Salvini incontra Bannon e aderisce alla fondazione "anti-Soros"

Stretta di mano tra il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e Mischael Modrikamen, uno dei fondatori di The Movement, la piattaforma anti-Soros, voluta da Steve Bannon per supportare i partiti populisti in Europa

Non è la prima volta che Matteo Salvini e l’ex guru della campagna elettorale di Donald Trump, Steve Bannon, si stringono la mano.

Era già capitato a Milano, qualche giorno dopo le elezioni del 4 marzo, in un incontro fiume tenuto segreto finché lo stesso Bannon, in una intervista, ha rivelato di aver passato ore a convincere il leader della Lega dell’importanza di un’alleanza con il Movimento 5 Stelle. Un’asse populista caldeggiata dal produttore cinematografico statunitense, che stamattina a Roma ha di nuovo posato con il capo del Carroccio che, nel frattempo è diventato vicepremier e ministro dell’Interno.

All’incontro tra i due c’è anche Mischael Modrikamen, uno dei fondatori di The Movement, la fondazione anti-Soros che mira a riunire le forze euroscettiche e nazionaliste, in vista delle prossime elezioni europee del 2019. È proprio Modrikamer a postare la foto su Twitter, con tanto di annuncio dell’adesione di Salvini alla nuova organizzazione no-profit, che secondo un’intervista di Bannon al The Daily Beast, si occuperà di lavorare, con analisi e raccolte fondi, per la crescita dei “partiti populisti” europei.

"Incontro stamattina con Steve Bannon e Matteo Salvini. The Movement: è dei nostri”, recita la didascalia pubblicata sul profilo di Modrikamen. Sono ancora pochi i dettagli che circolano sull’incontro. Di certo, per ora, c’è l’obiettivo della fondazione: supportare “l’internazionale populista” nel percorso verso la conquista del Parlamento europeo a maggio del 2019. Una Open Society al contrario, insomma, che mira a far ottenere un risultato elettorale storico ai partiti cosiddetti anti-sistema.

Commenti

dank

Ven, 07/09/2018 - 18:59

IBAN PER DONAZIONI

Ritratto di cape code

cape code

Ven, 07/09/2018 - 19:03

Finalmente. Fanc@lo i comunisti e Soros .

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 07/09/2018 - 19:15

Dove ci si iscrive?

Ritratto di SAXO

SAXO

Ven, 07/09/2018 - 19:46

Ottima mossa ,annientare personaggi criminali come Frater Soros ,speculatori finanziari che hanno le mani in pasta ovunque ,che corrompono paesi e governi del Mondo ,che promuovono guerre su procura e false rivoluzioni sociali per creare caos e malcontento finalizzato a introdurre poi le loro scorrerie predatorie di ogni genere

Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Ven, 07/09/2018 - 20:34

Come è possibile dre effettivamente e fattivamente un sostegno ed una mano all'iniziativa non disponendo di fondi per donazioni o simili. Autorizzo il Giornale a dare i miei contatti alla Fondazione. Forza Ministro Salvini, finalmente al Governo un politico Patriota sentitamente italiano e coerente con l'essere e sentirsi tale.

roberto zanella

Ven, 07/09/2018 - 20:46

MOLTO BENE , MOLTO BENE .....!!!!!

VittorioMar

Ven, 07/09/2018 - 21:24

...OTTIMO SOSTEGNO ALLA CAUSA POPULISTA ..SOVRANISTA...E DELLE RADICI !!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 07/09/2018 - 22:16

#salvinialgabbio

Anticomunista75

Ven, 07/09/2018 - 23:29

supportare la fondazione.

stefi84

Ven, 07/09/2018 - 23:54

Finalmente un patriota,si chiama Salvini. Soros non mi è mai piaciuto, a partire dall'attacco finanziario del 1992 per fare uscire l'Italia dal serpente monetario. Attacco che alla fine non ha sortito gli effetti che voleva, perchè l'euro (allora Ecu) si è fatto comunque.

Gianni11

Sab, 08/09/2018 - 02:12

Non c'e da fidarsi, ne di Bannon ne di quell'altro che e' un sionista.

8

Sab, 08/09/2018 - 06:40

Qui Salvini ha commesso un errore da sempliciotto di provincia. Spero il M5S resti lontano da questa trappola.

Ritratto di Nahum

Nahum

Sab, 08/09/2018 - 07:53

un trio che é tutto un programma. A bannon avrebbero dovuto dare un daspo perché é ben più pericoloso e sovversivo di qualunque ultra. Quanto a Salvini si ricordi che ora é al governo e che certe cose non dovrebbe più farle.

Nick2

Sab, 08/09/2018 - 09:22

Questa è una frase di Soros, se volete spietata, ma che rappresenta la realtà. "Gli speculatori fanno il loro lavoro, non hanno colpe. Queste semmai competono ai legislatori che permettono che le speculazioni avvengano. Gli speculatori sono solo i messaggeri di cattive notizie". Perché la Germania non viene mai attaccata dagli speculatori? Semplicemente perché non presta loro il fianco. Nessuno speculatore vuole il male dell'Italia, ma tutti vogliono fare profitto. E con gli incompetenti che abbiamo al governo, hanno buonissime probabilità di fare affari miliardari...

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Sab, 08/09/2018 - 10:19

Quoto VittorioMar:...OTTIMO SOSTEGNO ALLA CAUSA POPULISTA ..SOVRANISTA...E DELLE RADICI !!

ermejodermonno

Sab, 08/09/2018 - 10:34

come possiamo aiutare , siamo tanti

Ritratto di Turzo

Turzo

Sab, 08/09/2018 - 11:18

Subito IBAN per donazioni e istruzioni per l'iscrizione!

Ritratto di elio2

elio2

Lun, 10/09/2018 - 09:51

Bene Salvini, bene anche l'adesione di Fratelli d'Italia, chissà se riusciremo mai a cacciare tutti i sinistri da ogni ganglio d'europa e dal nostro Paese.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 10/09/2018 - 14:22

E' bene rinfrescare la memoria a certi soloni che scrivono solo quel che loro comoda, giusto per dare addosso a questo governo che non sarà il massimo - vero, però ha il diritto di governare, visto che ha preferenze degli italiani sufficienti. Orbene, riferito al nobile unbgherese, nel maggio 1992 Falcone muore a Capaci alla vigilia dell'incontro che doveva avere con Valentin Stepankov, il procuratore di Mosca che indagava sull'uscita dalla Russia di somme ingenti di denaro nella disponibilità del Pcus. L'Italia in quel momento è sotto attacco SPECULATIVO d'un gruppo internazionale che fa capo al finanziere Soros e alle banche Barclays, Warburg, Merril Lynch, Salomon Brothers, Deutsche Bank e, neanche a dirlo, della solita Goldman Sachs. (1 di 2)

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 10/09/2018 - 14:30

Nel 1992 fra marzo e settembre l'Italia perse una quantità enorme di denaro grazie alle manovre SPECULATIVE capeggiate da Soros. 60mila mld finirono in GERMANIA, 10mila in CROAZIA, certificato dalla International Strategic Studyes Association. Il 3/93 il settimanale governativo di Zagabria, Globus, annunciò che la Croazia era autosuffìciente per la produzione di armamento leggero. Così la guerra nei Balcani proseguì finanziata con soldi italiani! Prima che la lira precipitasse, il governo italiano scelse dei consulenti di rango per la privatizzazione. Chi? "Ovvio" Merrill Lynch, Salomon Brothers e, ooops, Goldman Sachs. A quel punto per una privatizzazione vantaggiosa - per gli acquirenti, beninteso - mancava solo una svalutazione che rendesse i dollari più forti della debole lira. La svalutazione arrivò puntuale il 9/93, insieme ad una sanguinosa manovra finanziaria da 90mila mld che ci spalancò le porte dell'U.E. Allora al governo fu la sinistra. Che geni! 2 di 2

GPTalamo

Mar, 11/09/2018 - 00:48

Marcello.508, il tuo discorso e' veramente interessante. Ma la tua tesi che Falcone potrebbe essere stato vittima di un complotto finanziario internazionale manovrato da Soros e' solo una tua ipotesi interessante, o ci sono dati accertati che quella era la pista principale che stava seguendo?

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 11/09/2018 - 09:51

GPTalamo - 00:48 - "Il viaggio di Falcone a Mosca. Indagine su un mistero italiano." In questo libro si narra di quel fatto e vi soono molte ragioni per dar credito a quella vicenda. E' una mia opinione ovviamente.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 11/09/2018 - 09:54

GPTalamo - Aggiungo il libro "Il viaggio di Falcone a Mosca. Indagine su un mistero italiano" scritto dallo stesso Stepankov e da Bigazzi dice che Soros non ha nulla a che fare con quella vicenda.