Il trucco pentastellato per fare deragliare la linea Torino-Lione

I M5s fanno melina per indurre l'Europa a tagliare i finanziamenti all'opera

Quinto Fabio Massimo «Cunctator» ci ha vinto un paio di guerre. Allo stato maggiore pentastellato basta molto meno: la tattica di temporeggiare potrebbe bastare a portare in un vicolo cieco la Tav senza prendersi la responsabilità di dire un «no» esplicito e politicamente pesante. È il retroscena che emerge dagli ultimi sviluppi della trattativa sull'alta velocità Torino-Lione messa in standby dal ministro Danilo Toninelli con un post su Facebook.

Per arrivare a questa conclusione bisogna mettere insieme alcuni pezzi del puzzle che inizia con il colpo di scena di martedì sera: Toninelli annuncia di aver spedito a Telt, la società concessionaria dell'opera, una lettera in cui si chiede formalmente «che i bandi di gara non vengano pubblicati prima della fine del 2018». La lettera indirizzata al direttore generale di Telt Mario Virano, come il Giornale ha avuto modo di verificare reca la doppia firma di Toninelli e del ministro francese Elisabeth Borne. Le motivazioni sono espresse in modo sufficientemente vago, ma riportano la «presa d'atto» da parte della Francia, della volontà italiana di portare a termine la famosa «valutazione dei costi e benefici». Lo stop alle gare «conformemente alla richiesta dell'Italia», si ritiene necessario per evitare confusioni tra il lancio delle gare stesse e «lo svolgimento in corso della valutazione». «È stato convenuto - afferma ancora il documento - che la situazione venga rivalutata alla luce dei risultati degli studi». La Francia dunque accetta l'idea grillina della valutazione di costi e benefici, ma senza fissare scadenze certe.

E qui si innesta l'altro pezzo del puzzle che, stando a fonti vicine al dossier, compone la strategia grillina: prendere tempo restando sempre vaghi sulle scadenze. Sta di fatto che fino a ieri Luigi Di Maio ripeteva che la valutazione si sarebbe conclusa «entro l'anno». Ieri però, al termine dell'incontro con il vicepremier stesso, il premier Conte e Toninelli, le associazioni degli imprenditori piemontesi riferivano che Di Maio aveva preso l'impegno «che tutto finisca prima delle elezioni europee». Una scadenza che appare politicamente improbabile: è poco credibile che l'eventuale stop definitivo alla Tav o il sospirato via libera arrivino a ridosso delle elezioni. Un esito si trasformerebbe in un regalo elettorale ai pentastellati, l'altro diventerebbe un assist per la Lega. L'unica certezza è che dell'impegno sui tempo preso a voce da Di Maio, guarda caso, non c'è traccia nel comunicato stampa diramato da Palazzo Chigi dopo l'incontro con le associazioni piemontesi Sì Tav. A parte la promessa di «un'analisi tecnica costi-benefici, puntuale e non ideologizzata», i portavoce grillini parlano con straordinaria vaghezza di un «impegno ad agire in tempi congrui ma celeri». Il sospetto è che, nonostante nella lettera italo-francese, i governi si impegnino ad avvisare del ritardo l'Ue, che finanzierà il 50% dell'opera, ribadendo che intendono approfittare dei fondi, in realtà i continui rinvii siano mirati proprio a creare l'incidente con Bruxelles. I finanziamenti sono frutto di un bando e potrebbero far gola agli altri Paesi concorrenti. L'Unione non aspetterà per sempre. E se si andasse troppo in là il rischio di perdere i fondi potrebbe diventare concreto. Una manna per i grillini, che potrebbero far ricadere la colpa sulla perfida Unione ed evitare lo scontro con la Lega. E pazienza per «il partito del Pil». Quello che vorrebbe l'Italia al lavoro.

Commenti

bllfrz39

Gio, 06/12/2018 - 09:07

TONINELLI SONO GIOCHINI DA STRAPAZZO E NEMMENO TANTO NASCOSTI! TORNA DA DOVE SEI VENUTO ,! SEI UNA VERGOGNA COME MINISTRO !!!!!!!!

Ritratto di noside863

noside863

Gio, 06/12/2018 - 09:35

La storia si ripete anno dopo anno. I Savoia falsificarono le elezioni per l'annessione della Repubblica di Venezia nel Regno d'Italia. Altrettanto le elezioni del 46 monarchia/repubblica videro manipolazioni a favore della repubblica. Da 73 anni vediamo continue vessazioni verso il CDX, probabilmente visto che ci aleggiano sempre Piazzale Loreto quando saremo alla fame, quando non ci saranno più aziende che producono lavoro, quando saremo costretti a dare in affidamento i nostri figli perché impossibilitati a mantenerli come è accaduto in Grecia pochi anni fa, allora anche loro saranno presi sotto casa, come dal '45 hanno fatto con molti italiani per regolare i conti democratici.

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Gio, 06/12/2018 - 09:36

devo ancora vedere un articolo RAZIONALE a favore della TAV.... tutti gli argomenti si limitano a "dobbiamo entrare in Europa" ma conti alla mano si vede che e' un progetto fallimentare dal punto di vista economico.

peter46

Gio, 06/12/2018 - 10:59

noside863...stai all'erta.Ogni comune ha a disposizione terre incolte che dà a coloro che ne fanno richiesta.Ecco...se tu novello mago otelma hai queste 'previsioni',fai domanda prima di dover far morire di fame i tuoi figli e porta le tue braccia all'agricoltura per essere 'a tiro' quando il misfatto si compirà.Vessazioni verso il cdx,vero?Che ha governato x 50+20anni,vero?E che in parte è ancora al governo,vero?Ed in grandissima parte al governo di comuni,province e regioni,vero?Sempre in gamba mi raccomando che appena Salvy manderà a casa i grillati arriverà il tempo delle s non mentali.

Papilla47

Gio, 06/12/2018 - 11:01

Ma non scherziamo toninelli in grado di concepire una simile opportunità. Aspettiamo gli eventi e nel frattempo ne sparerà un'altra delle sue solite fregnacce. Se non fossimo a questo stato pietoso ci farebbe scoppiare dalle risate.

peter46

Gio, 06/12/2018 - 11:18

pierluigiv...l'articolo c'è.Certo,fuori da chi parteggia,come questo giornale,ma c'è.Vuoi un passo significativo?Bene...è di ieri e speriamo bene."...Lo chiamano il partito del Pil quello che si è radunato il 3 dic a Torino,blaterando su tav e grandi opere.E cioè il partito dei ricchi, delle lobby,dei 'prenditori' incazzati per aver perso il nr° di tel dei loro REFERENTI al governo...rivogliono le loro garanzie certificate e le loro concessioni blindate e i trattamenti di riguardo...solo nell'interesse del paese e del progresso ci mancherebbe altro.Nonostante l'inchiesta ALCHIMIA abbia dimostrato che la ndrangheta si cela dietro i movimenti SìTav con l'obbiettivo d'infiltrarsi nei lavori del terzo Valico.L'inchiesta ha portato all'arresto di 42 persone che secondo il magistrato avevano infiltrato i gruppi SìTav con loro affiliati..."

Massimo Bernieri

Gio, 06/12/2018 - 12:37

Restiamo pure con il vecchio tunnel Fréjus senza uscite di sicurezza,impianto illuminazione emergenza e prese acqua per antincendio come nei nuovi tunnel:andatevi a vedere le dotazioni di sicurezza del tunnel ferroviario Gottardo in Svizzera oltre al fatto che per il diametro della canna non è possibile inoltrare gli autocarri sui carri con pianale ribassato.Non facciano più nessuna opera pubblica neanche asfaltare una strada perché ci potrebbero essere "tangenti"