Se sull'assegno manca una scritta lo Stato si prende il 150% dell'importo

Multe esorbitanti a chi stacca o incassa "cheque" da mille euro senza la dicitura "Non trasferibile". E le banche non informano i clienti

Occhio a quando staccate o ricevete un assegno superiore a mille euro: se non è presente la dicitura «Non trasferibile», rischiate sanzioni da tremila euro a cinquantamila euro. È l'effetto dell'inasprimento delle multe previste dal decreto legge 231/2007 e rese molto più pesanti dal luglio scorso con una circolare passata inosservata. Basti pensare che prima la sanzione era commisurata al 2% dell'importo del titolo. Adesso invece è una vera e propria stangata.

Ne sa qualcosa Gian Luigi Aquilini, impiegato di 44 anni, che ha pagato il funerale del nonno con un assegno di dieci anni fa dell'importo di quattromila euro e che ha ricevuto la notifica del ministero del Tesoro: seimila euro di sanzione se paga entro 60 giorni, altrimenti novemila euro. Stessa multa anche all'agenzia funebre, per una sanzione complessiva di 12 mila euro. Il tutto per due parole mancanti.

Eccolo l'unico abbraccio che uno Stato insensibile e distante dai deboli riesce a dare. Il Fisco attende un passo falso per stangare il contribuente e nel caso degli assegni è facile scivolare nell'errore. È la solita trama italiana: si inaspriscono le sanzioni per colpire i delinquenti ma alla fine lo Stato finisce per accanirsi coi cittadini comuni colpevoli di distrazione o di non essere stati informati a dovere. Per carità, si dice che la legge non ammette ignoranza, ma le nuove norme antiriciclaggio hanno tutte le sembianze di una parossistica mannaia.

«È evidente che il libretto di assegni non rappresenta per me un abituale mezzo di pagamento, tant'è che la matrice precedente riportava un assegno emesso nel 2006 - tuona Aquilini - Il mio Istituto di credito non ha mai provveduto né a richiamare il presente libretto né ad informarmi sul corretto utilizzo dello stesso. Una banca che con solerzia applica variazione dei tassi, imposte e commissioni a tutela del proprio interesse, ma che dimentica che il suo cliente sono (sarei) io!». Prima dell'entrata in vigore delle nuove norme, Aquilini avrebbe dovuto pagare soltanto 80 euro. Oggi la sanzione invece è pari al 150%, il che fa sorgere anche il dubbio di incostituzionalità dal momento che la norma non sembra rispettare il principio della proporzionalità tra l'illecito commesso e la relativa sanzione.

Di casi simili se ne sono verificati già molti altri. Un 67enne pensionato mestrino voleva regalare un'automobile al figlio e si è ritrovato con un «sovrapprezzo» statale di seimila euro. Stessa identica cosa è successa a un'ottantenne invalida dell'Orvietano che ha staccato un assegno da diecimila euro per aiutare la figlia: punita anche lei. In tutti questi casi, e chissà quanti altri, l'unica certezza è la mancanza di sensibilità del Fisco.

Gli assegni sono tracciabili e basterebbe poco per verificare l'utilizzo che ne è stato fatto e capire che non si è in presenza di riciclatori di denaro bensì di persone comuni ignare degli illeciti commessi. E che dire delle banche? Oltre ad emettere assegni con la scritta «Non trasferibile» predefinita (cose che non tutti gli istituti fanno), dovrebbero quantomeno comunicare le norme ai propri clienti, richiamare i vecchi libretti invece di prestare il fianco allo Stato vessatore. Tutto naturalmente se Stato e banche avessero un'anima.

Commenti

MOSTARDELLIS

Sab, 27/01/2018 - 09:03

Maledetti avvoltoi

pilandi

Sab, 27/01/2018 - 09:06

La legge non ammette ignoranza, e la banca c'entra poco, sarebbe come dire che la concessionaria che mi ha venduto e che mi assiste l'auto mi debba informare se cambiano i limiti di velocità...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 27/01/2018 - 09:50

@depilandi - spero che ti appioppinouna multa per una tua banale dimenticanza. poi verremo a prenderti in giro con: la legge non ammette ignoranza. Intanto la legge essere di dominio pubblico e l'informazione in questo senso mi pare molto scadente. Inoltre come può un cittadino medio, oltre al lavoro e famiglia, avere il tempo di leggere le 100 leggi, decreti, circolari che sparano i parrucconi ogni giorno, spesso illeggibili, incongruenti, contrastanti nel loro dire?

angelo1951

Sab, 27/01/2018 - 09:54

Mica è solo il fantomatico "stato" estorsore con multe su infiniti divieti ed obblighi imposti ai sudditi che di libertà hanno solo quella di farsi sfruttare da politicanti e loro lacchè. La "liberalissima" giunta di cdx veronese ha previsto per il 2018 di appioppare ai poveracci che hanno creduto agli imbonitori elettorali multe per € 16.700.000,00 e fare investimenti per 18 milioni.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 27/01/2018 - 09:58

CARI KOMUNISTI non sapete più cosa fare per stangare la gente onesta.

@ollel63

Sab, 27/01/2018 - 10:03

lo stato-canaglia sinistrato deve scomparire con tutti i suoi sinistrati.

@ollel63

Sab, 27/01/2018 - 10:04

sinistrati di sinistra devono sparire dalla circolazione o essere inviati nel sahara per sempre.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 27/01/2018 - 10:35

I primi ladri li trovi al governo.

Yossi0

Sab, 27/01/2018 - 10:42

Veramente non lo sapevo neanche prima ...... certo è che per mantenersi questi sono peggio delle iene

Anonimo (non verificato)

flip

Sab, 27/01/2018 - 12:22

se emettete assegni bancari, controllate i giorni di valuta (SULL' E/C O SULL' HOME BANKING.. VI FREGANO ALLA GRANDE).

pardinant

Sab, 27/01/2018 - 12:46

Ed ecco a voi sevita un'altra fregatura della bisca "Stato italiano".

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 27/01/2018 - 13:03

Qui puoi fare tutti gli assegni che vuoi senza problemi di questo tipo. E Vi ostinate a dire che vivete in una democrazia!!!!lol lol.

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 27/01/2018 - 13:17

Stato e banche (ma talvolta anche assicurazioni) l'anima l'hanno venduta a Satana per 30 denari.

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 27/01/2018 - 13:21

Un assegno di dieci anni fa? Ma la norma è retroattiva? E la prescrizione non esiste? Mi sembra assurdo e da delinquenti accanirsi su assegni emessi addirittura 10 anni prima quando erano del tutto regolari. Anzi da mafiosi.

agosvac

Sab, 27/01/2018 - 13:40

Strano, gli assegni della mia Banca hanno stampigliato "non trasferibile" direttamente, non c'è alcun bisogno di scriverlo a mano!!!

cgf

Sab, 27/01/2018 - 13:47

bisognerebbe pignorare i mobili a Palazzo Chigi per i debiti NON pagati dallo Stato. Dopo Palazzo Chigi, il Senato, la Camera, la Cassazione...

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Sab, 27/01/2018 - 14:06

Poi si parla male delle dittature e del fascismo!

pilandi

Sab, 27/01/2018 - 14:10

@Leonida55 credici ne ho presa una per eccesso 5 anni fa e l'ho pagata, anche se in quella strada a 3 corsie c'era il divieto dei 50 orari. Ho sbagliato e pago. Punto. La scritta non trasferibile andava apposta a tutela del emittente sugli assegni se non volevi che passassero di mano in mano, anche prima della legge. Così come le due barre oblique per obbligare il beneficiario a versalo su un conto e non incassarlo direttamente. Sono cose che dovresti sapere se usi gli assegni.

mariolino50

Sab, 27/01/2018 - 14:12

flip Con quello che gira in rete non mi azzardo ad aprire le porte del C/C su internet. Che siano a prova di hacker lo dicono le banche, a quanto pare non lo è nemmeno la Cia.

Ritratto di rebecca

rebecca

Sab, 27/01/2018 - 14:22

....avessero un'anima e NON FOSSERO COLLUSE

Una-mattina-mi-...

Sab, 27/01/2018 - 14:51

ALIBABA' E I QUARANTA PARLAMENTARI...

bruco52

Sab, 27/01/2018 - 15:25

le zecche rosse, che hanno occupato militarmente questo disgraziato Paese, hanno sempre un motivo per rubare ai cittadini onesti....sta arrivando il giorno delle loro sconfitte, e non saranno gli alieni da un altro pianeta a toglierle di mezzo, ma gli Italiani con le elezione prossime venture....altro che fascismo, sarà una vera performance democratica a rinviarle nelle loro fetide tane...

pilandi

Sab, 27/01/2018 - 16:32

@bruco52 torna nella mela che è meglio.

pilandi

Sab, 27/01/2018 - 16:42

@hernando45 di dove sei tu? Terzo mondo?

pilandi

Sab, 27/01/2018 - 16:45

@angelo1951 scrivilo in MAIUSCOLO perché forse i geni qui non lo hanno capito, sono delle capre, ci vuole pazienza. MICA È SOLO IL FANTOMATICO "STATO" ESTORSORE CON MULTE SU INFINITI DIVIETI ED OBBLIGHI IMPOSTI AI SUDDITI CHE DI LIBERTÀ HANNO SOLO QUELLA DI FARSI SFRUTTARE DA POLITICANTI E LORO LACCHÈ. LA "LIBERALISSIMA" GIUNTA DI CDX VERONESE HA PREVISTO PER IL 2018 DI APPIOPPARE AI POVERACCI CHE HANNO CREDUTO AGLI IMBONITORI ELETTORALI MULTE PER € 16.700.000,00 E FARE INVESTIMENTI PER 18 MILIONI.

ESILIATO

Sab, 27/01/2018 - 16:55

Avete bisogno di un Donald Trump. Lui sta eliminando qui negli USA tutte queste troiate burocratiche ridando potere al cittadino e eliminando quanto possibile queste cretinerie.

RNA

Sab, 27/01/2018 - 17:11

SI VA BENE, MA CHE BABBEO, BASTAVA SCRIVERLO A PENNA. QUANDO L' AGENZIA FUNEBRE HA CONSEGNATO IN BANCA L' ASSEGNO POTEVA ESSERE AVVERTITO DALLO SPORTELLISTA.

Ritratto di ..wiWa£iTag£ia...

..wiWa£iTag£ia...

Sab, 27/01/2018 - 17:17

cose che succedono (ini Taglia)

flip

Sab, 27/01/2018 - 17:19

mariolino . non resta che andare in banca e farsi stampare la pagina del conto. un giorno si e l'altro pure. Controlla sempre le "valute". ti fregano.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 27/01/2018 - 17:47

Io saro anche nel terzo mondo, ma posso fare tutti gli assegni che voglio senza TEMERE!!!! Caro Pirlandi16e42!!! AMEN.

Zizzigo

Sab, 27/01/2018 - 18:11

Può accadere solo a chi, anni fa, non ha provveduto a cambiare il libretto. La scritta "non trasferibile", da anni, è già stampata sugli assegni.

magnum357

Sab, 27/01/2018 - 19:09

Le banche devono dare carnet di assegni con la dicitura già stampata, alcune lo fanno già !! Poche palle !!!!!!

bremen600

Dom, 28/01/2018 - 00:57

Ma cosa hanno tutti assegni vecchi?? senza dicitura non trasferibile siamo al 2010/2011.Da qui si evince che l'economia è ferma..!!

pilandi

Dom, 28/01/2018 - 01:00

zizzigo & magnum ma leggere l'articolo no eh, pare brutto...

gabriel maria

Dom, 28/01/2018 - 07:57

Mio padre mi diceva sempre che i peggiori ladri sono le banche e che il denaro andava speso al più presto perché altrimenti le banche te lo soffiano via-Inoltre la vita va vissuta pienamente ogni giorni e che l'accumulo dei soldi in banca fa solo l'interesse di coloro che poi lo prendono in prestito!Quindi godetevi l'adesso e spendeteli i soldi e se non sapete come spenderli :regalateli !Oppure aiutate coloro che investono nel bello e nel solidale!!!!!

tiromancino

Dom, 28/01/2018 - 15:08

Fuori il nome di chi ha firmato la circolare bastarda e chi ha fatto quella legge. E poi salvano le banche ,disgraziati