"Scuole aperte anche in estate". Levata di scudi contro la Fedeli

Il ministro dell'Istruzione: "Va fatto, me lo chiedono molte famiglie". Protestano i sindacati dei professori e alcune associazioni

Valeria Fedeli vuole tenere aperte le scuole tutto l'anno, anche d'estate. Il ministro dell'Istruzione ha illustrato il piano della riforma alla Stampa spiegando che centinaia di genitori le hanno scritto per chiederle aiuto. Una prima bozza della riforma dovrebbe essere presentata già dopo l'estate "in modo da essere annunciata ufficialmente all'inizio del prossimo anno scolastico".

L'obiettivo della Fedeli è dare un aiuto a quei genitori che lavorano e che non sanno dove portare i figli. Da qui l'idea di tenere le scuole aperte tutto l'anno e, in modo particolare, durante l'estate quando le lezioni sono finire. A chiederlo al ministro dell'Istruzione sono stati, infatti, i genitori stessi. Contro la Fedeli, però, ci sono già schierati i sindacati dei professori. "Dal mio punto di vista - ha replicato alla Stampa il segretario generale della Uil scuola, Pino Turi - la scuola non è un servizio assistenziale e sociale ma una funzione dello Stato molto precisa che attiene alla formazione degli studenti. La scuola forma i bambini, non li assiste".

Non tutti i genitori sono d'accordo con la Fedeli. A partire dai contenuti che verranno trattati durante l'estate. "Non vogliamo che le scuole diventino un parcheggio", ha detto alla Stampa la presidente dell'Associazione italiana genitori (Age), Rosaria Danna. "Se le scuole restano aperte e a farsene carico sono le associazioni in convenzione come già avviene in molti casi, il rischio è che tutto questo ci porti in una giungla - ha spiegato il presidente del Coordinamento Genitori Democratici, Angela Nava Mabretti - è necessario che si stabiliscano delle regole su chi e come può occuparsi degli studenti. Ci devono essere linee guida chiare per evitare che si creino spiacevoli incidenti".

Commenti

dagoleo

Sab, 10/06/2017 - 13:06

Figurati cosa poteva venire fuori da cotanta Ministra dell'Istruzione di altissimo livello culturale. Se ve n'era bisogno, con questa sparata ha ampiamente dimostrato che il titolo di studio accademico non l'ha conseguito, non per mancanza di opportunità, ma per mancanza di materia grigia.

Ritratto di stufo

stufo

Sab, 10/06/2017 - 13:18

Ordini di Obama, come i vaccini ? Ma se vanno a scuola tutto l'anno, come faranno a diventare ministri ?

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 10/06/2017 - 13:34

Certo, non sanno dove piazzare i figli ed è meglio che paghi lo stato che pagare la babysitter o curarseli. Che invece gli insegnanti dovrebbero fare un mese di ferie come tutti ed essere a disposizione a scuola a dar ripetizioni invece di insaccarle a 10 euro all'ora in nero è un altra storia.

ziobeppe1951

Sab, 10/06/2017 - 13:47

Le scuole sempre aperte..e i manicomi sempre chiusi

Malkolinge1603

Sab, 10/06/2017 - 13:48

Una cosa giusta.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 10/06/2017 - 14:27

i genitori darebbero i figli in affidamento alla scuola a settembre per riprenderseli a giugno. se non li vogliono fra i piedi, perchè li fanno?

Garombo

Sab, 10/06/2017 - 14:45

Sarebbe anche ora! Un provvedimento giusto.

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Sab, 10/06/2017 - 15:11

"Sono Solo Canzonette"!

Ritratto di perseus68

perseus68

Sab, 10/06/2017 - 15:58

Bene, ottima idea ministra. Se studia abbastanza quest´estate magari riesce a prendersi la laurea ah ah ah. Che banda di incompetenti raccomandati ragazzi....

giovanni PERINCIOLO

Sab, 10/06/2017 - 16:02

Non pensa

giovanni PERINCIOLO

Sab, 10/06/2017 - 16:04

Perché pensare sempre male? in fondo la signopra vuole le scuole aperte anche d'estate perché spera di potersi diplomare anche lei e, forse, un lontano domani o dopodomani laurearsi con tesi sulla fenomenologia dei bugiardi......

giovanni PERINCIOLO

Sab, 10/06/2017 - 16:06

Signor Turi ci spieghi di quale scuola parla quando afferma che "La scuola forma i bambini". Un tempo sicuramente, oggi prima di pensare a formare i bambini bisognerebbe pensare aoi

peppino51

Sab, 10/06/2017 - 16:22

Sig,ra Ministro importante che lei comunque vada in ferie dal 1 agosto al 15 settembre.

giosafat

Sab, 10/06/2017 - 16:34

Forse si riferiva ai corsi di recupero cui intende partecipare per provare a prendere, una buona volta, uno straccio di diploma....magari da spacciare poi come laurea.

cir

Sab, 10/06/2017 - 16:57

e' una ottima idea , finalmente i professori saranno obbligati a restare a scuola e non fare tre mesi di vacanza a dare ripetizioni a pagamento extra,. Chi e' rimandato va a scuola e trova il prof. pagato tutto l' anno scolastico bidelli compresi.. E' ora di finirla con profesoresse che al mare o in montagna danno ripetizioni a 25 / 30 euro all' ora.

flip

Sab, 10/06/2017 - 17:19

Mah? se le apre per lei, forse riesce ad ottenere la licenza di 5^ elementare e così forse saprà leggere e forse anche scrivere in un italiano decente.

Ritratto di marione1944

marione1944

Sab, 10/06/2017 - 17:20

Io le ho scritto di togliersi dalle ... scatole. Chissà se mi da retta.

VittorioMar

Sab, 10/06/2017 - 17:30

...SIAMO NELLA UE ?....ALLORA UNIFORMIAMO I PROGRAMMI SCOLASTICI NEI MODI E NEI TEMPI !!

polonio210

Sab, 10/06/2017 - 17:52

Ci sono anche genitori che fanno i turni di notte o vogliamo penalizzarli?Perciò scuole aperte alle lezioni H24 domeniche comprese 365 giorni all'anno.E' ovvio che,data l'apertura continua delle scuole di ogni ordine e grado,le vacanze degli studenti e degli insegnanti verrebbero cancellate perché oramai inutili.Più che la buona scuola mi sembra la riedizione,riveduta e corretta dal "politically correct",di un gulag.

Martinico

Sab, 10/06/2017 - 17:54

Metteranno anche il 30 e 31 febbraio per avere a disposizione 2 gioni in più da tassare.

Martinico

Sab, 10/06/2017 - 17:59

Comunque affinché sia chiaro a tutti coloro che non lo sanno, nessun insegnante si fa 3 mesi di ferie...Tra scrutini, riunioni didattiche, recuperi e affini. Tra il si e il no si fanno al massimo 45 giorni mentre i Presidi o come si chiamano oggi, dirigenti scolastici, massimo un mese. Oltre a questo tutti gli straordinari fatti spesso non vengono pagati e obbligano gli insegnanti a stare a casa.

Ritratto di rebecca

rebecca

Sab, 10/06/2017 - 18:03

signora fedeli approfitti soprattutto lei dell'estate per tornare a scuola a studiare.....tanto così per evitare le figuracce degli ignoranti

amecred

Sab, 10/06/2017 - 18:52

In inghilterra le vacanze estive durano 7 settimane.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 10/06/2017 - 23:08

La formula migliore per recuperare tutti i trombati agli esami e ficcarlo a scuola tramite Coop di proprietà dei sindacalisti.

Tergestinus.

Sab, 10/06/2017 - 23:14

Martinico: magari fossero davvero 45 giorni di ferie. L'esame di maturità termina verso il 5-10 luglio e gli esami di riparazione cominciano verso il 25 agosto: considerando le domeniche e le festività ci stanno a stento i 36 giorni di ferie contrattuali. E in ogni caso è bene ricordare che durante l'anno scolastico gli insegnanti non possono prendere ferie, a meno di non reperire loro stessi i propri sostituti. Quindi ad esempio è impossibile andare a sciare: d'inverno l'unico periodo in cui ci si può allontanare dalla scuola è quello natalizio, ma i prezzi dell'alta stagione non sono certamente compatibili con il magro stipendio di un insegnante italiano. Idem vale per l'estate: l'unico periodo in cui ci si potrebbe allontanare è quello tra il 15 luglio e il 15 agosto, ma è un periodo troppo caro, pertanto l'insegnante le sue "lunghe ferie" finisce col trascorrerle tutte a casa.

tRHC

Sab, 10/06/2017 - 23:28

Da scompisciarsi... questa vuole le scuole aperte anche l'estate,quando lei non andava neanche d'inverno e i risultati si vedono... ahahahahha

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 11/06/2017 - 00:17

Fedeli - a noi le famiglie chiedono diversamente. Chi dice bugie?

Efesto

Dom, 11/06/2017 - 06:29

Se la scuola restasse un centro di cultura con lettura, sport, percorsi artistici, ed altro, con libertà di partecipazione sarebbe il massimo. A ciò però dovrebbe corrispondere un elevatissimo senso di dedizione di tutto il corpo insegnante che, oggi, fornisce una prestazione il più delle volte egoistica e fredda, tanto per arrivare a prendere uno stipendio. I sindacati, per primi, vedono i diritti degli insegnanti, mai le esigenze degli alunni.

longbard

Dom, 11/06/2017 - 06:46

Le hanno scritto tanti genitori........ Ma lei sa leggere?

Ritratto di bobirons

bobirons

Dom, 11/06/2017 - 08:06

Ma no, non é stata capita. La scuola aperta anche d'estate serve per lei, durante le ferie estive, per imparare le basi dell'abbecedario.

Trinky

Dom, 11/06/2017 - 08:39

Godrei solo per la professoressa conviene...ma è defunta insieme a qualche altra zecca rossa che non si vedono più in giro?

maurizio50

Dom, 11/06/2017 - 09:03

Costei è una catastrofe in servizio permanente effettivo.Come apre bocca dice stupidaggini; il suo operato è basato sulle quattro cose imparate nelle sedi della CGIL; confonde attività educativa dello Stato con opere assistenziali; confusa nell'impostazione, confusa nelle azioni, confusa a riguardo i presunti studi compiuti ( maestra d'asilo). E con gente simile il Partito sedicente Democratico vuole riformare l'Italia. Sì mandandola decisamente in malora!!!

Ritratto di depil

depil

Dom, 11/06/2017 - 09:19

ottima idea chiudeccela dentro sino a quando (ammesso che ci riesca) avrà imparato l'alfabeto e le tabelline.

Libertà75

Dom, 11/06/2017 - 10:15

Come una buona idea si trasforma in una pessima. Del resto è normale all'interno di un partito che si vota alla carenza culturale e ne esprime la sintesi con il ministro all'istruzione. Le scuole non sono dei parchi pubblici, ma sono stanzoni. Quindi, mandare i bambini a scuola per fare cose diverse dallo studio è un po' come tenerli in gabbia. Semmai preveda dei cicli di educazione al giuoco nei parchi e magari impiegando disoccupati (pagandoli il giusto, non i 400 euro da schiavo).

GUARDACOMEDONDOLI

Dom, 11/06/2017 - 10:16

Aggiungo che sarebbe interessante avere uno straccio di prova a sostegno delle lettere di centinaia di genitori che hanno scitto al Ministro: forse non è proprio una richiesta plebiscitaria. Si muove come una sindacalista e non come un ministro ( questa volta con la "m" minuscola). Ma a che serve, tanto la diffenza, in senso dispregiativo, non la capirà. Vada a scuola seriamente, la frequenti veramente, consegua un vero diploma...e poi potrà parlare con noi.

pilandi

Dom, 11/06/2017 - 11:01

@ GUARDACOMEDONDOLI non penso che al ministro interessi più di tanto parlare con te, non sei sei così importante, anche se parli al plurale tipo divino otelma...