Se grillini e sinistra vogliono chiudere l'Italia per feste

Di Maio contro la liberalizzazione degli orari dei negozi: "Mette a repentaglio la vita familiare". E Rossi: "Ha effetti regressivi"

A far alzare il polverone sono stati i sindacati dell'Outlet di Serravalle. Non volevano che si lavorasse il giorno di Pasqua. Così, dopo un lungo braccio di ferro, hanno indetto lo sciopero che però si è rivelato un vero flop. Ieri, infatti, hanno chiuso soltanto quattro negozi su 250. Più in generale, nel giorno della Resurrezione di Gesù Cristo, ha lavorato un italiano su cinque. Ogni domenica - e ieri non hanno fatto eccezione, nel Belpaese lavorano in 4,7 milioni di persone. L'argomento ha scaldato anche la politica, con il grillino Luigi di Maio e il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi che si schierano contro la liberalizzazione degli orari di lavoro.

Per Di Maio "non è solo una questione economica". Ma "di serenità familiare e di felicità personale". "In questi giorni - spiega su Facebook il deputato del Movimento 5 Stelle - si discute degli orari di lavoro dei dipendenti dei centri commerciali, ed è giusto ricordare che anche i commercianti delle città italiane insieme ai loro dipendenti ormai sono costretti ad inseguire questo ritmo forsennato di lavoro, dettato dai megastore". E se la prende con l'eliminazione degli orari di chiusura degli esercizi commerciali voluta dall'ex premier Mario Monti: "Si sono messe in competizione piccole botteghe e grandi centri commerciali, ognuno può restare aperto quanto vuole, scatenando una concorrenza al ribasso che ha ottenuto come unico risultato lo sfaldamento del nucleo familiare del negoziante e dei dipendenti, lontani dalla famiglia 7 giorni su 7. L'effetto sugli incassi è stato praticamente nullo - continua - si sono spalmati gli stessi introiti su 7 giorni. Ma la qualità della loro vita è ulteriormente precipitata". Secondo l'esponente grillino, le liberalizzazioni sono un fallimento. "Dovevano essere il volano dell'economia, ci stanno rendendo addirittura più poveri - conclude - i livelli di povertà relativa aumentano tra coloro che lavorano (sembra un paradosso) e tra questi ci sono tanti dipendenti dei centri commerciali e degli esercizi commerciali".

Sulla stessa linea anche Rossi che ha difeso i sindacati che si sono opposti all'apertura dei centri commerciali nel giorno di Pasqua. Secondo il governatore della Toscana, la questione delle aperture festive è "uno dei simboli più evidenti della ripresa dello sfruttamento dei lavoratori", mentre la liberalizzazione dell'orario di lavoro "ha accresciuto precarietà e disintermediazione". "Le nuove leve dello sfruttamento oggi si mascherano troppo spesso di messaggi ingannevoli e di narcisismo - conclude - le nuove opportunità di consumo appaiono occasioni allettanti per gli individui, ma in assenza di rappresentanza e di conflitti sono striscianti processi di sfruttamento reale dei lavoratori".

Commenti
Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Lun, 17/04/2017 - 17:33

due notizie di prma pagina sono emblematiche di cosa sia diventato questo giornale: questa e quella secondo cui "berlusconi ha salvato più di 10,000 agnelli". Ma vi rendete cnto di cosa scrivete? Esiste ancora Sallusti o il suo posto è stato preso dal direttore di Topolino?

Rotohorsy

Lun, 17/04/2017 - 17:36

Possiamo tranquillamente dire che non ce ne frega niente. Tanto....,ormai, l'economia italiana è in un processo economico così chiaramente regressivo che possono farsi tutte le feste che vogliono. Gli imprenditori vadano pure ad investire all'estero che è meglio per loro invece di buttar denari in Italia.

diesonne

Lun, 17/04/2017 - 17:45

diesonne i grillini sono sono come il temporale estivo-parlano ma non ragionano-devono presentare un programma per regolare il mercato della libera globalizzazione ,se veramente vogliono difendere l'occupazione,altrimenti sono chiacchiere al vento

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 17/04/2017 - 17:46

C´é ancora qualcuno, con il fiume sempre piú in piena di giovani e imprese che fuggono all´estero, che abbia ancora qualche dubbio che questo paese governato irrimediabilmente dalla bassezza prepotente vada sempre di piú di male in peggio???

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 17/04/2017 - 17:50

M5STALLE=Cxxxxxi loro e chi li vota!

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Lun, 17/04/2017 - 17:51

Non sparatescemenze! e poi ci si lamenta, che il mondo islamico è moralmente più compatto. I giorni festivi, specie quelli religiosi, debbono essere festa per tutti, vale a dire: tutti a casa! Per far due soldi, il capitalismo si venderebbe tutto.

LuPiFrance

Lun, 17/04/2017 - 17:52

In Francia i negozi possono tenere aperto 12 domeniche anno ma con l'approvazione dei sindacati , è una delle 'modernizzazioni' apportate nel 2016 dalla legge Macron che all'origine conteneva misure per la modernizzazione (Rispetto all'Italia la Francia è arretratissima) poi c'è stato l'assalto alla diligenza (svuotamente) da parte dei suoi compagni di partito socialisti.

anna.53

Lun, 17/04/2017 - 18:13

È anche una battaglia clericale.... pertanto clericali e sinistre unite nella lotta.... assicurano la vittoria contro il lurido denaro ... che come noto aborrono ( basta non sia il proprio... !)

polonio210

Lun, 17/04/2017 - 18:15

Di Maio ha ragione,però il problema è molto più vasto.Non solo riguarda coloro che debbono lavorare nei giorni festivi,il pericolo per la vita familiare è presente sempre.Se una persona lavora non può dedicarsi alla famiglia:le donne non possono allevare degnamente i figli ed accudire alla casa,gli uomini,assesti da casa molte ore per impegni lavorativi,non hanno la possibilità di proteggere la propria famiglia,i figli,di coloro che lavorano,crescono senza la presenza delle figure fondamentali al loro sviluppo.Non resta,a Di Maio,che proporre che lavorino solo le persone single oppure che il lavoro venga abolito ed al posto dello stipendio sia erogato dallo Stato,ad ogni italiano in età lavorativa,un importo di 3000 Euro netti al mese e che i contributi pensionistici siano versati,sempre dallo Stato,sul conto INPS dei cittadini di cui sopra.

beale

Lun, 17/04/2017 - 18:16

che buontemponi! sì, quelli che vogliono sempre tutti gli esercizi aperti. pensano di aver sacrificato l'anima sull'altare della globalizzazione invece stanno solo dando il c..o!! e......non sono grillino!

diwa130

Lun, 17/04/2017 - 18:17

i livelli di poverta' sono aumentati per gli effetti, ancora non svaniti, della crisi del 2008. Perche' questi politici da quattro soldi non si astengono dai commenti di natura economica ? Non capiscono nulla, dicono scemenze e cose contraddittorie facendo solo aumentare il livello di scontro, pressapochismo ed ignoranza della gente.

paco51

Lun, 17/04/2017 - 18:37

follie! sono 42 anni che lavoro a pasqua e natale e stiamo benissimo! Senza contare i 5 anni di università quando studiavo sempre per finire prima: Se non vuoi lavorare pasqua e natale o le domeniche non è un problema cambia posto di lavoro, l'unica condizione è che se il sito guadagna è aperto altrimenti chiude .Occhio però che non sia a 2 Km dal confine altrimenti si sposta subito perchè nessuno vuole rotture di paxxe! Ai seguaci della follia sindacale la scelta!

Ritratto di LIAZ

LIAZ

Lun, 17/04/2017 - 21:02

Sono d'accordo,tutti abbiamo una famiglia non solo il libero professionista,e poi si parla tanto di famiglia da parte dei soliti dinosauri conservatori,ma su questo argomento tacciono sempre salvo sparlare a vanvera senza capire che per certi argomenti viviamo nel 2017 non negli anni 30.

lavieenrose

Lun, 17/04/2017 - 21:08

in germania la domenica è chiuso e non mi pare stiano peggio di noi.

marcothai

Mar, 18/04/2017 - 05:20

5 stalle.......ma in che mani vi state mettendo.....tanto si spera che la juve passi il turno......quello si che e' importante.

Ritratto di orione1950

orione1950

Mar, 18/04/2017 - 07:37

Al caro di maio vorrei far notare che il commercio é un servizio e come tale deve comportarsi. Gli infermieri ed i medici, le forze dell'ordine e tanti altri lavoratori che offrono un servizio non conoscono le festività e, tantomento, gli orari di lavoro a causa dei turni. Questa é demagogia e farlo durante un periodo di crisi é stupido oltre che dannoso.

ziobeppe1951

Mar, 18/04/2017 - 07:38

Voglio vederli, imporre la chiusura a cinesi e arabi...anche loro hanno famiglia..ma prima viene il business

Ritratto di orione1950

orione1950

Mar, 18/04/2017 - 07:44

Io sono stato figlio di un pasticcere e la nostra pasticceria era a conduzione familiare; quindi, vi ho lavorato. Per la nostra famiglia le feste non esistevano, anzi, si lavorava di più proprio in quei giorni e gli orari di lavoro non erano certo le canoniche 8 ore.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 18/04/2017 - 09:07

Io credo che chiunque di noi, se vuole comprare qualcosa, il tempo e il modo lo trovi tranquillamente, senza bisogno di ammazzare i piccoli commercianti, già abbastanza soffocati dalle malefiche cooperative rosse. Mi meraviglia che questo giornale prenda le parti di quel delinquente di monti. Ma del resto il governo monti fu appoggiato da forza italia: questo non lo potremo mai dimenticare.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 18/04/2017 - 09:09

Rotohorsy lei davvero pensa che esista un rapporto diretto fra orari di apertura festiva e vendite? Io credo proprio che, se mi va di comprare qualcosa, il momento lo trovo durante la normale settimana lavorativa.

nerinaneri

Mar, 18/04/2017 - 09:21

...la domenica, andate da:il notaio, l'avvocato, l'idraulico, il corriere, la parrucchiera, il dentista, l'estetista, il geometra, il calzolaio e altri 56 mestieri, e vedete cosa vi dicono...

trailblazer

Mar, 18/04/2017 - 09:29

E' interessante notare come gli stessi commentatori che su alcuni articoli sono sostenitori dei valori del Cristianesimo, in altri articoli siano atei in nome di un liberismo selvaggio. La coerenza è un optional. Una società che non dà più importanza alla religione, sarà sostituita da qualcos'altro: il sentimento religioso non muore, si trasforma. E le risposte più chiare le sta dando l'Islam

eb

Mar, 18/04/2017 - 10:30

secondo me i centri commerciali devono essere chiusi di martedì. la domenica è il giorno che fanno più affari, bisogna proprio essere ritardati per pensare che vadano chiusi...

titina

Mar, 18/04/2017 - 12:05

Stamattina ho parlato con una commessa del supermercato e mi ha detto: non importa che facciamo ( mal volentieri)i turni nei giorni festivi basta che lavoriamo