"Il carabiniere non poteva sparare agli americani in fuga"

La conferenza stampa sulla morte del carabiniere. Ecco la ricostruzione dei fatti. Il pm: "Indagini sulla foto del bendato"

Nessun interrogratorio illegale e "disappunto" su ombre e misteri. Sono questi i pilastri della conferenza stampa dell'Arma sulla morte del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. "Era un servitore dello Stato caduto nell'adempimento del dovere - ha detto il procuratore vicario Michele Prestipino - Un dovere duro ma essenziale e determinante per garantire l'esistenza dello Stato e assicurare il rispetto della legge sempre e comunque".

L'intervento

Sull'omicidio "ci sono ancora aspetti da chiarire" (leggi qui l'ordinanza del Gip). Ma sull'operazione antidroga dei due carabinieri, il comandante provinciale dei carabinieri di Roma, Francesco Gargaro, ha assicurato che "c'erano quattro pattuglie che non dovevano essere visibili per pregiudicare esito operazione". Si tratta di interventi che l'Arma fa spesso. "Non si aspettavano che il ragazzo avesse un coltello né che potesse aggredirli dopo essersi qualificati". Inoltre, Cerciello aveva risposto ad un servizio comandato e non era "scoperto". "Nel quartiere Trastevere operiamo sempre sia con servizi in borghese sia in divisa, ed è questo il contesto in cui abbiamo operato. Interventi di questo tipo li facciamo ogni giorno - ha detto il generale - Per questa situazione esprimo il disappunto mio e di tutti i carabinieri per le ombre e i misteri sollevati".

L'arma

Per quanto riguarda il coltello che ha ucciso Cerciello, si tratta di un modello utilizzato dai marines americani. A portarlo in Italia, rivela l'Arma in conferenza stampa, è stato lo stesso Elder. Nel corpo a corpo la lama ha trafitto Rega per undici volte, "alcune delle quali hanno colpito fino alla base. È stato trapassato lo stomaco, il colon, l'intestino". Elder, secondo il procuratore aggiunto D'Elia, avrebbe agito con così tanta violenza per paura. Paura che sarebbe alla base anche del motivo per cui ha deciso di portare l'arma all'appuntamento che pensava fosse con uno spacciatore. Tuttavia, ha ammesso di non aver visto alcuna pistola in mano a Rega, che peraltro non l'aveva. "Gli abbiamo chiesto se aveva visto se il vicebrigadiere fosse armato o no - ha detto D'Elia - E lui ha ammesso di non aver visto alcuna arma e neanche che il militare avesse cercato di prenderla. Lui non ha dato spiegazione del fatto che avesse portato il coltello dagli Usa, ma ha precisato che lo ha portato all'incontro perchè temeva che gli potesse succedere qualcosa".

Le pistole

Molto si è detto del servizio in borghese dei due militari. Era tutto ben organizzato? Avevano la pistola? Rega non la aveva, perché "dimenticata" nel suo armadietto (aveva, invece, le manette). Mentre Varriale aveva l'arma con sé, ma non ha potuto utilizzarla. "I due carabinieri intervenuti, Rega e Varriale, non hanno avuto il tempo di tirare fuori le pistole. Aggressione è stata rapida", ha spiegato Gargaro. "Varriale inoltre non avrebbe potuto tirarla fuori dopo, perchè il soggetto era già in fuga e in quel caso sarebbe stato lui ad avere conseguenze e sarebbe stato indagato per un reato grave". E comunque, non avrebbe potuto neppure sparare in aria visto che "non c'è una procedura prevista". Inoltre, ha tenuto a precisare l'Arma, quel tipo di intervento era "normale routine" e di certo i due militari non si aspettavano di trovarsi di fronte ad una simile reazione. Tanto che quando Rega viene colpito e urla di dolore, Varriale finisce sotto choc. Prova a salvare il collega, dando precedenza alla vita di Cerciello che alla cattura dei due aggressori.

La caccia ai magrebini

A spiegare perché nelle prime ore sia circolata la notizia di una caccia ad alcuni magrebini è lo stesso generale Gargaro: l'indicazione "c'è stata data subito dopo il fatto da Sergio Brugiatelli". "Lo ha detto perché aveva timore di svelare che conosceva gli autori dell'omicidio. Non voleva essere associato al fatto", ha aggiunto.

Il caso della bendatura

Anche nell'indagine che riguarda la vicenda della foto che mostra bendato in caserma uno dei due giovani americani la procura assicura "massimo rigore". "Uno degli indagati è stato ritratto mentre si trovava seduto, ammanettato e bendato, e questo fatto è stato oggetto di tempestiva segnalazione da parte della stessa Arma dei carabinieri, i cui vertici hanno definito tale fatto grave e inaccettabile - ha detto il procuratore capo facente funzione Michele Prestipino - La Procura ha avviato le indagini necessarie per accertare quanto accaduto e definire le responsabilità. La Procura di Roma procederà a questi accertamenti senza pregiudizi e con la determinazione e il rigore dimostrati in analoghe vicende e situazioni". Di certo, però, agli arrestati sono state assicurate tutte le "garanzie difensive, la presenza dei difensori e degli interpreti. Gli interrogatori sono stati registrati". Inoltre, "Natale Hjorth non ci ha detto nulla in sede di interrogatorio del fatto che fosse stato bendato prima di essere sentito da noi magistrati".

L'interrogatorio

"Non abbiamo fatto accertamenti tecnici, ma certamente i ragazzi erano abbastanza provati. Probabilmente avevano fatto uso di droga, alcol oppure di entrambi. Finnigan aveva preso dei farmaci e ci ha raccontato di aver bevuto shottini e birra", ha detto D'Elia, procuratore aggiunto alla Procura di Roma, esponendo i dettagli relativi all'interrogatorio dei due cittadini americani. Secondo D'Elia, la testimonianza resa dagli indiziati nelle ore successive è stata comunque "lucida, lunga e con dettagli". Il colloquio tra l'avvocato e Natale Hjorth è avvenuto invece prima di essere sentito dai magistrati. "L'avvocato voleva capire se Hjort avesse intenzione di fare dichiarazioni e così è stato - ha spiegato D'Elia - Noi magistrati abbiamo consentito che i due si parlassero prima e da soli. Abbiamo dato anche la possibilità a Hjorth e a Elder Finnegan Lee di dare la loro versione dei fatti che poteva essere anche diversa l'una dall'altra. C'erano i loro avvocati ed era presente anche l'interprete".

La commozione di Finnegan

"Quando gli abbiamo detto che un carabiniere era rimasto ucciso, Natale Hjorth ha chiesto più volte conferma di ciò, 'ma è proprio morto?, è morto davvero?'", ha rivelato D'Elia. Mentre Finnegan avrebbe versato alcune lacrime una volta scoperto il decesso del militare.

Commenti

desaix

Mar, 30/07/2019 - 12:49

l' assassino ha la benda sugli occhi, i nostri politici sugli occhi hanno le fette di salame

rokko

Mar, 30/07/2019 - 12:55

La dinamica si chiarisce. Adesso, si dia a questi tizi la pena che meritano.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 30/07/2019 - 12:58

dimostriamo sempre più di esser dei servi e ruffiani, grazie ai compagni magistrati reduci del 68

GIANBA-IT

Mar, 30/07/2019 - 13:06

Le armi per le nostre polizie sono solo un fastidio, un peso perchè non le possono mai usare. Si anche capisce perchè uno le dimentica

rawlivic

Mar, 30/07/2019 - 13:09

da questa vicenda emergono due questioni essenziali: 1. impreparazione e regole di ingaggio da rivedere. Se l'operatore e' a meno di 6 metri dal sospettato, o ti cauteli come ti muovi, o devi tenerlo sotto tiro. 2. deve diventare lecito sparare ad un criminale in fuga. La fuga e' un'aggravante non una desistenza. E' ora di finirla con il garantismo. Se non vuoi problemi, non scappi.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 30/07/2019 - 13:10

Dimenticare l'arma in dotazione non è il massimo.. Dotare di taser le pattuglie sarebbe stato più efficace: bastava tenerlo in mano e, puntandolo, chiedere ai due manigoldi di fermarsi etc.

paco51

Mar, 30/07/2019 - 13:11

non vedo nulla di male e di incostituzionale nell'averlo bendato! Era per la sua privacy. Che non fosse turbato dalla location! E' proprio vero la legge ( leggi più bella del mondo) protegge sempre chi delinque e comunque) da cui l'utilità è relativa. Se poi qualcuno lo difende in giudizio è il massimo, io non lo difenderei per nessun motivo, neanche per soldi.

Ritratto di Arminius

Arminius

Mar, 30/07/2019 - 13:19

La benda sugli occhi ce l'ha la magistratura rossa quando deve assolvere un innocente o condannare un criminale. E' questo il vero problema dell'assurdo paese chiamato Italia, non quella applicata ad un drogato assassino. Vogliamo sapere nome e cognome di chi ha scattato la foto e l'ha divulgata. E' un nostro diritto di cittadini che pagano le tasse, con le quali si sostiene anche l'Arma dei Carabinieri. Non è assolutamente un affare interno alla Benemerita. Trasparenza, per favore!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 30/07/2019 - 13:27

..."Lui non ha dato spiegazione del fatto che avesse portato il coltello dagli Usa, ma ha precisato che lo ha portato all'incontro perchè temeva che gli potesse succedere qualcosa".....Tutto "normale",si è portato il coltello dagli USA(che NESSUNO ha visto,né negli USA,né in Italia),"just in case"(come si dice in America!)Tutto "normale",come "normale" è il fatto che dei CARABINIERI,in borghese o meno,girino disarmati,e comunque,benchè armati,non possano sparare!...Bene,continuate a "non toccare Caino"(e a finanziare questa demenziale "associazione")

dante59

Mar, 30/07/2019 - 13:27

Serve altro ai sinistrati per alimentare nuove schifose illazioni? Qualcuno che ha ancora la spudoratezza di commentare a spregio dei carabinieri intervenuti?

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 30/07/2019 - 13:31

Devono marcire in galera,due nullità col vuoto in testa.

poli

Mar, 30/07/2019 - 13:34

di questo passo, la lega altro che 40% prendono al prossimo giro.....ciaone gigino.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 30/07/2019 - 13:39

Pistola o no, bomba a mano, bazooka... se ti colpiscono a bruciapelo senza che tu te lo aspetti, c'è ben poco da fare.

Ritratto di Sniper

Sniper

Mar, 30/07/2019 - 13:40

desaix - Ha ragione, e` esattamente colpa dei politici se il carabiniere ha dimenticato la pistola nell'armadietto. Politici che non hanno creato procedure che verifichino l'attuazione delle regole di ingaggio da parte dei livelli di comando verso i militari in servizio. Io chiamerei i vertici dell'Arma in qualche commissione parlamentare per riferire.

Mr Blonde

Mar, 30/07/2019 - 13:49

le indagini stanno rivelando che il carabiniere aveva dimenticato la pistola, non possiamo continuare così...

Ritratto di Walhall

Walhall

Mar, 30/07/2019 - 13:53

Ancora con questa storia della benda! Nemmeno gli si fosse stalta tolta la vista a vita! Questo assassino mangia, beve, dorme, sporca e sta in salute con tante premure, mentre il nostro carabiniere non esiste più se non nei nostri cuori. Negli Usa, lo avrebbero trasformato con quelle bende in una mummia, causa fratture multiple. Sembra che da noi ogni gesto venga pedantemente ossevarto per farne motivo di censura, dibattito e feroce critica da parte di queste istituzioni pubbliche rosse che non hanno altri impegni sociali a cui dedicarsi se non una: tutta colpa di Salvini. Ridicoli, ipocriti e falsi.

lavitaebreve

Mar, 30/07/2019 - 13:55

MA I CARABINIERI SANNO QUANDO POSSONO USARE LA PISTOLA , O NO ?

lavitaebreve

Mar, 30/07/2019 - 14:00

LE FORZE DELL'ORDINE NON POSSONO SPARARE PER DIFENDERSI, I CITTADINI COMUNI IN CASA PROPRIA NON POSSONO SPARARE PER DIFENDERE LORO STESSI E I FAMILIARI, GLI UNICI CHE POSSONO SPARARE PER UCCIDERE SONO I CRIMINALI. CHE BELLA ITALIA...........

Fjr

Mar, 30/07/2019 - 14:00

Dante ,potremo stare a disquisire per giorni interi,resta il fatto che un carabiniere è morto e che due andavano in giro armati di coltello a cercare roba e non a fare i turisti in cerca di cartoline,tutto il resto è il solito circo costruito ad arte e usato per pararsi le terga con gli americani,anzi strano che l’Ambasciatore Usa non si sia ancora palesato,ma a breve si farà vivo pure lui

Ritratto di niki 75

niki 75

Mar, 30/07/2019 - 14:12

La verità e che a volte, per evitare di poterla e doverla usare, si preferisce lasciarla nell'armadio….. per i guai che si possono correre per le assurde leggi (pro criminali) esistenti.

Malacappa

Mar, 30/07/2019 - 14:14

Non poteva sparare....ecco il risultato

inventocolori

Mar, 30/07/2019 - 14:14

Varriale inoltre non avrebbe potuto tirarla fuori dopo, perchè il soggetto era già in fuga e in quel caso----- sarebbe stato lui ad avere conseguenze e sarebbe stato indagato per un reato grave".------ COSI' NON SI VA AVANTI...ricordiamocelo nella cabina elettorale

alox

Mar, 30/07/2019 - 14:17

4 pattuglie e non si aspettavano che il ragazzo avesse un coltello? Per favore non dite certe cose...per rispetto dell'arma!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 30/07/2019 - 14:17

Beh dopo la paginata sulla ricostruzione dei fatti,ed avendo fatto uso di droga ed alcool ed essendo molto provati,mi sembrano pronti per essere scarcerati.Certamente chi ha bendato il signorino e chi ha diffuso la foto saranno interrogati e subiranno qualche trattamento disciplinare.

Ritratto di allergica_alle_zecche

allergica_alle_...

Mar, 30/07/2019 - 14:19

"altrimenti avrebbe potuto avere conseguenze/sarebbe stato indagato/non ci aspettavamo simile reazione" eccetera. Questi sono gli errori che si pagano. Intanto la paura di essere indagati... embè? di cosa hanno paura? dell' ergastolo? di essere sospesi? meglio essere sospesi che essere sepolti. E fino a prova contraria qualsiasi ragazzotto drogato che giri in certe zone di spaccio è un essere pericoloso, non si può agire come 30 anni fa quando dicevi "mani in alto!" e tutti si bloccavano.

salvietta

Mar, 30/07/2019 - 14:31

non possono sparare neanche per legittima difesa, com'era in questo caso? però possono sempre farsi ammazzare.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 30/07/2019 - 14:33

Ad uno che viene in Italia a fare il turista e si porta un coltello del genere, puo solo essere aggiunta l'aggravante della PREMEDITAZIONE!!! AUGH

Ritratto di refugeesnotwelcome

refugeesnotwelcome

Mar, 30/07/2019 - 14:37

Poverino, uno dei due si è pure messo a frignare! Stando a Magistratura Democratica questa è una grave violazione dei diritti umani nei confronti dei due poveri studenti americani che hanno agito per legittima difesa.

PaoloPan

Mar, 30/07/2019 - 14:45

... e poi si meravigliano se uno vota Salvini ....

Ritratto di Sniper

Sniper

Mar, 30/07/2019 - 14:55

Ma quelli che invocano gli spari, hanno letto e capito, o no, che la pistola l'aveva "dimenticata" in caserma? Ma di cosa state parlando???

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Mar, 30/07/2019 - 15:03

Nei casi di reati verso la "PERSONA",ovviamente deve essere in quel momento certo e avvalorato da testimoni, dovrebbe essere lecito per gli agenti sparare per disarmare o fermare il delinquente. Primo sparo in aria, secondo per fermare o disarmare la persona. Ovviamente questo dovrebbe valere per casi estremi tipo quello di cui si sta parlando, è ovvio che se uno tira un pugno o una sberla a qualcuno e scappa, sarebbe eccessivo sparargli addosso!!!

Giorgio Colomba

Mar, 30/07/2019 - 15:04

Regole d'ingaggio da riformulare, magistratura da riformare, politica da rimondare, Paese da rifondare.

bernardo47

Mar, 30/07/2019 - 15:09

Vedo che il tg 3 delle 15,parla di presunto assassino.......forse non si sono accorti che è reo confesso! È evidente che manipolano la informazione......a che fine poi? La verità è una sola! vergogna!

elpaso21

Mar, 30/07/2019 - 15:29

"Varriale inoltre non avrebbe potuto tirarla fuori dopo, perchè il soggetto era già in fuga e in quel caso sarebbe stato lui ad avere conseguenze e sarebbe stato indagato per un reato grave": ogni giorno mi tocca sentire una STUPIDAGGINE NUOVA.

Blueray

Mar, 30/07/2019 - 15:39

La conferenza stampa è un capolavoro (in negativo).Le operazioni antidroga in borghese, in due, uno disarmato? Non si aspettavano che avesse un coltello (i neri ad es. ne sono dotati tutti e lo usano proprio contro le FF.OO.). Se l'assassino è in fuga non lo si può colpire e lo si lascia andare integro? Sparare in aria non si può perchè non c'è una procedura? La commozione di Finnegan poi è un capolavoro da libro Cuore, prelude già al suo rilascio? Grande spazio e massimo impegno per benda e manette. Ma chiedano i CC agli altri 192 Stati membri dell'Onu, uno per uno, e vedrete cosa vi dicono sulle metodiche che usano per gestire la delinquenza. A noi ci ride addosso l'intero pianeta. Sono senza parole.

schiacciarayban

Mar, 30/07/2019 - 15:40

Giorgio Colomba 15:04 - Sono d'accordo, ma per questo ci vorrebbero dei politici e un governo. Purtroppo gli Italiani hanno deciso di non averli.

scorpione2

Mar, 30/07/2019 - 15:43

camandante gargaro,una normale rutine non comporta una macchina piu' altre quattro invisibili e pronti ad intervenire, dov'erano poste queste macchine se poi gli assassini sono scappati, la mia personale riflessione e' che l'avete preso sottogamba tanto da mandare i carabinieri disarmati e come lei dice avevno la manette da far sentire il tintillio.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 30/07/2019 - 15:47

rawlivic Pienamente d'accordo. Non è ammissibile che un Carabiniere trentacinquenne, quindi non una recluta, alle tre di notte, vada a una appuntamento per una questione non di parcheggio ne' di lite condominiale senza avere con sè un'arma. Occorrono un miglior addestramento, regole d'ingaggio più libere e maggior protezione per le nostre Forze dell'Ordine.

Ritratto di Camaleonte48

Camaleonte48

Mar, 30/07/2019 - 15:57

Scusate ma non vorrei sembrare irriverente verso chi ogni giorno rischia la vita, ma chi fa un certo tipo di lavoro a contatto con la delinquenza di pistole ne porta 2 una di ordinanza e una di backup nel caso la prima si inceppi o vada in mani sbagliate.

ValdoValdese

Mar, 30/07/2019 - 16:01

Ma quale dimenticanza... non si tratta di dimenticanza, si tratta di sfiducia nelle loro armi, visto che si è ormai arrivati al punto che carabinieri e poliziotti non sono più autorizzati a usarle in quasi nessuna occasione e in realtà la pistola si è ridotta a ruolo di puro completamento della divisa… ecco infatti un altro grave guasto procurato a questo paese dalle tante leggi ideologiche fatte dai governi di sinistra...

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mar, 30/07/2019 - 16:03

@Sniper: poi uno dice che non sa comprendere un testo scritto: i carabinieri erano in due e solo Cerciello Rega era sprovvisto dell'arma...

faman

Mar, 30/07/2019 - 16:05

Marcello.508-Mar, 30/07/2019 - 13:10: sarà stupito, ma sono d'accordo. Aggiungo che occorre cambiare le regole d'ingaggio, non all'americana, ma più garantiste per le forze dell'ordine.

MarioNanni

Mar, 30/07/2019 - 16:06

se già per la benda si monta tutta questa indignazione figuriamoci se il carabiniere ferito avesse sparato alla schiena del criminale fuggitivo. ecco perchè l'arma è foriera di guai per le Forze ed è inutile portarle appresso.

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 30/07/2019 - 16:11

@schiacciarayban: Per politici al Governo, intendi ROMaretti, Martina, Fratoianni, Bersani, Gentiloni ecc... Annammo bene!

florio

Mar, 30/07/2019 - 16:22

A cosa gli sarebbe servito avere l'arma, a nulla, sanno perfettamente che se sparano anche per difendersi, le anime belle insorgono e i giudici condannano senza remissione il carabiniere o poliziotto di turno. Questa è una giustizia malata, va rivista in ogni suo particolare, riforma immediata per quanto riguarda i giudici, e leggi riviste e riscritte senza lasciare dubbi e cavilli vari. Diversamente di questi casi ne discuteremo ancora purtroppo, strappandoci le vesti, piangendo il povero capitato, con tanta demagogia poca sostanza.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 30/07/2019 - 16:32

E si hai ragione tomari 16e11, quelli che hai elencato al governo ci sono stati e le hanno cambiato le regole d'ingaggio!!! IN PEGGIO!!!! jajajajajajaja Saludos

Libertà75

Mar, 30/07/2019 - 16:54

@andrea b., i commentatori pro-PD si vantano del loro analfabetismo funzionale, anzi, grazie a quello pensano di aver il diritto di insultare chiunque.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 30/07/2019 - 17:07

Faman - Non sono stupito per niente (stavolta): è solo questione di saper mettere i tutori dell'ordine nelle migliori condizioni possibili, sia per far rispettare la legge che se stessi da possibili reazioni indesiderate.

VittorioMar

Mar, 30/07/2019 - 17:15

...molti sapendo di lavorare tra la folla e in borghese preferiscono non indossarla...se poi, conoscendo i nostri magistrati,HANNO PAURA AD USARLA PER NON SUBIRE UN PROCESSO (SPESE LEGALI) SUL NULLA....non hanno ASSISTENZA LEGALE ..ASSICURAZIONE e STIPENDIO ADEGUATO in confronto ad altri Impiegati Statali....!!!!

moichiodi

Mar, 30/07/2019 - 17:15

È sorprendente che quasi tutti i commentatori sono preparatissimi in materia di ordine pubblico, interventi operativi e regole di ingaggio. Conoscono, codice leggi circolari e prassi. Dell'italia e di tutto il mondo. Io per ignoranza mi astengo dal commentare. Aspetto di conoscere l'esito dell'inchiesta. Sperando che chi la fa sia una toga verde e non rossa.

Giorgio Rubiu

Mar, 30/07/2019 - 17:53

Un carabiniere in servizio che si scorda l'arma è inconcepibile. Tuttavia, visto che le nostre Forze dell'Ordine non possono sparare a nessuno e, se lo fanno, anche per legittima difesa, vanno incontro ad un mare di guai, avanzo l'ipotesi che andare in giro disarmati sia, per Polizia e Carabinieri, un modo sicuro per non mettersi nei guai con la magistratura.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 30/07/2019 - 17:55

Li sta il problema caro mieichiodi 17e15, che di toghe VERDI NON CE NE SONO!!!!! AUGH.

Reip

Mar, 30/07/2019 - 18:03

...Se ho ben capito il Carabiniere ucciso, si e’ presentato senza pistola, solo con le manette!

Ritratto di Sniper

Sniper

Mar, 30/07/2019 - 18:10

Andrea B. - Ancora peggio se uno dei due si era ricordato di prenderla e non l'ha usata per difendere il commilitone. La balla che se sparano vanno nei guai e` una balla di sempliciotti per sempliciotti. Comunque prendo atto che per lei, se un carabiniere in servizio "dimentica" la pistola durante un'operazione, ció e` normale. La realtà e` che c'e` molta approssimazione a tutti i livelli. Sarebbe interessante sapere cosa pensano in caserma di quella dimenticanza.

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mar, 30/07/2019 - 18:30

Se si fa un esame, ci accorgeremo che grazie alle continue campagne a favore dei delinquenti, e contro chi ci protegge ogni santo giorno, le nostre Forze dell'Ordine, per non rischiare di essere accusati di essere "facili alle armi", preferiscono usare le "mani". Un mio parente, ex poliziotto a Los Angeles, insieme ai suoi colleghi, non si è mai fatto scrupoli. E' ancora vivo!

rawlivic

Mar, 30/07/2019 - 18:40

arma dimenticata ... pensa a quanto servono

Marcolux

Mar, 30/07/2019 - 18:40

Poverini, uno ha versato alcune lacrime e l'altro ha chiesto se era davvero morto! Secondo i giudici questo basterà per scarcerarli subito, scommetto! Poi uno è stato anche bendato, quindi è come non avesse fatto niente...anzi, gli daranno anche un rimborso! ...a riscommetto!

Zingarettibacia...

Mar, 30/07/2019 - 18:47

La pistola era inutile...solo perché i cari sinistrelli magistrati se la usi ti sbattono dentro, ti riducono in miseria e perdi il lavoro. Sniper, sei subdolo. Spiega perché parli tanto di colpe dei politici sulla preparazione degli agenti (sei un carabiniere???) per arrivare sempre ad una persona (Salvini???) ed invece non promuovi il perché delle armi in dotazione alle Forze dell'Ordine ovvero SPARARE LEGGITTIMAMENTE in caso di difesa e pericolo. Non è che forse le colpe le hanno più i politici komunistelli ed i magistratelli di sinistra amici tuoi? Sempre pronti a "difendere" i delinquenti! Non ti va proprio giù la realtà vero?

Zingarettibacia...

Mar, 30/07/2019 - 18:47

La pistola era inutile...solo perché i cari sinistrelli magistrati se la usi ti sbattono dentro, ti riducono in miseria e perdi il lavoro. Sniper, sei subdolo. Spiega perché parli tanto di colpe dei politici sulla preparazione degli agenti (sei un carabiniere???) per arrivare sempre ad una persona (Salvini???) ed invece non promuovi il perché delle armi in dotazione alle Forze dell'Ordine ovvero SPARARE LEGGITTIMAMENTE in caso di difesa e pericolo. Non è che forse le colpe le hanno più i politici komunistelli ed i magistratelli di sinistra amici tuoi? Sempre pronti a "difendere" i delinquenti! Non ti va proprio giù la realtà vero?

Zingarettibacia...

Mar, 30/07/2019 - 18:47

La pistola era inutile...solo perché i cari sinistrelli magistrati se la usi ti sbattono dentro, ti riducono in miseria e perdi il lavoro. Sniper, sei subdolo. Spiega perché parli tanto di colpe dei politici sulla preparazione degli agenti (sei un carabiniere???) per arrivare sempre ad una persona (Salvini???) ed invece non promuovi il perché delle armi in dotazione alle Forze dell'Ordine ovvero SPARARE LEGGITTIMAMENTE in caso di difesa e pericolo. Non è che forse le colpe le hanno più i politici komunistelli ed i magistratelli di sinistra amici tuoi? Sempre pronti a "difendere" i delinquenti! Non ti va proprio giù la realtà vero?

inventocolori

Mar, 30/07/2019 - 18:54

Quando uno deve reprimere le sue idee ....meglio non commentare

flip

Mar, 30/07/2019 - 19:22

NON credo proprio che avesse "scordato" la pistola!. e comunbque vorrei vedere chiunque(pm compresi) a cercare di sparate con un paio di pugnalate alla shiena! sempre più pir-la! Ancora però non è stato indicato il motivo vero REALE della pugnalata!

Italo2000

Mar, 30/07/2019 - 19:47

Complimenti al comandante Gargaro per la precisa ricostruzione della dinamica del triste accaduto. Cerciello senza pistola non si aspettava che l'americano avesse un coltello. Una cosa però mi rende molto perplesso, cioè che il Varriale "non avrebbe potuto tirare fuori la pistola dopo, perchè il soggetto era già in fuga e in quel caso sarebbe stato lui ad avere conseguenze e sarebbe stato indagato per un reato grave". E comunque, dice ancora Gargaro, "non avrebbe potuto neppure sparare in aria visto che non c'è una procedura prevista". Va bene che si è precipitato a soccorrere il collega a terra, però in circostanze come questa reputo assurdo che non si possa sparare nemmeno in aria e che ci sia anche un reato grave! Mah...

alox

Mar, 30/07/2019 - 19:55

@miochiodi hai ragione rosse, verdi o nere sono quelle che abbiamo e il verdetto, piaccia o meno, va' accettato...ma si commenta su "fatti" riportati nell'articolo: l'assassino e' reo confesso, il carabiniere ha lasciato la pistola nell'armadietto, i diversi colleghi coinvolti e usuali a queste operazioni presumevano che uno spacciatore non avesse un arma...mi auguro che le famiglie di questi carabinieri non sappiano leggere altrimenti la denuncia per negligenza e' logica.

fenix1655

Mar, 30/07/2019 - 20:26

Dal mio punto di vista la vicenda dimostra con quale faciloneria e con quali confuse regole di ingaggio sono costretti a lavorare i militari. Le parole del generale sono gravissime perchè sostenere che Cerciello non avrebbe potuto usare l’arma in dotazione significa ammettere che l’addestramento del personale non è adeguato alla minaccia da affrontare e tutto è lasciato al caso. Ricordando l’episodio recente in cui un individuo è riuscito a ferire un militare dopo avergli sottratto l’arma in dotazione aggiunge forza ai miei pensieri. Tralascio le considerazioni sulla vicenda della foto. Puntualizzo solamente che nel momento dello scatto sembrerebbero presenti più militari che assistono senza intervenire. Lascio agli altri le conseguenti considerazioni.

carlottacharlie

Mar, 30/07/2019 - 20:56

Che vadano a quel paese le prefiche idiote che ancora adesso fanno 'sto can can per la benda che, da' l'idea vogliano difendere l'assassino ed il drogato.

Zingarettibacia...

Mar, 30/07/2019 - 22:09

La pistola era inutile...solo perché i cari sinistrelli magistrati se la usi ti sbattono dentro, ti riducono in miseria e perdi il lavoro. Sniper, Schiacciamaroni siete subdoli. Spiegate perché parlate tanto di colpe dei politici sulla preparazione degli agenti (sei un carabiniere???) per arrivare sempre ad una persona (Salvini???) ed invece non promuovete il perché delle armi in dotazione alle Forze dell'Ordine ovvero SPARARE LEGGITTIMAMENTE in caso di difesa e pericolo. Non è che forse le colpe le hanno più i politici komunistelli ed i magistratelli di sinistra amici vostri? Sempre pronti a "difendere" i delinquenti! Non vi va proprio giù la realtà vero?

Zingarettibacia...

Mar, 30/07/2019 - 22:10

La pistola era inutile...solo perché i cari sinistrelli magistrati se la usi ti sbattono dentro, ti riducono in miseria e perdi il lavoro. Sniper, Schiacciamaroni siete subdoli. Spiegate perché parlate tanto di colpe dei politici sulla preparazione degli agenti (sei un carabiniere???) per arrivare sempre ad una persona (Salvini???) ed invece non promuovete il perché delle armi in dotazione alle Forze dell'Ordine ovvero SPARARE LEGGITTIMAMENTE in caso di difesa e pericolo. Non è che forse le colpe le hanno più i politici komunistelli ed i magistratelli di sinistra amici vostri? Sempre pronti a "difendere" i delinquenti! Non vi va proprio giù la realtà vero?

Zingarettibacia...

Mar, 30/07/2019 - 22:10

La pistola era inutile...solo perché i cari sinistrelli magistrati se la usi ti sbattono dentro, ti riducono in miseria e perdi il lavoro. Sniper, Schiacciamaroni siete subdoli. Spiegate perché parlate tanto di colpe dei politici sulla preparazione degli agenti (sei un carabiniere???) per arrivare sempre ad una persona (Salvini???) ed invece non promuovete il perché delle armi in dotazione alle Forze dell'Ordine ovvero SPARARE LEGGITTIMAMENTE in caso di difesa e pericolo. Non è che forse le colpe le hanno più i politici komunistelli ed i magistratelli di sinistra amici vostri? Sempre pronti a "difendere" i delinquenti! Non vi va proprio giù la realtà vero?

Frankdav

Mer, 31/07/2019 - 00:19

La dinamica dell'aggressione deve essere stata estremamente brutale e repentina, non è facile reagire quando si ha di fronte qualcuno totalmente privo di scrupoli a meno di sparare sempre per primi a prescindere... quei due sono dei cani rabbiosi e come tali vanno giudicati

Ritratto di vraie55

vraie55

Mer, 31/07/2019 - 07:52

Sembra quasi che le parole di freschi assassini {i "I ragazzi"} servano a ricostruire i fatti.. Gente "di riguardo"... 4 pattuglie e nessuno fa nulla. Non e' Che, invece di "luci ed ombre", l'intera vicenda che ci raccontano supportando con spezzoni dichiarazioni sia una fake...

scurzone

Mer, 31/07/2019 - 08:00

In Italia gli omicidi e i crimini in generale sono in netto calo negli ultimi venti anni. Se si parte da questa realtà la discussione diventa civile. Mi sembra che qui ci siano persone fuori dalla realtà. Se uno delinque deve avere il giusto processo e una condanna congrua.

Libertà75

Mer, 31/07/2019 - 10:17

purtroppo è un paese di razzisti questo che si chiede perché ha lasciata l'arma in ufficio, lui resta la vittima, queste domande servono soltanto a difendere l'assassino e chi solidarizza con lui... difatti sono analogicamente paragonabili a quelli che si chiedono perché la ragazza era in minigonna prima di essere stuprata... ecc.. ecc..