Rai, Romani firma decreto Il canone a 110,50 euro E il cda approva il bilancio

L'aumento, a quanto comunica il ministero per lo Sviluppo economico,  è in linea con l’inflazione programmata. Viale Mazzini incasserà circa 24 milioni in più all'anno. Bilancio in pareggio nel 2012<br />

Roma - Ammonta a 110,50 euro il canone Rai per il 2011: lo ha appena stabilito il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani. Il canone 2010 era di 109 euro e l’aumento è in linea con l’inflazione programmata. La Rai incasserà circa 24 milioni in più. 

Bilancio approvato Il cda della Rai, su proposta del direttore generale Mauro Masi, ha approvato il budget economico che prevede un risultato positivo di oltre 20 milioni di euro nel 2011. "La Rai - sottolinea la nota di Viale Mazzini - sta perseguendo gli obiettivi economici previsti nel percorso di Piano industriale 2010-2012 approvato nel maggio scorso e, contemporaneamente, sta consolidando il progetto di sviluppo e ampliamento della propria offerta televisiva che è passata da tre a quattordici canali diventando il più ricco bouquet di canali free europeo".

L'aumento dei costi "Gli interventi di Piano industriale, che hanno carattere strutturale e come obiettivo quello di migliorare anche l’attuale situazione finanziaria aziendale, si completeranno nel 2012, anno nel quale è previsto un pareggio di bilancio nonostante l’aumento dei costi dei diritti sportivi, come gli Europei di calcio e le Olimpiadi, che il servizio pubblico continuerà ad offrire ai propri utenti".