Dalla Regione 1,3 milioni per digitalizzare Comuni e Province

Chiuso un bando pubblicato a marzo dal Pirellone. Saranno finanziati progetti di 118 enti

La Regione Lombardia finanzia con oltre 1,3 milioni di euro i progetti di informatizzazione degli uffici e di digitalizzazione dei servizi che sono stati presentati da Province, Comuni capoluogo o con popolazione superiore ai 50 mila abitanti (anche in forma aggregata o con il coordinamento di una Comunità montana). È il contenuto di un bando, aperto a marzo e chiuso la scorsa settimana, contenuto nel Bollettino ufficiale Regione Lombardia, tramite il quale saranno sostenuti i progetti di due Province, cinque Comuni e due aggregazioni guidate da Comunità montane, coinvolgendo in totale 118 enti.
L'iniziativa completa il pacchetto di misure destinate agli enti pubblici, cominciate con i voucher digitali per i piccoli Comuni, che hanno già goduto di 1,5 milioni di euro per l'acquisto di attrezzature informatiche o software per migliorare l'efficienza dei servizi erogati. «Con questo bando - ha spiegato l'assessore regionale alla Digitalizzazione e Semplificazione Carlo Maccari - abbiamo invece voluto rivolgerci a enti più grandi, premiando la loro capacità di presentare progetti più complessi di digitalizzazione dei servizi, che possano portare a un'effettiva modernizzazione, anche nel modo di lavorare tra vari livelli della Pubblica Amministrazione. Abbiamo selezionato le idee in grado di facilitare il rapporto tra enti, evitando lungaggini burocratiche e perdite di tempo ai danni del cittadino. In questo percorso, Regione Lombardia non è solo l'ente finanziatore, ma interlocutore diretto in un percorso comune».
Tra gli esempi del sempre più stretto dialogo telematico con gli enti lombardi Maccari ha ricordato il caso del corso di formazione per l'uso di Modello Unico Trasmissione Atti, il software di Regione Lombardia messo a disposizione degli Sportelli unici delle attività produttive, che sarà fruibile da oltre mille tecnici dei Comuni, in forma rigorosamente online, senza perdite di tempo e denaro per gli spostamenti. «I progetti - ha concluso Maccari - tra cui il Geoportale, il rilascio e la richiesta di certificati, l'incentivazione dell'uso della Carta regionale dei servizi e sistemi di pagamento on line per i cittadini, consentiranno inoltre di mostrare a tutti gli enti lombardi un percorso virtuoso».