD, FI e parte di FdI!

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Dom, 13/10/2019 - 13:56

POVERA ITALIA IN CHE BRUTTE MANI TI/CI HANNO MESSO

Anselmo Masala

Dom, 13/10/2019 - 14:19

imbroglioniiiiii!!!!

Anselmo Masala

Dom, 13/10/2019 - 14:21

ST6:sei noioso,ma secondo te Salvini e' a favore di tutto questo scempio perpetrato dai tuoi idoli???

Reip

Dom, 13/10/2019 - 14:27

MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO!

fft

Dom, 13/10/2019 - 23:05

Soloistic69 anche io volevo andare alle urne. Alla ultime proiezioni a roccabaldanafresca mi davano al 70 percento

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 14/10/2019 - 06:03

Vado controcorrente. Io sono FELICE per il reddito di cittadinanza dato ai brigatisti e terroristi rossi vari. E il segno della completa vittoria dello Stato su coloro che volevano fare la rivoluzione. Questi bambini perduti della rivoluzione che scrivevano con il sangue delle loro vittime che "lo stato non si cambia, si abbatte" ora sono, vicini ormai alla terza età, ad elemosinare 450 Euro al mese per tirare a campare. Gente che nella vita ha fallito in tutto ed è rimasta anche senza onore e senza orguoglio.Si potrà sempre dire da oggi al prossimo bambino che vuole perdersi nella rivoluzione, "vedi, quello era un terrorista, guarda che fine ha fatto".

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 14/10/2019 - 08:20

Caro il mio Macold, chi sono i buonisti, quelli che si sono sempre opposti e continuano a opporsi al carcere a vita, quelli pro indulti e amnistie, quelli pro scarcerazioni facili, (all'infuori di Dell'Utri) se non i tuoi sodali komunisti?